martedì 6 ottobre 2009

Sottoscrizione per il sondaggio

Il sito Cordialiter riferisce della raccolta di fondi per il sondaggio e lo ringraziamo. Pubblichiamo di seguito quanto ivi scritto, anche per invitare i lettori a versare. Siamo davvero convinti dell'utilità di poter dimostrare che c'è più interesse di quanto si riconosca per la Messa di sempre.

Il blog sulla “Messa in latino” più letto in Italia, ha lanciato una raccolta fondi alfine di poter commissionare un sondaggio sulla Messa tradizionale. Qualche tempo fa, il noto sito francese che sostiene la "pace liturgica" nella Chiesa, aveva commissionato un sondaggio analogo, il quale ha rivelato che una parte consistente dei fedeli transalpini è interessata alla liturgia tradizionale.

E' utile una campagna del genere? Io credo che se l'esito del sondaggio fosse favorevole per l'antica liturgia, e se venisse rilanciato dalla stampa nazionale (ad esempio da vaticanisti interessati a queste tematiche, come lo sono Andrea Tornielli e Paolo Rodari), potrebbe contribuire a migliorare il “clima liturgico”. E' importante che sui mass-media si continui a parlare della Messa tridentina, affinché non ritorni il clima di ostracismo del passato, quando quasi nessuno sapeva che in certe chiese si continuava a celebrare secondo l'antica e venerabile forma liturgica. Io fino al 2001 (avevo 21 anni), non solo non sapevo cosa fosse la Messa tridentina, o a cosa servissero le balaustre; ma non sapevo nemmeno che la Messa fosse la rinnovazione incruenta del Santo Sacrificio del Redentore Divino (lo stesso sacrificio che avvenne sulla Croce del Golgota). Bisogna assolutamente impedire che cali il silenzio su questi argomenti così importanti. Per questo motivo bisogna tenere vivo l'interesse sul nuovo movimento liturgico che sta ottenendo importanti risultati. Dieci anni fa, chi l'avrebbe mai pensato che la Messa tradizionale sarebbe stata liberalizzata dal Romano Pontefice? Chissà quante altre cose buone, che oggi difficilmente possiamo immaginare, potranno avvenire nei prossimi dieci anni, se il movimento tradizionale continuerà a combattere la buona battaglia spirituale in difesa della liturgia e della dottrina cattolica.Riusciranno a realizzare il sondaggio? Vedremo. Raccogliere i circa 6.000 euro necessari non sarà facile, ma hanno tanti lettori, dunque non è un'impresa impossibile. 6.000 euro sono tanti se vengono versati da un solo contribuente, ma se vengono ripartiti tra gli oltre 1.000 lettori del blog, diventano circa cinque o sei euro ciascuno, che ordinariamente parlando sono alla portata di tutti.

Se dovessero raccogliere più fondi del necessario, o se per caso non riuscissero a racimolare la somma sufficiente a commissionare il sondaggio, propongo che le somme raccolte vengano date in beneficenza a qualche monastero di clausura di stretta osservanza legato alla liturgia tradizionale, come ad esempio le Clarisse dell'Immacolata, le quali si sostentano grazie alle donazioni dei benefattori. Loro pregano per noi (chissà quante conversioni sono avvenute grazie alle loro preghiere), e noi dobbiamo contribuire al loro sostentamento.

Ora forniamo i dati della somme fin qui raccolte: cominciano ad arrivare i primi versamenti:

€ 500,00 - Redazione di Messainlatino.it
€ 20,00 - Ricarica Postepay (anonima: se volete, scriveteci per darci il nome)
€ 35,00 - Assegno di Giuseppe V.
€ 100,00 - Bonifico di Gabriella
€ 50,00 - Bonifico di Mauro P.
€ 100,00 - Bonifico di Rutilio Namaziano
€ 100,00 - Bonifico di Marco Bongi

€ 905,00 - TOTALE

Le domande del sondaggio concordate con la Doxa sono cinque. Tanto per fare un po' di suspense, ne riveleremo una al giorno. Con un gioco (se la liturgia è un giuoco, dixit Romano Guardini, a fortiori possiamo giocare qui a Messainlatino): provate ad indovinare quali saranno le risposte al sondaggio da parte degli Italiani. Colui che, nel prevedere i risultati, ossia le percentuali nelle risposte alle cinque domande, si sarà avvicinato di più, vincerà il titolo di Profeta ed Aruspice di Messainlatino. Con la conseguente gloria. Oltre a potersi fregiare di quel titolo nel firmare i commenti.

