giovedì 22 aprile 2010

Sondaggio esclusivo sulla S. Messa tridentina in Germania (Paix Liturgique)

Leggiamo sul sito degli amici di Paix Liturgique questa importantissima notizia.
I numeri parlano da soli.
Al di là della disarmante risposta alla domanda n. 1 sulla bassissima pratica religiosa dei tedeschi che si sono dichiarati cattolici, sono d'altro lato molto confortanti le percentuali rilevate alle domande 3 e 4. Più della metà degli intervistati è interessato e benevolo nei confronti della celebrazione della Messa tradizionale nella propria parrocchia.
.
"La Germania, paese natale del santo Padre, vede da tempo una forte corrente di fedeli legata alla forma straordinaria del rito romano.
La Fraternità San Pietro ha lì un seminario internazionale (così come la Fraternità Sacerdotale San Pio X); numerose realtà di fedeli vi sono attive da anni (tra gli altri Pro Missa Tridentina e Una Voce); l'Istituto del Cristo Re vi esercita un apostolato; sempre più articoli sulla liturgia appaiono nella stampa generalista; sacerdoti diocesani si formano alla celebrazione della forma straordinaria del rito romano; nuove parocchie cominciano ad applicare, lentamente ma solidamente, il Motu Proprio Summorum Pontificum; e, sulle orme dei trappisti di Mariawald (vedere lettera francese PL 162), alcune communità religiose si riavvicinano alla liturgia millenaria della Chiesa.
Tuttavia, come in Francia, una gran parte della gerarchia ecclesiastica tedesca si rivela ostile all'opera di riconciliazione liturgica voluta da Papa Benedetto XVI.
I
n Germania, tutto sembra teso a sminuire l'importanza della richiesta d'applicazione del Motu Proprio.
Incoraggiata da vari amici tedeschi,
Paix Liturgique ha ordinato un sondaggio su questo tema nel paese di Sant'Alberto Magno e di Santa Ildegarda.
.
E' stato dunque affidato a Harris Interactive il compito di realizzare per Paix Liturgique un'indagine secondo il modello di quelle già realizzate in Francia e in Italia. Questa è stato effetuato su internet dal 18 al 25 febbraio 2010 su un campione di 2611 persone maggiorenni residenti in Germania." (dalla pagina on line di Paix Liturgique, link)

Ecco i risultati del sondaggio (le domande riportate sono solo quelle rivolte a quanti si sono dichiarati cattolici):

Domanda n°1: Lei va alla messa?
- Ogni settimana: 5,9%
- Ogni mese: 4,1%
- Per le feste solenni: 18,9%
- Ogni tanto (matrimoni, ecc.): 42,3%
- Mai: 28,8%

Domanda n°2: “Nel luglio 2007 Papa Benedetto XVI ha ribadito che la messa può essere celebrata sia nella forma moderna detta "ordinaria" o "di Paolo VI" - cioè in tedesco, il sacerdote è rivolto ai fedeli e la comunione si riceve in piedi - sia sotto la sua forma tradizionale detta "straordinaria" o "di Giovanni XXIII" - cioè in latino e gregoriano, con il sacerdote rivolto all'altare. Lei personalmente ne ha sentito parlare?"
- Si: 43,1%
- No: 56,9%

Domanda n°3: "Le sembra normale o anormale che entrambe le forme liturgiche (ossia quella moderna detta "ordinaria", in tedesco, e quella tradizionale detta "straordinaria", in latino e gregoriano) possano venire celebrate nella SUA parrocchia?”
- Normale: 50,6 %
- Anormale: 24,5 %
- Non si pronuncia il 24,9 %

Domanda n°4: "Se la messa detta "straordinaria", in latino e gregoriano, venisse celebrata nella sua parrocchia, senza sostituirsi a quella ordinaria detta in tedesco, lei ci andrebbe? Se sì, con quale frequenza?"
Risposte dei praticanti regolari (che vanno a messa almeno una volta al mese)
- 25% ogni settimana
- 19% ogni mese
- 9% per le feste solenni
- 40% ogni tanto
- 7% mai
.
Per leggere gli ottimi e attenti commenti di Paix Liturgique,
si vada al loro link

N.B.
Questo sondaggio ha comportato una spesa per Paix Liturgique.
Se volete partecipare al suo finanziamento e cosi permettere agli Amici di Paix Liturgique di portare avanti il loro lavoro di informazione, potete indirizzare il vostro contributo a
Paix Liturgique, 1 allée du Bois Gougenot, 78290 Croissy-sur-Seine, France,
oppure via bonifico con i seguentidat bancari:IBAN: FR76 3000 3021 9700 0500 0158 593 - BIC/SWIFT : SOGEFRPP

43 commenti:

  1. Buono a sapersi, anche se 6500 euro li avrei spesi in ben altro modo, magari dividendoli(mille euro a testa) tra 6 diverse congregazioni tradizionali.

