Pagine

lunedì 8 gennaio 2024

BREAKING NEWS: il libro scandalo del card. Fernández (1998): sugli orgasmi maschili, femminili...e DIVINI (tantrismo cattolico?) #fernández #fiduciasupplicans

Grazie agli amici di Caminante Wanderer, e con altre fonti riservate, abbiamo trovato sul sito SCRIBD  un volume di S. Em. Rev. il Card. Víctor Manuel FERNÁNDEZ (La Pasíon Mística. espiritualidad y sensualidad) che è veramente scandaloso e apparentemente blasfemo. (Le nostre fonti escludono che possa trattarsi di un caso di omonimia, essendo il libro indicato nella bibliografia di sua eminenza; cfr foto in calce al post). 
Parla, negli ultimi tre capitoli, dell'orgasmo maschile e femminile e dell'orgasmo divino..., in maniera francamente imbarazzante. 
Per esempio: le esperienze mistiche di alcune sante parrebbero ridursi a veri e propri orgasmi. 
Leggendo i tre capitoli in oggetto sembra intravvedersi una sorta di tantrismo cattolico. Il testo è cosi vergognoso che bisogna fare attenzione a non scandalizzare i deboli.
È stato pubblicato in Messico nel 1998 o 1999 (a fianco la copertina).
QUI  il libro su Google Books, QUI  QUI il testo (soprattutto i capitoli 7, 8 e 9), sotto le citazioni dei paragrafi più problematici e le foto della copia originale (a dimostrazione che il libro esiste veramente).
I titoli dei capitoli 7, 8 e 9 sono (vedere screenshot sotto): 7. L'orgasmo maschile e femminile; 8 la strada verso l'orgasmo; 9 DIO nell'orgasmo di coppia.  
Il libro sui baci ("“Guariscimi con la tua bocca, l'arte del bacio” è un libro di 80 pagine, pubblicato nel 1995 ma non più in stampa") deve essere la versione per educande di quest'ultimo?
Stranamente, poi, non appare più - ci pare - nel catalogo della casa editrice "Ediciones Dabar"E neppure nella biografia, presentata dal Vaticano, all'atto della nomina (vedere QUI). Stranamente il volume è sparito in entrambe le bibliografie. Chissà perchè...

Pensiamo di fare un servizio utile alla Chiesa pubblicando come la pensa colui che dovrebbe custodire la Dottrina e la Fede del Popolo di Dio (cfr., Concilio vaticano II, Lumen Gentium 4): siamo senza parole. Forse da questo si capisce anche Fiducia Supplicans (QUI e QUI le reazioni contrarie di mezzo episcopato cattolico).
Il S. Padre dovrà dire qualcosa o va bene anche questo e tacerà come sullo scandalo Rupnik 
Luigi C.

Mons. Víctor Manuel Fernández. 'La Pasíon Mística. Espiritualidad y sensualidad'.
(Mistical Passion. Spirituality and sensuality),
(chapters 7,8,9), Dabar, México 1998, pp. 65-92
[Estratti]


Capitolo 7. Orgasmo maschile e femminile

Per questo, vediamo innanzitutto come gli uomini e le donne vivono l'orgasmo e qual è la differenza tra un orgasmo maschile e uno femminile.
[...]
A lei piacciono di più le carezze e i baci, e ha bisogno che l'uomo giochi un po' prima di penetrarla. Ma lui, insomma, è più interessato alla vagina che al clitoride.
[...]
Al momento dell'orgasmo, lui di solito emette dei grugniti aggressivi; lei, invece, fa dei balbettii o dei sospiri infantili.
Non dimentichiamo che le donne hanno un ricco plesso venoso intorno alla vagina, che mantiene un buon flusso sanguigno dopo l'orgasmo. Ecco perché di solito è insaziabile. 
[...]
Ma non dimentichiamo che a livello ormonale e psicologico non esistono maschi e femmine puri.
Chiediamoci ora se queste particolarità dell'uomo e della donna nell'orgasmo si verificano in qualche modo anche nel rapporto mistico con Dio.
Potremmo dire che la donna, essendo più ricettiva, è anche più disposta a lasciarsi prendere da Dio. È più aperta all'esperienza religiosa. Forse è per questo che le donne predominano nelle chiese.
[...]
Carlo Carretto, un uomo dalle caratteristiche marcatamente maschili, racconta che nel suo incontro più bello con Dio si è sentito come una bambina fiduciosa, 
[...]
Ma diciamo, più precisamente, che nell'esperienza mistica Dio tocca il centro più intimo dell'amore e del piacere, un centro in cui non ha molta importanza se siamo maschi o femmine. E in quel centro siamo tutti ricettivi e viviamo un'esperienza in cui non siamo pienamente padroni di noi stessi. Per questo motivo, gli scienziati sono soliti affermare che le differenze tra uomini e donne si sperimentano nella fase che precede l'orgasmo, ma non tanto nell'orgasmo stesso, dove le differenze tra femminile e maschile non sono più così chiare e sembrano scomparire.
[...]
nell'esperienza mistica colui che è eminentemente attivo è Dio. La creatura, sia essa maschio o femmina, si diletta a dipendere completamente dal Dio amante, a "lasciarsi amare".


