Post in evidenza

Ora puoi... aiutare MiL

Se volete aiutare e sostenere MiL, potete fare una donazione anche piccola.   Ricordiamo ai nostri lettori infatti che MiL si sostiene solo ...

giovedì 19 gennaio 2023

La famiglia è solo quella tradizionale, ma in Germania un vescovo predica: «È quella in cui le persone vivono con i figli»

Uno stralcio di un articolo di Franca Giansoldati sul Messaggero.
E il Papa accoglie i vescovi tedeschi sorridendo...
Mala tempora currunt.
Luigi

di Franca Giansoldati, 20 Dicembre 2022

Città del Vaticano – Altro che famiglia, meglio genitore A e genitore B. Mentre il Vaticano martella sul fatto che la famiglia è solo tra un uomo e una donna, in Germania un vescovo piuttosto influente ripete da mesi che il concetto nella Chiesa andrebbe ampliato. I tempi cambiano, la società si evolve, i legami diventano più complessi e così il vescovo di Essen, Franz-Josef Overbeck, ha invitato il Vaticano a riflettere su come rivedere in modo inclusivo la definizione di famiglia considerando che esistono ormai tantissimi bambini nati da genitori omosessuali.
«Una famiglia è quella in cui le persone vivono con i figli», ha dichiarato in un'intervista all'agenzia di stampa cattolica KNA, spiegando che tradizionalmente la famiglia in senso cattolico significava «padre, madre, figlio e matrimonio» mentre oggi diventa difficile attenersi a una sola forma ideale. Nessun modello garantisce di per sé stabilità e sicurezza. Il suggerimento del vescovo è di considerare il benessere dei bambini come il punto di partenza quando si parla di famiglia. «Da questo punto di vista si possono descrivere anche altre forme». Per esempio bambini nati attraverso la tecnica dell'utero in affitto e cresciuti da coppie di omosessuali, oppure ancora bambini nati da donne lesbiche o da genitori che nel frattempo hanno deciso di cambiare sesso attraverso un intervento. Il quadro familiare si presenta ormai piuttosto fluido e complesso e il percorso sinodale che ha intrapreso la Chiesa tedesca per riformare il magistero non poteva non includere anche un nuovo orizzonte per le famiglie cristiane. Il tema, naturalmente, per Roma resta un tabù.

Il vescovo di Essen ha anche fatto notare che la buona riuscita di una famiglia non è di certo la composizione, ma il modo in cui i figli vengono allevati e cresciuti in armonia. Oggi, in molte forme di famiglia si assumono responsabilità, sia per i figli che per il partner. Overbeck ha parlato anche delle coppie omosessuali che, secondo l'insegnamento cattolico, vivono nel peccato. Alla domanda se possono essere ugualmente buoni genitori, ha risposto: «Perché non dovrebbero esserlo?» Invece di fare i moralizzatori ciò che conta è «sviluppare congiuntamente prospettive per una buona cura pastorale di tutti i modelli di famiglia con tutte le persone che li abitano».
[...]
Le riforme che sta chiedendo la Chiesa in Germania riguardano il sacerdozio femminile, l'abolizione del celibato dei preti, l'elezione diretta dei vescovi, la revisione del Catechismo nella parte riguardante l'omosessualità.