Post in evidenza

MiL ha bisogno di voi lettori: DONAZIONI

A sx (nella versione per pc) e su palmare (voce " Donazione ") troverete la possibiltà di donare. Vi speghiamo il perchè.  Potrete...

domenica 25 aprile 2021

25 Aprile. Elenco dei sacerdoti uccisi dai partigiani comunisti

Chissà se nelle s. Messe che alcuni sacerdoti diranno il 25 Aprile, ci sarà anche un pensiero e una preghiera per i tanti sacerdoti uccisi.
A fianco la foto del beato Rolando Rivi ucciso dai partigiani comunisti (QUI i post di MiL sul Beato).
Luigi

Elenco dei preti uccisi dai partigiani


VALLE D'AOSTA

- Padre Fernando Ferrarotti – Champorcher, giugno 1944
- Don Luigi Border – Hòne, 5 marzo 1946 


PIEMONTE

- Don Edmondo De Amicis – Torino, 27 aprile 1945
- Padre Angelico (Cesare) Romiti – Boschetto Montanaro (TO), 7 maggio 1945
- Padre Eugenio Squizzato – Corio Canavese (TO), 15-16 aprile 1944
- Don Giuseppe Amatesi – Coassolo Torinese (TO), 16 marzo 1944 
- Don Virginio Icardi – Squaneto (AL), 4 dicembre 1944
- Don Francesco Pellizzari – Tagliolo Monferrato (AL), 10 maggio 1945
- Don Enrico Percivalle – Variana (AL), 13 (15) marzo 1944 
- Don Sebastiano Caviglia – Asti, 27 aprile 1945
- Don Luigi Solaro – Buttigliera d’Asti (AT), 3 aprile 1945 
- Don Antonio Francesco Zali – Morra San Costanzo (CN), 8 giugno 1944 
- Don Leandro Sangiorgio – Sordevolo (BI), 30 aprile 1945 


LIGURIA

- Don Attilio Pavese – Alpe Gorreto (GE), 6 dicembre 1944
- Don Colombo Fasce – Cesino (GE), 19 maggio 1945 
- Don Guido salvi – Castelvecchio di Rocca Barbena (SV), marzo 1945 
- Don Antonio Padoan – Castelvittorio (IM), 8 maggio 1944
- Don Andrea Testa – Diano Borello (IM), 16 luglio 1944 


LOMBARDIA

- Don Tullio Calcagno – Milano, 29 aprile 1945
- Don Pietro Treccani – Provaglio d’Iseo (BS), 5 dicembre 1944
- Serafino Lavezzari – San Pietro Casasco (PV), 26 febbraio 1945 


VENETO 

- Don Luigi Bovo – Bertipaglia di Maserà (PD), 25 dicembre 1944
- Don Vittorio Barel – Vittorio Veneto (TV), 26 ottobre 1944
- Fratel Josef Dorfmann – Posina (VI), 27 aprile 1945 

