Post in evidenza

Ora puoi... aiutare MiL

Se volete aiutare e sostenere MiL, potete fare una donazione anche piccola.   Ricordiamo ai nostri lettori infatti che MiL si sostiene solo ...

sabato 7 gennaio 2023

Restrizioni alla Liturgia Tradizionale: le preoccupazioni del Card. Burke e di Mons. Schneider #traditioniscustodes #benedettoxvi #summorumpontificum

Pubblichiamo di seguito la traduzione di un articolo di Edward Pentin, su National Catholic Register NCR (QUI).
Ricordando il nostro amato Benedetto XVI e il suo prezioso Motu Proprio Summorum Pontificum
Questa traduzione è stata realizzata grazie alle donazioni dei lettori di MiL.
Luigi

Il cardinale Burke e il vescovo Schneider ribadiscono le preoccupazioni per le restrizioni alla liturgia tradizionale
Il cardinale e il vescovo hanno offerto i loro commenti per una conferenza che l'autore ha tenuto recentemente a Londra.
Edward Pentin, National Catholic Register NCRNovembre 2022

CITTA' DEL VATICANO - Il cardinale Raymond Burke ha messo in dubbio le basi degli sforzi guidati dal Papa per limitare e infine eliminare la Messa latina tradizionale, mentre il vescovo Athanasius Schneider ha detto che il "tesoro millenario" non può essere distrutto, in quanto opera dello Spirito Santo.
Il cardinale e il vescovo hanno gentilmente condiviso i loro commenti nell'ambito di una conferenza che ho tenuto alla Latin Mass Society di Londra il 21 ottobre.
Mentre si aggravano le preoccupazioni per le nuove restrizioni del pontificato sulla liturgia tradizionale, il cardinale Burke ha detto che "nella misura in cui la ragione e la sana teologia prevalgono, la salvaguardia e la promozione dell'Usus Antiquior [l'antica liturgia in uso prima delle riforme del 1970] continuerà".
Il prefetto emerito della Segnatura Apostolica ha affermato che ciò avviene "nonostante le difficoltà e persino le persecuzioni" ispirate da Traditionis Custodes (Custodi della Tradizione), la lettera apostolica di Papa Francesco del 2021 emanata motu proprio (decreto) che limita la liturgia antica, e dai Responsa ad Dubia, le linee guida sull'attuazione del decreto emanate cinque mesi dopo.
Ma il cardinale Burke ha sottolineato che come "motu proprio", Traditionis Custodes non ha forza sufficiente perché ha autorità solo nella misura in cui è fondata su giusti motivi. Ha aggiunto che le motivazioni del decreto, e la lettera che lo accompagna scritta da Papa Francesco ai vescovi, "non sono vere e giuste" se prese insieme, e ne ha fornito le ragioni.

La prima, ha detto, è che "semplicemente non è vero" che la liturgia riformata è l'unica forma valida del Rito Romano. Ha sottolineato che, come hanno riconosciuto Papa S. Paolo VI, Papa S. Giovanni Paolo II e Papa Benedetto XVI, l'Usus Antiquior non è mai stato "soppresso" e, di fatto, ha continuato ad essere celebrato fin dai tempi della promulgazione del Messale di Papa S. Paolo VI.

Il cardinale Burke ha affermato che è "contrario alla ragione e alla sana teologia liturgica affermare che una forma del Rito Romano celebrata ininterrottamente per circa 15 secoli non è più una forma valida del Rito Romano".

Ha anche contestato l'affermazione dei documenti secondo cui coloro che assistono alla liturgia tradizionale rifiutano il Concilio Vaticano II e sono divisivi perché si considerano gli unici veri cattolici - cosa che ha respinto come falsa, ad eccezione di alcuni "estremisti" che hanno tali opinioni, proprio come "ci sono estremisti in qualsiasi gruppo".

Al contrario, ha detto che è evidente, anche per coloro che non sono attratti dalla liturgia tradizionale, che i fedeli che ne sono attratti sono "nutriti spiritualmente da essa, che sono devoti nel loro culto e nella loro pratica della fede. Sono anche fedeli ai loro vescovi e al Santo Padre".

"Per questo motivo", ha aggiunto, "sono stati comprensibilmente feriti dalla durezza dei documenti in questione, dal fatto che il documento Traditionis Custodes è entrato in vigore immediatamente e dall'applicazione dei documenti da parte di alcuni vescovi senza alcun riguardo per il bene delle anime".

Ha anche detto che "purtroppo, alcuni hanno concluso erroneamente che non c'è casa per loro nella Chiesa".

Il cardinale Burke ha detto che il loro dolore è "comprensibilmente intensificato" quando vedono "un'aperta deviazione da ciò che la Chiesa ha sempre insegnato e praticato da parte del Cammino Sinodale Tedesco e di altri individui e gruppi dissidenti, mentre essi vengono trattati come dannosi per la Chiesa a causa del loro profondo apprezzamento della Liturgia Romana classica".

