mercoledì 24 maggio 2017

Card. Bassetti, nuovo presidente della CEI

I Vescovi italiani hanno scelto il loro nuovo presidente, dopo il Card. Angelo Bagnasco.
Riportiamo la notizia ANSA di oggi 24.05.2017.
Un ringraziamento all'Arcivescovo di Genova per i 10 anni di Presidenza "cattolica" in cui si è sforzato di tenere dritta la barra della Chiesa italiana in questi tempi difficili, e ci auguriamo che il Card. Gualtiero Bassetti, arcivescovo di Perugia-Citta della Pieve chiamato succedergli, impari degnamente a seguire le orme del predecessore (nonostante qualche precedente sbandamento gayfriendly). 

QUI un artiolo di Aldo Maria Valli sul Card. Bassetti, successore del Card. Bagnasco (del 25.05.2017)
Redazione MiL 


l cardinale Gualtiero Bassetti è il nuovo presidente della Cei. Lo ha annunciato il cardinale Angelo Bagnasco al termine della messa di questa mattina. Bassetti era il primo nome nella terna proposta al Papa dai vescovi italiani.
"Intendo lavorare insieme con tutti i Vescovi, grato per la fiducia che mi hanno assicurato" è stato il primo commento del cardinale dopo la nomina. "Il Papa - ha proseguito - ci ha raccomandato di condividere tempo, ascolto, creatività e consolazione".
Nell'apprendere la notizia della nomina, "il mio primo pensiero riconoscente va al Santo Padre per il coraggio che ha mostrato nell'affidarmi questa responsabilità al crepuscolo della mia vita. È davvero un segno che crede alla capacità dei vecchi di sognare...". La cosa che mi ha dato grande gioia, in questo momento in cui è avvenuto qualcosa che è superiore alle mie forze, è stata una telefonata affettuosa dei ragazzi di Mondo X di Padre Eligio, che mi hanno detto: "Continua ad essere un papà per noi", ha raccontato.

15 commenti:

  1. Di Bassetti a presidente della CEI si parla da anni. Se non è bergogliano del tutto lo diventerà. I vescovi se non sono novatori per principio, sono degli adeguati che hanno paura della verità ignorandola perché scomoda. E la verità è che la fede cattolica si appanna sempre più ma i mitrati si guardano bene dal riconoscerlo e fare il proprio dovere. Da parecchi anni il discorso del presidente della CEI nelle congregazioni generali proclama solamente analisi socio-politiche con accenti demagogici da lotta politica.

    RispondiElimina
  2. Ma Bassetti non fece assistenza a qualche messa VO alcuni anni fa?

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Ha convintamente celebrato diverse volte sia a Gricigliano che a Perugia. Sono state belle e devote celebrazioni così come era autentico l'affetto nei confronti dei richiedenti.
      A Perugia dopo aver promosso la celebrazione "ufficiale" tutte le settimane e feste nella Chiesa del Gesù ha anche accettato, in virtù delle disposizioni del SP, una variazione sul tema : la celebrazione festiva nel Tempio di San Michele che si svolge più o meno tutte le settimane. De facto il Card.Arcivescovo ha anche promosso nella sua diocesi dei preti forestieri che si recano puntualmente a celebrare in San Michele. Un gesto di grande apertura e soprattutto di affetto nei confronti del gruppo dei suoi fedeli che promuovono la messa antica. Gesti che fanno molto riflettere data l'ampiezza dei provvedimenti.

      Elimina
    2. Basta che avete la Messa Tridentina...non importa che stanno demolendo la Bibbia e le fondamenta della Chiesa stessa...fa niente!

      Elimina
  3. Un comunista sindacalista come piace al Che Bergoglio!

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Concordo in pieno, basta sentire le prime parole da periferico comunperonista, con i 5 nuovi cardinali, 3 usciti da Lovanio, uno Tdl, l'altro uno che passava per caso, il conclave è a sua immagine e somiglianza pronto per l'erede designato Tagle, olè.

      Elimina
  4. n'sè a piombo : non sei un ragazzo dritto;giusto
    http://www.lanazione.it/umbria/cronaca/bassetti-unioni-civili-gay-1.1627738

    RispondiElimina
  5. Il comportamento nei confronti della messa antica a Perugia del Card.Bassetti è esemplare. Ha celebrato due volte per i suoi fedeli legati all'antico rito. Inoltre dopo aver promosso la celebrazione "ufficiale" tutte i sabati pomeriggio e vigilie delle feste nella centralissima Chiesa del Gesù ha anche lietamente accettato, in virtù delle disposizioni del Motu Proprio SP e dell'Istruzione UE, una variazione sul tema : la celebrazione festiva nel Tempio di San Michele che si svolge più o meno tutte le settimane. De facto il Card.Arcivescovo ha anche opportunemente accettato nella sua diocesi la collaborazione di preti forestieri che si recano a celebrare ottimamente in San Michele. Un gesto di grande apertura e soprattutto di affetto nei confronti del gruppo dei suoi fedeli che promuovono la messa antica. Gesti che fanno molto riflettere considerata l'ampiezza dei provvedimenti adottati. Un esempio per tutto l'episcopato italiano.