    In Germania c' è anche l' Istituto San Filippo Neri, anche se molto piccolo.

    RispondiElimina
  2. Luis Moscardò22 aprile 2010 17:10

    ..."magari dividendoli(mille euro a testa)"
    non sei un grande imprenditore ;)

    RispondiElimina
  3. Il partito del "benaltrismo" è sempre molto affollato.

    RispondiElimina
  4. W la Germania tradizionalista !!!

    RispondiElimina
  5. <span>iniziamo a chiamare le cose con il loro nome.... esistono 2 categorie: la prima è composta dai Cattolici.... la seconda dai modernisti  scomunicati.... i tradizionalisti non esistono!!!!</span>

    RispondiElimina
  6. A me piaceva essere chiamato tradizionalista!...vabbè, pazienza!

    RispondiElimina
  7. <span>La Chiesa o è Tradizione o semplicemente NON E': la Tradizione è il suo compito essenziale, primario e perenne fino alla fine della storia, quello di TRAMANDARE (tradere) ciò che si è ricevuto in consegna, da Cristo Signore stesso a Pietro ed Apostoli, luingo i secoli, da un papa successore all'altro, in continuità ininterrotta, consegnando il Depositum fidei inalterato e INTEGRO, senza cambiare o sottrarre uno iota, secondo il preciso ammonimento di Cristo stesso:  
    "I Cieli e la terra passeranno, ma le mie parole non passeranno!".  
    Queste parole i modernisti hanno fatto finta di non capirle, o le hanno dimenticate, o le hanno interpretate a modo loro (come al solito, come tutti gli eretici hanno sempre fatto....): il dramma però, che da 40 anni ci coinvolge tutti rischiando di travolgere la Barca, è che essi ormai sono la forza preponderante, schiacciante nella Chiesa, sia come numero che come potenza persuasiva (anche mediante opportuna disinformatjia, vedi occultamento del testo italiano del MOTU PROPRIO NEL SITO VATICANO...) ed ottengono maggior ascolto e seguito nella massa dei fedeli ignari, impreparati, passivi, incerti, confusi, timorosi, dubbiosi, sballottati da ondate multidirezionali di opinioni e dottrine variegate, nel marasma relativista-indifferentista inedito in 2000 anni di storia; un caos di mille voci divergenti, dove essi faticano sempre più a percepire la Voce di Cristo come unica da seguire, univoco richiamo alla Luce Vera, lontano dai sentieri avventuristi del pluralismo che, promettendo una libertà illusoria, ha creato solo confusione e dispersione del Gregge!  
    Dunque:  
    se fino al 1962 si era <span>semplicemente cattolici,</span> in modo chiaro, certo e integrale (....notando che integralista è termine dispregiativo, coniato astutamente dal pensiero radical-chic dominante da 40 anni, per marchiare con scherno i cattolici coerenti alla Fede con la vita, senza compromessi, così da poterli paragonare ai musulmani, e a tutti i credenti schiavi di una religione oppressiva e oscurantista...:utile mistificazione che ritorna dentro la Chiesa, usata a scopo di dominio, dai catto-adulti evoluzionisti, ottimi seguaci di Rousseau e Voltaire, attraverso i nuovi teologi delle svolte antropologiche....),  
    e mai si poteva pensare di contrapporre progressisti a tradizionalisti....,  
    mi pare che sia giunta l'ora di ritornare a <span>chiamarsi ed essere semplicemente CATTOLICI,</span> nella fedeltà integrale al Depositum Fidei INTEGRO E INALTERATO, il quale doveva essere TRAMANDATO (traditum) dall'anno 33 fino alla fine del mondo !  
    Così una volta era intesa da tutti, con tacita consapevolezza indiscussa, <span>la continuità, senza equivoci </span>e senza superflue sottolineature o ritrovamenti, riscoperte o "ricostruzioni", parole tutte che indicano -con tutta evidenza- che <span>qualcosa di essenziale </span>(da ricostruire ecc....)  <span>che prima era certo e stabile,</span>
    è stato innegabilmente o perduto o nascosto o distrutto !</span>

