domenica 14 marzo 2010

La Messa tradizionale è un 'bubbone'?

Dal blog Rinascimento Sacro traiamo questi due articoli inerenti la situazione del Parroco don Fichera, l'unico che in diocesi di Foggia celebrasse in rito antico. Ignoriamo del tutto la concreta situazione locale; ma gli articoli giornalistici non lasciano molto adito a dubbi e lo stesso afferma anche il sito Fede e Cultura, legato al parroco: il suo trasferimento trova causa nel fastidio per il suo attaccamento alla Messa Tradizionale. Nulla di più probabile; e se è così, non è certo stato il primo, e tanto meno, purtroppo, sarà l'ultimo.



Il Corriere del Sud 3.3.2010

****
di Tommi Guerrieri

Uomini al servizio del Signore. Si accetta così anche quell'imposizione che arriva dall'alto e fa venire il mal di pancia, perchè non l'accetti. Si ricorre alla fede e si accetta che dopo dieci anni don Guglielmo Fichera venga trasferito. Del resto, il rito canonico lo prevede. E così nessuna eccezione, nemmeno se si tratta del parroco di San Luigi Gonzaga.

Prete storico per la comunità di questa piccola chiesa, un parroco che a Foggia tutti hanno avuto modo di conoscere o di cui hanno sentito parlare. Per esempio sua l'iniziativa di recitare un rosario riparatore durante la programmazione del "Codice Da Vinci", solo per citare uno dei tanti esempi del modo di vivere la missione ecclesiale.

Da qualche mese don Guglielmo è a Monteleone di Puglia. Paese del Subappennino già noto alle cronache giornalistiche per un altro prete discusso, don Orazio, il parroco che sull'altare ci andava con il fido cane Break e che aveva alimentato non poche chiacchiere. Niente animali invece per Don Guglielmo, che celebrava solo quotidianamente la messa in latino. Piaceva a molti, ricordava l'infanzia ai più anziani, aveva un sapore mistico per i più giovani. Con quel doppio libretto con la traduzione per poterla seguire meglio. Ora la chiesa si sta lentamente spopolando. In molti sono andati via, in altre parrocchie della zona. Sembra anche - ma sono bisbigli - che un prete abbia detto no al suo Vescovo, rifiutandosi di venire qui a San Luigi. Difficile credere che sia così, che la parrocchia troppo povera abbia portato un parroco a dire no.

Intanto un giovane diacono cura la parte amministrativa mentre un cappuccino dell'Immacolata celebra messa e sacramenti. Musi lunghi e qualche smorfia, "troppa discontinuità", e in attesa di trovare una nuova guida, scontente ma pronte ad obbedire alla volontà del Signore, ci sono le fedelissime. Puntuali, come ogni giorno le donne che alle undici sono venute per il rosario, tengono duro. Don Guglielmo per loro era favoloso. Sarà difficile sostituirlo nel loro cuore, ma anche qui si ricorre alla fede, e con un sorriso si spera. "Che Dio ce lo mandi buono".
Servizio di Teleradioerre del 17.2.2010

63 commenti:

  1. Sapete chi è l'Arcivescovo Metropolita di Foggia?
    Sapete come mai il predetto Ordinario fu fulmineamente trasferito da Segretario della Congregazione del Culto Divino e la Disciplina dei Sacramenti ad Arcivescovo decisamente di perfiferia?
    Se siete in grado di rispondere a queste due domande avrete risposto automaticamente anche ai diversi quesiti riguardanti la vicenda del confratello di cui stiamo parlando.

    RispondiElimina
  2. Sempre sul tema del sacerdozio e del martirio dei preti non allineati, vorrei segnalare un bell'articolo di Gnocchi e Palmaro apparso su "Il Foglio"dal titolo"Il curato fallimentare", che potete leggere sul nuovo interessante blog http://unafides33.blogspot.com/ 

    RispondiElimina
  3. Sempre sull'ottimo UNA FIDES http://unafides33.blogspot.com/  c'è un'altra preoccupante notizia: la sparizione del testo italiano del MOTU PROPRIO dal sito della Santa Sede (restano la versione latina ed ungherese). Ma siccome il diavolo fa le pentole e non i coperchi, con un piccolo tocco angelico la traduzione in italiano appare. La manovra è descritta appunto su UNA FIDES, dove c'è anche un adeguato commento, DA NON PERDERE.

