giovedì 19 maggio 2011

E' iniziato un po' di repulisti episcopale?

Mons. Morris, ex vescovo di Toowoomba


Gli episcopati progressisti del mondo intero non nascondono la loro inquietudine e preoccupazione, come traspare ad esempio dalla reazione del quotidiano officioso della Conferenza episcopale francese La Croix al dimissionamento forzato dell'eretico vescovo di Toowoomba (Australia), mons. Morris, il quale propugnava l'ordinazione al sacerdozio cattolico di donne, gay e perfino pastori di confessioni protestanti senza che, naturalmente, questi ultimi dovessere cambiare alcunché della loro fede.

Magister ha ricostruito la cronistoria precisa delle sfide di questo Morris a Roma e al Papa, e l'infinita durata del procedimento per rimuoverlo: che si è finalmente concluso, senza che al figuro sia stata nemmeno assegnata una nuova sede episcopale in partibus; neppure per Gaillot, il vescovo ribelle francese di Evreux (sede davvero infelice: oggi la regge Nourrichard...) si era arrivati negli anni '90 a tal punto: Gaillot era stato infatti nominato vescovo della diocesi di Partenia (città che non si sa nemmeno più dove fosse, inghiottita dalle sabbie del Sahara). Mettiamola così: oggi Morris è l'unico vescovo cattolico "in comunione" con Roma senza una sede; ci sarebbero, è vero, anche i quattro vescovi lefebvriani senza sede, ma quelli, si sa, non sono "in piena comunione" come invece è a tutti gli effetti l'ex vescovo di Toowoomba; quanto ciò abbia senso, è un altro discorso.

La rimozione del rifiuto tossico di Toowoomba segue provvedimenti analoghi, sia pure motivati da altre ragioni, che hanno visto il forzato abbandono delle loro diocesi da parte del vescovo di Orvieto (le cui scomposte reazioni successive al dimissionamento sono, per inciso, la migliore dimostrazione dell'opportunità di quell'allontanamento), nonché, l'anno scorso, la quasi inosservata revoca di mons. Loemba, vescovo congolese (di quello che una volta si chiamava Congo-Brazzaville per distinguerlo dal Congo-Leopoldville e ora, sinceramente, non so: tutti i momenti quegli stati cambiano nome).

Ora nel mirino ci sono, a quanto pare, tre vescovi spagnoli, accusati di non essersi voluti dimettere dal consiglio di amministrazione di due ospedali catalani dove si praticano aborti: il trad-hater cardinale arcivescovo di Barcellona Luis Martinez Sistach e due suoi suffraganei, i vescovi Augustin Cortés Soriano (di Sant Feliu de Llobregat) e Josep Angel Saiz Meneses (di Terrassa). Trovate tutti i particolari sul sito di LifeSiteNews, ripreso da Osservatore Vaticano.

Per carità, è del tutto impossibile che si arrivi alla loro rimozione; l'accusa è grave ma non al llivello delle colpe del vescovo Morris ed anche politicamente sarebbe controproducente, ma è confortante vedere che le malefatte episcopali ormai diventano, da un lato, conosciute al grande pubblico di tutto il mondo (e ringraziamo per quello internet), dall'altro oggetto di attenzione, non più del tutto impotente, da parte di Roma.

Inutile però questo pur indispensabile lavoro vaticano di "custodire i custodi", se poi alcune nomine episcopali perpetuano il vecchio errore di scegliere persone il cui curriculum lascia già chiaramente presagire che combineranno alla Chiesa grossi guai (vedi qui).

Enrico

58 commenti:

  1. Caro Enrico....io credo che qui pesino molto alcuni fattori....

    Enzo Bianchi ha scritto un testo ALLARMANTE (per lui ) e drammatico su Jesus di aprile 2011, quindi un mese fa... e nel quale si domanda: DOVE STA ANDANDO LA CHIESA?
    è ovvio che la sua domanda è per LA DELUSIONE al fatto che il suo "credo" si stia sbriciolando....e tuttavia ci trascina dentro, con ottime ragioni, la Gerarchia....
    il Bianchi si chiede, sulla Riforma che sta avvenendo:

    Tanta fatica per cambiare, quasi cinquant’anni fa – uno sforzo compiuto con entusiasmo ma a volte anche a prezzo di sofferenza e sottomettendo le nostre nostalgie personali al bene della vita ecclesiale – secondo le indicazioni del concilio e del papa: e oggi? Perché ci sono presenze nella chiesa che vorrebbero spingerci a essere con il papa contro i vescovi oppure con i vescovi contro il papa, persino quando si tratta di celebrare l’eucaristia, luogo per eccellenza della comunione ecclesiale?
    Si dice che il cammino ecumenico è irreversibile, ma poi vediamo che molti vorrebbero correggere la sua comprensione consegnataci dal Vaticano II.
     Papi e vescovi ci hanno insegnato che il vero ecumenismo non significava ritorno alla chiesa cattolica, bensì cammino verso un’unità che i cattolici confessano essere un principio già presente nella loro chiesa, ma che deve essere ancora completata, in quanto mai piena nelle diverse forme e convergenze.
    Abbiamo forse avuto vescovi e papi come “cattivi maestri”? E i “gesti” così eloquenti compiuti dagli ultimi papi erano forse temerari, favole da non prendere sul serio?

    ****************
    come dargli torto? :-[

    gravissimo è quanto dice Bianchi qui, e che è VERO!!

     Papi e vescovi ci hanno insegnato che il vero ecumenismo non significava ritorno alla chiesa cattolica, bensì cammino verso un’unità che i cattolici confessano essere un principio già presente nella loro chiesa, ma che deve essere ancora completata, in quanto mai piena nelle diverse forme e convergenze.
    Abbiamo forse avuto vescovi e papi come “cattivi maestri”?

    **********

    qui non basta cambiare i vescovi quando ESCONO ALLO SCOPERTO..... è indispinsabile nominare Vescovi INCORROTTI!!!!
    Vescovi che non insegnano l'ambiguità e il SINCRETISMO....
    Bianchi avrà tutti i difetti di questo mondo, ma ciò che ha detto è la verità, quella verità SCOMODA che l'amata Gerarchia finge ancora di non vedere....
    E se vi è per noi GIUBILO per le ammissioni di Bianchi perchè sottolineano UNA DISFATTA palese di certo catto-modernismo, è altrettanto vero che abbiamo poco da giubilare, perchè ciò che dice essendo vero non fa altro che confermare la gravissima CONFUSIONE, AMBIGUITA' in cui viviamo perchè, parlando di SINCRETISMO, questo non si esplica solo nel mondo interreligioso, ma anche DENTRO LA CHIESA quando si fa comprendere ai fedeli, come scrive Bianchi, una via CHE POI RISULTA ESSERE SBAGLIATA... quando mai infatti la Chiesa avrebbe insegnato che NON E' NECESSARIO CONVERTIRSI ALLA CHIESA? eppure non è solo Bianchi ad aver capito che questo la Gerarchia insegnava, ma migliaia di cattolici lo hanno creduto....e chi ha baciato il Corano, firmando in tal modo la credibilità di quanto Bianchi dice, è stato fatto BEATO....
    in questo modo i fedeli non comprendono più nulla....
    Bianchi ha ragione da vendere..... gli auguro tuttavia che invece di gettare la spugna, si prodighi per SCOPRIRE LA VERITA', di smettere i panni del novello monaco sincretista e di attivarsi per dire ai [...]

    RispondiElimina
  2. Cara Caterina, Nessuno ha mai baciato il Corano.
    State ancora a credere alle bufale internettiane.
    Simon e tanti altri hanno già spiegato la "bufala".

    RispondiElimina
  3. gentile ospite...a parte la foto che non è truccata, le rammento le parole del suo segretario oggi cardinale il quale, alla domanda sul bacio al corano, egli non ha smentito, non ha detto che era falso, ma rispose: "IL GESTO E' STATO FRAINTESO!"
    DUNQUE IL GESTO ESISTE, IL BACIO C'E' STATO, ma "noi" lo abbiamo frainteso....parola del suo ex segretario ed oggi cardinale...
    per questo ho riportato la citazione del gesto sopra, perchè per dirla con Enzo Bianchi, qui sono 50 anni che navighiamo NEI FRAINTEDIMENTI, NELL'AMBIGUITA', NELLA CONFUSIONE E NELL'INCOMPRENSIONE, ma nessun che si alza a dire le cose come stanno, lasciando il tutto ALLE LIBERE INTERPRETAZIONI....
    alle personali opinioni....
    ergo, se ha qualcosa da dire, la dica sulle parole di Bianchi, e se vuole sulle parole dell'ex segretario del nuovo Beato....  porti a Bianchi le prove che ciò che ha detto non è vero.... porti a Bianchi le risposte alle sue domande...