    RispondiElimina
  8. non dovrebbero esistere, o meglio: non dovrebbe essere usata quella denominazione, a mo' di etichetta che "restringe" i contenuti di pensiero e di Fede di un cattolico all'interno di un RECINTO, atto a fissare rigidamente il territorio assegnato (e da chi ? con quale autorità? ) ad una fazione, tenuta distinta e separata da altra/e fazione/i....(e spesso a quelle contrapposta ad arte e ad usum di un certo pensiero sottilmente dominante, che presume di ritenersi super partes!.....cfr. "tra i due litiganti il terzo gode"....)

    RispondiElimina
  9. Luis Moscardò23 aprile 2010 09:19

    ...e su questa scia aggiungerei: evitiamo di qualificare  le nostre S. Messe come "Vetus Ordo" perché questo termine -oltre a non esser presente in alcun documento, è assolutamente limitante in quanto riflesso della definizione di Novus Ordo. Chiamiamo le Messe riformate "Messe NOM":  aggettiviamo la novità, lasciando correttamente inalterato il termine di paragone che è ciò che c'è sempre stato, e non viceversa! ;)

    RispondiElimina
  10. <span>ottimo ! 
    lasciamo che ciò che stabile era, lo rimanga sempre (cfr. stat Veritas) e ciò che si è allontanato dalla stabilità si chiami da se stesso e sia riconosciuto e chiamato così: novus (= innovato, modernizzato, instabile, perchè sganciatosi da quella stabile Roccia, si è spinto lontano, via dalla stabilità ); esso, assoggettatosi al PANTA REI, è sempre sospinto al continuo cambiamento dalle mode, volubili come le onde e i venti...e perciò esso è schiavo del tempo che cambia le forme e i volti e i pensieri uimani...; e per questo esso volvitur, ut orbis, dum Crux stat....</span>

    RispondiElimina
  11. Validissime affermazioni quelle di Meminisse. Vorrei però far notare come l'aggettivo "cattolico" non venga quasi più usato dal clero, Papa compreso, preferendo ormai tutti adoperare il termine, considerato politicamente corretto, di "cristiano".
    Anche questo è un segnale dell'annacquamento della Dottrina di sempre e della perdità di identità che il Concilio ha causato a tutta la Chiesa, in nome di un irenismo vacuo e insulso e di un ecumenismo che ha creato confusione e seminato il relativismo tra i fedeli.

    RispondiElimina
  12. <span>non so chi ha scritto questo post, ma in genere chi "ama" essere chiamato tradizionalista, è perché sotto il rivestimento esteriore del 'tradizionalismo', ad usum di chi guarda dall'esterno e come fonte di propaganda, veicola una pseudo-tradizione "altra", che non è quella Apostolica che è anche cattolica e romana anche se nessuno la chiama più così...</span>

    RispondiElimina
  13. Me lo insegni allora.

    RispondiElimina
  14. Mi sembra che fosse Giuda che voleva vendere l'olio per darlo ai poveri !
    Mah!
    Matteo

    RispondiElimina
  15. Mancava il piagnisteo ...
    Matteo

    RispondiElimina
  16. Perchè avete la testa dura?
    Quale è la differenza tra cattolico e cristiano se l'obiettivo è l'UNità!
    se il Papa parla a nome della cristianità non sta forse dicendo che tutti sono Sub Petro?
    Proprio incapaci di leggere il Villaggio Globale!
    Fumoso, va da sè!
    Peggio dei modernisti!
    Matteo Dellanoce