    RispondiElimina
  4. <p><span>La mutation de l’abbé Fichera ne saurait surprendre, quand on sait que ce prêtre courageux a osé écrire dans son Blog “Fede e Cultura”, sous le titre “VATICANO II OPPOSTO ALLE INTENZIONI DI GIOVANNI XXIII”, des choses comme celle-ci:</span>
    </p><p><span> </span>
    </p><p><span>Il Card. Siri, in un’intervista pubblicata dal mensile “30 Giorni”, riferì dell’esistenza di un gruppo di “contro impostazione” al Concilio che operava dentro il Concilio con l’aiuto esterno di stampa e media, che lavorava contro la linea e il programma di Giovanni XXIII e che si riunì già prima del Concilio in una certa parte dell’Europa. Attraverso questo gruppo si è manifestata una chiara volontà di manipolare e stravolgere il Concilio (cfr. Fede<span>  </span>e Cultura,</span><span> Giugno 2009, pp. 29-31).</span>
    </p>

    RispondiElimina
  5. <span>Un’ulteriore e diremmo definitiva prova viene dalla confessione di uno dei “congiurati”, riferita da un insospettabile scrittore che era il preferito di Paolo VI: Jean Guitton. L’accademico di Francia così infatti riferisce:<span>  </span>“L’indomani faccio visita al card. Tisserant, che è irritato con Giovanni XXIII. Mi fa vedere un quadro, dipinto da sua nipote sulla base di una fotografia, che rappresenta una riunione di cardinali prima del concilio. Vi si vedono sei o sette porporati attorno al presidente, che è Tisserant: “Questo quadro è storico, o piuttosto è simbolico. Rappresenta la riunione che noi abbiamo avuto prima dell’apertura del concilio, dove noi abbiamo deciso di bloccare la prima sessione, rifiutando le regole tiranniche stabilite da Giovanni XXIII” (Jean Guitton, Paolo VI segreto,</span><span> San Paolo, (1985) Quarta edizione 2002, p. 115). [“Ce tableau est<span>  </span>historique ou plutôt il est symbolique. Il représente la réunion que nous avions eue avant l’ouverture du Concile où nous avons décidé de bloquer la première séance en refusant les règles tyranniques établies par Jean XXIII” (Paul VI secret,</span><span> Paris, 1979, p. 123)].</span>

    RispondiElimina
  6. Et encore:

    <span>Chi erano gli altri porporati presenti a quel “consiglio di guerra”? Non è difficile immaginare chi facesse parte di quei “noi”, visto che al Concilio, in quella prima sessione qualcuno di quel “noi” si impegnò pubblicamente e concretamente a farla fallire quella sessione (cfr. Romano Amerio, Iota Unum, studio delle variazioni della Chiesa cattolica nel secolo XX,</span><span> III edizione, Riccardo Ricciardi editore, 1989, pp. 7-13; pp. 42-54; cfr. Edizione Lindau, 2009, pp. 18-24<span>  </span>pp. 54-67).</span>

    RispondiElimina
  7. storie di ordinaria persecuzione...
    e siamo solo all'inizio!

    RispondiElimina
  8. Des propos comme ceux-là, dans l'église conciliaire réformée, sont insupportables.

    RispondiElimina
  9. Salve, mi chiamo Oreste, e sono originario di Foggia.
    DI don Guglielmo posso dare due informazioni "certe".
    La prima e' che, quando era parroco a S. Luigi GOnzaga, in centro citta', presiedette una messa in suffraggio di Benito Mussolini (e si sa, chiunque va affidato alla misericordia del Padre, tranne alcuni!).
    La seconda e' che promuoveva processioni, in alcuni tempi liturgici, con i protagionisti abbigliati da santi martiri, con spesso gli "strumenti" del martirio in bella vista.
    Quindi un prete decisamente di "destra", secondo una concezione stereotipata.
    Poi, ma questa e' una nota di terz'ordine, almeno all'inizio del suo ministero, era un po' noioso durante le prediche...ma a Foggia e' in ottima compagnia.
    Buone cose
    Oreste

    RispondiElimina
  10. Jésus n'a fondé l'Eglise que pour les gens de gauche, n'est-il pas vrai?