    RispondiElimina
  4. <span>gentile ospite...a parte la foto che non è truccata, le rammento le parole del suo segretario oggi cardinale il quale, alla domanda sul bacio al corano, egli non ha smentito, non ha detto che era falso, ma rispose: "IL GESTO E' STATO FRAINTESO!"  
    DUNQUE IL GESTO ESISTE, IL BACIO C'E' STATO, ma "noi" lo abbiamo frainteso....parola del suo ex segretario ed oggi cardinale...  
    per questo ho riportato la citazione del gesto sopra, perchè per dirla con Enzo Bianchi, qui sono 50 anni che navighiamo NEI FRAINTEDIMENTI, NELL'AMBIGUITA', NELLA CONFUSIONE E NELL'INCOMPRENSIONE, ma nessun che si alza a dire le cose come stanno, lasciando il tutto ALLE LIBERE INTERPRETAZIONI....  
    alle personali opinioni....  
    ergo, se ha qualcosa da dire, la dica sulle parole di Bianchi, e se vuole sulle parole dell'ex segretario del nuovo Beato....  porti a Bianchi le prove che ciò che ha detto non è vero.... porti a Bianchi le risposte alle sue domande... la bufala sono LE NON RISPOSTE, come la sua....</span>
    <span></span>

    RispondiElimina
  5. ottimo, Caterina.
    Stavolta concordo con te al 100%. Parla così , con dolore dell'anima e sacrosanto allarme e amarezza giustificata, chi veramente ha a cuore la Chiesa e Nostro Signore, capo del Corpo Mistico, piagato er indotto in confusione della Fede e gravi malattie spirituali

    RispondiElimina
  6. <span>ottimo, Caterina.  
    Stavolta concordo con te al 100%. Parla così , con dolore dell'anima e sacrosanto allarme e amarezza giustificata, chi veramente ha a cuore la Chiesa e Nostro Signore, Capo del Corpo Mistico, piagato e indotto in confusione della Fede e gravi malattie spirituali, da 45 anni.</span>

    RispondiElimina
  7. <span>ottimo, Caterina.  
    Stavolta concordo con te al 100%. Parla così , con dolore dell'anima e sacrosanto allarme e amarezza giustificata, chi veramente ha a cuore la Chiesa e Nostro Signore, Capo del Corpo Mistico, piagato e indotto in confusione della Fede e gravi malattie spirituali, da 45 anni.</span>

    RispondiElimina
  8. <span>Cate mi dà lo spunto per proporvi la riflessione che avevo fatto sulle parole di Bianchi:  
    http://chiesaepostconcilio.blogspot.com/2011/04/una-chiesa-affaticata-o-disorientata.html</span>

    RispondiElimina
  9. per non voler ricordare tanti altri gesti (e discorsi) come questi  nelle foto

    che cosa   deve   pensare o IMPARARE  il mondo intero, sia cattolico che non-  vedendo queste scene ?

    RispondiElimina
  10. dal giorno della beatificazione,  sul web dilagano ormai i siti di cattolici di profonda sensibilità, scandalizzati e inorriditi da quella scuola di aposgtasia e indifferentismo/sincretismo che promana da tanti gesti del beatificato, persone scioccate che si chiedono COME  abbia potuto la Santa  Chiesa arrivare a tanto, e sentirsi in dover di beatificare colui che ha fatto simile magistero visuale al mondo intero.

    Eccone alcuni:
    http://tertiumnondatur.blogspot.com/2011/01/bacia-il-corano-e-sarai-beatificato.html
    <span>foto di Assisi che mostra il Sommo [!] Pontefice, Vicario di Cristo [!], allo stesso livello di eretici e stregoni: poteva egli permettersi di pregare con gli adoratori di Satana? [dii gentium daemonia]</span>
    un commento:
    <span>Assisteremo inoltre alle ignobili giravolte dialettiche di chi vorrà convincerci che pregano "contemporaneamente", non "insieme". Irreparabile sarà lo scandalo nei più semplici e gli avversari della Chiesa avranno un insperato contributo alla loro azione di distruzione....</span>

    http://holywar.org/italia/txt/musli.htm
    <span>

    <span>IL CORANO NEGA LA TRINITÀ E L’INCARNAZIONE</span>
    <p>Sura V, 77 (La tavola)
    </p><p>«Infedele è colui che dice: Allàh è il terzo della Trinità: non vi è che un solo Allàh, e questo Allàh è unico; se essi non ritrarranno ciò che affermano, un doloroso castigo attenderà gli infedeli».
    </p><p>ecc....
    </p></span>

    RispondiElimina
  11. <span>dal giorno della beatificazione,  sul web dilagano ormai i siti di cattolici di profonda Fede e sensibilità cristiana, scandalizzati e inorriditi da quella scuola di apostasia e indifferentismo/sincretismo che promana da tanti gesti del beatificato, persone scioccate che si chiedono COME  abbia potuto la Santa  Chiesa arrivare a tanto, e sentirsi in dover di beatificare colui che ha fatto simile magistero visuale al mondo intero.  
     
    Eccone alcuni:  
    http://tertiumnondatur.blogspot.com/2011/01/bacia-il-corano-e-sarai-beatificato.html  
    <span>foto di Assisi che mostra il Sommo [!] Pontefice, Vicario di Cristo [!], allo stesso livello di eretici e stregoni: poteva egli permettersi di pregare con gli adoratori di Satana? [dii gentium daemonia]</span>  
    un commento:  
    <span>Assisteremo inoltre alle ignobili giravolte dialettiche di chi vorrà convincerci che pregano "contemporaneamente", non "insieme". Irreparabile sarà lo scandalo nei più semplici e gli avversari della Chiesa avranno un insperato contributo alla loro azione di distruzione....</span>   
    http://holywar.org/italia/txt/musli.htm  <span>
    <span>IL CORANO NEGA LA TRINITÀ E L’INCARNAZIONE</span>  


    Sura V, 77 (La tavola)
    «Infedele è colui che dice: Allàh è il terzo della Trinità: non vi è che un solo Allàh, e questo Allàh è unico; se essi non ritrarranno ciò che affermano, un doloroso castigo attenderà gli infedeli».  ....
    </span></span>

    RispondiElimina
  12. così...ad memoriam:
    La comunità musulmana della Bosnia ha eretto un monumento in onore a Papa Giovanni Paolo II nella città capitale di Sarajevo. Il leader della comunità, Mustafa Ceric, ha dichiarato: «Giovanni Paolo II è una delle figure più importanti del 20° secolo, ha voluto bene alla nostra gente, ha dimostrato rispetto verso il Corano, lo ha perfino baciato».
    anche Mustafa Ceric mente?
    e qui chiudo la solita trita e ritrita discussione su questo gesto perchè non era di questo che volevo approfondire....
    Forse lo stava solo annusando....io penso questo: che se il bacio ci fu, Giovanni Paolo II non lo diede certo per dimostrare che il suo contenuto fosse teologicamente autentico, nel Corano egli ci vedeva TUTTO L'ISLAM, IL POPOLO, L'UOMO ISLAMICO....
     Se poi alcuni lo hanno strumentalizzato per altri fini o per dire di un papa che si sottomette ad un testo che nega la Trinità, queste persone sarebbero solo degli stolti.... ne sono convintissima...in ogni caso ho fiducia nello Spirito Santo.... ma questo non esclude che, per ritornare a Enzo Bianchi, o noi o loro o tutti SIAMO STATI INGANNATI da una certa pastorale assolutamente fuori dell'ortodossia cattolica, e chi doveva vigilare non c'era....o ne era consapevole, oppure oggi fa marcia indietro... qualunque sia la situazione QUESTA VA CHIARITA....
    questo sottointende Bianchi...

    RispondiElimina
  13. l'autore si chiede:
    <span><span>San Giovanni Bosco, che stigmatizzò con parole durissime sia il Corano che Maometto, avrebbe baciato con tanto ardore il Corano al modo di Giovanni Paolo II ? </span>
    <span><span>
    </span></span></span>

    RispondiElimina
  14. cara memory, come ho spiegato sopra, vorrei che ci concentrassimo di più sulle gravissime parole di Enzo Bianchi che non sui GESTI di Wojtyla nei quali, lo confesso, non ci vedo cedimento teologico e dottrinale, ma un MEZZO- il gesto - per AMARE L'UOMO  che non la pensa come noi e che non conosce Cristo....giusto o sbagliato che sia non è il gesto in sè che corrompe, non è ciò che esteriore che corrompe, dice Cristo, MA SONO LE INTENZIONI DEL CUORE CHE CORROMPONO.... ;)  di conseguenza vado diritta alle parole di Bianchi e su queste mi pongo anch'io mille domande e non posso non dargli ragione di quel che dice....
    Non si può fare un processo e un verdetto su di una foto....ma su ciò che Bianchi dice si....
    perchè la foto è una ISTANTANEA, UN MOMENTO, UN ATTIMO che può voler dire mille cose.... ma ciò che dice Bianchi E' PARTE INTEGRANTE DI UNA PASTORALE CHE DURA DA MOLTI ANNI....