    RispondiElimina
  17. <span>"Vidi che molti pastori si erano fatti coinvolgere in idee che erano pericolose per la Chiesa. Stavano costruendo una Chiesa grande, strana, e stravagante. Tutti dovevano essere ammessi in essa per essere uniti ed avere uguali diritti: evangelici, cattolici e sette di ogni denominazione. Così doveva essere la nuova Chiesa.. .. Ma Dio aveva altri progetti".
    (22 aprile 1823)
    ................
    (dalle visioni della beata Anna Caterina Emmerich)
    ECCO LA CHIESA MONDIALISTA PROSPETTATA DALLE LOGGE MASSONICHE.... TUTI DENTRO... TUTTI CRISTIANI.... LA NUOVA CHIESA CRISTIANA APOSTOLICA ROMANA.... MA CATTOLICA? BISOGNA ESSERE CATTOLICI E ATTACCATI AL SANTO SACRIFICIO DELLA MESSA... LE NOVITA' LASCIAMOLE AI MASSONI O AI LORO BURATTINI I COSIDDETTI CATTOLICI ADULTI DECENTEMENTE DA CHIAMRSI MODERNISTI!!!!!!!!!!!! 
    </span>

    RispondiElimina
  18. fumoso è solo chi vuol essere superficiale e rifiuta (la fatica e forse la disillusione....) di aprire gli occhi per distinguere il vero dal falso, alla Luce della Parola di Dio, secondo il Magistero perenne.
    Una volta si diceva: "Cristiano di nome, cattolico di cognome" !

    RispondiElimina
  19. infatti: cristiani si chiamano e son chiamati anche tutti i protestanti delle cento e più "chiese" e sotto-chiese e varie sette, di ispirazione evangelica....ognuna cristiana "a modo suo"!
    .....così come, anche dentro la Chiesa, si sono formate da oltre 40 anni, correnti, tendenze d'opinione, fazioni simil-politiche che amano chiamarsi cattoliche, ma che hanno spesso dimenticato (nella quarantennale navigazione a vele spiegate e sospinte "qua e là, da vari venti di dottrina".....) QUALE SIA LA VERA essenza del cattolicesimo, quello di sempre !

    RispondiElimina
  20. ...c'è poi da notare la confusione-sovrappposizione (anzi direi identificazione fatta di slancio, irriflessa, proprio....<span>de corde !)</span> che Bartimeo fa (col verbo leggere) tra la Chiesa Cattolica fondata da Nostro Signore e il <span> Villaggio Globale! Molto, molto significativa !!
    </span>

    RispondiElimina
  21. se parla di Magistero ci metta dentro anche i documenti del VII e non le VOSTRE interpretazioni!
    Il Villaggio Globale è il contesto nel quale muoversi! Qualcuno lo ritiene fumoso, Io no!
    Quando il Vicario di Cristo parla si rivolge a tutti i cristiani e se il Vicario di Cristo ( che ha scritto la DOMINUS IESUS) parla al Villaggio Globale lo fa a tutti: protestanti ( siano questi tradizionalisti, cacchio se rompono in quanto a proteste! siano questi luterani e derivati) ortodossi, copti, animisti ... parla comunque "ex cathedra" come reggente dell'UNICA CHIESA DI CRISTO, la CATTOLICA di CUI il PAPA è RE!
    Ma, va da sè, "Io son io e gli altri sono un pisello" ... il solito Marchese del Grillo!
    Lasciamo stare!
    Matteo Dellanoce

    RispondiElimina
  22. Ribadisco: cosa c'entra con il Vaticano II la Beata Emmerich? Perchè questo è il discrimine!
    Ma, vedo che alla domanda non si risponde!
    Matteo Dellanoce

    RispondiElimina
  23. <span>speriamo e invochiamo lo Spirito Santo che sconfigga e dissipi per sempre tutto il fumo, ogni fumo e fumosità che hanno invaso la Chiesa Cattolica da 40 anni e molto più ! sia diradata tutta la nebbia e tutto lo smog, polveri pesanti e sottili che ci hanno invaso i polmoni e impregnato pensieri, parole e opere, e che senza volerlo diffondiamo attorno a noi... speriamo, che Dio lo voglia ... (ricordando la considerazione di G. Biffi: "Siamo circondati di menzogne....": quello è il fumo che impregna il villaggio globale, meglio saperlo riconoscere !....)</span>

    RispondiElimina
  24. Scusi soffre di allucinazioni?
    dove è sta sovrapposizione?
    Se la è sognata!, suppongo! Avrà scritto de Sub pancia?
    Matteo dellanoce

    RispondiElimina
  25. Manzogna di cui certo tradizionalismo è ottimo testimone!
    Matteo dellanoce

    RispondiElimina
  26. per ora io le dico una sola parola: ambiguità, (presentata poi da certe ottimiste prospettive come "apertura", non volontà di rigorose distinzioni e delimitazioni tra un fare A e un fare B); ambivalenza di linguaggio ed enunciazioni, passibili di opposte interpretazioni; ambiguità, che apre la porta, fisiologicamente, ad equivoci, inganni e menzogne !