PRIMA DOMANDA:

1) Lei personalmente si sente cattolico?
No

***

Infine, ricordiamo le modalità di versamento:

1) Assegno: scrivete a redazione@messainlatino.it per avere l'indicazione di come intestarlo e dove inviarlo a mezzo posta.

2) Bonifico: codice IBAN: IT 04 I 03069 67684 5102 19356856, c/o IntesaSanPaolo di Sanremo via Matteotti. N.B. Ricordate di indicare nella causale del bonifico: "sondaggio messa in latino" e il vostro nome o nick che volete quale vostro indentificativo per riscontare l'avvenuto bonifico.

3) A mezzo ricarica Postepay: anche in questo caso, scriveteci a redazione@messainlatino.it per avere il numero della carta. La ricarica si può fare via internet per chi ha una carta Postepay; per gli altri, basta recarsi ad un qualsiasi ufficio postale con i contanti e il numero della carta che vi forniamo se ci scrivete: è semplice come pagare un bollettino postale o fare un vaglia (ma costa meno!).

Il motto del giorno:

Plus dat qui cito dat

16 commenti:

  1. Azzardo una previsione
    Sì 88%
    No 12%

    RispondiElimina
  2. LA GIOIA CATTOLICA6 ottobre 2009 15:49

    Anche secondo me vince di gran lunga il SI

    RispondiElimina
  3. sembra che il link presente in questo post non funzioni bene.

    RispondiElimina
  4. Sì: 89%
    No: 11%

    Anche se temo che le percentuali andrebbero rovesciate.

    RispondiElimina
  5. Secondo me a questa domanda risponderanno sì 85% - no 15%

    RispondiElimina
  6. Pietà per i non addetti ...

    Plus dat qui cito dat (?!)

    Ossia?

    RispondiElimina
  7. PRIMA DOMANDA:


    1) Lei personalmente si sente cattolico?

    No

    ***********************

    ahahahah per me almeno il 70% si dirà cattolico, lo spirito di contraddizione è una perla tutta italiana ^__^

    Plus dat qui cito dat
    Chi paga prima del tempo paga di più

    ^__^

    RispondiElimina
  8. Ma forse, paradossalmente, per gli scopi del sondaggio non è tanto importante che questa domanda abbia un'alta percentuale. Se i favorevoli alla Messa Vetus Ordo fossero più dei cattolici vorrebbe dire che ci sono dei galantuomini liberali, o degli atei devoti alla Ferrara per intenderci, i quali non credono ma pensano che chi crede abbia "diritto" alla Messa tradizionale.

    RispondiElimina
  9. Grazie Caterina!

    Una semplice fedele “stanca” di sentirsi dire “prima non era così” (parlando della chiesa)o "hanno cambiato la chiesa" dai genitori.

    Dopo lunga traiettoria, ora può BENISSIMO capire loro, ma non al punto del latino.

    cris

    RispondiElimina
  10. I'm in France and I love very much your blog and latin mass. Unfortunately in France mass is like that (found on youtube and it's true!)
    http://www.youtube.com/watch?v=fMPOZWbhxPs

    Viva il Papa
    Best regards,
    Jérôme

    RispondiElimina
  11. Oui, cher Jérôme, on connaît ce vidéo: nous avions préparé un message sur cette messe abominable, qui va paraître dans dix minutes.

    RispondiElimina
  12. Tranquillo Cris....mi sono avvalsa del mio traduttore casalingo, mia figlia ahahahah ^__^

    RispondiElimina
  13. "Chi dà sollecitamente dà di più".

    RispondiElimina
  14. Come procedono le donazioni? Arrivano sti soldi o no?! Qui il tempo stringe. Fatece sapè.

    RispondiElimina
  15. LA GIOIA CATTOLICA7 ottobre 2009 15:04

    70% SI
    30% NO

    RispondiElimina

L'inserimento senza moderazione dei commenti è limitato ai soli post usciti nella medesima giornata di inserimento e nel giorno precedente. Per i post più vecchi, i commenti saranno sottoposti a moderazione.
Qualora fosse attiva la moderazione, possono passare anche alcuni giorni prima del controllo da parte della Redazione.