    Ho letto anche le risposte di mic e di altri sull'argomento.... e non posso che condividerne tutto l'immenso dolore....

    La nomina di un Vescovo deve partire dall'incorruttibilità dell'ortodossia, questo sta alla radice...
    un vescovo, in teoria, per dare i Sacramenti ai  laici, deve sapere in che condizioni ortodosse egli sia... se è un divorziato risposato egli non gli da l'Eucarestia.... se una donna ha abortito perchè così riteneva giusto fare e non si è convertita, non gli da alcun Sacramento....
    insomma, se le LEGGI DELLA CHIESA valgono per il Laici, quanto più a ragione devono valere per i Pastori?
    altrimenti rischiamo il monito di Cristo: può un cieco guidare un'altro cieco?
    Bianchi non ha torto....c'è qualche Vescovo che sappia rispondergli con ortodossia?
    :-[

    RispondiElimina
  15. il progressismo è l opera di satana ,la tradizione è l opera di DIO

    RispondiElimina
  16. <span>l'autore del sito si chiede:</span>
    <span><span>San Giovanni Bosco, che stigmatizzò con parole durissime sia il Corano che Maometto, avrebbe baciato con tanto ardore il Corano al modo di Giovanni Paolo II ? </span>  ---</span>
    sul sito http://it.answers.yahoo.com/
    dove spesso si pongono quesiti di religione e cattolicità, un utente chiede:
    <span>"Chi bacia il corano può essere beatificato?"

    ----------------------
    http://www.crisidellachiesa.com/articoli/autorita/bacio_corano/wojtyla_bacia_il_corano.htm
    <span>
    <p><span>Alcune persone, imbarazzate dallo scandalo, pretendono che Giovanni Paolo II non abbia mai baciato il Corano<span><span>.</span></span> Oppure dicono che il ritratto libro nella fotografia non sia il Corano, o affermano che si tratti di un montaggio fotografico! Queste obiezioni sono facili da smontare. Innanzitutto, c'è la testimonianza del Patriarca caldeo cattolico Raphaël I BiDawid (1922-2003), che era presente a quell'incontro<sup> </sup>: «Il 14 maggio sono stato ricevuto dal Papa, con una delegazione composta dall'iman sciita della moschea sunnita Khadum e dal presidente del consiglio di amministrazione della Banca islamica irachena. C'era anche un rappresentante del Ministero iracheno della religione [...]. Alla fine dell'udienza, il Papa si è inchinato davanti al libro sacro musulmanoil Corano, presentato dalla delegazione, e lo ha baciato in segno di rispetto. La foto di questo gesto è stata mandata in onda a<span> più riprese dalla televisione irachena</span> per dimostrare che il Papa non solo ha consapevolezza della sofferenza del popolo iracheno, ma che ha anche molto rispetto per l'islam». Questa testimonianza potrebbe bastare, ma si potrebbero citare anche altri articoli apparsi sui media:</span>
    </p><p> <span>- In un articolo pubblicato su Le Monde des religions in occasione della morte di Giovanni Paolo II è stato scritto: «Giovanni Paolo II ha compiuto alcuni gesti simbolici senza precedenti. Egli è stato il primo Papa a riunire in preghiera i capi spirituali delle principali confessioni del pianeta, il primo ad entrare in una sinagoga, il primo a penetrare in una moschea, il primo a baciare pubblicamente il Corano, a pregare davanti al Muro del Pianto a Gerusalemme, a partecipare in numerose occasioni a riti non monoteisti […]. </span>
    </p><p><span>Non dimentichiamo inoltre che è stato soprattutto un Papa viaggiatore, trovandosi di fronte, naturalmente, in quasi tutti i suoi spostamenti, al problema della diversità. Ora, ogni volta che si è trovato dinanzi a popolazioni non cattoliche, egli ha tentato, con un senso acuto del simbolo, di entrare in relazione fraterna con i loro rappresentanti religiosi»<sup> ...</sup></span>
    </p></span>
    </span>

    RispondiElimina
  17. è vero: ma bisogna guardare oggi con la massima attenzione e prudenza COME  viene intesa la parola Tradizione,  da quanti conosciuta nel suo vero significato; e vedere CHI di fatto, nelle diocesi e parrocchie vuole assumersi il compito di spiegarla ai fedeli confusi, e PER QUALI fini, e con QUALI  parole e strumenti pastorali.

    RispondiElimina
  18. Apprezzabile il ripulisti, un inizio  che non vorrei si limitasse a chi "inciampa" sulla morale, perchè di cattivi maestri che "inciampano" sulla Dottrina della Fede ce ne sono in circolazione  troppi, alcuni sono stati perfino recentemente nominati vescovi...vedi Fonlupt a Rodez.
    Cattivi maestri chi stanno ingannando le anime con i loro magisteri paralleli, con le loro "liturgie" dissacrate, sempre meno cattoliche e sempre più ecumeniche, perfetti allievi di Bugnini che deve essere molto contento , lui che voleva togliere dalla preghiera cattolica ogni ostacolo che  avrebbe potuto essere pietra d`inciampo al riavvicinamento con i "fratelli separati", quel che lui non è riuscito a fare i suo degni allievi lo stanno portando a compimento, se l`autorità suprema non interviene con la stessa severità che mostra per gli affari legati alla morale sessuale, alla morale tout court.

    RispondiElimina
  19. spiacente, Caterina: il gesto, (i GESTI) altamente diseducativo nella sua potenza d'immagine, eloquente più di mille parole, è ingiustificabile sotto qualsiasi punto di vista, MEN CHE MENO sotto la frase "amore per l'uomo".
    Questo NON SIGNIFICA affatto aver a cuore la  SALVEZZA DELLE ANIME, che è il supremo fine della Chiesa,e in primios del Vicario di Cristo , in tutti i tempi della storia, non solo fino al 1960 !

    RispondiElimina
  20. <span>spiacente, Caterina: il gesto, (i GESTI) altamente diseducativo nella sua potenza d'immagine, eloquente più di mille parole, è ingiustificabile sotto qualsiasi punto di vista, MEN CHE MENO sotto la frase "amore per l'uomo".  
    Questo NON SIGNIFICA affatto aver a cuore la  SALVEZZA DELLE ANIME, che è il supremo fine della Chiesa, e in primis del Vicario di Cristo , in tutti i tempi della storia, non solo fino al 1960 !</span>
    E' proprio dal FALSO AMORE PER L'UOMO, che fin dal Cv2 generando il buonismo, il lassismo dottrinale e morale, il d ialoghismo ecumenico, spacciato per nuova evangelizzazione, che si è originato questo sfacelo della Chiesa Cattolica NON PIU' APOSTOLICA, nè militante, ma dialogante e falsa evangelizzatrice con l'idea che tutte le religioni sono buone, fino al punto odierno (come tu hai riferito) di vedere parroci che leggono il Corano insieme col Vangelo. o altri che hanno riferito parrocchie dove si è pregato anche Lutero [!]
    Amare l'uomo è innanzitutto portarlo a Nostro Signore, Salvatore del mondo: amare l'errante NON EQUIVALE ad abbracciare e   BACIARE E VENERARE il suo errore, specie se è IDOLATRIA 

    RispondiElimina
  21. memory.... il ciò che  per NOI può SEMBRARE diseducativo, può NON esserlo da parte di chi accoglie un gesto, ossia, dipende sempre dalle intenzioni, non fraintendermi, leggi le mie parole alla luce della parabola del "buon samaritano"..ed ovviamente entro certi limiti. ;)
    Bellissima la storia di una famiglia musulmana che si convertì a Cristo dopo la visita di Giovanni Paolo II a Casablanca... lui era stato scelto fra alcune famiglie della comunità islamica, di recare i doni con l'Imman.... egli racconta che quando si è trovato faccia a faccia con il Papa di Roma e che riteneva infedele, ma che per quieto vivere POLITICO dovevano rispettare quale CAPO DI STATO AMICO, lo colpì maggiormente il grande rispetto che nutriva per chi lo ospitava.... il punto cruciale che gli ha fatto sciogliere ogni dubbio e spingerlo a conoscere più profondamente questo Cristo per il quale LUI PARLAVA E VISITAVA QUELLA TERRA, è stata una domanda che gli frullava per la testa: "MA CHI E' QUESTO CRISTO CHE QUEST'UOMO PRETENDE DI RAPPRESENTARE E CHE VIENE IN NOME SUO A RISPETTARCI E A PARLARE CON NOI?"
    ritenne questo "GESTO"  molto fondamentale per rispondere alle tante domande che si poneva e da qui cominciò il suo cammino di conversione, fino a ricevere lui e la sua famiglia, il Battesimo....e naturalmente dimostrare già con LA SOFFERENZA la conversione perchè dovette TRASLOCARE dalla sua terra dove non era più ben accetto....