FRIULI VENEZIA GIULIA, ISTRIA E DALMAZIA 

- Don Giuseppe Gabbana – Trieste, 3 marzo 1944
- Don Francesco Bonifacio – Villa Gardossi (TS), 11 settembre 1946
- Don Angelo Tarticchio – Villa di Rovigno (Istria), 19 settembre 1943
- Don Miroslav Bulesic – Mompaderno (Istria), 24 agosto 1947
- Don Filip Tercelj – Sturie delle Fusine (GO), 7 gennaio 1946
- Don Ludvik Sluga – Circhina (GO), 3 febbraio 1944
- Don Lado Piscanc – Circhina (GO), 3 febbraio 1944
- Fra' Alessandro Sanguanini – Ranziano (GO), 12 ottobre 1944
- Don Izidor Zavadlav – Goregna di Salona d’Isonzo (GO), 15 settembre 1946
- Don Placido Sancin – San Dorligo della Valle (TS), 14 settembre 1943
- Don Antonio Satej – San Daniele del Carso (GO), 26 settembre 1943
- Don Luigi Obit – Poggio San Valentino (GO), 5 gennaio 1944
- Don Anton Pisk – Canale d’Isonzo (GO), 28 ottobre 1944
- Don Viktor Perkan – Elsane (Istria), 9 maggio 1945
- Don Ernest Bandelj – Bria di Gorizia (GO), 30 aprile 1945
- Don Valentin Pirec – Idria della Baccia (GO), 23 dicembre 1946
- Padre Ivan Tul – Corte d’Isola (Istria), giugno 1945
- Padre Joze Bric – Montespino (GO), 21 novembre 1945
- Don Alojzij Kristan – Mune (Istria), 14 agosto 1947
- Don Giovanni Dorbolò – Sgonico (TS), 1° maggio 1945
- Don Giovanni Tul – Trieste, 1945
- Fratel Pietro Bonsembiante – Trieste, 1° maggio 1945
- Don Nicola Fantela – Ragusa (Dalmazia), 25 ottobre 1944
- Don Rocco Rogosic – Bencovaz (Dalmazia), 17 maggio 1942
- Don Giovanni Manzoni – Rava (Dalmazia), 18 ottobre 1944
- Don Antonio Greskovic (Grskovic) – Lussino (Dalmazia), 3 maggio 1945
- Don Casimiro Paich – S.Giovanni di Sterna d’Istria (GO), 29 aprile 1945
- Don Domenico Benussi – Albona di Pola (Istria), 4 maggio 1945
- Fra Mariano Blazic – Ragusa (Dalmazia), 25 ottobre 1944
- Padre Pietro Perich – Ragusa (Dalmazia), 25 ottobre 1944
- Don Francesco Grabegna – Losizze (GO), 26 settembre 1943
- Rodolfo Trcek – Montenero d’Idria (GO), 1° settembre 1944
- Erminio Pavinci – Chersano (Fianona), gennaio 1945
- Vladimir Vivoda – Pinguente (Istria), settembre 1944
- Bruno Fiotto – Cuscevie (Croazia), maggio 1945
- Alojzij Kete – Planina di Aidussina (GO), 19 febbraio 1944
- Emil Kete – Sambasso (GO), 12-13 novembre 1944
- Gino Vosilla – Fiume (Istria), 1945
- Giovanni Massalin – Fiume (Istria), 1945
- Don Raffaele Busi Dogali – Briboj (Croazia), 15 giugno 1942
- Don Giovanni Pettenghi – Gerovo (Croazia), 2 agosto 1942
- Padre Agostino Curcio – Dugaresa (Croazia) 7 agosto 1941
- Don Aurelio Diaz – Belgrado, gennaio 1945
- Don Giacomo Lora – 8 settembre 1943
- Padre Simone Nardin – Abbazia di Fiume (Istria), aprile 1945
- Don Giacomo (Guido) Minghetti – Borovnica (Slovenia), giugno 1947
- Don Hubert Leiler – Golnik (Slovenia), 21 marzo 1942
- Don Lambert Ehrlich – Lubiana, 26 maggio 1942
- Don Franc Kanduc – Logatec (Slovenia), 26 dicembre 1942
- Don Ludvik Novak – Cave Auremiane (TS), 17 novembre 1943 