    RispondiElimina
  11. E dove è stato trasferito questo prete? Forse nella nuova parrocchia continuerà a celebrare la Messa in latino? Ahhhh no, ma in realtà è vietato dire la Messa in latino! E' una trasgressione imperdonabile! :-((((((

    RispondiElimina
  12. Su wikipedia leggo che Tamburrino nel 2003 firmò un decreto che consentiva ai cattolici australiani di bigiare messa nei giorni di precetto, tranne che a Natale e all'Assunzione. Non c'è alcuna fonte per tale informazione ma se fosse vera sarebbe tremendo.

    RispondiElimina
  13. Ma mandiamo tutta questa gentaglia mitrata a quel paese. Non diamo più l'8./.. a questa  chiesa che di cattolico   ha ormai soltanto il nome e dove il papa (anche per colpa sua)conta ormai quanto il 2 di briscola, dove i vescovi e preti ormai sono luteranizzati (fu Lutero a vole le lingue volgari ed a scardinare la messa). Ma che ci stiamo a sbatacchiare i cabasisi con questa gente indegna del ruolo che ricopre. Preghiamo in casa e mandiamoli al diavolo.

    RispondiElimina
  14. @OSPES: " ... Preghiamo in casa e mandiamoli al diavolo ... "
    ___________________________

    Non c'è che dire: una soluzione davvero peggio che luterana ...

    RispondiElimina
  15. Gentile Oreste, premettendo di non essere mai stato un simpatizzante del fascismo, non mi consta che Mussolini sia morto apostata o scomunicato e, certamente a causa dei miei limiti intellettuali, non mi riesce assolutamente di comprendere che cosa possa esserci "di destra" (così come "di sinistra" o "di centro") in una processione quale quella che Lei descrive, o, forse, Lei intendeva suggerire che la celebrazione delle Messe di suffragio e le pratiche processionali costituiscono manifestazioni politiche ascrivibili alla destra? E che dire, allora, della cerimonie di adorazione del Santissimo Sacramento o dei Vesperi?

    RispondiElimina
  16. sud delatinizzato14 marzo 2010 21:39

    sud delatinizzato.
    cosi sia!

    RispondiElimina
  17. sud delatinizzato14 marzo 2010 21:43

    oggi il papa si è recato in visita dai luterani di Roma.
    Dialogo, il papa dialoga.

    RispondiElimina
  18. Pia Opera Beato Cottolengo14 marzo 2010 21:44

    Scusate, ci è scappato!

    RispondiElimina
  19. Non lasciamoci intimidire da questi episodi di tirannia modernista.

    Questi gesti sono sintomi che dobbiamo trovare più coraggio e testimoniarlo apertamente, il silenzio è complice del martirio silenzioso di gente come Don Fichera. 

    Che vergogna! Il problema è il silenzio dei preti! Dio ci perdoni

    RispondiElimina
  20. Eh, sud, è bello saperne più del papa, vero?

