lunedì 14 marzo 2016

FFI: Escono i nomi dei fautori della campagna contro padre Manelli

Alfonso Bruno, calunnie, zizzania
P. Bruno, uomo di pace...
Il mio ultimo articolo sullo scandalo delle persecuzioni contro i Francescani dell'Immacolata aveva fatto reagire con rabbia il redattore che si nasconde dietro al sito La Verità sul Commissariamento dei Frati Francescani dell'Immacolata (VCFFI).
Non senza ragione, tuttavia, si prendeva in giro questo modesto blog per la sua mancanza di professionalità rispetto a "RAI UNO, RAI DUE, Canale 5, Retequattro, Il Corriere della Sera, Il Fatto Quotidiano, Huffington Post, Il Mattino, SIR…" Come negare che non siamo che un'iniziativa amatoriale gestita da una ridotta squadra di volontari inesperti?
Dunque, sarà stato molto edificato il signor VCFFI al leggere l'odierno articolo di Thomas Mackinson per Il Fatto Quotidiano che rende conto della contro-denuncia per associazione a delinquere, calunnia e diffamazione depositata il 2 marzo scorso presso la Procura di Avellino dal legale di Padre Manelli, Enrico Tuccillo. Molto più di noi ovviamente!
Ecco dunque cosa scrive Il Fatto Quotidiano che, sepur rimane un media di dubbia fede cattolica, sa più di giornalismo di altri.
Romano Disma
"Fallito anche quel tentativo, insiste la denuncia, sarebbe partita la campagna di diffamazione che ha per oggetto le suore e il fondatore. La denuncia è a carico di tre ex suore (Lattanzi, Turturiello e Iovine) e di sei sacerdoti (tra i quali padre Alfonso Bruno, ex segretario al tempo di padre Volpi e ora superiore, Alessandro Calloni, superiore e dal 2013 delegato generale per l’Italia dei Fratelli Francescani dell’Immacolata) e due laici. Questi ultimi si sarebbero adoperati nel divulgare “dossier anonimi dai contenuti falsi, testimonianze ripescate a distanza di anni in giro per il mondo allo scopo di destabilizzare tutta la fascia del vecchio ordine che era fedele alla regola della povertà. Non caso – si legge – gli stessi soggetti sono ora assurti ai ruoli apicali dell’Istituto”.
Così, ruoli di vittima e carnefice cambiano a seconda dei piani, dei testimoni, degli episodi e dei documenti. Tra i 15 denunciati, ad esempio, figura Suor Maria Letizia (Ilaria Turturiello) che ha fornito ai media e alla Procura una delle testimonianze più toccanti dei presunti abusi subiti per anni, a partire dal 1997. In quella, indica nella madre superiore e nipote del fondatore Susanna Manelli (Suor Cecilia) l’istigatrice che l’avrebbe spinta a concedere favori sessuali a un benefattore titolare di un supermercato. Che però nega e contro-denuncia. L’ex religiosa aveva chiamato in causa anche un’altra “povera consorella” che dopo essersi prostituita, per nascondere la vergogna, sarebbe stata rinchiusa nel silenzio della clausura. Non per sempre, perché nella querela si legge: “Io, Ornella Mietitore (Suor M. Regina), la vittima, smentisco di essere mai stata costretta a compiere atti contro la morale e la mia volontà”. Nonché di essere stata segregata da qualche parte. Allora, chi mente? Dove sta la verità? Il mistero può continuare. E le tv, ringraziano."

22 commenti:

  1. Finalmente ,forse,una buona notizia.
    Qualcosa deve essersi inceppato nell'ingranaggio di stritolamento mediatico-giudiziario di Padre Stefano e dei Francescani dell'Immacolata.
    L'unica cosa certa al momento è l'assoluta inconsistenza processuale delle accuse contro Padre Stefano Manelli.
    Quest' inconsistenza,purtroppo,non è certo un freno per la magistratura di sinistra che ,però, non capisce perchè deve fare questo grande favore alla massoneria e cioè di macellare i Francescani dell'Immacolata gratuitamente.
    Specialmente oggi(sono passati quasi tre anni dal commissariamento)che la massoneria sta sbriciolando tutti gli assetti bancari della sinistra danarosa.
    In queste lotte di potere ,come insegna la storia,hanno a rimetterci sempre i miti ed i deboli.
    Sua Santità Bergoglio,come d'abitudine,non ci ha capito assolutamente nulla.



    RispondiElimina
  2. Dei grandi figli di putane...questi traditori.

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Più che altro trattasi di soggetti alquanto immaturi che pretendevano di far parte dell'unico Ordine fiorente della Cattolicità senza però fare le astinenze,i digiuni e le penitenze.
      Essi hanno trovato manforte in taluno alto clero che pretende e ,purtroppo,ottiene di diventare Vescovo o Cardinale senza abbandonare le saune gay.
      Dobbiamo quindi rilevare un'altro micidiale errore dell'inadeguatezza al Soglio.

      Elimina
  3. Leggo che sono molti ad avere una lettura immatura della questione giudiziaria dei Francescani dell'Immacolata. Quest'ultima mossa dell'avvocato del manelli colora a tinte fosche di camorra l'intera vicenda. Come la colonna sonora del Padrino al funerale dei Casamonica. Infatti, solo nei grandi processi di Mafia l'indagato principe ha osato la mossa di denunciare in blocco tutti i suoi accusatori, a pochi mesi dall'inizio del Processo. Una mossa già vista per la magistratura inquirente, che certo la recepirà per il suo valore reale. L'illecito nell'illecito: la tentata vendetta personale, il dossieraggio finalizzato ad inquinare le testimonianze reali delle vittime. L'ultimo atto di una prolungata disobbedienza alla Chiesa, una china che porterà invariabilmente alla riduzione allo stato laicale del manelli, come tutti coloro che sulla stessa via l'hanno preceduto.