    Ordunque, torno a riportare l'attenzione, invece sulle parole di Enzo Bianchi e che ci riguardano TUTTI.... :-[
    qui non siamo più a discutere sui gesti.... ma su dei fatti che tutti abbiamo vissuto e stiamo vivendo, sia dalla parte di Bianchi sia dall'altro versante opposto...

    RispondiElimina
  22. Concordo, con qualche distinguo

    RispondiElimina
  23. <span> tutti SIAMO STATI INGANNATI da una certa pastorale assolutamente fuori dell'ortodossia cattolica</span>
    ma non riesci mai a chiederti da DOVE sia partita quella pastorale non-ortodossa ! quando arrivi ad individuare il problema che sta a monte, ritorni a valle e parli di "cattive interpretazioni"; ma è ora o non è ora di chiedersi CHI ha scritto questi testi che sono all'origine delle pastorali etero-dosse, fomentatrici di eresie dottrinali (dalla pratica --> alla grammatica rifatta etero.-) ?  ed eventualmente PERCHE' ha scritto quei testi siffatti, che potessero servire da trampolino-giustificazione per quelle pastorali ?
    COME POSSONO secondo te, i vescovi essere in grado di evitare l'ambiguità e il sincretismo, se l'esempio di AMBIGUITA' viene dall'alto, e -nella diacronia- l'AMBIGUITA' e la stessa idea di abbraccio-sincresis risalgono ad una CERTA DATA STORICA dove si proclamò che  BISOGNA SEMPRE CERCARE CIO' CHE CI UNISCE ?
    e vedendo che tale idea -lo spirito del concilio- espresso in vari documenti rappresentativi, è massimamente realizzato con Assisi 1-2-3- n-  ovvero "massima libertà di professare qualsiasi religione", massimo rispetto per tutte le DIVERSITA', che il cristiano deve avere verso tutte le religioni, oltrre che chiederlo per la sua  ?  
    (pio illuso, si deve ritenere, oltre che di nulla fede, il cristiano relativista, che dimentica la vera sequela di Cristo, il Quale promette le persecuzioni ai suoi seguaci....)

    RispondiElimina
  24. Una piccola osservazione sulla frase:

    <span><span><span><span><span>Egli è stato il primo Papa a riunire in preghiera i capi spirituali delle principali confessioni del pianeta, il primo ad entrare in una sinagoga, il primo a penetrare in una moschea, il primo a baciare pubblicamente il Corano, a pregare davanti al Muro del Pianto a Gerusalemme, a partecipare in numerose occasioni a riti non monoteisti […]</span>  </span></span></span></span>

    Tutto giusto tranne il fatto che ad entrare in una sinagoga lo aveva fatto prima anche un certo Gesù, insieme ai suoi più stretti collaboratori ... Per quel che riguarda il muro del pianto non si usava ancora perché si preferiva andare a pregare al tempio.

    Per il resto concordo nella preoccupazione che questi gesti, fatti da GPII certamente per amore e rispetto degli interlocutori, poterono e furono diversamente interpretati.

    RispondiElimina
  25. caterina, la risposta alla 
    tua domanda è tutta qui:
    <span>

    "Il sacerdote deve lottare contro gli errori e contro i falsi dottori. Contro le eresie e contro gli eretici. Perché è il guardiano delle verità di Fede, per prima cosa. Ma è anche il guardiano del Bene delle anime".
    <span><span>Omelia pronunciata da S. Ecc. Mons. Alfonso De Galarreta </span> <span>
    durante la S. Messa per le ordinazioni sacerdotali</span> <span>
    della Fraternità San Pio X</span>  <span>a Ecône, il 27 giugno 2008</span> </span>
    in cui si legge:
    <span>Il secondo elemento essenziale al Sacerdozio: la predicazione della Verità. Nostro Signore Gesù Cristo è la verità stessa. " Io sono la verità ". Ed Egli è venuto in questo mondo per rendere testimonianza alla Verità. Come dice davanti a Cefa. E la Santa Chiesa cattolica è la colonna e il sostegno della Verità. Ne consegue dunque che compito essenziale del sacerdote è predicare la verità. Il sacerdote deve dunque prepararsi. Egli dev’essere o deve diventare capace di insegnare la Verità. E deve consacrarsi alla predicazione. Per San Paolo, essere Apostoli significa essenzialmente predicare, insegnare. Essere un dottore, un messaggero, un araldo che proclama sempre la parola di Dio. Sono le sue esatte parole. La Parola di Dio, la Parola della Verità, le parole sante di Nostro Signore Gesù Cristo. Le parole della Fede. La Santa Dottrina. Ed è l’esempio che ci ha dato proprio Nostro Signore. La Sua vita pubblica è una vita di predicazione, di insegnamento. Di rivelazione della Verità, proprio. Ed è anche il suo comandamento: " Andate e insegnate a tutte le creature ". Cioè a tutti gli uomini. Tutti gli uomini. E questa predicazione dev’essere fedele. Ciò che è richiesto dunque nell’esercizio dei propri doveri è avere la fedeltà. Ciò che si chiede al ministro è che sia fedele. Un ministro dev’essere fedele al suo ministero, a ciò che gli si chiede di trasmettere. Ed essere fedele significa prima di tutto predicare l’integrità della Dottrina. Predicare, insegnare questa dottrina in tutta la sua purezza. Dunque voi vedete: tutta la Fede, nient’altro che la Fede. Niente si può aggiungere, niente si può togliere.</span>
    </span>

    RispondiElimina
  26. <span>E questa predicazione, integrale e pura, dev’essere necessariamente quella della Tradizione.  
    Si deve predicare secondo l’insegnamento della Tradizione
    . Secondo la predicazione tradizionale, che è il criterio e la norma della Fede. Il primo e il principale criterio della Fede.  
    È così che lo chiama San Paolo. " Noi non siamo come molti che snaturano, che adulterano la Parola di Dio. Ma è in tutta purezza, come da parte di Dio, come davanti a Dio, in Cristo, che parliamo ".  
    Si chiede giustamente di non adulterare la Fede. Ed egli consiglia a Timoteo: " Abbi come modello le sante parole che hai ascoltato da me nella Fede e nella Carità di Cristo ". L’insegnamento puro, perfetto. E aggiunge: " Conserva il prezioso deposito della Fede, per mezzo dello Spirito Santo, che abita in noi ". Quindi il sacerdote riceve lo Spirito Santo, specialmente nel Sacerdozio, al fine di conservare questo insegnamento, questa Tradizione, al fine di insegnarla, di predicarla....-------------------ora comincia a chiederti PERCHE'  non si è insegnata più la Tradizione, perchè si è adulterata la Fede, a partire DA QUANDO, ad opera di chi è stata ALTERATA LA FEDE,  alterando la stessa Parola di Gesù Cristo, la Santa sua Dottrina, in quanti modi e per quali SCOPI ULTIMI, soprattutto !(non è tanto difficile: si tratta solo di voler aprire gli occhi, come sempre, da 50 anni a questa parte....)</span>