Capitolo 8 il cammino verso l'orgasmo

Dio non è nemico della nostra felicità, non mutila la nostra capacità di amare, perché è amore, amore appassionato, amore che fa del bene, che libera, che guarisce.
[...]
Alcuni santi hanno cominciato ad avere esperienze inebrianti di Dio poco dopo la loro conversione, o alla stessa conversione; altri, come Santa Teresa d'Ávila, hanno raggiunto queste esperienze dopo molti anni di aridità spirituale. Santa Teresa di Lisieux, pur sentendosi teneramente amata da Dio, non ha mai avuto esperienze molto "sensuali" del suo amore, e sembra che abbia raggiunto una gioia traboccante e appassionata solo al momento della sua morte, 
[...]
tutte le attrattive di questo mondo dovrebbero elevarci, d'ora in poi, all'incontro con la fonte divina, per abbeverarci a quella sorgente inesauribile di bene e di bellezza. Fare diversamente sarebbe come passare ottant'anni a sentire l'aroma di un cibo delizioso invece di sedersi a tavola e gustarlo felicemente. Ma, inoltre, aspettare la morte per fare l'esperienza di Dio va contro la logica dell'amore. 
[...]
Ma questo non significa necessariamente che questa esperienza gioiosa dell'amore divino, se la raggiungo, mi libererà da tutte le mie debolezze psicologiche. Non significa, ad esempio, che un omosessuale smetterà necessariamente di esserlo. Ricordiamo che la grazia di Dio può coesistere con le debolezze e persino con i peccati, quando c'è un condizionamento molto forte. In questi casi, la persona può fare cose oggettivamente peccaminose, senza essere colpevole,
[...]
Ci può essere una religiosa che deve fare grandi sacrifici per essere fedele alla sua verginità, perché la sua psicologia ha dei forti condizionamenti in questo senso, eppure, allo stesso tempo, ha una bella esperienza, molto autentica, dell'amore di Dio, che la rende felice.
[...]