    RispondiElimina
  21. <span>AMICUS PILATUS, SED MAGIS AMICA VERITAS !</span>

    RispondiElimina
  22. <span>AMICUS PILATUS, SED MAGIS AMICA VERITAS !</span>

    RispondiElimina
  23. <span>Amicus</span><span></span>

    RispondiElimina
  24. megafoni del Padrone15 marzo 2010 07:29

    <span>La mosca cocchiera (utile schiava) del Potere Effettivo dice:</span><span> ”sud delatinizzato”, tutta contenta di farsi portavoce, col suo micro-megafono, del (suo) Padrone, che a sua volta ha sparso la consegna <span>imperativa</span> della notizia ufficiale che recita: “In tutto (?) il sud non c’è nè interesse né richiesta per la Messa Tridentina!: che tutti lo credano e lo ripetano, senza farsi domande ! da ripetere in tutte le parrocchie, senza discussioni o proposte "conoscitive" o divulgative dei reali contenuti del MP! Si metta a tacere qualsiasi domanda sulla questione! (=il Papa sta a Roma, qui comando "IO"!)</span>
    <p><span><span><span>·<span>                    </span></span></span></span><span>* * * * * *</span>
    </p><p>ovviamente:
    </p><p><span>desertum faciunt, et pacem appellant!</span>
    </p><p>............
    </p><p>come ai tempi di Tacito, vale anche oggi, come sempre...
    </p><p> 
    </p><p>(con buona pace di Caterina63 e di quelli che dicono:
    </p><p>il Papa sta parlando.....)
    </p><p> *DONT_KNOW*
    </p>

    RispondiElimina
  25. megafoni del Padrone15 marzo 2010 07:38

    <span>La mosca cocchiera (utile schiava) del Potere Effettivo dice:</span>
    <span>”sud delatinizzato”, tutta contenta di farsi portavoce, col suo micro-megafono, del (suo) Padrone, che a sua volta ha sparso la consegna<span> imperativa</span> della notizia ufficiale: “In tutto (?) il sud non c’è nè interesse né richiesta per la Messa Tridentina! sia ripetuto in tutte le parrocchie: che tutti lo credano e lo ripetano, senza farsi domande ! sia proibito a tutti proporre domande volte a conoscere e divulgare il reale contenuto del MP, o si dica che riguarda solo pochi reazionari nemici del progresso! sia stroncata sul nascere ogni curiosità di sapere CHE COSA ha detto realmente il Papa (= il Papa sta a Roma, QUI comando "IO"!)...</span>
    ****************
    ovviamente, oggi come 2000 (o 10.000) anni fa:
    <span>desertum faciunt, et pacem appellant!</span>
    *******************
    accade oggi, come ai tempi di Tacito, come sempre...
    (con buona pace di Caterina63 e di tutti quelli che dicono:
    "Tranquilli, evviva, "il Papa sta parlando!....";
    già il Papa sta parlando....senza megafono, sommerso da mille
    megafoni "alternativi" e "interpretativi", di sonorità 100 decibel....
    *DONT_KNOW*

    RispondiElimina
  26. megafoni del Padrone15 marzo 2010 07:40

    <span><span>La mosca cocchiera (utile schiava) del Potere Effettivo dice:</span>  
    <span>”sud delatinizzato”, tutta contenta di farsi portavoce, col suo micro-megafono, del (suo) Padrone, che a sua volta ha sparso la consegna<span> imperativa</span> della notizia ufficiale: “In tutto (?) il sud non c’è nè interesse né richiesta per la Messa Tridentina! sia ripetuto in tutte le parrocchie: che tutti lo credano e lo ripetano, senza farsi domande ! sia proibito a tutti proporre domande volte a conoscere e divulgare il reale contenuto del MP, o si dica che riguarda solo pochi reazionari nemici del progresso! sia stroncata sul nascere ogni curiosità di sapere CHE COSA ha detto realmente il Papa (= il Papa sta a Roma, QUI comando "IO"!)...</span>  
    ****************  
    ovviamente, oggi come 2000 (o 10.000) anni fa:  
    <span></span></span><span><span>desertum faciunt, et pacem appellant!</span></span>
    <span>  </span><span><span></span>
    *******************  
    accade oggi, come ai tempi di Tacito, come sempre...  
    (con buona pace di Caterina63 e di tutti quelli che dicono:  
    "Tranquilli, evviva, "il Papa sta parlando!....";  
    già il Papa sta parlando....senza megafono, sommerso da mille  
    megafoni "alternativi" e "interpretativi", di sonorità 100 decibel....  )
    </span>