    RispondiElimina
  27. Ariberto d'intimiano19 maggio 2011 17:15

    <p><span>Scusa Memory solo per correttezza non voglio fare il saccente ma se citi la sura V Al Ma'ida (la Tavola imbandita) versetto 77 devi citarlo correttamente </span>
    </p><p><span>Dunque questo è il versetto 77:  </span><span>Di': “O Gente della Scrittura, non esagerate nella vostra religione. Non seguite le stesse passioni che seguirono coloro che si sono traviati e che hanno traviato molti altri, che hanno perduto la retta via”. </span><span></span>
    </p><p><span>Per la discussione sull'Islam e il Cristianesimo questi sono i versetti teologicamente più importanti</span><span></span>
    </p><p><span>72. Sono certamente miscredenti quelli che dicono: “Allah è il Messia, figlio di Maria!”. Mentre il Messia disse: “O Figli di Israele, adorate Allah, mio Signore e vostro Signore”. Quanto a chi attribuisce consimili ad Allah, Allah gli preclude il Paradiso, il suo rifugio sarà il Fuoco. Gli ingiusti non avranno chi li soccorra! </span>
    </p><p><span>73. Sono certamente miscredenti quelli che dicono: “In verità Allah è il terzo di tre”. Mentre non c'è dio all'infuori del Dio Unico! </span>
    </p><p><span>E se non cessano il loro dire, un castigo doloroso giungerà ai miscredenti. </span>
    </p><p><span>74. Perché non si rivolgono pentiti ad Allah, implorando il Suo perdono? Allah è perdonatore, misericordioso. </span>
    </p><p><span>75. Il Messia, figlio di Maria, non era che un messaggero. Altri messaggeri erano venuti prima di lui, e sua madre era una veridica. Eppure entrambi mangiavano cibo. Guarda come rendiamo evidenti i Nostri segni, quindi guarda come se ne allontanano.. </span>
    </p><p><span> </span>
    </p><p><span>Qui non si parla di infedeli ma di miscredenti, miscredente è un concetto teologico molto diverso rispetto a infedele, l'Islam rifuta la deità di Cristo ma non Cristo che invece è per l'Islam un messagero di Allah. </span>
    </p><p><span></span>
    </p><p><span><span>116. E quando Allah dirà: “O Gesù figlio di Maria, hai forse detto alla gente: "Prendete me e mia madre come due divinità, all'infuori di Allah?"”, risponderà: “Gloria a Te! Come potrei dire ciò di cui non ho il diritto? Se lo avessi detto, Tu certamente lo sapresti, ché Tu conosci quello che c'è in me e io non conosco quello che c'è in Te. </span><span></span></span>

    </p><p><span>In verità sei il Supremo conoscitore dell'inconoscibile. </span>
    </p>

    RispondiElimina
  28. Ulrico da Bresso19 maggio 2011 17:16

    <span> 

    <span>Scusa Memory solo per correttezza non voglio fare il saccente ma se citi la sura V Al Ma'ida (la Tavola imbandita) versetto 77 devi citarlo correttamente </span> 
    <span>Dunque questo è il versetto 77:  </span><span>Di': “O Gente della Scrittura, non esagerate nella vostra religione. Non seguite le stesse passioni che seguirono coloro che si sono traviati e che hanno traviato molti altri, che hanno perduto la retta via”. </span><span></span> 
    <span>Per la discussione sull'Islam e il Cristianesimo questi sono i versetti teologicamente più importanti</span><span></span>  
    <span>72. Sono certamente miscredenti quelli che dicono: “Allah è il Messia, figlio di Maria!”. Mentre il Messia disse: “O Figli di Israele, adorate Allah, mio Signore e vostro Signore”. Quanto a chi attribuisce consimili ad Allah, Allah gli preclude il Paradiso, il suo rifugio sarà il Fuoco. Gli ingiusti non avranno chi li soccorra! </span> 
    <span>73. Sono certamente miscredenti quelli che dicono: “In verità Allah è il terzo di tre”. Mentre non c'è dio all'infuori del Dio Unico! </span> 
    <span>E se non cessano il loro dire, un castigo doloroso giungerà ai miscredenti. </span> 
    <span>74. Perché non si rivolgono pentiti ad Allah, implorando il Suo perdono? Allah è perdonatore, misericordioso. </span> 
    <span>75. Il Messia, figlio di Maria, non era che un messaggero. Altri messaggeri erano venuti prima di lui, e sua madre era una veridica. Eppure entrambi mangiavano cibo. Guarda come rendiamo evidenti i Nostri segni, quindi guarda come se ne allontanano.. </span> 
    <span> </span>  
    <span>Qui non si parla di infedeli ma di miscredenti, miscredente è un concetto teologico molto diverso rispetto a infedele, l'Islam rifuta la deità di Cristo ma non Cristo che invece è per l'Islam un messagero di Allah. </span> 
    <span></span> 
    <span><span>116. E quando Allah dirà: “O Gesù figlio di Maria, hai forse detto alla gente: "Prendete me e mia madre come due divinità, all'infuori di Allah?"”, risponderà: “Gloria a Te! Come potrei dire ciò di cui non ho il diritto? Se lo avessi detto, Tu certamente lo sapresti, ché Tu conosci quello che c'è in me e io non conosco quello che c'è in Te. </span><span></span></span> 
     
    <span>In verità sei il Supremo conoscitore dell'inconoscibile. </span> 
    </span>

    RispondiElimina
  29. Ulrico da Bresso19 maggio 2011 17:22

    <span>Scusa Memory solo per correttezza non voglio fare il saccente ma se citi la sura V Al Ma'ida (la Tavola imbandita) versetto 77 devi citarlo correttamente </span>   
    <span>Dunque questo è il versetto 77:  </span><span>Di': “O Gente della Scrittura, non esagerate nella vostra religione. Non seguite le stesse passioni che seguirono coloro che si sono traviati e che hanno traviato molti altri, che hanno perduto la retta via”. </span><span></span>   
    <span></span>
    <span>Per la discussione sull'Islam e il Cristianesimo questi sono i versetti teologicamente più importanti</span><span></span>    
    <span>72. Sono certamente miscredenti quelli che dicono: “Allah è il Messia, figlio di Maria!”. Mentre il Messia disse: “O Figli di Israele, adorate Allah, mio Signore e vostro Signore”. Quanto a chi attribuisce consimili ad Allah, Allah gli preclude il Paradiso, il suo rifugio sarà il Fuoco. Gli ingiusti non avranno chi li soccorra! </span>   
    <span>73. Sono certamente miscredenti quelli che dicono: “In verità Allah è il terzo di tre”. Mentre non c'è dio all'infuori del Dio Unico! </span>   
    <span>E se non cessano il loro dire, un castigo doloroso giungerà ai miscredenti. </span>   
    <span>74. Perché non si rivolgono pentiti ad Allah, implorando il Suo perdono? Allah è perdonatore, misericordioso. </span>   
    <span>75. Il Messia, figlio di Maria, non era che un messaggero. Altri messaggeri erano venuti prima di lui, e sua madre era una veridica. Eppure entrambi mangiavano cibo. Guarda come rendiamo evidenti i Nostri segni, quindi guarda come se ne allontanano.. </span>   
    <span> </span>    
    <span>Il versetto a cui fai riferimento è il 77. Ma qui non si parla di infedeli ma di miscredenti, miscredente è un concetto teologico molto diverso rispetto a infedele, l'Islam rifuta la deità di Cristo ma non Cristo che invece è per l'Islam un messagero di Allah. </span>   
    <span></span>   
    <span><span>116. E quando Allah dirà: “O Gesù figlio di Maria, hai forse detto alla gente: "Prendete me e mia madre come due divinità, all'infuori di Allah?"”, risponderà: “Gloria a Te! Come potrei dire ciò di cui non ho il diritto? Se lo avessi detto, Tu certamente lo sapresti, ché Tu conosci quello che c'è in me e io non conosco quello che c'è in Te.</span></span><span>In verità sei il Supremo conoscitore dell'inconoscibile</span>

    RispondiElimina
  30. Ulrico da Bresso19 maggio 2011 17:23

    <span><span>Scusa Memory solo per correttezza non voglio fare il saccente ma se citi la sura V Al Ma'ida (la Tavola imbandita) versetto 77 devi citarlo correttamente </span>     
    <span>Dunque questo è il versetto 77:  </span><span>Di': “O Gente della Scrittura, non esagerate nella vostra religione. Non seguite le stesse passioni che seguirono coloro che si sono traviati e che hanno traviato molti altri, che hanno perduto la retta via”. </span><span></span>     
    <span></span> 
    <span>Per comprender questo versetto bisogna leggere i versetti teologicamente più importanti della sura che sono il:</span>
    <span>72. Sono certamente miscredenti quelli che dicono: “Allah è il Messia, figlio di Maria!”. Mentre il Messia disse: “O Figli di Israele, adorate Allah, mio Signore e vostro Signore”. Quanto a chi attribuisce consimili ad Allah, Allah gli preclude il Paradiso, il suo rifugio sarà il Fuoco. Gli ingiusti non avranno chi li soccorra! </span>     
    <span>73. Sono certamente miscredenti quelli che dicono: “In verità Allah è il terzo di tre”. Mentre non c'è dio all'infuori del Dio Unico! </span>     
    <span>E se non cessano il loro dire, un castigo doloroso giungerà ai miscredenti. </span>     
    <span>74. Perché non si rivolgono pentiti ad Allah, implorando il Suo perdono? Allah è perdonatore, misericordioso. </span>     
    <span>75. Il Messia, figlio di Maria, non era che un messaggero. Altri messaggeri erano venuti prima di lui, e sua madre era una veridica. Eppure entrambi mangiavano cibo. Guarda come rendiamo evidenti i Nostri segni, quindi guarda come se ne allontanano.. </span>     
    <span> </span>      
    <span>Il versetto a cui fai riferimento è il 77. Ma qui non si parla di infedeli ma di miscredenti, miscredente è un concetto teologico molto diverso rispetto a infedele, l'Islam rifuta la deità di Cristo ma non Cristo che invece è per l'Islam un messagero di Allah. </span>     
    <span></span>     
    <span><span>116. E quando Allah dirà: “O Gesù figlio di Maria, hai forse detto alla gente: "Prendete me e mia madre come due divinità, all'infuori di Allah?"”, risponderà: “Gloria a Te! Come potrei dire ciò di cui non ho il diritto? Se lo avessi detto, Tu certamente lo sapresti, ché Tu conosci quello che c'è in me e io non conosco quello che c'è in Te.</span></span><span>In verità sei il Supremo conoscitore dell'inconoscibile</span></span>

