giovedì 11 maggio 2017

Dio non è più Onnipotente? Strane amnesie episcopali

Preoccupazione per un Vescovo "nordico" che nelle celebrazioni liturgiche è afflitto da un evidente "processo patologico della memoria"  comunemente detto  amnesia.

Il Vescovo, custode della fede del suo gregge, nelle preghiere  si dimentica sistematicamente di pronunciare l’attributo di Dio ONNIPOTENTE , di fatto omesso nelle liturgie episcopali.

Nelle Messe Vescovili, per colpa delle frequenti amnesie prelatizie,  Dio non è più Onnipotente ed il
povero Vescovo è costretto ad inventarsi delle strane formule liturgiche:
Dio che è padre buono abbia misericordia di noi perdoni i nostri peccati...” 

oppure 

Vi benedica Dio, Padre e Figlio e Spirito Santo”. 

Il disturbo della memoria episodica del povero Vescovo  si è aggravato in occasione di un recente incontro pastorale quando apertamente ha detto che "Dio non può essere ONNIPOTENTE" motivandolo con tutto un ragionamento… 

Ci uniamo volentieri alla preghiera dei Sacerdoti e dei fedeli diocesani perchè il loro malato Pastore possa riacquistare presto la piena salute debellando, grazie al risolutivo farmaco del Catechismo della Chiesa Cattolica, le sue frequenti e preoccupanti amnesie liturgiche e teologiche. 

L'ottimo e unico farmaco del Catechismo della Chiesa Cattolica insegna:

«IO CREDO IN DIO, PADRE ONNIPOTENTE, 
CREATORE DEL CIELO E DELLA TERRA»  

Paragrafo 3 


ONNIPOTENTE  

268 Di tutti gli attributi divini, nel Simbolo si nomina soltanto l'onnipotenza di Dio: confessarla è di grande importanza per la nostra vita. 
Noi crediamo che tale onnipotenza è universale, perché Dio, che tutto ha creato, 
332 tutto governa e tutto può; amante, perché Dio è nostro Padre; 
333 misteriosa, perché soltanto la fede può riconoscere allorché « si manifesta nella debolezza » (2 Cor 12,9).
( QUI

AC

Immagine di Salute&benessere

10 commenti:

  1. Questo vescovo non soffre affatto di amnesia. Che "Dio non può essere onnipotente" è la conseguenza del "fumo di Satana (che) è entrato, da qualche fessura, nelle stanze dei sacri palazzi», come ha dovuto ammettere Paolo VI già cinquant'anni addietro, fumo che il vescovo ha inalato a pieni polmoni.

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Fu proprio Paolo VI a farlo entrare e spalancare le finestre assieme a Roncalli...

      Elimina
    2. Certamente. Ma secondo lei (le chiedo un parere), a parte Bergoglio che sta completando la demolizione della Chiesa, Woitila e Ratzinger non c'entrano proprio niente?

      Elimina
    3. Assolutamente! Bergoglio è la continuazione di un cammino iniziato con "Gaudet Mater Ecclesia" e terminato (si spera) con "Non esiste un Dio cattolico" (cit.)!
      Bergoglio è la fase più spudorata del cammino ecumenico-massonico infiltrato con il Concilio.

      Elimina
    4. Ma allora come spiega, lei, il rimpianto da parte di certi tradizionalisti di papa Ratzinger e di papa Woitila?

      Elimina
    5. “Opportune, Importune” n. 32

      https://www.sodalitium.biz/opportune-importune-n-32/

      Elimina
  2. Sta finendo tutto.....quanto rimpiango gli anni 50....

    RispondiElimina
  3. Non ho assolutamente le idee di questo vescovo, e concordo in generale con i commenti che mi hanno preceduto. Tuttavia, se si vuole approfondire l'argomento, c'è da dire che la traduzione di El Shaddai con Dio onnipotente è sbagliata, anche perché nell'ebraico antico non esisteva neanche il concetto di onnipotenza. Shaddai può significare "distruggere" o "sopraffare". Se ci riferiamo a Shadda significa "montagna", quindi l'El della montagna. Se invece ci rifacciamo a Shadayim (in ebraico: seni) allora il riferimento è alla fertilità. Per la versione cattolica della New Jerusalem Bible infine la traduzione "Dio onnipotente" è imprecisa. Ma ripeto, l'argomento decisivo è che nella lingua ebraica non esisteva proprio il concetto di onnipotenza, per cui è impossibile che si volessero riferire all'onnipotenza; è come se volessimo tradurre una parola con "pallacanestro" in una lingua di un popolo che non conosceva la pallacanestro, e nemmeno lo sport in generale... Lo stesso discorso, che comporta conclusioni anche più gravi, vale per la parola "eternità": qui l'originale è "olam", che significa "lunga durata", non "eternità", noi invece nella Bibbia troviamo scritto "eternità"... [i riferimenti linguistici li ho fatti con l'ausilio di Wikipedia e del sito di Consulenza Ebraica, mi si perdonerà qualche piccola imprecisione]

    RispondiElimina
  4. Con nomine vescovili di persone inette è il minimo che possa accadere! Sarebbe quanto mai opprtuno pero fare nome e cognome di questi "don" come amano farsi chiamare. Anche se sappiamo tutti benisssimo di chi si tratta. La diocesi che regge ha dato i natali al grande Giovani Paolo I che farà certamente 3 giri nella tomba.

    RispondiElimina
  5. non metuens verbum12 maggio 2017 05:42

    Un ragionamento ? Parole grosse.

    RispondiElimina

L'inserimento senza moderazione dei commenti è limitato ai soli post usciti nella medesima giornata di inserimento e nel giorno precedente. Per i post più vecchi, i commenti saranno sottoposti a moderazione.
Qualora fosse attiva la moderazione, possono passare anche alcuni giorni prima del controllo da parte della Redazione.