    RispondiElimina
  27. Rutilio Namaziano23 aprile 2010 15:51

    Caro Bartimeo, in genere sono abbastanza d'accordo con te (e, comunque, non amo le diatribe inutili), ma questa volta sbagli: un aggettivo qualificativo qualifica, in questo caso la verità tutta intera. E' un fatto che quasi nessuno dica più cattolico o si definisca tale e la ragione c'è, non prendiamoci in giro da soli. Detto questo io, come in nostro Papa, spero e prego che lo scandalo della divisione tra i cristiani cessi o si attutisca, soprattutto oggi che i circoli laicisti e/o massonici ecc. stanno facendo passare nel villaggio globale l'equazione cattolico=ipocrita pedofilo e oscurantista. Vedrai che battage con Ipazia (il film Agorà),  in cui l'equazione è cristiano=fondamentalista e oscurantista dove non c'è neppure un cristiano fuori da questo schema.

    RispondiElimina
  28. profezie e preveggenze23 aprile 2010 15:58

    <span>....detto tra noi: il discrimine non è la beata Emmerich, come tanti altri santi e mistici che hanno avuto rivelazioni già da vari secoli orsono sull'epoca attuale....; bensì quest'ultimo, dal 1917 ad oggi, non spiegato: resta ancora da capire il perchè Papa Giovanni XXIII si rifiutò di divulgare al mondo il 3. segreto, come richiesto espressamente dalla Madonna, entro il 1960 ? Perchè non volle ? questo è il discrimine. La storia sarebbe andata certo diversamente, conoscendo  e tenendo presenti gli avvisi del Cielo, circa gli sconvolgimenti epocali della Chiesa vicinissimi a manifestarsi dopo quella data ! ("Uomo avvisato....");  
    perchè ci fu quel rifiuto ? (o lei pensa che suor Lucia era una povera millantatrice, smaniosa di protagonismo?....)</span>

    RispondiElimina
  29. <span>ERMENEUTICA DELLA CONTINUITA'!</span>
    <span>NON FACCIAMO I CATTOLICI A SENSO ALTERNO! O, PER DIRLA CON MONS. D'ERCOLE, STRABICI.</span>
    <span>ROMA SULL'AMBIGUITA' E' STATA CHIARA E QUANDO ROMA LOCUTA..... </span>
    Matteo Dellanoce

    RispondiElimina
  30. Questo lo saprà il beato Giovanni XXIII!
    Quello che penso io Lei non lo può sapere! E mi sembra che il terzo segreto di Fatima sia stato letto con l'attentato a GPII!
    Poi cosa vuole che Le dica! Io penso che quando Roma "cassa" cassa e Fatima è stata cassata!
    Di certo qualcuno , a differenza di Roma, scassa... e non poco con questi continui sospetti simlcomunisti!
    Resta un fatto. A domanda risposta! E questa non c'è ancora stata!
    Matteo
    PS io credo anche che a Medjugorie la Madonna parli! Ma fino a quando la Chiesa non casserà farò mio l'agostiniano "In dubiis Libertas!" ...

    RispondiElimina
  31. Ok! Rutilio vada per evitare inutili polemiche!
    Resta un fatto che il Papa è eletto all'interno della Chiesa cattolica!
    E questo qualcosa dovrebbe comunque dire!
    Sul film agorà ciò che ho letto è che  oltre ad essere la solita bufala è anche un PACCO!
    Grazie della stima, sicuramente ricambiata
    Matteo

    RispondiElimina
  32. cassata ?? scusi...e<span> da chi, come, quando e perchè </span>? non ero al corrente di questa "cassazione" !
    e poi: Fatima cassata...e Medjugorie (a dir poco sconcertante e controversa per gli <span>svarioni eterodossi </span>dei messaggi...) approvata ? da chi, da lei ? ma forse sta scherzando....(fine OT)