    RispondiElimina
  27. megafoni del Padrone15 marzo 2010 07:40

    <span><span><span>La mosca cocchiera (utile schiava) del Potere Effettivo dice:</span>    
    <span>”sud delatinizzato”, tutta contenta di farsi portavoce, col suo micro-megafono, del (suo) Padrone, che a sua volta ha sparso la consegna<span> imperativa</span> della notizia ufficiale: “In tutto (?) il sud non c’è nè interesse né richiesta per la Messa Tridentina! sia ripetuto in tutte le parrocchie: che tutti lo credano e lo ripetano, senza farsi domande ! sia proibito a tutti proporre domande volte a conoscere e divulgare il reale contenuto del MP, o si dica che riguarda solo pochi reazionari nemici del progresso! sia stroncata sul nascere ogni curiosità di sapere CHE COSA ha detto realmente il Papa (= il Papa sta a Roma, QUI comando "IO"!)...</span>    
    ****************    
    ovviamente, oggi come 2000 (o 10.000) anni fa:    
    <span></span></span><span><span>desertum faciunt, et pacem appellant!</span></span>  
    <span>  </span><span><span></span>  
    *******************    
    accade oggi, come ai tempi di Tacito, come sempre...    
    (con buona pace di Caterina63 e di tutti quelli che dicono:    
    "Tranquilli, evviva, "il Papa sta parlando!....";    
    già il Papa sta parlando....senza megafono, sommerso da mille    
    megafoni "alternativi" e "interpretativi", di sonorità 100 decibel....  ) </span></span>
    *DONT_KNOW*

    RispondiElimina
  28. <span>14 marzo, TG2 delle 20,30:</span>
    <span> </span>
    <span>"....il Papa nella sua visita ai luterani ha dato un esempio concreto di rispetto del</span>
    <span><span> </span><span>buon galateo ecumenico...."</span></span>

    RispondiElimina
  29. nuovo galateo15 marzo 2010 08:39

    <span>14 marzo, TG2 delle 20,30:</span>
    <span> </span>
    <span>"....il Papa nella sua visita ai luterani ha dato un esempio concreto di rispetto del</span>
    <span><span> </span><span>buon galateo ecumenico..."</span></span>
    ^^^^^^^^


    che cos'è il "buon galateo ecumenico" ?
    O:-)

    RispondiElimina
  30. nuovo galateo15 marzo 2010 08:40

    <span><span>14 marzo, TG2 delle 20,30:</span>  
    <span> </span>  
    <span>"....il Papa nella sua visita ai luterani ha dato un esempio concreto di rispetto del</span>  
    <span><span> </span><span>buon galateo ecumenico..."</span></span>  
    ^^^^^^^^  
     
    che cos'è il "buon galateo ecumenico" ?  
    O:-) </span>

    RispondiElimina
  31. E sarebbe una colpa quella di avere celebrato in suffragio di un morto? O Mussolini lo abbiamo già condannato all'Inferno a furor di popolo? Ha valore il furor di popolo?

    RispondiElimina
  32. nuovo galateo15 marzo 2010 09:13

    <span>...poi il giornalista ha proseguito: </span>
    <span>“….sono ormai lontani i tempi precedenti il Concilio, quando la Chiesa <span>considerava i luterani eredi dello scismatico ed eretico Lutero</span>….”</span>
    <span>^^^^^^</span>
    ....e OGGI, invece, la Chiesa, COME li considera i luterani ? di chi sono "eredi" ?
    ? ? ?
    :( .......?

    RispondiElimina
  33. E' stato trasferito nel comune di Monteleone di Puglia. Il comune più lontano dal capoluogo dell'intera diocesi. Unica parrocchia (san Giovanni Battista). Messa in rito straordinario alle ore 12.00 della domenica.
    Saluti,
    Laico (foggiano)

    RispondiElimina
  34. questo dimostra ancora una volta quanto sia lontana la primavera del Rinascimento della Liturgia di sempre e della Restaurazione sicura (non solo sognata e "disegnata") della Chiesa di Cristo: pochi anni per distruggere un monumento quasi bimillenario....
    e quanti per ricostruirlo.... ?
    :(

