Post in evidenza

Ora puoi... aiutare MiL

Se volete aiutare e sostenere MiL, potete fare una donazione anche piccola.   Ricordiamo ai nostri lettori infatti che MiL si sostiene solo ...

domenica 8 gennaio 2023

NOSTRE INFORMAZIONI di mons. Eleuterio Favella: nota sull’udienza all’Em.mo card. Joseph Zen #benedettoxvi

Per tramite del suo segretario diacono Ambrogio Fidato e per via diplomatica attraverso il Cancelliere Don Pietro Zecchini, abbiamo ricevuto la seguente informazione ex Aedibus da S.E.R. Mons. Eleuterio Favella, per grazia di Dio e della Sede Apostolica Arcivescovo di Synossi in partibus, Assistente al Sacro Soglio e Giudice Ordinario della Curia Romana e suo Distretto, nonché Abate Commendatario di Santa Cecilia in Urbe.
La comunicazione segue alla notizia – pubblicata sul sito del magazine dei Gesuiti statunitensi America – dell’incontro concesso da papa Francesco al card. Joseph Zen Ze-kiun S.D.B.,  Vescovo emerito di Hong Kong da sempre critico verso l’accordo provvisorio (e segreto) tra la Santa Sede e la Repubblica Popolare (comunista) Cinese sulla nomina dei Vescovi, incontro sistematicamente negato negli ultimi anni (QUI).
Grati a Sua Eccellenza Reverendissima per il rinnovato privilegio della sua considerazione nel volerci segnalare alcuni documenti che altrimenti passerebbero inosservati o non verrebbero evidenziati come dovrebbero ed inginocchiati al bacio dell’anello, ci professiamo imperituramente suoi servitori umilissimi et figli devoti in Cristo, e imploriamo la sua augusta benedizione.

L.V.

NOSTRE INFORMAZIONI

La S. Congregazione per le Cause dei Santi, con nota diramata stamane dalla Sala Stampa della S. Sede, ha inteso contestare immediatamente le voci sorte negli scorsi giorni secondo le quali l’udienza sovranamente conceduta dal S. Padre all’Em.mo card. Joseph Zen, arciv. em. di Hong Kong, sia da considerarsi il primo miracolo attribuito all’asserito Servo di Dio Benedetto XVI.


Nessun commento:

Posta un commento

AVVISO AI LETTORI: Visto il continuo infiltrarsi di lettori "ostili" che si divertono solo a scrivere "insulti" e a fare polemiche inutili, AVVISIAMO CHE ORA NON SARANNO PIU' PUBBLICATI COMMENTI INFANTILI o PEDANTI. Continueremo certamente a pubblicare le critiche ma solo quelle serie, costruttive e rispettose.
La Redazione