Post in evidenza

MiL ha bisogno di voi lettori: DONAZIONI

A sx (nella versione per pc) e su palmare (voce " Donazione ") troverete la possibiltà di donare. Vi speghiamo il perchè.  Potrete...

martedì 8 febbraio 2022

Lucetta Scaraffia sull'intervista al Papa: ai fedeli serve una guida o "un uomo come noi"?

Tra i critici dell'intervista al Santo Padre nella trasmissione di Fabio Fazio si segnala anche Lucetta Scaraffia. Una voce significativa, già responsabile dell'inserto Donne Chiesa Mondo de L'Osservatore Romano. E per di più rilanciata dal Sismografo, che è (fu?) tra i più ferventi sostenitori del "nuovo corso franceschiano". L'intervento di Lucetta Scaraffia oltrepassa gli applausi di circostanza e arriva al nocciolo: "Se la sua affettata mediocrità ci rassicura e ci fa simpatia, non possiamo negare che cancella ogni speranza di trovare in lui una guida”.

Stefano



"Sono un uomo come voi". Ma ai fedeli serve una guida

di Lucetta Scaraffia –Nazione-Carlino-Giorno, 8 febbraio 2022

Ha senza dubbio ragione  chi, controllando le lancette dell’orologio del papa, ha scoperto che la sua intervista da Fazio era registrata e che le erano stati apportati dei tagli: ma forse è ovvio che un personaggio così importante si riservi il diritto di controllare la sua immagine, e anche di intervenire sul materiale registrato. Nessuno ha chiesto a Francesco la spontaneità, che poi non è neppure un requisito delle trasmissioni televisive, luogo, come si sa molto bene, dai mille trucchi di scena. Più importante è chiedersi cosa si aspettassero gli spettatori – tanti, certo, ma neppure tantissimi, se si pensa all’eccezionalità dell’evento e al battage pubblicitario che l’ha preceduto – da questo programma.

Forse molti si aspettavano qualche vera domanda, certo non cattiva o critica, ma almeno sincera, non finalizzata cioè solamente alla celebrazione del personaggio, e su questo Fazio ha mancato alla grande: l’unico suo obiettivo era di genuflettersi davanti a tanto ospite, forse per restituirgli quella sacralità che l’occasione stessa gli stava togliendo. Con la conseguenza di trasformare quella che doveva essere un’intervista in una celebrazione camuffata.

Ci ha pensato Bergoglio a smontare il piedestallo sul quale lo metteva Fazio presentandosi, in più di una risposta, come un uomo molto simile a tutti gli altri: insomma, un uomo come noi. Un uomo che ha paura della solitudine, che da bambino voleva fare il macellaio per diventare ricco, che da ragazzo ballava il tango, che guarda poco la televisione ed è convinto che un po’ di umorismo aiuti a vivere meglio… Certo sono affermazioni capaci di suscitare la simpatia del pubblico, che non sopporta chi esibisce distanza nel senso di una pretesa superiorità. Ma noi fedeli abbiamo bisogno proprio di un papa così? Se la sua affettata mediocrità ci rassicura e ci fa simpatia, non possiamo negare che cancella ogni speranza di trovare in lui una guida, una persona migliore di noi che ci sappia portare per le strade del risveglio spirituale, che ci aiuti ad affrontare le angosce della morte e a comprendere il senso della vita. Se ci sentiamo frammenti senza valore nell’infinito dello spazio e del tempo vorremmo incontrare qualcuno che ci spiega cosa siamo, dove andiamo, e non una persona che ci dice, più o meno, “sono anch’io spaventato quanto te!”.

Presentandosi come uno di noi, inoltre, il papa evita di affrontare il problema dell’attuale crisi della chiesa, della quale è il capo visibile. Fazio lo segue su questa strada, evitando di chiedergli degli abusi sessuali che stanno drammaticamente distruggendo la fiducia nell’istituzione e sono la causa principale di un abbandono sempre più grave. E non gli chiede del modo in cui sono tuttora ignorate le donne nella vita della comunità cattolica, di come le gerarchie continuino a chiudere gli occhi davanti agli abusi sessuali del clero sulle religiose. I cattivi sembrano stare tutti fuori: i politici guerrafondai, i produttori di armi, quelli che respingono i migranti… Dentro la chiesa il papa denuncia, in modo sacrosanto, solo un vizio: il clericalismo, che nasce dalla «mondanità spirituale».  Ma allora come mai i più stretti consiglieri del pontefice sono tutti preti? Sarebbe bello che il papa cercasse di rompere questo mondo chiuso e fosse d’esempio con rapporti di amicizia e di ascolto verso delle donne, religiose e no.  

Ma a un programma televisivo è inutile chiedere una parola di verità e coraggio: probabilmente l’audience diminuirebbe.

1 commento:

  1. Non Metuens Verbum9 febbraio 2022 06:50

    Ma perché continuare a parlare del nulla ?

    RispondiElimina

L'inserimento senza moderazione dei commenti è limitato ai soli post usciti nella medesima giornata di inserimento e nel giorno precedente. Per i post più vecchi, i commenti saranno sottoposti a moderazione.
Qualora fosse attiva la moderazione, possono passare anche alcuni giorni prima del controllo da parte della Redazione.