    RispondiElimina
  35. Purtroppo tutti stanno "martellando" su questi tasti e i fedeli invece di seguire la Tradizione e gli insegnamenti della Santa Madre Chiesa, seguono i cattolici adulti e i servizi della TV. D'altra parte è abbastanza complicato essere un vero cattolico, ci sono troppi sacrifici: bisogna pregare, andare a Messa, digiunare, fare sacrifici, non fare quello che si vuole, ecc. Essere luterani è molto più semplice ed è questo che avviene ormai in moltissime parrocchie. :'(
    Più di qualche cattolico si inalbera se uno osa definire i luterani eretici. Sono nostri fratelli in Cristo >:o . aiutooooo povera Chiesa

    RispondiElimina
  36. Guglielmo da Okkam15 marzo 2010 12:10

    la chiesa li considera fratelli, immersi nello stesso battesimo, accomunati dall'ascolto della medesima Parola, figli di un uomo che è urgente rivalutare. Voi tradizionalisti invece (quindi non la chiesa) come li considerate? all'inferno giusto?

    RispondiElimina
  37. Curioso, sig. Guglielmo, che siano più "fratelli" i protestanti che i cattolici tradizionalisti. Le chiedo, vi è salvezza al di fuori della Chiesa Cattolica? La Dominus Iesus l'ha letta? Non è un vecchio documento pre-conciliare, è datata agosto 2000, Giovanni Paolo II regnante. O è più valido lo "spirito del concilio" di una dichiarazione della congregazione della dottrina della fede?

    RispondiElimina
  38. come te caro guglielmo....

    RispondiElimina
  39. Quale un battesimo? Un battesimo al quale buona parte dei protestanti nega qualunque valore sacramentale e che deve quindi essere reiterato sub condicione in coloro che passano alla Chiesa cattolica? Quale parola? Quella che essi interpretano secondo il proprio lume privato, creando, almeno potenzialmente, tante correnti dottrinali quante sono le coscienze (protestanti conservatori)? O quella della quale essi negano finanche l'ispirazione, relegandola nel novero delle favole edificanti (protestanti liberali)? Quale uomo? Quello che con la scusa di combattere certi abusi disciplinari gettò a mare mille e cinquecento anni di Tradizione cattolica e aprì al strada al relativismo e al liberalismo? Capiamoci.

    RispondiElimina
  40. Guglielmo da Okkam15 marzo 2010 13:48

    Risposta secca per una domanda facile facile: "C'è salvezza fuori della chiesa cattolica?" Assolutissimamente SI!

    RispondiElimina
  41. <span>c'è scampo dalla morte a gettarsi da 10.000 metri senza paracadute ? 
     
    <span>Assolutissimamente SI!</span> 
    ?......? *DONT_KNOW* ... 
    :( ....?</span>

    RispondiElimina
  42. Gentile sig. Laico,
    premesso che quello di cui stiamo parlando non ha niente a che vedere con quanto dovremmo commentare, tuttavia il Suo intervento estemporaneo mi obbliga, in coscienza, a porre a Lei la Sua stessa domanda: ha letto la Dominus Jesus? Temo che, supponendo che Ella l'abbia letta, Le sia sfuggito più di qualcosa.
    L'antichissima e venerabile espressione "Extra Ecclesia nulla salus", di grazia, non è assolutamente da intendersi così come Ella la intende.
    Anche fuori dai perimetri "giuridici" della Chiesa c'è salvezza ma sempre e soltanto per i meriti di Gesù Cristo.
    I luterani non sono nostri fratelli più dei cosiddetti tradizionalisti CATTOLICI (da non confondersi con i disobbedienti lefevriani).
    Tuttavia ogni essere umano è nostro fratello di qualsiasi razza, lingua, popolo e RELIGIONE.
    Se noi cattolici dovessimo continuare ad avere un atteggiamento altezzoso, presuntuoso, talvolta persino violento verso chi non la pensa come noi, come faremo a conquistare gli altri alla nostra causa che è Cristo Gesù?
    Gesù il Figlio del Padre ricco di misericordia!
    Qualcuno potrà obiettarmi che essendo noi i detentori della verità (guai se non ci credessimo) non possiamo scendere a compromessi. Non si tratta di scendere a compromessi! La verità non ha bisogno di essere imposta, essa stessa - da sola - rifulge in tutto il suo splendore.