Capitolo 9 DIO nell'orgasmo di coppia

Abbiamo parlato della possibilità di raggiungere una sorta di orgasmo appagante nella nostra relazione con Dio.
[...]
Dio può essere presente a quel livello della nostra esistenza, può essere presente anche quando due esseri umani si amano e raggiungono l'orgasmo; e quell'orgasmo, vissuto alla presenza di Dio, può essere anche un sublime atto di adorazione a Dio.
[...]
Vediamo quindi che il piacere è anche qualcosa di religioso, perché "è un dono di Dio". Pertanto, chi è in grado di godere della presenza di Dio, può più facilmente essere consapevole dell'amore di Dio e quindi aprirsi ad amare gli altri. Chi non riesce a godere dei piaceri della vita, perché non ama e non accetta se stesso, difficilmente potrà amare generosamente gli altri. 
[...]
non dobbiamo fuggire o nasconderci da Dio quando godiamo, perché è lui che "ha creato tutte le cose perché ne godiamo" (1Tim 6,17).
[...]
Tutto questo si può dire anche del piacere sessuale, che è stato creato da Dio per la felicità dell'uomo. 
[...]
il piacere sessuale ha una particolare nobiltà al di sopra degli altri piaceri del corpo, perché il piacere sessuale è vissuto in due, è condiviso,
[...]
il piacere dell'orgasmo diventa un'anticipazione della meravigliosa festa dell'amore che è il paradiso. 
[...]
Il piacere sessuale non ostacola la spiritualità o la contemplazione, perché se l'unione sessuale è un atto d'amore, non fa altro che aprire il cuore, e quindi facilitare la contemplazione di Dio. Già San Bonaventura diceva che "nessuno raggiunge la contemplazione se non si forma all'amore per gli altri" (III S., 27, 2, 4; IV S, 37, 1, 3, ad 6), e secondo San Tommaso d'Aquino "l'affetto umano si espande con il piacere" (Summa Th., I-IIae, 31, 3).
[...]
Il sesso fine a se stesso è infatti la forma più comune di sessualità per l'adolescente che si masturba, perché nella masturbazione raggiunge il piacere e sfugge all'impegno con l'altro, si protegge dagli altri e non dà nulla di sé. In questo modo, rimane legato ai genitori e non si stacca dal guscio familiare. 
[...]
Il piacere è così unito alla santità che, secondo San Tommaso, se l'uomo fosse libero dal peccato ci sarebbe molto più piacere nei rapporti sessuali (Summa Th., 1, 98,2).
[...]
E un venerabile teologo egiziano del XV secolo ha fatto la seguente lode a Dio: "Lode ad Allah, che stabilisce peni duri e dritti come lance per fare guerra alle vagine (Al Sonuouti)".
[...]











32 commenti:

  1. Signore, abbi pietà di costui e convertilo! Kyrie eleison!

    RispondiElimina
  2. Cosa da far accapponare la pella dal ribrezzo.

    RispondiElimina
  3. Adesso avete imparato la parola scandalo e tutto è uno scandalo?

    RispondiElimina
  4. Senza parole. !!!! questo sarebbe un Cardinale di Santa Romana Chiesa?

    RispondiElimina
  5. Ora aspettiamo che Ilona Staller scriva un trattato sulla vita d'orazione e Rocco Siffredi sulla virtù teologale di Speranza.

    RispondiElimina
  6. Fuori ogni dubbio di chi è
    costui.
    Voglio ricordare le parole di S.Lucia in risposta ad una lettera inviata al Cardinale Carlo Caffarra "La Madonna gli ha già schiacciato la testa" queste parole mi confortano enormemente, ma il dolore rimane. Christus Vincit Christus Regnat Christus Imperat

    RispondiElimina
  7. E questa sarebbe la "mistica" di colui al quale il papa si è affiddato per metterlo nel posto principale per curare la Dottrina a tutta la Chiesa? Complimenti al 'discernimento' del papa!
    Certo che avete fatto bene a pubblicarlo, perché si conosca più il "personaggio" e gli si stia lontano da quello che dice e quello che fa.

    RispondiElimina
  8. Sono amareggiata se penso al mio santo parroco Don Guido!Stiamo scadendo molto in basso !

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Preghiamo per la conversione di costoro e ringraziamo ogni giorno il Signore perchè ci sono ancora tanti santi sacerdoti (ma se ce ne manda di più non sarebbe male !): In cordibus Jesu et Mariae

      Elimina
  9. E' un autorevole rappresentante di quella Chiesa conciliare che riesce a conciliare l'inconciliabile!

    Gz

    RispondiElimina
  10. Ecco il nuovo prefetto del dicastero Vaticano per il sesso.. che si inizi a preparare la macina da mulino per mettergliela al collo..

    RispondiElimina
  11. Insomma non lo sapevamo ma esiste anche la pornoteologia...

    RispondiElimina
  12. Mi repelle. che orrore. Ma non si vergogna a stare a presiedere quel dicastero?.

    RispondiElimina
    Risposte
    1. A me repellono quelli che fanno le sceneggiate pavoneggiandosi coi paramenti antichi.

