mercoledì 28 marzo 2012

Echi Tridentini in Tolkien - II parte. "Prego molto. in latino".

Grazie alla segnalazione di un nostro lettore, abbiamo l'occasione di presentarvi alcune righe scritte da uno dei più grandi e noti scrittori inglesi: il prof. John Ronald Reuel Tolkien (1892-1973), cattolico, docente di Inglese Antico all'Università di Oxford.
Gli appassionati del genere fantasy lo avranno di sicuro riconosciuto! Sì, proprio lui, l'autore del Il Signore degli Anelli, e di tante altre opere e romanzi.
Nelle sue Lettere -l'epistolario che raccoglie lettere a partenti e ad amici, da cui abbiamo tratto questo brano- Tolkien appare innanzitutto come un uomo profondamente cristiano e cattolico. Questa sua visione ispira indubbiamente la sua opera, e dal suo senso religioso discendono anche le sue idee politiche.


Roberto


"Se già non lo fai, prendi l’abitudine di pregare.
Io prego molto (in latino): il Gloria Patri, il Gloria in Excelsis, il Laudate Dominum; il Laudate Pueri Dominum (a cui sono particolarmente affezionato), uno dei salmi domenicali; e il Magnificat; anche la Litania di Loreto (con la preghiera Sub tuum praesidium).
Se nel cuore hai queste preghieren non avrai mai bisogno di altre parole di conforto. E’ anche bene, una cosa ammirevole, sapere a memoria il Canone della Messa, perché la puoi recitare sottovoce se qualche circostanza avversa ti impedisse di assistervi. Così endeth Faeder lar his suna. Con tutto il mio amore."

J.R.R.Tolkien, La realtà in trasparenza. Lettere (a cura di Humphrey Carpenter e Christopher Tolkien), Bompiani, Milano, 2001, pag.77.


Nessun commento:

Posta un commento

L'inserimento senza moderazione dei commenti è limitato ai soli post usciti nella medesima giornata di inserimento e nel giorno precedente. Per i post più vecchi, i commenti saranno sottoposti a moderazione.
Qualora fosse attiva la moderazione, possono passare anche alcuni giorni prima del controllo da parte della Redazione.