Post in evidenza

Ora puoi... aiutare MiL

Se volete aiutare e sostenere MiL, potete fare una donazione anche piccola.   Ricordiamo ai nostri lettori infatti che MiL si sostiene solo ...

venerdì 20 gennaio 2023

Svizzera: bufera nelle diocesi di lingua tedesca. "concelebrano" le donne?

Ci manca solo la concelebrazione delle donne.
QUI la celebrazione sacrilega di Monika Schmid a cui, inter alia, fanno riferimento i vescovi..
Luigi

10 GENNAIO 2023, FSSPX.NEWSI 

Una forte reazione si è manifestata nelle tre diocesi germanofone della Svizzera – Basilea, Coira e San Gallo – a seguito della lettera di auguri congiunta pubblicata il 5 gennaio 2023 sotto la firma dei vescovi di queste tre diocesi, cioè, nell'ordine, mons. Felix Gmür, mons. Joseph Bonnemain e mons. Markus Büchel.

La lettera degli auguri

Dopo una cordiale introduzione, i vescovi esprimono preoccupazione alle soglie del nuovo anno. Pur non dubitando della fede e dell'impegno degli agenti pastorali, e di questo li ringraziano, aggiungono che "la testimonianza comune richiede forme e regole comuni".
I tre vescovi affermano inoltre di "ricevere regolarmente richieste e reazioni preoccupate, soprattutto per quanto riguarda le celebrazioni religiose. I fedeli hanno diritto alle funzioni religiose che rispettano le regole e le forme della Chiesa". Infatti, in Svizzera, "vigono le forme e le regole liturgiche secondo le disposizioni dei vescovi", prosegue la lettera.

L'ombra del caso Monika Schmid

La lettera arriva al punto mirato in particolare: "Voi tutti sapete che solo il sacerdote presiede validamente l'Eucaristia, concede la riconciliazione sacramentale e impartisce l'unzione degli infermi. Questo è precisamente il motivo per cui è ordinato. Questa regola di fede cattolica romana deve essere osservata senza restrizioni anche nelle nostre diocesi", avverte il messaggio.

Gli osservatori non hanno avuto difficoltà a fare il collegamento con il caso di Monika Schmid, riportato dalle nostre colonne: in occasione della sua partenza, una "assistente pastorale" e una teologa avevano "concelebrato" in modo sacrilego l'Eucaristia con due sacerdoti il ​​28 agosto .

In questa occasione, i commenti avevano suggerito che il caso non fosse isolato. E il fatto che i vescovi delle tre diocesi di lingua tedesca abbiano firmato questa lettera – mentre l'evento è avvenuto nella diocesi di Coira – la dice lunga sulle pratiche che fioriscono in questa parte della Svizzera.

Una reazione violenta e rivelatrice

Appena pubblicata la lettera episcopale sono esplose le reazioni. Gli operatori pastorali hanno definito gli auguri di Capodanno come una "strigliata" (Ruffel-Brief). Tra le più forti, la reazione della principale interessata si è distinta per la sua virulenza. In una lettera aperta Monika Schmid dice ai vescovi che "la vostra lettera è una tragedia teologica e umana".

L'accusa si fa più violenta: "A che gioco vigliacco e indegno state giocando? Roma vi tiene talmente per la gola che potete solo chinarvi? (…) In che modo la vostra lettera è un incoraggiamento, quando giustifica ancora una volta l'ingiustizia fatta alle donne?", insiste.

La presidente del Consiglio sinodale di Zurigo, dal canto suo, definisce "grottesca" la lettera dei vescovi. Si indigna davanti alla raccomandazione fatta alle donne di coltivare la forma liturgica del silenzio. "Non so nemmeno chi possa prendere sul serio questo richiamo all'ordine dei vescovi per gli operatori pastorali, impacchettato come un augurio di Capodanno", ha detto.

La presidente della Chiesa evangelica riformata della Svizzera è solidale con le sue sorelle cattoliche. "In ogni confraternita ecumenica, devo contraddire le ramanzine dei vescovi. (…) In nessun luogo il clericalismo patriarcale è più visibile che nella liturgia cattolica romana (…) perché le donne ne sono escluse".

Queste reazioni mostrano quanto sia grave la situazione del cattolicesimo nella Svizzera tedesca, ma questo non è un segreto. È irreversibilmente compromesso? Le celebrazioni "sacrileghe" continueranno? Il futuro lo dirà.

(Fonti: cath.ch/kath.ch – FSSPX.Actualités)
Immagine: © eveques.ch