Post in evidenza

MiL ha bisogno di voi lettori: DONAZIONI

A sx (nella versione per pc) e su palmare (voce " Donazione ") troverete la possibiltà di donare. Vi speghiamo il perchè.  Potrete...

domenica 21 novembre 2021

Mons. Cordileone: Biden segue “il Partito Democratico” sull’aborto piuttosto che la sua “fede cattolica”

Un altro intervento dell'arcivescovo di San Francisco sull'abortista Biden.
QUI un altro intervento del Nostro sul tema.
Purtroppo il documento della Conferenza Episcopale USA, appena approvato, non tratta assolutamente l'argomento (QUI MiL QUI e QUI), "salvando" di fatto Biden.
Luigi

Biden “è esplicitamente dissenziente non solo dall’insegnamento della Chiesa, ma dalla solida scienza”, ha detto Cordileone.

David McLoone  Nov 12, 2021 – 1:20 pm EST – Trad. a c. di DogmaTV.it

(LifeSiteNews) L’arcivescovo di San Francisco Salvatore Cordileone ha ancora una volta chiamato in causa il presidente Joe Biden per la sua posizione a favore dell’aborto, demolendo il sedicente politico cattolico per aver cambiato le sue convinzioni sui nascituri “in conformità con la piattaforma del Partito Democratico”.
Parlando al “The Gloria Purvis Podcast” di martedì, Cordileone ha affermato che il secondo presidente cattolico d’America si è separato sia dall’insegnamento della Chiesa che dalla solida scienza, rifiutando l’umanità di una persona dal momento del suo concepimento.

Sebbene in precedenza nella sua carriera Biden avesse sostenuto l’umanità del nascituro, “chiaramente su questo tema continua a cambiare [la sua posizione] in conformità con la piattaforma del Partito Democratico”, ha accusato Cordileone.

“Non è una questione di fede religiosa quando inizia la vita, è una questione di scienza… la scienza ci dice che la vita inizia al momento del concepimento”, ha detto Cordileone.

“La chiesa afferma questo, quindi, è esplicitamente dissenziente non solo dall’insegnamento della Chiesa, ma dalla solida scienza”, ha aggiunto il vescovo, suggerendo che Biden “sembra essere più guidato dal Partito Democratico che dalla sua fede cattolica”.

Cordileone ha fatto i commenti in vista dell’Assemblea autunnale della Conferenza dei vescovi cattolici degli Stati Uniti (USCCB) a Baltimora la prossima settimana, durante la quale i vescovi dovrebbero redigere un documento didattico sulla degna accoglienza della Santa Comunione.

I vescovi hanno discusso sull’opportunità di redigere un documento “Sul significato dell’Eucaristia nella vita della Chiesa” all’inizio dell’anno, innescando divisioni tra la conferenza, in particolare riguardo a qualsiasi rimprovero ufficiale ai politici cattolici che pubblicamente sostengono e facilitano l’aborto.

Sebbene ci fosse qualche dissenso, la mozione per redigere una dichiarazione formale sull’Eucaristia passò comodamente il 18 giugno, con 168 voti a favore, contro 55. Cordileone sostenne fortemente la decisione in quel momento, dicendo: “Se falliamo ora e non agiamo con coraggio nel presentare l’insegnamento della Chiesa… come possiamo aspettarci di essere presi sul serio quando parliamo di qualsiasi altro argomento?”

Una dichiarazione all’interno del documento sulla “coerenza eucaristica” dovrebbe trattare specificamente la questione della ricezione della Santa Comunione per coloro le cui parole o azioni contravvengono gravemente all’insegnamento cattolico, a norma del can. 915 del Codice di Diritto Canonico, secondo il quale «non siano ammessi alla santa comunione coloro che ostinatamente perseverano nel peccato grave manifesto».

Sebbene Cordileone abbia affermato che qualsiasi documento che vietasse ai politici pro-aborto di ricevere l’Eucaristia non avrebbe nominato alcuna persona specifica, ha sottolineato che è stata l’elezione di Biden alla presidenza a “stimolare” il dibattito, una discussione che secondo lui era “attesa da tempo”.