      Elimina
  13. Non ci trovo nulla di scandaloso. Effettivamente è un testo di tantrismo cattolico

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Peccato che il "tantrismo cattolico" non esista e sia un'eresia blasfema e sacrilega. Prima di scrivere studi

      Elimina
    2. Casalini, perché quando vi si risponde nel merito delle questioni censurate sempre tutto? Ad esempio, se voi scrivete che popolo di Dio in latino si dice Dei plebs e vi si fa osservare che in Lumen Gentium non si usa la parola plebs ma populus, il motivo della censura quale sarebbe? E se vi si argomenta che secondo un dizionario di latino con nome e cognome la parola fiducia (supplicans) sarebbe corretta, qual è il problema che ve lo fa censurare? E se vi si dice che il testo di una canzone latina da voi pubblicato è tutto sbagliato, il motivo della censura quale sarebbe? Sarà forse malafede? Ma no, certo che no!😁

      Elimina
    3. Tantrismo cattolico? Questo è il più schifoso scritto letto da un rappresentante della Dottrina della Fede. E tutto rimane nel silenzio, siamo complici di questo abominio? Dio abbia pietà di noi

      Elimina
    4. Luigi, tu che hai studiato, spiegaci un po': quando Teresa d'Avila racconta che un cherubino le infila e sfila a più riprese nelle viscere il suo dardo d'oro dalla punta di ferro facendola gemere di piacere, cosa sta descrivendo? Lo sai che se vai a raccontare 'sta cosa in una qualunque classe scolastica, i ragazzi ti sommergono di risate?

      Elimina
    5. Dipende. Tantrismo è un termine mutuato da altre tradizioni ma rimanda alla possibilità di percepire la realtà profonda a livello di unione totale. Su quale base dobbiamo scandalizzarci? Anche il piacere sessuale è dono di Dio. La sessualità non è male in sé stessa, la Chiesa chiede di viverla in modo ordinato. L' unione mistica potrebbe anche prevedere un orgasmo fisico, in questo senso possiamo parlare di tantrismo cattolico. Capisco che l'argomento imbarazzi ma non c'è nulla di male nel trattarlo. A me sembra un testo evoluto, interessante e intelligente. Il male e la malizia la state mettendo voi. Anzi, vorrei leggerlo e quindi grazie per la segnalazione

      Elimina
  14. Beh ....il "tipo" ne sa eh!😎

    RispondiElimina
  15. Questo commento è stato eliminato dall'autore.

    RispondiElimina
  16. Vorrei sperare che quest abbominio si fermi qui, e che non ci sia di peggio ...i bambini non si toccano!! Sono schifata di quanto sta succedendo, prego Dio che venga presto a salvare la Sua chiesa.

    RispondiElimina
  17. La commissione di "mistica" e sesso è la base della cabala. Lo spiega il prof. D'Amico in un video: «La cabala ebraica contro la Chiesa di Cristo: storia segreta della psicanalisi» . Questa è la chiave di lettura di un libro "occultista" apparentemente inspiegabile

    RispondiElimina
  18. Sería mucho mejor Oder leer el documento en español para poder entrar más.gracias

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Nel post ci sono i link con l'edizione completa del libro in PDF. In spagnolo

      Elimina
  19. Beh basta vedere la faccia di questo cardinale per farsi subito un'idea di quello che è realmente! Bisogna che tutti noi ci discostiamo da queste persone, Bergoglio incluso, parliamo, parliamo, ma ci vogliono ora i fatti! Questi prelati non sono assistiti dallo Spirito Santo! Via da loro!!!

    RispondiElimina
  20. Oh mio Gesù perdono e misericordia
    Non pensavo si potessero scrivere cose simili

    RispondiElimina
  21. E' semplicemente un testo orrendo e blasfemo.Dalla loro opere li riconocerete.Chi ama il pericolo(leggendo questo libro)in esso PERISCE.Chi ha orecchie per intendere intenda.Deus non irridetur

    RispondiElimina

AVVISO AI LETTORI: Visto il continuo infiltrarsi di lettori "ostili" che si divertono solo a scrivere "insulti" e a fare polemiche inutili, AVVISIAMO CHE ORA NON SARANNO PIU' PUBBLICATI COMMENTI INFANTILI o PEDANTI. Continueremo certamente a pubblicare le critiche ma solo quelle serie, costruttive e rispettose.
La Redazione