EMILIA ROMAGNA

- Don Domenico Gianni – San Vitale di Reno (BO), 24 aprile 1945
- Don Achille Filippi – Maiola (BO), 25 luglio 1945
- Don Alfonso Reggiani – Amola di Piano (BO), 5 dicembre 1945
- Don Giuseppe Rasori – San Martino in Casola (BO), 2 luglio 1946
- Don Teobaldo Daporto – Casalfiumanese (BO), 10 settembre 1945
- Don Giuseppe Galassi – S.Lorenzo in Selva (BO), 31 maggio 1945
- Don Tiso Galletti – Spazzate Passatelli (BO), 9 maggio 1945
- Don Corrado Bortolini – Lorenzatico (BO), 13 maggio 1945 
- Don Raffaele Bortolini – Dosso (FE), 20 giugno 1945 
- Don Ernesto Talè – Castelluccio di Guiglia (MO), 11 dicembre 1944
- Don Giuseppe Preci – Montalto di Contese (MO), 24 maggio 1945
- Don Giovanni Guicciardi – Lama Mocogno (MO), 10 giugno 1945
- Don Giuseppe Lendini – Crocette di Pavullo (MO), 21 luglio 1945
- Don Francesco Venturelli – Fossoli (MO), 15 gennaio 1946
- Don Giuseppe Tarozzi – Riolo di Castelfranco (MO), 26 maggio 1945 
- Don Giuseppe Violi – S.Lucia di Medesano (PR), 31 marzo 1945 
- Don Giovanni Ferruzzi – S.Maria in Fabriago (RA), 3 aprile 1945 
- Don Carlo Terenziani – Ventoso di Scandiano (RE), 29 aprile 1945
- Don Luigi Manfredi – Budrio di Correggio (RE), 14 dicembre 1944
- Don Aldemiro Corsi – Grassano (RE), 21-22 settembre 1944
- Don Luigi Ilariucci – Garfagnolo (RE), 19 agosto 1944
- Don Giuseppe Jemmi – Felina (RE), 19 aprile 1945
- Don Dante Mattioli – Cogruzzo (RE), 11 aprile 1945
- Sem. Rolando Rivi – Castellarano (RE), 13 aprile 1945
- Don Umberto Pessina – Correggio (RE), 18 giugno 1946
- Don Sperindio Bolognesi – Nismozza (RE), 25 ottobre 1944 
- Don Federico Semprini – Rimini (RN), 27 dicembre 1943 


TOSCANA

- Don Adolfo Nannini – Sant’Andrea a Cercìna (FI), 30 maggio 1944 
- Don Emidio Spinelli – Campogialli (AR), 6 maggio 1944
- Don Giuseppe Rocco – S. Sofia in Parecchia (AR), 4 maggio 1944 
- Giuseppe Pierami – Piazza al Serchio (LU), 2 novembre 1944 
- Don Giuseppe Lorenzelli – Corvarola di Bagnone (MS), 27 febbraio 1945
- Don Sante Fontana – Comano (MS), 16 gennaio 1945
- Don Luigi Grandetti – Pieve di Offiano (MS), 31 gennaio 1947
- Don Pietro Maraglia – Cerignano (MS), 26 febbraio 1948
- Don Carlo Beghè – Novegigola (MS), 2 marzo 1945 
- Don Dolfo Dolfi – Volterra (PI), 8 settembre 1945
- Don Aladino Petri – Caprona (PI), 27 giugno 1944
- Don Ugo Bardotti – Cevoli (PI), 4 febbraio 1951 
- Padre Crisostomo Ceraioli – Montefollonico (SI), 19 maggio 1944
- Don Duilio Bastreghi – Celiano e Capannone (SI), 3 luglio 1944 


UMBRIA

- Don Ferdinando Merli – Foligno (PG), 21 febbraio 1944
- Don Angelo Merlini – Fiamenga (PG), 21 febbraio 1944 


MARCHE

- Don Gildo Vian – Bastia di Fabriano (AN), 16 luglio 1944
- Don Nazzareno Pettinelli – Santa Lucia a Ostra (AN), 11 luglio 1944 
- Padre Sigismondo Damiani – San Liberato (MC), 9 maggio 1944
- Don Nicola Polidori – Sefro (MC), 9 giugno 1944 
- Don Augusto Galli – Pereto (PU), 31 maggio 1946 


ABRUZZO

- Don Vincenzo d’Ovidio – Poggio Umbricchio (TE), 19 maggio 1944
- Don Gregorio Ferretti – Collevecchio (TE), 24 maggio 1944

LAZIO

- Padre Armando Messuri – Marino (RM) 8 giugno 1944 


CALABRIA

- Don Gennaro Amato – Caulonia (RC) 8 marzo 1945


(da ROBERTO BERETTA, Storia dei preti uccisi dai partigiani, Edizioni PIEMME)

10 commenti:

  1. Ma contro chi "resistevano" le squadracce comuniste? Contro i tedeschi o contro i cattolici? E dire che accanto a loro, ma solo contro i tedeschi, lottavano anche Partigiani Cattolici!
    D'altronde, i partigiani comunisti erano bravi a "lanciare il sasso e a nascondere la mano". Vedi, ad esempio, il caso di via Rasella a Roma, dove in un attentato uccisero 33 tedeschi già in fuga: di fronte alla rappresaglia tedesca si guardarono bene dal presentarsi all'appello, lasciando trucidare 335 persone innocenti.