    RispondiElimina
  6. Forse è meglio che nessuno si faccia illusioni. Bassetti è un post-conciliare e come tale non si azzarderà ad uscire dal vaticanosecondismo. La "grande apertura e soprattutto di affetto nei confronti dei suoi fedeli che promuovono la messa antica" non modifica di una virgola la situazione penosa in cui versa la Chiesa, anzi la chiesa con la minuscola. Il grande stomaco post-conciliare può ingoiare di tutto e Bassetti non ne è che uno degli innumerevoli succhi gastrici.


    RispondiElimina
  7. Vediamolo all'opera prima di esprimere giudizi

    RispondiElimina
  8. Tanto per essere chiaro ha subito usato frasi del tipo "al servizio degli ultimi", "dalla parte dei poveri", ecc. Ormai gran parte del clero ha abbandonato la spiritualità, non ne parlano proprio, ormai parlano di altro e si sentono come sociologi, credono che usando certe categorie di pensiero si riceva l'applauso sociale e si faccia carriera più velocemente. Peraltro sono anche "in ritardo" visto che certi discorsi politico-sociali non sono più di moda, sono rimasti agli anni '70 come approccio. Prova ne sia il fatto che le chiese si svuotano sempre di più, i sensi di colpa attribuiti solo al denaro e il permissivismo in tutti gli altri campi disorientano i fedeli cattolici e prefigurano la Chiesa Cattolica come una ONG di estrema sinistra (ma con pretese morali più totalizzanti e subdole di una ONG qualsiasi). Gli islamici ad esempio non rincorrono il mondo, eppure le moschee non mi pare che si svuotino, anzi...

    RispondiElimina
  9. Per chiarezza è bene ricordare alcune fatti ben precisi: 1) la S. Messa Tradizionale a Perugia è stata ripristinata prima dell'arrivo di Bassetti, 2) è stata promossa dai fedeli, 3) la celebrazione nella chiesa di S. Michele (la prima e la terza domenica di ogni mese, S. Natale e S. Pasqua) è iniziata prima che le celebrazioni nella chiesa del Gesù fossero estese a tutti i sabati, 4) la celebrazione in San Michele è iniziata, dunque, per colmare la mancanza della metà delle S. Messe festive, 5) il giorno di sabato per la celebrazione festiva nella chiesa del Gesù è stato imposto dalla Curia, 6) non esiste una celebrazione ufficiale e una non ufficiale, il diritto canonico parla chiaro, 7) è vero che Bassetti in passato ha celebrato due S. Messe prelatizie e non ha mai attaccato apertamente la S. Messa Tradizionale ma quando c'è stato un aperto e violento attacco da parte di un canonico della Cattedrale contro la S. Messa inizialmente si è schierato dalla parte di quest'ultimo per poi ravvedersi dopo avere incontrato una determinata resistenza da parte dei fedeli, 8) resta il fatto dei pronunciamenti gravissimi (finora mai pubblicamente ritrattati) da parte di Bassetti in favore delle unioni contronatura che calpestano palesemente le leggi divine e naturali.

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Questa è la pura verità circa il V.O.Come prelato:personaggio tartufesco,buono per tutte le stagioni,dà ragione a tutti,non c'è un parroco che non ritenga insostituibile,poi ci pensano i suoi scagnozzi del vescovato a fare il lavoro sporco. Il classico "amico del sole"(come diciamo a Perugia). Pro unioni civili,organico al regime massocomunista che da 60 anni ammorba la città. Mai una parola contro il degrado,gli aborti,la corruzione, il sistema affaristico mafioso degli amministratori cattocomunisti. Su questo in linea con quasi tutti i suoi predecessori. Ed è pure noioso quando predica, come il suo papa.

      Elimina
  10. Articolo da non perdere:
    http://www.lastampa.it/2017/05/25/vaticaninsider/ita/vaticano/bassetti-lamoris-laetitia-un-capolavoro-ed-magistero-wj09Nb3iZMGpRgtsj9SXnJ/pagina.html

    RispondiElimina
  11. Ho scoperto ora una perla del Cardinale Bassetti: "musulmani, ebrei e cristiani credono in un unico creatore e il mescolarsi delle razze è inevitabile". C'è da aggiungere altro?

    RispondiElimina

L'inserimento senza moderazione dei commenti è limitato ai soli post usciti nella medesima giornata di inserimento e nel giorno precedente. Per i post più vecchi, i commenti saranno sottoposti a moderazione.
Qualora fosse attiva la moderazione, possono passare anche alcuni giorni prima del controllo da parte della Redazione.