"La situazione è totalmente confusa e divisiva", ha detto.

Il cardinale Burke ha anche alluso ai risultati del sondaggio della Congregazione per la Dottrina della Fede su cui si basava apparentemente Traditionis Custodes, affermando che non era una base giustificata per queste misure perché i risultati del sondaggio "non sono mai stati resi pubblici, e diverse persone fidate che hanno visto i risultati o, almeno, alcuni dei risultati, affermano che sono favorevoli alla continuazione della disciplina stabilita da Summorum Pontificum".

Ma il cardinale Burke ha evidenziato un altro "difetto procedurale fondamentale nella promulgazione di Traditionis Custodes", ovvero il fatto che la maggior parte di coloro che ne sono interessati non sono stati consultati prima della sua promulgazione - cosa che, ha detto, va contro le Regulae Iuris [Norme di diritto].

Per quanto riguarda i Responsa ad Dubia, il cardinale Burke ha detto che hanno solo la forza della legge a cui si riferiscono, ma i Responsa vanno oltre Traditionis Custodes e, addirittura, presumono di cambiare la legge universale della Chiesa - ad esempio, per quanto riguarda la legge sulla binazione (celebrare la Messa due volte nello stesso giorno).

Un ulteriore problema per il Vaticano, ha detto, è che il Dicastero per il Culto divino si sta appropriando di competenze che appartengono al vescovo diocesano e sono sotto la sua giurisdizione.

Il cardinale ha detto che ci sono molte altre serie difficoltà con i Responsa ad Dubia, che derivano dal fatto che sono stati sviluppati e promulgati senza una consultazione abbastanza adeguata. "Si può solo sperare che i vescovi la interpretino secondo i principi perenni del diritto canonico, specialmente il principio che la cura delle anime è la legge suprema", ha detto.

Il punto di vista del vescovo Schneider

Nei suoi commenti sulla situazione, il Vescovo Ausiliare Athanasius Schneider di Astana, in Kazakistan, ha incoraggiato con forza vescovi, sacerdoti e fedeli a mantenere l'attaccamento e la fedeltà all'antica liturgia che, ha detto, "è un tesoro di tutta la Chiesa, anche per la sua vitalità".

Essendo un dono inestimabile per la Chiesa, ha detto che bisogna trovare un modo "per difendere questo tesoro e trasmetterlo alla prossima generazione, per amore della Santa Madre Chiesa e anche per il nostro amore per l'onore della sede apostolica".

"È una cosa molto grave", ha aggiunto il vescovo Schneider. "È stato un tentativo di distruggere in parte la tradizione liturgica. Nessun Papa in 2.000 anni, e nessun concilio, aveva osato riformare un rito venerabile e provato; nessuno oserebbe fare questo a qualcosa che si è dimostrato così venerabile e che porta frutti".

"Per queste ragioni", ha detto il vescovo Schneider, "vescovi, sacerdoti e fedeli devono rimanere fedeli a questo grande tesoro della Chiesa". Se non lo fanno, e collaborano all'applicazione di queste misure restrittive, allora stanno causando "un danno spirituale alla Chiesa, perché perdere un tale tesoro santificato dai santi per così tanti anni sarebbe un danno evidente per il bene spirituale della Chiesa e per le anime".

Questo include il rifiuto dello stile di culto versus populum (rivolto verso il popolo) e della Comunione in mano. "Questo non è mai stato cattolico", ha detto. "È uno stile protestante e deve essere abbandonato". Egli è fermamente convinto che se ciò venisse fatto, non ci sarebbero più guerre liturgiche, entrambe le forme sarebbero in qualche modo vicine l'una all'altra, e col tempo lo diventerebbero sempre di più, trasmettendo così ciò che tutti i papi e i santi ci hanno trasmesso nella Santa Liturgia.

Ritiene inoltre che i fedeli dovrebbero fare pressione sui loro vescovi e sulla Santa Sede per unificare il lezionario e il calendario liturgico (la Messa latina tradizionale e la Messa riformata hanno letture e calendari liturgici diversi).

Alla domanda se pensava che ci potesse essere un dialogo con il Papa e con il cardinale Arthur Roche, prefetto del Dicastero per il Culto divino e la Disciplina dei Sacramenti, per raggiungere questo obiettivo, ha detto di non essere ottimista perché nell'attuale Vaticano anche alcuni vescovi proibiscono la celebrazione della Messa versus Deum ("di fronte a Dio"). Ha definito questo divieto "grave", e quindi ritiene che non ci siano le basi per discutere la questione fondamentale di cosa sia la Santa Messa.

