Post in evidenza

Ora puoi... aiutare MiL

Se volete aiutare e sostenere MiL, potete fare una donazione anche piccola.   Ricordiamo ai nostri lettori infatti che MiL si sostiene solo ...

domenica 22 gennaio 2023

Mosebach: Benedetto XVI e i fumi dell'attuale confusione #benedettoxvi

Pubblichiamo di seguito la traduzione dall'inglese (QUI su
Rorate Caeli) di un articolo (QUI l'originale in tedesco su Die Tagepost) con interessanti considerazioni di Martin Mosebach su Benedetto XVI:
«"Credo che la Chiesa degli Apostoli, dei Martiri e dei Padri sia la Chiesa di Gesù Cristo, o credo che questa antica Chiesa sia perita e che lo Spirito Santo si stia ora manifestando nello spirito del tempo?". Quando i "fumi dell'attuale confusione" saranno stati eliminati, ha detto lo scrittore, l'appello di Benedetto alla decisione [su questa questione] diventerà visibile come "il vero e imperituro risultato del suo pontificato"».
Segnaliamo i bellissimi libri di Mosebach sulla liturgia "L'eresia dell'informe" (QUI la recensione) e sui martiri copti "I 21. Viaggio nella terra dei martiri copti" (QUI la recensione).
Altri post di MiL sul Nostro QUI.
Questa traduzione è stata realizzata grazie alle donazioni dei lettori di MiL.
Luigi

Mosebach su Benedetto
Rorate Caeli, 04/01/2023

Quanto segue è apparso originariamente in tedesco su Die Tagepost il 3 gennaio 2023.

Secondo l'autore di bestseller di Francoforte Martin Mosebach, si scoprirà che il Papa emerito Benedetto XVI, morto sabato, "ha riconosciuto e definito con astuzia proprio il conflitto" che costituirà il "tema necessario e più importante" del dibattito interno alla Chiesa: "La Chiesa è impegnata per sempre nella tradizione degli evangelisti, degli apostoli, dei martiri e dei Padri della Chiesa, o può rompere questo impegno e scoprire altre fonti di rivelazione sempre nuove? Il Concilio Vaticano II segna l'inizio di una rottura con la tradizione o è in quella tradizione e vuole continuarla senza interruzioni?". In risposta a una domanda di questo giornale, Mosebach ha commentato così l'impatto dell'emerito oltre la sua morte.
"Questa lotta determinerà il prossimo futuro".

Il vincitore del Premio Büchner parla di un antagonismo tra una "ermeneutica della rottura" e una "ermeneutica della riforma", come l'aveva definita Benedetto. "Questa lotta determinerà il prossimo futuro", ha detto Mosebach. Allo stesso tempo, il 71enne riconosce che il "lungo periodo amaro dopo l'abdicazione" di Papa Benedetto XVI e prima della sua morte ha lasciato l'impressione "che questo pontificato sia stato un grande fallimento". Benedetto, ha detto, è apparso al momento della sua morte come l'ultimo "che goffamente e con mezzi inadatti ha condotto una futile lotta difensiva contro una nuova creazione della Chiesa richiesta dai tempi".

L'elogio rispettoso del "grande teologo" e del moderno "Padre della Chiesa" che, con il tema della sua vita "fede e ragione", ha affrontato in modo offensivo la sfida della modernità post-cristiana, difficilmente nasconderebbe "la delusione di coloro che gli erano devoti e ancor meno la malignità e la denuncia dei suoi numerosi nemici, soprattutto tedeschi".

Contro questo punto di vista Mosebach sostiene che anche se Benedetto XVI è stato lo sfavorito, ha comunque formulato la questione che nessun cattolico, chierico o laico, potrà evitare: "Credo che la Chiesa degli Apostoli, dei Martiri e dei Padri sia la Chiesa di Gesù Cristo, o credo che questa antica Chiesa sia perita e che lo Spirito Santo si stia ora manifestando nello spirito del tempo?". Quando i "fumi dell'attuale confusione" saranno stati eliminati, ha detto lo scrittore, l'appello di Benedetto alla decisione [su questa questione] diventerà visibile come "il vero e imperituro risultato del suo pontificato".

Da Peter Kwasniewski

3 commenti:

  1. Articolo meraviglioso!
    E anche la traduzione, stupenda ed accurata.

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Quando c’è vera devozione, questi sono i risultati.

      Elimina
  2. Sono d’accordo: l’ermeneutica della continuità è il grande insegnamento di papa Benedetto. Anche il “Summorum pontificum” vi rientra.

    RispondiElimina

AVVISO AI LETTORI: Visto il continuo infiltrarsi di lettori "ostili" che si divertono solo a scrivere "insulti" e a fare polemiche inutili, AVVISIAMO CHE ORA NON SARANNO PIU' PUBBLICATI COMMENTI INFANTILI o PEDANTI. Continueremo certamente a pubblicare le critiche ma solo quelle serie, costruttive e rispettose.
La Redazione