    RispondiElimina
    Risposte
    1. A Piccarè pure qua vieni a stressare? Già sei sotto falso nome su facebook! Chi parla di dossieraggio! Sono anni che tu, Gamboni, Lucio Anneo, la gattara e tutta la feccia anonima preparate dossier contro Manelli! Adesso finalmente uscirete dalle fogne! Andate a difendervi in Tribunale, mostrate la faccia invece di continuare a vomitare veleno anonimamente o sotto falso nome e a tramare nell'ombra!

      Elimina
    2. Anonimo 9:18 conosce l'identità di anonimo 8:30. Si sta violando la privacy in questo blog?

      Elimina
    3. Nessuna privacy: è un nome falso. Dice le stesse cose da anni con profilo falso su facebook

      Elimina
    4. Nome falso? Ma se ha scritto come ANONIMO??? E tu conosci addirittura il suo profilo Facebook! Qui c'è violazione della privacy.

      Elimina
    5. Ma per favore! Sono anni che ripetete le stesse cose o sotto falso nome o anonimamente! Andate a farvi esorcizzare!

      Elimina
    6. Se uno ha scritto come ANONIMO ha diritto a rimanere tale. Comunque, viste le volgarità, le falsità e le offese di cui questo sito, che si crede cristiano doc, è capace, andrebbe chiuso. Dovreste farlo per non infangare il vero volto dei cristiani.

      Elimina
    7. Il vero volto dei cristiani lo infangate voi con le vostre calunnie e falsità! Andate a vomitare sulle vostre paginacce! Da che pulpito!

      Elimina
    8. Il vero volto cristiano lo si vede in chi ha il cuore pieno della più grande delle virtù: LA CARITÀ.

      Elimina
    9. Ecco appunto. Quella che non hanno gli accusatori di Padre Manelli.

      Elimina
    10. Oramai sono tre anni che l'anonimo sotto varri nickname o blog senza autore scrive le stesse identiche calunnie e falsità, opera dossieraggio e invita alla costruzione di false accuse contro i FFI e Padre Manelli. ha uno stile inconfondibile, (compresa la mania di persecuzione che traspare nelle sue repliche sempre terrorizzato che si scoprano le sue origini internet, IP e indirizzi mail cosa che puntualmente avviene facendo semplici operazioni sul web e recentemente anche tramite la polizia postale !!). Non solo manca a lui la carità ma anche l'intelligenza.

      Elimina
  4. Questo commento è stato eliminato dall'autore.

    RispondiElimina
  5. Non vorrei stare al posto di padre Volpi quando si è presentato e degli altri calunniatori quando si presenteranno a San Pietro.....

    RispondiElimina
  6. Bene bene vediamo che succede....e se ora girasse il vento???

    RispondiElimina
  7. Davanti a S. Pietro? Ma non è lui che li deve giudicare, ma Qualcun altro ben al di sopra di lui......studiate il catechismo meglio....

    RispondiElimina
  8. David Bugellensis16 marzo 2016 18:01

    Che storia triste: fratelli che accusano fratelli, frati che accusano frati. Guardo le macerie di queste guerre e ritrovo le mattonelle di un mosaico che ogni giorno che passa è sempre più difficile da ricostruire: la Chiesa unità. Ma forse è giusto così: solo ciò che esce alla fine dal crogiolo è oro fino, il resto che esce prima è scoria. Non temo per P. Mabelli o per FFI, temo molto di più per l'anima di chi ha scelto la via del peccato e del male, chiunque esso sia, anche perchè le opere dello Spirito Santo reggono le tempeste, ma le opere contro lo Spirito Santo non possono essere perdonate. Se anzichè scannarci pregassimo e ci aiutassimo reciprocamente nella conversione al Cuore di Cristo, quanto bene ne nascerebbe, quanta Grazia, quanta salvezza! Parcat nobis Deus!

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Salve, lei ha capito bene cosa bisogna fare. Quando un giorno si riconcilieranno (?), si renderanno conto del male causato a se stessi e alle anime. Preghiamo che è meglio! Grazie!

      Elimina
  9. ce ne scampi e liberi17 marzo 2016 11:50

    Perchè si è fatto il nome delle tre suore, mentre mancano 4 nomi dei 6 sacerdoti che hanno tramato contro padre Manelli? Sarebbe opportuno saperli, per evitare di frequentarli, se ancora hanno la possibilità di instillare falsità nei fedeli e negli evventuali MIM. Speriamo che non stiano ingannando ancora delle anime, che nopn gli sia permesso farlo.

    RispondiElimina
  10. ce ne scampi e liberi17 marzo 2016 12:10

    Ci sono i nomi delle tre suore e due nomi dei 6 sacerdoti che hanno lavorato contro il loro fondatore, ma gli altri 4 nomi di sacerdoti? Chi sono gli altri 4 che hanno tramato contro Padre Manelli? Giusto per saper chi evitare, perchè se questi sacerdoti continuano a instillare falsità nei fedeli, almeno ci si può difendere.

    RispondiElimina

L'inserimento senza moderazione dei commenti è limitato ai soli post usciti nella medesima giornata di inserimento e nel giorno precedente. Per i post più vecchi, i commenti saranno sottoposti a moderazione.
Qualora fosse attiva la moderazione, possono passare anche alcuni giorni prima del controllo da parte della Redazione.