“Ora, con un presidente cattolico così aggressivo per l’aborto, è molto urgente [una risoluzione]”, ha detto Cordileone. “Penso che questo ci abbia stimolato a fare qualcosa che era già in ritardo”.

Cordileone si è già espresso apertamente contro la posizione aperta a favore dell’aborto della presidente cattolica della Camera Nancy Pelosi, che appartiene alla sua arcidiocesi. Pelosi e la Camera dei Rappresentanti hanno votato a settembre per approvare una legge che sancirebbe l’aborto su richiesta nella legge federale.

Il mese scorso, dopo aver descritto la legge come “sacrificio di bambini”, l’arcivescovo ha annunciato una campagna di “preghiera e digiuno” per una “conversione di cuore” per la famigerato cattolica pro-aborto. “Impegnatevi a recitare un rosario alla settimana e a digiunare il venerdì per la sua conversione del cuore”, ha incoraggiato. Da quando ha lanciato la campagna, l’arcivescovo di San Francisco ha affermato di “non aver sentito nulla dal suo ufficio”, anche se spera “di avere un’altra conversazione con lei in un prossimo futuro.”

Cordileone ha colto l’occasione per incoraggiare nuovamente i cattolici a pregare e a digiunare sia per Pelosi che per Biden durante il podcast di martedì, seguendo le istruzioni del Papa affinché i vescovi siano “pastori, non politici”.

“Non so cosa potrebbe esserci di più pastorale della preghiera e del digiuno… Come si può metterlo in dubbio?” Egli ha detto.

Cordileone ha notato le gravi conseguenze dell’industria americana dell’aborto, dicendo a Purvis che “dal momento della sentenza Roe v. Wade [che ha introdotto la liberalizzazione dell’aborto negli USA ndr] più di 60 milioni di bambini sono stati uccisi nel grembo delle loro madri”.

“È un bagno di sangue”, ha lamentato il prelato.

Cordileone ha richiamato l’attenzione sulle “cicatrici emotive e psicologiche” che subiranno le madri che hanno procurato aborti, osservando che tra i sostenitori dell’aborto “molto spesso non è permesso nemmeno parlarne”.

“Sentono questo vuoto, questa angoscia dentro, e non gli è permesso di farlo uscire”, ha continuato, sottolineando che i cattolici pro-vita sono spesso quelli che “li aiutano a guarire” invece di incoraggiare le persone a “seppellire ” la loro colpa, che “li divorerebbe ancora di più”.

“Chi offre loro l’opportunità di partorire? Ci sono molte scelte. Sì, l’aborto è solo una scelta. È l’unica scelta sbagliata”, ha affermato il presule. “Queste cliniche per aborti danno [alle madri] solo una scelta. E una scelta non è una scelta. Devi avere almeno due opzioni per avere una scelta.”

“Le nostre cliniche ostetriche a favore della soppressione della vita che sono gestite da persone di fede, sono quelle che sono favorevoli alla [cosiddetta] scelta perché danno [alle madri] ogni scelta, tranne una”, ha affermato l’arcivescovo.

Sull’osservazione di Biden che il Papa aveva detto che è “un buon cattolico” e che avrebbe potuto “continuare a ricevere la Comunione” durante la sua visita a Roma del 29 ottobre, Cordileone ha commentato che dal momento che “il Vaticano non l’ha né affermato né smentito”, è difficile sapere se l’affermazione è vera.

“Tendo a credere che il papa non abbia detto questo, o almeno [non] esattamente questo”, ha detto l’arcivescovo, aggiungendo che “le persone tendono a sentire quello che vogliono sentire. Il Papa potrebbe aver detto qualcosa che il presidente Biden [in realtà] ha voluto sentirsi dire”.

4 commenti:

  1. Le persone tendono a sentire quello che vogliono sentire.Alcuni tendono a non dire quello che le persone non vogliono sentire.

    RispondiElimina
  2. NOVEMBER 22, 2021
    E la dottrina missionaria tradizionale del XVI secolo?