    RispondiElimina
  33. Roma sull'ambiguità è stata chiara ? su quale ambiguità, precisamente ?
    <span>....in realtà, rimaniamo in attesa che il Papa voglia chiarire e sciogliere i nodi dei tanti punti ambigui e controversi dei documenti conciliari, dando risposta alla supplica di mons. Gherardini, nei gravi dilemmi da lui suscitati nel suo libro già tante volte citato: 
    <span>" Concilio Ecumenico Vaticano II. Un discorso da fare "</span> 
    Ma la risposta, finora, non è arrivata.....e le domande sospese si fanno sempre più pressanti nell'attesa sine fine, nel travaglio morale e spirituale della Chiesa disorientata che continua..... 
    *DONT_KNOW* </span>

    RispondiElimina
  34. <span><span>ambiguità non chiarita (UNA tra tante), osservata dalle pietre di tutte le strade che da Roma partono e a Roma riportano, dal 1965 ad oggi:    
    SU QUALE DOCUMENTO DEL CONCILIO è scritto nero su bianco,<span> con parole inequivocabili </span>(=1 solo ed unico significato da attribuire ad ogni parola) che    
    si dovevano <span>abbattere le balaustre e rovesciare gli altari verso il popolo </span> ?    
       
    QUALE CONTINUITA' RISPECCHIA TALE DEMOLIZIONE ?    
    *DONT_KNOW*    
    (attendo risposta dagli esperti conoscitori dei documenti conciliari....)    
       
    (...a questo prooposito, nella mia diocesi il Vescovo ha dato ordine di procedere all'abbattimento dell'altar maggiore, in una chiesa che si era salvata dai picconi, circa un anno fa, e comunicare al "popolo-gregge" che ciò è stato fatto "per eseguire le disposizioni del Concilio": questa la spiegazione offerta al popolo, secondo disinformatjia di regime !...e stendo un velo pietoso sulla specie di UFO che ha preso il posto del tabernacolo, tolto dal centro dell'abside, e non più visibile a chi entra, figurarsi l'adorazione, la genuflessione rivolta al seggio del presidente, anzichè a Nostro Signore!...)</span></span>

    RispondiElimina
  35. ....questa sembra proprio l'attesa di un certo "Godot".... (come temevo....)
    *DONT_KNOW*

    RispondiElimina
  36. No ... più semplicemente di un adolescente che vuol dire "avevo ragione"!
    Crescere mai?
    Matteo

    RispondiElimina
  37. Mi risulta, o amico di Vecchioni, che Fatima sia UFFICIALMENTE, apparizione! Ergo Roma Locuta quetione cassata!
    Su medjugorie vedo che non sa leggere ... in compennso sa rompere i maroni!
    Bah!
    Amico di vivailconiclio?
    Matteo

    RispondiElimina
  38. la soprastante è con tutta evidenza la risposta di uno che non ha affatto risposte da dare a una precisa domanda.

    RispondiElimina
  39. La soprastante è con tutta evidenza la risposta di uno che non sa leggere!
    Matteo

    RispondiElimina
  40. <span><span><span>anzichè affermare la sua "cassazione" (inventata) legga questa successione di eventi, che mostrano una linea di calcolata falsificazione del messaggio contenuto nel 3. segreto:      
         
    <span>Novembre 1984 </span>- Il Cardinale Joseph Ratzinger (che aveva letto il Terzo Segreto di Fatima), in un'intervista pubblicata con il suo esplicito consenso dalla rivista Jesus, riconosce che il Terzo Segreto si riferisce ai pericoli che minacciano la fede, confermando così le tesi di Padre Alonso.      
         
    1985 - 1988      
         
    Giugno 1985 - Viene pubblicato Il Rapporto Ratzinger, un libro basato sull'intervista del 1984, in cui tutti gli specifici riferimenti al Terzo Segreto sono misteriosamente soppressi.      
         
    Settembre 1985 - Durante un'intervista rilasciata a persone vicine all'Armata azzurra spagnola, Suor Lucia afferma che la Consacrazione della Russia NON è stata ancora dichiarata perché ancora una volta questo paese non è menzionato come specifico oggetto della consacrazione e i vescovi non hanno partecipato pienamente alla dichiarazione.      
         
    1985 - Intervistato da Padre Caillon, il Cardinale Gagnon riconosce che la Consacrazione della Russia NON è ancora avvenuta.      
         
