Post in evidenza

MiL ha bisogno di voi lettori: DONAZIONI

A sx (nella versione per pc) e su palmare (voce " Donazione ") troverete la possibiltà di donare. Vi speghiamo il perchè.  Potrete...

martedì 15 giugno 2021

L’Arcivescovo Cordileone: “serve un grande sforzo per ri-catechizzare i cattolici sull’Eucaristia”

Qualche vescovo americano di buona dottrina.
Luigi

Di Matteo Orlando, 6-6-21, Informazione Cattolica

In un’intervista andata in onda su EWTN Pro-Life Weekly, l’arcivescovo di San Francisco Salvatore Cordileone ha affermato che la questione della coerenza eucaristica riguarda tutti i cattolici, non solo i funzionari pubblici.

I vescovi dovrebbero discutere la questione nella loro prossima riunione del 16-18 giugno e votare se iniziare o meno la stesura di un documento didattico sull’Eucaristia.

Riguardo alla ricezione della Comunione per i cattolici, compresi i politici che sostengono pubblicamente una legislazione permissiva su mali gravi come l’aborto, ha detto che “il problema è che la nostra gente non capisce cosa significhi veramente l’atto di comunione, nel senso della dignità di ricevere la santa comunione. La coerenza eucaristica vale per ogni cattolico. I cattolici di spicco nella vita pubblica hanno una responsabilità aggiuntiva, in termini di testimonianza pubblica che danno. Dobbiamo fare un grande sforzo per ri-catechizzare la nostra gente sull’Eucaristia”.
Durante la loro prossima riunione online i vescovi degli Stati Uniti dovrebbero decidere se iniziare a redigere un documento sulla “coerenza eucaristica”.

Il termine «coerenza eucaristica», utilizzato nel documento di Aparecida 2007 dei vescovi dell’America Latina e dei Caraibi, si riferisce alla “coerenza tra il modo in cui riceviamo la Santa Eucaristia e il modo in cui viviamo la nostra vita”, ha spiegato Cordileone.

Quel documento, in cui l’allora cardinale Jorge Mario Bergoglio contribuì all’elaborazione, mise in evidenza anche il ruolo dei funzionari pubblici nella difesa della santità della vita su temi come l’aborto e l’eutanasia.

Quando i funzionari cattolici sostengono questi e “altri gravi crimini contro la vita e la famiglia”, non dovrebbero “presentarsi per la Comunione”, avevano detto i vescovi ad Aparecida.

Purtroppo alcuni vescovi, guidati dal cardinale Blasé Cupich di Chicago, hanno scritto all’arcivescovo Gomez nel tentativo di ritardare le discussioni sull’Eucaristia da parte dei vescovi americani. Gomez ha risposto che il punto all’ordine del giorno per l’esame del documento dell’Eucaristia è stato approvato dal comitato amministrativo della conferenza e si svolgerà come previsto nella prossima riunione.

“Ci sarà un dibattito”, ha confermato Cordileone. Se i vescovi andassero avanti con la stesura di un documento, il Comitato dottrinale redigerebbe il documento, il cui testo completo sarebbe discusso e votato nella riunione autunnale dei vescovi a novembre.

La Conferenza episcopale degli Stati Uniti aveva convocato una task force speciale dopo l’elezione alla presidenza di Joe Biden a novembre. Una delle raccomandazioni della task force era un documento didattico sull’Eucaristia, che coprisse sia l’insegnamento della Chiesa sulla modalità generale di ricevere la Comunione, sia che chiarisse che i cattolici nella vita pubblica hanno una responsabilità speciale nel sostenere gli insegnamenti della Chiesa in pubblico.

La questione della Comunione, soprattutto per i politici abortisti, è stata discussa dai singoli vescovi negli ultimi mesi dopo l’elezione di Joe Biden alla presidenza.

Sia Biden che la presidente della Camera Nancy Pelosi sono noti abortisti e hanno promosso politiche contrarie agli insegnamenti della Chiesa sulla vita, il matrimonio e la sessualità, compreso il sostegno all’aborto finanziato dai contribuenti.

Nel 2004, il cardinale Joseph Ratzinger scrisse all’allora cardinale Theodore McCarrick, affermando che un politico cattolico “facendo campagna e votando costantemente per leggi permissive sull’aborto e sull’eutanasia era impegnato in una cooperazione aperta e formale nel peccato grave”.

In tal caso, il pastore del politico «deve incontrarlo, istruirlo sull’insegnamento della Chiesa, informarlo che non deve presentarsi alla santa Comunione fino a quando non sia cessata la situazione oggettiva di peccato, e avvertirlo che altrimenti gli sarà negata l’Eucaristia”, scriveva il cardinale Ratzinger.

Aveva anche aggiunto che, se il funzionario persiste in tali azioni e si avvicina a ricevere la Comunione, ” il ministro della Santa Comunione deve rifiutarsi di distribuirla”.

Quella nota del 2004 era un’applicazione del canone 915 del Codice di diritto canonico, che afferma che i cattolici “che perseverano ostinatamente nel peccato grave manifesto non dovrebbero essere ammessi alla santa comunione”.

A marzo, il presidente dei vescovi americani, l’arcivescovo José Gómez di Los Angeles, ha scritto alla Congregazione vaticana per la dottrina della fede, informando la congregazione che i vescovi avrebbero discusso un documento sulla coerenza eucaristica nella loro riunione.

Il 7 maggio, il cardinale Luis Ladaria, prefetto della congregazione, ha risposto a Gómez in una lettera, istruendo i vescovi su cosa fare se emanassero una politica nazionale sulla comunione per i funzionari cattolici che sostengono una legislazione permissiva su gravi mali come l’aborto. Ha detto che i vescovi potrebbero usare il memorandum di Ratzinger del 2004 sulla comunione, ma solo alla luce della nota vaticana del 2002 sulla partecipazione dei cattolici alla politica e sull’importanza di salvaguardare i diritti della gente comune nelle loro chiese locali.

Il cardinale Ladaria ha affermato che i vescovi devono prima dialogare con calma tra loro per assicurare l’unità negli insegnamenti della Chiesa, prima di dialogare con i funzionari pubblici cattolici.

Il dialogo che il Vaticano ha recentemente richiesto ai vescovi statunitensi sul tema della coerenza eucaristica ha già avuto luogo, ha detto monsignor Cordileone a EWTN Pro-Life Weekly.

“Il cardinale Ladaria ha dato dei consigli molto ragionevoli ai vescovi … dobbiamo avere delle conversazioni tranquille …. un dialogo su questo. Lo facciamo da 20 anni”.