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Due grossi errori storici:
      1. I tedeschi non erano in fuga, erano la forza di occupazione di Roma.
      2. Non ci fu nessun appello a costotuirsi; la decisione di fucilate i civili fu presa nella notte d'accordo con Hitler e eseguita la mattina presto. I proclami affissi dopo la strage annunciavano che "la sentenza [era] già stata eseguita".

      Elimina
  2. Per quanto riguarda i preti assassinati in Piemonte vi sono da apportare due correzioni:

    1) Padre Eugenio Squizzato – Corio Canadese (TO), 15-16 aprile 1944
    il nome del paese è "Corio Canavese" non "Canadese"

    2) Don Luigi Solaro – Bottigliera d’Asti (AT), 3 aprile 1945
    il nome del paese è "Buttigliera d'Asti" non "Bottigliera"


    RispondiElimina
  3. a questa lista sarebbe da togliere i nomi di gente come Edmondo de Amicis e Tullio Calcagno, che furo attivi fiancheggiatori dei nazifascisti con le parole e le opere. Calcagno poi fu anche sospeso a divinis e poi scomunicato per le propaganda filorepubblichina che faceva con il suo 'Crociata Italica'.
    quando furono uccisi erano più dei politici che dei preti, e sono ben diversi da tutti quei sacerdoti che furono eliminati solo perchè erano preti da gente (rossa rossa) che voleva far sparire la Chiesa dalla penisola. questi ultimi meritano di essere onorati come martiri, gli altri no.
    poi si potrebbe fare anche l'elenco dei preti uccisi dai fascisti, in primis don Minzoni

    RispondiElimina
  4. Dovreste mettere anche l'elenco dei sacerdoti uccisi dai nazifascisti, direttamente o nelle stragi, come a Marzabotto. O quelli non sono degni di memoria?
    Questa asimmetria mi urta. Il 25 aprile festeggiamo la liberazione, avvenuta anche grazie ai partigiani (che in maggioranza non erano comunisti), da un regime antidemocratico, alleato di chi ha pensato, progettato ed eseguito lo sterminio di milioni di persone in Europa.

    RispondiElimina
    Risposte
    1. "Asimmetria"? "Urta"?...da ottant'anni è tutto in mano ai comunisti e agli eredi dei comunisti: scuola, università, stampa, letteratura, cultura, arte...quella di "asimmetria" invece va bene? O alla mente cattocomunista "urta" che ci sia qualcuno che vuole togliere le penne agli "angeli" della resistenza che hanno contribuito a rendere l'Italia (e l'Europa) schiava degli Stati Uniti pubblicando le schifezze che compirono?

      Elimina
  5. Unknown: caro amico ignoto, lei dovrebbe sapere che le vittime del comunismo reale (bolscevoco, maoista, castrista, vietcong, laotiano, repubblichino spagnolo) somo state molto più numerose di quelle nazifasciste (irrisorie quelle fasciste). Quindi non c' è paragone che tenga...

    RispondiElimina
    Risposte
    1. C'è da dire che il nazismo al potere durò solo 12 anni, quindi non ebbe il tempo di fare danni come il comunismo
      E per quanto possano essere poche le vittime innocenti dei fascisti meritano comunque il nostro suffragio, soprattutto i sacerdoti uccisi

      Elimina
  6. Purtroppo si continua a mischiare la politica di destra con la Messa di sempre. Purtroppo.

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Quindi il cattolico non deve essere politico? S. Caterina non doveva essere politica? Don Bosco non doveva essere politico? Semmai brucia che ci sia chi non si piega alla vulgata sinistrorsa che imperversa dalla fine della guerra...quello è il problema. Perché i "preti" e i "vescovi" che invitano la Bonino nelle chiese o fanno propaganda pro PD vanno benissimo, vero? La politica di sinistra va benissimo "mischiata" con la "messa" nuova, giusto?

      Elimina

L'inserimento senza moderazione dei commenti è limitato ai soli post usciti nella medesima giornata di inserimento e nel giorno precedente. Per i post più vecchi, i commenti saranno sottoposti a moderazione.
Qualora fosse attiva la moderazione, possono passare anche alcuni giorni prima del controllo da parte della Redazione.