    RispondiElimina
  31. Ulrico da Bresso19 maggio 2011 17:26

    <span><span><span>Scusa Memory solo per correttezza non voglio fare il saccente ma se citi la sura V Al Ma'ida (la Tavola imbandita) versetto 77 devi citarlo correttamente </span>       
    <span>Dunque questo è il versetto 77:  </span><span>Di': “O Gente della Scrittura, non esagerate nella vostra religione. Non seguite le stesse passioni che seguirono coloro che si sono traviati e che hanno traviato molti altri, che hanno perduto la retta via”. </span><span></span>       
    <span></span>   
    <span>Per comprendere questo versetto bisogna leggere quattro versetti precedenti della sura che sono il:</span>  
    <span>72. Sono certamente miscredenti quelli che dicono: “Allah è il Messia, figlio di Maria!”. Mentre il Messia disse: “O Figli di Israele, adorate Allah, mio Signore e vostro Signore”. Quanto a chi attribuisce consimili ad Allah, Allah gli preclude il Paradiso, il suo rifugio sarà il Fuoco. Gli ingiusti non avranno chi li soccorra! </span>       
    <span>73. Sono certamente miscredenti quelli che dicono: “In verità Allah è il terzo di tre”. Mentre non c'è dio all'infuori del Dio Unico! </span>       
    <span>E se non cessano il loro dire, un castigo doloroso giungerà ai miscredenti. </span>       
    <span>74. Perché non si rivolgono pentiti ad Allah, implorando il Suo perdono? Allah è perdonatore, misericordioso. </span>       
    <span>75. Il Messia, figlio di Maria, non era che un messaggero. Altri messaggeri erano venuti prima di lui, e sua madre era una veridica. Eppure entrambi mangiavano cibo. Guarda come rendiamo evidenti i Nostri segni, quindi guarda come se ne allontanano.. </span>       
    <span> </span>        
    <span>Il versetto a cui fai riferimento è il 73. Ma qui non si parla di infedeli ma di miscredenti, miscredente è un concetto teologico molto diverso rispetto a infedele, l'Islam rifuta la deità di Cristo ma non Cristo che invece è per l'Islam un messagero di Allah. </span>       
    <span></span>       
    <span><span>116. E quando Allah dirà: “O Gesù figlio di Maria, hai forse detto alla gente: "Prendete me e mia madre come due divinità, all'infuori di Allah?"”, risponderà: “Gloria a Te! Come potrei dire ciò di cui non ho il diritto? Se lo avessi detto, Tu certamente lo sapresti, ché Tu conosci quello che c'è in me e io non conosco quello che c'è in Te.</span></span><span>In verità sei il Supremo conoscitore dell'inconoscibile</span></span></span>

    RispondiElimina
  32. Ulrico da Bresso19 maggio 2011 17:28

    <span><span><span><span>Scusa Memory solo per correttezza non voglio fare il saccente ma se citi la sura V Al Ma'ida (la Tavola imbandita) versetto 77 devi citarlo correttamente </span>         
    <span>Dunque questo è il versetto 77:  </span><span>Di': “O Gente della Scrittura, non esagerate nella vostra religione. Non seguite le stesse passioni che seguirono coloro che si sono traviati e che hanno traviato molti altri, che hanno perduto la retta via”. </span><span></span>         
    <span></span>     
    <span>Per comprendere questo versetto bisogna leggere quattro versetti precedenti della sura che sono il:</span>    
    <span>72. Sono certamente miscredenti quelli che dicono: “Allah è il Messia, figlio di Maria!”. Mentre il Messia disse: “O Figli di Israele, adorate Allah, mio Signore e vostro Signore”. Quanto a chi attribuisce consimili ad Allah, Allah gli preclude il Paradiso, il suo rifugio sarà il Fuoco. Gli ingiusti non avranno chi li soccorra! </span>         
    <span>73. Sono certamente miscredenti quelli che dicono: “In verità Allah è il terzo di tre”. Mentre non c'è dio all'infuori del Dio Unico! </span>         
    <span>E se non cessano il loro dire, un castigo doloroso giungerà ai miscredenti. </span>         
    <span>74. Perché non si rivolgono pentiti ad Allah, implorando il Suo perdono? Allah è perdonatore, misericordioso. </span>         
    <span>75. Il Messia, figlio di Maria, non era che un messaggero. Altri messaggeri erano venuti prima di lui, e sua madre era una veridica. Eppure entrambi mangiavano cibo. Guarda come rendiamo evidenti i Nostri segni, quindi guarda come se ne allontanano.. </span>         
    <span> </span>          
    <span>Il versetto a cui fai riferimento è il 73. Ma qui non si parla di infedeli ma di miscredenti, miscredente è un concetto teologico molto diverso rispetto a infedele, l'Islam rifuta la deità di Cristo ma non Cristo che invece è per l'Islam un messagero di Allah. </span>   </span></span></span>

    RispondiElimina
  33. ...se non interviene con la stessa severità che riserva a chi chiede la messa in latino...

    RispondiElimina
  34. <span>...se volete sapere di più sul disastro della chiesa catalana e del signor emonentissimo cardinale (ogni giorno mi chiedo chi cavolo lo ha elevato a tale onore) andate la sito "Germins Germinabit", e vi renderete conto a che punto siamo arrivati qua a barcellona..</span>
    <span></span>

    RispondiElimina
  35. <span>una cosa tra le tante...guardate cos'ha combinato il Sabato Santo.....</span>

    RispondiElimina
  36. Uno che tenta di essere cristiano19 maggio 2011 21:40

    Il Papa ha fatto semplicemente il suo "lavoro". Cosa che spesse volte alcuni suoi amici non gli lasciano fare.

    RispondiElimina
  37. Simon de Cyrène19 maggio 2011 21:56

    Caterina, prima di continuare a diffamare un Beato a partire da una foto dove è inchinato su quel che probabilmente è  un vangelo in arameo, sarebbe gentile di darci il link della fonte originale che sostiene questa sua affermazione? "<span> le rammento le parole del suo segretario oggi cardinale il quale, alla domanda sul bacio al corano, egli non ha smentito, non ha detto che era falso, ma rispose: "IL GESTO E' STATO FRAINTESO!"    "</span>

    RispondiElimina
  38. Simon de Cyrène19 maggio 2011 22:02

    Caterina, lei chiede nella sua rabbia contro il beato Giovanni Paolo Magno: "<span>anche Mustafa Ceric mente? " </span>
    E' molto semplice: c'era Mustafa dal Papa quel giorno dove il Papa era un po' curvato dovuto alla vecchiaia e malattia con un libro in mano, probabilmente un Vangelo? Se non c'era, da dove ha tirato su quest'informazione? Dai siti sedevacantisti statunitensi che la crearono appunto per sporcare il futuro Beato?
    Lei partecipa di calunnie e di pettegolezzi finchè contnua a propagarle senza controllarle, ben sapendo quel che potrebbero essere.
    La calunnia ed il pettegolezzo; vizi tipici di certi ambienti, i soliti ambienti.