    RispondiElimina
  43. Perchè tu sei stato generato direttamente da Dio? Non hai un padre biologico? Non hai un padre spirituale? Non chiami il papa "S.Padre"? Prima di scrivere sarebbe necessario pensare? è chiedere troppo?

    RispondiElimina
  44. magari se si dessero risposte pertinenti e con qualche nesso logico si potrebbe discutere...

    RispondiElimina
  45. Certamente ci si può salvare anche fuori dalla Chiesa cattolica. Non però grazie alle false religioni, ma nonostante esse.

    RispondiElimina
  46. mysterium iniquitatis15 marzo 2010 16:23

    c'è qualcosa da capire ?
    :'(
    (quando<span> in tante parrocchie si dice a chiare lettere </span>che "bisogna rivalutare Lutero"....)
    (quando un Arcivescovo afferma che la Messa tradizionale e chi la celebra sono "un bubbone"....e il Santo Padre che ha avuto l'ardire di liberalizzarla, che cosa sarebbe....?)
    :'(

    RispondiElimina
  47. La formula "extra Ecclesiam nulla salus" non è una espressione metaforica, che ciascuno può trarre al significato che vuole. Essa significa veramente che al di fuori della Chiesa non può esservi alcuna salvezza. Della Chiesa, tuttavia, non fanno parte soltanto coloro che, battezzati, professano la dottrina cattolica e obbediscono ai legittimi pastori, ma anche coloro che, professando in buona fede una falsa religione (a causa dell'ignoranza, relativa o assoluta, della vera), vivono secondo la legge naturale, cercano sinceramente la verità e si pentono dei falli eventualmente commessi. Anche costoro, secondo la dottrina cattolica, sono incorporati alla Chiesa, non visibilmente ma "in voto". Per quanti di loro non hanno ricevuto il battesimo, condizione indispensabile alla salvezza, si parla di battesimo di desiderio, che supplisce negli effetti quello d'acqua. Come si vede, quindi, la salvezza di quanti si trovano visibilmente fuori dalla Chiesa visibile non è affatto lasciata al caso o all'arbitraria volontà di Dio, ma soggiace, come per i cattolici (sia pure in modo diverso), alla libera accettazione della grazia divina.

    RispondiElimina
  48. Il Novus Orror è un bubbone mortifero da estirpare al più presto, non la Santa Messa!

    RispondiElimina
  49. <span>i disobbedienti lefevriani</span>

    scusi "don", lei ritiene che quei "disobbedienti" là....
    non sono cattolici ?
    ? ? ?

    RispondiElimina
  50. <span>e lei, "don", </span><span>ritiene che l'Arcivescovo che definisce "bubbone" il sacerdote don Guglielmo Fichera <span>per il fatto che celebra la Messa di sempre,</span></span>
    <span>come lamentano i fedeli, è il più cattolico di tutti ? 
    O è il solo <span>"vero cattolico"</span> di fronte al parroco trasferito e ai fedeli perseguitati (in tante diocesi, a causa della richiesta di Messa VO) ? 
    ? ? ? 
    :( ?   ?</span>

    RispondiElimina
  51. DANTE PASTORELLI15 marzo 2010 19:56

    Almeno i luterani non han gettato in faccia al Papa le deliranti accuse degli ingrati ebrei al venerabile Pio XII.

    RispondiElimina
  52. DANTE PASTORELLI15 marzo 2010 19:59

    Restano eretici e scismatici. E non han successione apostolica, sacerdozio ed Eucaristia ed altri sacramenti. Il "molto in comune" tra luerani e cattolici sottolineato dal Papa è un "molto poco" in realtà.

    RispondiElimina
  53. DANTE PASTORELLI15 marzo 2010 20:43

    Perché il battesimo sia valido dev'essere amministrato con l'intenzione di fare ciò che la Chiesa intende fare. In caso di estrema necessità con questa intenzione può amministrarlo anche un ateo, un musulmano, un eretico ecc.