Il vescovo Schneider ha detto che per coloro che spingono la riforma liturgica, la Messa è un incontro incentrato sulla comunità, mentre per i cattolici tradizionali è l'adorazione della Santissima Trinità. La Messa è innanzitutto il sacrificio del Golgota nella forma sacramentale, ma per quelli nel Vaticano, ha detto, è più importante l'elemento del banchetto, che secondo il vescovo Schneider è protestante e luterano e non appartiene alla tradizione apostolica. Questo, ha aggiunto, è particolarmente chiaro nella lettera apostolica del Papa Desiderio Desideravi del 2022 sulla formazione liturgica.

"Questo è molto grave", ha detto. Alla domanda su come il Vaticano possa avere un'immagine più chiara dei cattolici tradizionali, in modo che non vengano erroneamente definiti "estremisti", ha risposto che tale terminologia è abusiva e ingiusta.

"Forse devono applicare queste parole a se stessi", ha detto. "Non sono forse estremisti quando perseguitano senza pietà un così antico tesoro della Chiesa? Non è forse estremista anche questo? Quindi applicano il loro comportamento agli altri. La loro è un'ideologia per ripetere una nuova forma di comprensione protestante, e questo sta minando l'immutabile prova cattolica del carattere sacrificale della Messa e soprattutto del carattere adorativo della Santa Messa".

La situazione potrebbe peggiorare? "Tutto è nelle mani della Provvidenza", ha risposto il vescovo Schneider. "Anche se Dio permette una tale persecuzione di questo tesoro della Chiesa, lo permette per un bene più grande, perché la nostra fede sia purificata, ripulita, e la verità sia sempre più visibile dopo questa crisi". Ha detto che "la bellezza del carattere sacrificale, adorativo e immutabile della Messa e della liturgia dovrebbe essere sempre più evidenziata in modo che in futuro nessun Papa oserà mai più fare una tale rivoluzione - non in modo così drasticamente rivoluzionario".

"Certo", ha aggiunto, "la Chiesa può fare dei cambiamenti, ma non in modo drastico e rivoluzionario".

Ha poi fatto notare che se, come insiste questo pontificato, le riforme liturgiche dopo il Vaticano II non sono state una rivoluzione ma in continuità con la Tradizione, "allora perché perseguitano la forma tradizionale?". Se il Novus Ordo è solo un'altra forma della Tradizione, ha chiesto, allora perché devono perseguitare l'altra forma, che è anch'essa tradizione?

Il vescovo Schneider ha detto che, secondo lui, questo dimostra che il loro "concetto di Messa è in qualche modo contrario a ciò che esprime la forma tradizionale della Messa, e questa forma tradizionale della Messa li disturba, o mette in discussione la loro nuova comprensione ideologica della Messa, che è in contrasto con il senso perenne della Chiesa".

Il vescovo Schneider ha concluso esprimendo fiducia nel fatto che "nessun Papa, nessun vescovo, nessun dicastero vaticano riuscirà a eliminare un tesoro millenario". Lo Spirito Santo, ha aggiunto, "non lo permetterà e anche dopo Traditionis Custodes, lo Spirito Santo sta ora risvegliando una nuova ondata di amore per la liturgia tradizionale nelle nuove generazioni".

"Questo è un fatto che dimostra che è opera dello Spirito Santo", ha detto, "e dimostra che non possono combattere contro l'opera dello Spirito Santo".

"Vorrei dire al Santo Padre, ai cardinali a Roma, al Dicastero per il Culto Divino, ai vescovi diocesani: Non osate combattere contro l'opera dello Spirito Santo".

3 commenti:

  1. Posso affermare con tutta sincerità che avrei preso mia figlia di 9 anni a calci nel sedere dalla Chiesa a casa dopo la messa in una Chiesa che celebra in rito moderno perché è stata veramente insofferente,annoiata e per niente interessa.Quando mi ha detto che lei preferisce la Messa in rito latino e che la Comunione si fa in ginocchio e in bocca,si è evitata la sgridata!I bambini sono la voce della verità e percepiscono il bene in modo più semplice che noi adulti.

    RispondiElimina
  2. Che fine hanno fatto i dubia?!? Mica aveva detto che se non fosse arrivata una risposta avrebbero intrapreso delle azioni a tutela del Magistero e della tradizione della chiesa?
    L’unica azione intrapresa è stata volta al mantenimento dei propri privilegi e basta!
    Ma che senso ha gridare al ladro (Bergoglio) se tu stesso (Burke) lo stai a guardare senza fare nulla mentre ti svuota casa? (Dissacranenti vari)

    RispondiElimina
  3. Questi due cardinali ci aiutino a fare confermare le verità le della nostra fede, fortemente minate dalla falsità delle riforme bergogliane,per favore,aiutateci

    RispondiElimina

AVVISO AI LETTORI: Visto il continuo infiltrarsi di lettori "ostili" che si divertono solo a scrivere "insulti" e a fare polemiche inutili, AVVISIAMO CHE ORA NON SARANNO PIU' PUBBLICATI COMMENTI INFANTILI o PEDANTI. Continueremo certamente a pubblicare le critiche ma solo quelle serie, costruttive e rispettose.
La Redazione