    RispondiElimina
  39. Simon de Cyrène19 maggio 2011 22:09

    <span><span>
    <p><span>(cont'd)  </span><span>Il bacio del Corano è una bufala che fu inventata negli ambienti sedevacantisti americani di sana pianta l'1 giugno 1999 concomitanamente da questi due siti americani che, lavorando di conserva, si citano tra di loro il fine essendo di calunniare un Papa "post-conciliare": "http://www.traditioninaction.org/RevolutionPhotos/A055rcKoran.htm" e "http://www.catholicculture.org/news/features/index.cfm?recnum=10415".</span> 
    </p><p><span>"traditioninaction" contiene a) la famosa foto, b) un’introduzione che cita Fides News, c) il corpo del testo calunnioso e D) un link ad un sito chiamato “Source”. E’ la prima volta che la foto appare (e come ogni foto può essere interpretata come si vuole fuori contesto ammesso ch enon sia un fotomontaggio): "traditioninaction"<span>  </span>aggiunge il commento calunnioso. Precede il commento calunnioso da una referenza autoritativa alla Fides, MA NON ne dà il link.<span>  </span>Il link “Source” del sito rimanda in realtà a<span>  </span>"catholicculture".</span>
    </p><p><span> </span>
    </p><p><span>"catholicculture": a)non contiene nessuna foto, b)fa riferimento alla Fides, ma non dà nessun link a codesta, c) se guardiamo la seconda domanda della supposta intervista, vediamo che è composta di 3 paragrafi: il paragrafo 3 è in perfetta sintonia e continuazione del paragrafo 1, mentre il paragrafo 2 (il commento calunnioso) vi è come il cavolo alla merenda!</span>
    </p><p><span> </span>
    </p><p><span>Siamo quindi davanti ad un “caso di scuola” di costruzione di disinformazione: "traditioninaction" rimanda a "catholicculture" per “validare “ il testo , lasciando l’impressione che si va su Fides e si “infila” la foto, la cui vera l’origine è sconosciuta e può pure essere un fotomontaggio a questo punto, e la fa passare per un documento Fides.</span> 
    </p><p><span>La cosa la più triste è che TUTTI coloro che citano la "fonte" di questa foto si riferiscono ad un comunicato della Fides (datata del 4 giugno, cioè posteriore addirittura al 1 giugno) che NON E' MAI ESISTITO, che nessuno è mai stato capace di mostrare e che dunque non hanno potuto controllare in prima persona: cioè chi cita nelle proprie opere questa fonte (FIDES) è un disonesto dal punto di vista intellettuale che non ha verificato professionalmente le proprie fonti.</span> 
    </p><p><span>A questo spinge l'odio! Ma come diceva il nazista Goebbels (credo): "calunniate, calunniate, tanto ne resterà sempre qualcosa". Anche Pio XII ne ha sofferto con il famoso mito nero.</span>
    </p></span></span>

    RispondiElimina
  40. Ci vuole un abuona dose di fantasia per trasformare un gesto che più chiaro non può essere e cioè un bacio al Corano in un bacio al Vangelo!
    Chi ha occhi per vedere....

    RispondiElimina
  41. Mo che ha finito mcaro Simone de Cyrene provo a risponderle:

    l'ex segretario del Papa beato, NEL  MARZO 2009, in una intervista CHE HO ASCOLTATO CON LE MIE ORECCHIE, rispondeva in polacco, e c'era la traduttrice, ha detto quelle testuali parole.....
    le rammento che IL il 6 marzo 2009 il suo amatissimo ex segretario del nuovo beato diceva:
    Secondo nostre informazioni, l'annuncio della beatificazione <span>potrebbe avvenire nell'ottobre prossimo, o nell'aprile del 2010</span>
    il 2 aprile del 2009, dopo essere andato in Vaticano, arriva la smentita, sempre dalla sua VOCE:
    <span>Non ho mai parlato di una data per la beatificazione di Giovanni Paolo II.</span>
    in quel frangente, il suo amatissimo ex segretario del nuovo beato, ALLA DOMANDA SUL BACIO AL CORANO, rispondeva con queste  PRECISE PAROLE DA ME UDITE DALL'INTERPRETE CHE TRADUCEVA SIMULTANEAMENTE :
    "FU UN INCONTRO PRIVATO, NON DOVEVANO ESSERCI FOTOGRAFI, MA HANNO FRAINTESO QUEL GESTO, NON LO STAVA BACIANDO ..." non ho ritrovato l'audio, ma trascrissi l'episodio e alcuni passi dell'intervista... non era un Codice armeno..... era un CORANO e la foto che uscì su un giornale ARABO è questa che le allego...

    senza dubbio NON ho altro materiale, ma la foto se fosse un falso come lei dice, perchè allora ora mi viene a dire che stava baciando un codice armeno o aramaico? ;)  ergo stava baciando un TESTO SACRO DI UN ALTRA FEDE.... vedo che le sue prove non sono affatto attendibili, non più almeno DI CIO' CHE IO HO UDITO e se il cardinale ci stesse leggendo, mi farebbe piacere che davanti a DIO e ai Cattolici, spiegasse come andarono le cose, invece di VELARLE CONTINUAMENTE aumentando così le ambiguità....
    LA FOTO E' AUTENTICA e lo dice lei stesso caro Simon, quando dice sopra:

     Era un corano oppure una versione aramaica dei santi vangeli? Chi lo può dire se non chi era presente con il Santo Padre? Il solo testimone che si sia espresso  

    ****
    continua.....

    RispondiElimina
  42. continua da sopra

    ergo:
    1. lei ammette che IL BACIO C'E' STATO anche se con un punto interrogativo;
    2. lei ammette che IL BACIO C'E' STATO anche se , forse, a una copia di Vangeli (peccato che l'arabo che gli sta accanto era un principe arabo );
    3. lei ammette che IL BACIO C'èE' STATO anche se chiama in causa come prova L'ARTICOLO DI UN GIORNALE, MENTRE IO LE HO RIPORTATO PAROLE UDITE DAL VIVO.....
     
    4. in ORIENTE CRISTIANO di padre Samir Khalil Samir S.J. nello spiegare la Lettera di Giovanni Paolo II al Libano, del 1997, che spiega i NUOVI rapporti fra cattolici e musulmani, cita quel gesto
     e dice:
     
    Concretamente, che cosa significa il dialogo con l'Islam?
    Che cosa significa concretamente il dialogo? Partiamo dal discorso di Casablanca (agosto 1985). All’inizio, si tratta per Giovanni Paolo II di riconoscere un fatto: “Noi abbiamo molte cose in comune, come credenti e come uomini”. Certo, il Papa avrebbe potuto aggiungere: “E molte cose che ci dividono”, e sarebbe stato vero e corretto. Ma questo avrebbe posto troppo presto un ostacolo nei cuori delle persone.
    (...)
    “Noi crediamo nello stesso Dio, il Dio unico, il Dio vivente, il Dio che ha creato i mondi e porte le sue creature alla perfezione”. Questa piccola frase ha suscitato molte discussioni fra i cattolici, e forse anche con i musulmani. Essa è, a mio avviso, un po’ rapida, perché questo è contestato sia da molti musulmani che da un certo numero di cristiani: crediamo veramente allo stesso Dio? E i musulmani aggiungerebbero: “Credete veramente al Dio unico? Non siete gli adoratori del Dio trino?”
     come dice il Corano: “Non dite ‘Tre’, smettete! Sarà meglio per voi!” (Corano, 4:171 La taqulu thalatun. Intahu ! Khayran la-kum !). Personalmente preferisco la formula del filosofo arabo cristiano, Abù Rà’itah Habīb Ibn Hu dhayfah al-Takrītī, nel suo trattato della Trinità, composto verso l’anno 815 d.c.: “Certo Dio è l’unico, ma quanto è grande la differenza fra la vostra comprensione di Dio e la nostra!” (wa-lakin shattana ma ma bayna mafhumikum lahu wa-mafhumina lahu).
    Ha espresso tutto ciò con gesti forti, talvolta discussi, o discutibili: l’incontro con Yasser Arafat (marzo 2000 in Palestina, e il 29 ottobre 2001 in Vaticano), il bacio del Corano (14 maggio 1999), la visita in Turchia (novembre 1979), il discorso a 80mila giovani a Casablanca (19 agosto 1985), l’ingresso nella grande moschea Omayyade a Damasco (6 maggio 2001). Incoraggia la costruzione di una moschea a Roma,e suggerisce che il comune offra il terreno.

    insomma, lei NON ha uno straccio di prova..io gliene ho portate a josa.. ;)
    che poi ci siano state esagerazioni nei commenti al gesto e strumentalizzazioni, questo è un'altro paio di maniche....
    arrivederci e grazie!

    RispondiElimina
  43. anzi, P.S. ma delle parole agghiaccianti di Enzo Bianchi non frega a nessuno? a Simon de Cyrene non fregano?
    oppure certi difensori di vera papilatria non sanno cosa rispondere?
    ha torto o ha ragione Enzo Bianchi?
    COME GLI RISPONDERESTE?

    Difendere il Papa va bene, ma difendere l'indifendibile non è cosa.... Enzo Bianchi non è un fesso....
    e l'articolo lo ha pubblicato Jesu, aprile 2011, il giornale fratello di Famiglia -S-Cristiana....

    RispondiElimina
  44. <span> ma un MEZZO- il gesto - per AMARE L'UOMO  che non la pensa come noi e che non conosce Cristo....giusto o sbagliato che sia.</span>
    quindsi è, quanto meno, un PECCATO contro la virtù di PRUDENZA, virtù che ci fa scegliere i mezzi giusti, per gli scopi che ci proponiamo.