    RispondiElimina
  54. DANTE PASTORELLI15 marzo 2010 20:47

    Nessuno dev'esser altezzoso, ma nessuno deve rinunciare ad affermar che solo la Chiesa ha la verità, tutta la verità. E che fuori d'essa ci posson esser delle schegge di verità insufficienti alla salvezza. E per poter rilucere in tutto il suo splendore dev'esser predicata senza alcuna diminuzione per il timore di offender l'altrui sensibilità. L'errore è errore e come tale va combattuto e corretto.

    RispondiElimina
  55. Mi dispiace, caro don, ma ho nuovamente riletto la Dominus Iesus e non riesco a trovare il passo in cui dice che oltre la Chiesa Cattolica vi sono altre vie di salvezza.
    Sarà la stanchezza per la giornata dura che ho passato (non sto ironizzando). Se potesse riportarmi i passi che lei ritiene avvallino la sua tesi, la prego di riportarli, anche solo indicandone l'articolo.
    Grazie.
    Laico

    RispondiElimina
  56. <span>ma lei, Sarracino, che è acuto, avrà notato che l'ospite ha riferito il fatto aggiungendo il proprio commento ironico in parentesi, rilevando che, secondo certi cattolici di oggi, la Misericordia di Dio dovrebbe essere donata solo a chi è di sinistra, come da 30 anni e oltre sentiamo dire che la cultura vera sta solo a sinistra ! (non è certo una novità: è lo stesso movente che spinge questi catto-adulti a dirti che se desideri che si torni alla sana morale tradizionale, restaurando i costumi, o sostieni che la Chiesa debba ritrovare la sua funzione d'Autorità docente che richiede docile obbedienza dai discenti, vieni bollato come reazionario e fascista!...e non se ne può più...)</span>

    RispondiElimina
  57. <span>....come quando, <span>in nome dell'égalité</span> (con tutto il resto....) i giustizieri del 1789 decisero che alcuni (.....) erano meno uguali di altri nel diritto alla vita, e che si doveva tagliar loro la testa; così come oggi, dentro la Chiesa, alcuni (....) giustizieri "egalitari" ritengono e dichiarano che ci sono dei cattolici "meno uguali", cioè "meno cattolici" di altri: e sarebbero, secondo loro, quelli che desiderano riportare in auge la Tradizione bimillenaria, e che auspicano il ritorno di tutta la Chiesa alla piena e coerente fedeltà ad essa (questi come minimo vengono tacciati di "integralismo" o "clerico-fascismo" e simili complimenti !)</span>

    RispondiElimina
  58. eccomi, fiero disobbediente lefebvriano ...

    RispondiElimina
  59. ...ma più cattolico di tanti "don"....

    RispondiElimina
  60. monaco benedettino che moriva di indossare la croce pettorale e lo zuccheto possibilmente rosso. 

    RispondiElimina
  61. perché (ingrati) ebrei? Le accuse al suo (venerabile) Pio XII mi sembrano fondate su documenti storici troppo lunghi qui a enumerare. Il semplice fatto che il Pontefice Romano si lascia trascinare  sotto i suoi occhi persone di fede ebraica e non, dirette alle Fosse Ardeatine senza che l'illustre (santo) padre abbia reso un fiato questo e un fatto insopportabile per un fedele. Molti purtroppo che corrono alla difesa di quel (santo) pontefice si sono dimenticati del grande Cardinale Clemens von Galen un vero Santo non questi fasulli fatti da circostanze vaticane. Rileggetevi vi prego le sue prediche, testimone eterne di coraggio per non parlare dell'allora arcivescovo di Genova e di Firenze di memoria immortale ;certo se avessimo giusto un fogliettino piccolo piccolo del venerato pontefice allora si che tutti si starebbero zitti, ma finora nessuno ne ha trovato traccia. 

    RispondiElimina
  62. grazie Oreste:mi son fatta una grande risata; conosco bene la situazione, chissa quanti si fanno il pisolino durante certe prediche, di una noia incredibile.

    RispondiElimina

L'inserimento senza moderazione dei commenti è limitato ai soli post usciti nella medesima giornata di inserimento e nel giorno precedente. Per i post più vecchi, i commenti saranno sottoposti a moderazione.
Qualora fosse attiva la moderazione, possono passare anche alcuni giorni prima del controllo da parte della Redazione.