    1986 - Maria do Fetal cita pubblicamente le parole di Suor Lucia (sua cugina), secondo cui la Consacrazione della Russia NON è stata ancora dichiarata (nota bene: Maria do Fetal rimarrà sostanzialmente schierata su questa posizione fino al luglio del 1989).      
         
    1986-1987 - Padre Paul Leonard scrive, nel giugno 1986, “Il complotto destinato a far tacere la Nostra Signora”, seguito nell'aprile del 1987 da “La direzione (statunitense) dell'Armata azzurra ha seguito una deliberata politica di falsificazione del messaggio di Fatima”, in cui dimostra chiaramente la falsità dell'intervista pubblicata nel 1982 dal Soul Magazine e la successiva opera di disinformazione compiuta dall'Armata Azzurra statunitense sulla Consacrazione richiesta dalla Madonna.      
         
    20 luglio 1987 - Brevemente intervistata fuori all'esterno del convento mentre si reca a votare, Suor Lucia ripete al giornalista Enrico Romero che la Consacrazione della Russia NON ha ancora avuto luogo.  </span>    
    <span>ecc.....</span>   
    <span></span>http://www.fatima.org/it/essentials/opposed/croncvrit.asp</span></span>
    <span><span><span> .......................  
    (dall'intera successione e connessione dei fatti si evince che la Madonna, con tutto quel che di grave ha detto, per avvisare circa gli sviluppi della storia dopo il 1917, fino a questo nuovo millennio, e i destini dell'intera umanità e della Chiesa, del clero innanzitutto, è stata non cassata, bensì <span>imbavagliata</span>: il che è ben diverso!....)</span>    
       
    PS Il terzo segreto riguarda la grande apostasia finale, l'apocalisse e la fine dei tempi.    
    E' evidente che è "scomodo" e preoccupante, perchè ci scuote dall'inerzia e dal torpore spirituale; ma i cattolici in particolare e tutti gli uomini avrebbero il diritto di esserne portati a conoscenza.</span></span>

    RispondiElimina
  41. <span>e secondo lei, tutti quelli che aspirano allo svelamento del 3. segreto, e a tale scopo rivolgono una supplica al Papa da tutto i l mondo cattolico, perchè sia consacrata la Russia al Cuore Immacolato di Maria, e si ottenga (tra le altre grazie) la fine vera del comunismo nel mondo, tutti questi supplicanti cattolici anticomunisti sarebbero "similcomunisti" ? (e che c'entra poi vivailconcilio, dal momento che si diceva che ascoltando la Madonna, il Concilio 21.mo non ci sarebbe mai stato, visto che con esso si è favorita l'autodemolizione della Chiesa, col degrado progressivo della Fede e della Liturgia? che logica segue lei ?... )</span>

    RispondiElimina
  42. ho capito bene, comunque: cassata vuol dire archiviata (e depennata da una lista di pratiche aperte)

    RispondiElimina
  43. quale libertà24 aprile 2010 08:30

    Tuttavia, come in Francia, una gran parte della gerarchia ecclesiastica tedesca si rivela ostile all'opera di riconciliazione liturgica voluta da Papa Benedetto XVI. In Germania, tutto sembra teso a sminuire l'importanza della richiesta d'applicazione del Motu Proprio.

    E' bello sapere che buona parte dei cattolici tedeschi
    1- sia effettivamente informata sul MP
    2- sia realmente interessata alla Messa Tridentina e desiderosa di parteciparvi
    nonostante la ferrea opposizione dei Vescovi.
    Prendiamo atto di nuovo che la strada per la concreta applicazione della libertà promossa dal Papa è veramente in salita, dappertutto.
    Rallegriamoci per i tedeschi che riescono però a <span>ricevere informazioni sull'argomento</span> !
    e ricordiamo ancora che in gran parte delle dicoesi italiane il Motu Proprio è vietatissimo anche nominarlo:
    a DIMOSTRAZIONE e garanzia DELLA LIBERTA' concessa dall'alto !
    :(

    RispondiElimina

L'inserimento senza moderazione dei commenti è limitato ai soli post usciti nella medesima giornata di inserimento e nel giorno precedente. Per i post più vecchi, i commenti saranno sottoposti a moderazione.
Qualora fosse attiva la moderazione, possono passare anche alcuni giorni prima del controllo da parte della Redazione.