    RispondiElimina
  45. gentile guido....Gesù entrò senza dubbio e frequentò la sinagoga, ma per dire cosa? "ECCO LO SPIRITO DEL SIGNORE E' SCESO SU DI ME....", Gesù andava per SPIEGARE LE SCRITTURE PER DISPIEGARE  TOGLIERE IL VELO DELLE ANTICHE PROFEZIE....
    Gesù a 12 anni viene trovato nel Tempio AD AMMAESTRARE..... ;)
    negli Atti degli Apostoli, quindi agli inizi della Chiesa l'uso della sinagoga da parte dei CRISTIANI comincia a cambiare....essi vanno per PREGARE, senza dubbio, NON AVEVANO ANCORA LE PROPRIE CHIESE, MA non vanno per dire agli  ebrei di NON convertirsi..E SPEZZAVANO IL PANE NON NELLE SINAGOGHE, MA NELLE CASE DEI CRISTIANI.. :-D
    san Paolo VIENE GIUDICATO PER LA SUA FEDE A CRISTO dentro una sinagoga....
    e agli inizi del secondo secolo questa "convivenza" dei cristiani con la sinagoga, finisce.....

    IL MURO DEL PIANTO E' UN MONITO PER I CRISTIANI....(Romani cap.11)

    Alla luce del Vangelo come dovrebbe essere la visita di Pietro, oggi, in una Sinagoga? come quella di Pietro stesso, come quella di Paolo, come quella di Cristo: "IL SIGNORE E' SCESO SU DI ME E MI HA UNTO....." ma a causa della politica corretta, Pietro non lo dice.... e queste visite, invece di assumere i contorni del VANGELO,BUONA NOVELLA, SONO DIVENTATE GESTI POLITICI....

    I GESTI CHE SALVANO L'UOMO non sono quelli politici, MA QUELLI LITURGICI! ;)

    RispondiElimina
  46. Volesse il Cielo che di rimozioni episcopali ce ne fosse una ogni tre giorni ... in due anni la Chiesa cambierebbe volto

    RispondiElimina
  47. Simon de Cyrène20 maggio 2011 14:35

    (cont.) 2)Non ammetto nessun bacio: lei ma fa dire quel che non ho ai scritto alla stessa stregua che lei fa dire alla foto quel che essa NON rappresenta! Mi rilegga con un po' di onestà intellettuale
    <p>3)Quanto al cosidetto principe arabo ( ammettendo che la foto non sia una falso) quello è il vestito "d'apparato" che portano tutte le tribù dall'Iraq giù fino in Arabia Saudita e non dipende dalla religione, ma dalla tribù (detto ciò quell'uomo è un irakeno il cui ritratto si ritrova in altre foto)
    </p><p>4) Quanto al Padre Samir egli cita solo qualcosa che è stato riportato da chi ha inventato questa calunnia e non ne ha nessuna prova. Come affermato già qui sopra e mi ripeto volentieri: "<span><span>chi cita questo bacio del corano è un disonesto dal punto di vista intellettuale che non ha verificato professionalmente le proprie fonti.</span> "</span>
    </p><p>5) Guardando quella foto di quel libro è ovvio che non è un corano o allora bisogna dimostarlo: la foto che l'altra pettegole di Luisa mostra chiaramente che non è lo stesso libro, anche se è rettangolare ed incuioato, con scritte il alfabeto arabico.
    </p><p>6) Tutto il suo bla bla bla, cara Caterina, e di quello degli altri pettegoli calunnianti non risponde mai alla mia semplicissima domanda: sola risposte che potrebbe dare un'apparenza di verosimilità alle vostre calunnie: dov'è il comunicato Fides originale e la sua foto al quale tutti si riferiscono?
    </p><p>7) Invece tutto dimostra che questa storia è stat inventata di SANA PIANTA negli ambienti tradi americani ed in particolare da due siti complici che ci autoreferenzano: <span><span>"http://www.traditioninaction.org/RevolutionPhotos/A055rcKoran.htm" e "http://www.catholicculture.org/news/features/index.cfm?recnum=10415".</span>    Prima di questi due, il fatto non era esistito per nessuno, nè alcun documento successivo indipendente ed ufficiale lo ha corroborato</span>
    </p><p>8) Le sarei grato, se, invece di rispodnere con delel baggianate, lei mi spiegasse quli sono le fonti che questi due siti hanno utlizzato per la loro sparata
    </p><p>Lo so cara Caterina, che la gente che sguazza nella calunnia ha come male agli occhi e non riesce più a vedere la semplice verità dei fatti: ci ripensi. Un giorno anche lei sarà di fronte al Magno Beato ( almeno lo spero per lei): che vergogna e che purgatorio sarà il suo di averlo sporcato senza ragione, ben sapendo di non averne ragioni!
    </p><p>In Pace

    </p>

    RispondiElimina
  48. Simon de Cyrène20 maggio 2011 14:43

    Quanto al contenuto di quel che dice Mister Bianchi non me ne importa un fico secco, per essere onesto con lei: non è neanche vescovo!
    Quanto al tono che questo signore utilizza mi sembra essere benigno eaddirittura SE lo comparo alle scelleratezze contro il Sommo Pontefice attuale e quelli passati e che mi tocca da leggere nei commenti di questo blog da parte dei tradiprotestanti e altri eccitati sedecantisti ,inclusi alcuni che ci voglion far credere di essere dei sacerdoti. I.P.

    RispondiElimina
  49. Rutilio Namaziano20 maggio 2011 16:19

    Non è vescovo, ma è più importante e noto del 90% dei vescovi: è un fatto!

    RispondiElimina
  50. Simon de Cyrène20 maggio 2011 16:52

    Rutilio, costui sarà molto noto in Italia ma Oltr'Alpi....  

    RispondiElimina
  51. Il caso degli ultra-modernisti alla simonedecyrene è interessante da un un punto di vista antropologico, cognitivo e psicologico: il loro uso compulsivo del termine "tradiprotestante", oltre alla loro ossessiva ripetitività di argomenti (e la loro intrinseca povertà) unita a un'autistica incapacità di ascolto degli argomenti altrui ne fanno un esempio da manuale. Da notare il loro ricorso all'insulto e all'anatema quando messi alle strette dialetticamente.

    RispondiElimina
  52. SCUSA MA SE AFFERMI DI AVER SENTITO UN INTERVISTA DEL SEGRETARIO CHE AFFERMA CHE NON LO STAVA BACIANDO.... TUTTO IL RESTO MI SEMBRA STERILE CRITICA ALL'ARIA FRITTA!

    RispondiElimina
  53. Hai tracciato un profilo psicologico che è lo stesso di molti lefebvriani e di tutti coloro che sono afflitti da una mentalità settaria. Modernisti e Lefebvriani, due facce della stessa medaglia. Coincidentia oppositorum

    RispondiElimina
  54. Allora, il Patriarca dei Caldei avrebbe avuto un'allucinazione o era forse un bugiardo, un calunniatore? Secondo me non ha fatto piacere nemmeno a lui vedere il papa che rendeva un tale omaggio al Corano.
    Per cortesia, Simon, togliti l'emmenthaler dagli occhi!

    RispondiElimina
  55. Caro "concittadino", forse rinchiuso nel suo bunker non ha voglia o tempo d uscire, ma le suggerisco di fare comunque un sforzo, perchè ha un grave problema di vista, presso Visilab o Fielmann trovrà degli ottmi ottici.
    Potrà così guardare queste due foto con degli occhiali aggiustati ed eviterà in seguito di prendere in giro chi la legge.
    Gliele rimetto, ok?

    IMAGES<img></img><img></img>

    RispondiElimina
  56. Caro "concittadino", le  suggerisco una visita dall`oculista perchè ha un grave problema di vista, ma senza andare dall`oculista presso Visilab o Fielmann trovrà degli ottmi ottici.  
    Potrà così guardare queste due foto con degli occhiali aggiustati ed eviterà in seguito di prendere in giro chi la legge.  
    Gliele rimetto, ok? 

    RispondiElimina
  57. Che lo abbia baciato o che un qualcosa di imprevisto lo abbia fatto inchinare e avvicinare il suo volto fino a toccarlo, è palese che il libro che Giovanni Paolo II ha nelle sue mani è un Corano.

    RispondiElimina

L'inserimento senza moderazione dei commenti è limitato ai soli post usciti nella medesima giornata di inserimento e nel giorno precedente. Per i post più vecchi, i commenti saranno sottoposti a moderazione.
Qualora fosse attiva la moderazione, possono passare anche alcuni giorni prima del controllo da parte della Redazione.