    6. E la dottrina missionaria tradizionale del XVI secolo?

    Con l'interpretazione di Lionel Andrades del Concilio Vaticano II torniamo alla dottrina tradizionale della Missione. Non è più "solo loro bisogno di entrare nella Chiesa che lo sanno", che non sono nell'ignoranza invincibile (LG 14) Invece, c'è tutto bisogno di entrare nella Chiesa Cattolica senza alcuna eccezione conosciuta. L'ignoranza invincibile non è un'eccezione per l'insegnamento che dice tutti hanno bisogno di entrare nella Chiesa Cattolica con la fede e il battesimo (Ad Gentes 7/Lumen Gentium 14). Quindi evangelizziamo poiché tutti i non cattolici sono orientati all'Inferno senza la fede e il battesimo d'acqua (Ad Gentes 7/Lumen Gentium 14, Concilio Vaticano II). La norma per la salvezza è fede e battesimo e non ignoranza invincibile.Quando incontro un non cattolico, non posso presumere o pretendere di sapere che lui o lei è un'eccezione alla norma.Se c'è un'eccezione potrebbe essere conosciuta solo da Dio. So che il non cattolico prima di me, è orientato all'Inferno ( Credo di Atanasio, Concilio Vaticano II (AG 7, LG 14), Catechismo della Chiesa Cattolica (845.846,1257), Sillabo degli Errori di Papa Pio IX, ecc.
    Quindi il sottotitolo nel Catechismo della Chiesa Cattolica dice che al di fuori della Chiesa Cattolica non c'è salvezza (846) e citato Ad Gentes 7. Quindi CCC 846 dice che chiunque è salvato è salvato con Gesù e la Chiesa e anche CCC 846 indica che tutti devono entrare nella Chiesa cattolica come membri, con la fede Cattolica e il battesimo d'acqua (AG 7).
    La Chiesa è l'unica Arca di Noè che salva nel diluvio (CCC 845) e Dio Padre vuole che tutti siano unisce nella Chiesa Cattolica (CCC 845).1

    1
    NOVEMBER 22, 2021
    What about traditional, 16th century Mission doctrine? https://eucharistandmission.blogspot.com/2021/11/what-about-traditional-16th-century.html

    RispondiElimina
  3. E' inutile che Mons. Cordileone si lamenti periodicamente sull'aborto e i politici falsi cattolici filoabortisti che vorrebbero ricevere la Santa Comunione.
    Dove stava nell'ultima assemblea dei vescovi USA che se ne è lavate pilatescamente le mani, dei bambini abortiti?
    Doveva battere i pugni sul tavolo e minacciare di andarsene definitivamente da quella Cpnferenza di paglia, anzichè ora darci l'ennesimo commento sull'argomento.
    Un Sant'Atanasio di Alessandria o un Sant'Ilario di Poitiers avrebbero letteralmente spaccato il loro pastorale sulla testa di quei 'vescovi' traditori di Cristo, della Chiesa e dell'umanità. ma quelli erano Vescovi con la "V" maiuscola, come oggi non ce ne sono quasi più, a parte Mons. VIganò, Mons. Schneider e il Cardinale Burke.
    Gesù, Maria SS.ma, San Giuseppe, spazzate via questa vescovaglia pavida, calcolatrice e opportunista!
    don Andrea Mancinella, eremita della Diocesi di Albano

    RispondiElimina
    Risposte
    1. St'eremita non ha proprio nulla da fare tutto il giorno comunque. Ma dedicarsi a qualcosa di più costruttivo, invece di stare sempre qui a prendersela con i vescovi, il Papa, e tutta la Chiesa (di cui lei ne fa parte, e ben si vede di uscirne, l'8 x mille fa comodo anche a lei evidentemente).

      Elimina

L'inserimento senza moderazione dei commenti è limitato ai soli post usciti nella medesima giornata di inserimento e nel giorno precedente. Per i post più vecchi, i commenti saranno sottoposti a moderazione.
Qualora fosse attiva la moderazione, possono passare anche alcuni giorni prima del controllo da parte della Redazione.