Post in evidenza

Ora puoi... aiutare MiL

Se volete aiutare e sostenere MiL, potete fare una donazione anche piccola.   Ricordiamo ai nostri lettori infatti che MiL si sostiene solo ...

sabato 21 gennaio 2023

Dove va il pontificato di Francesco?

Un'interessante analisi sul futuro del pontificato di Francesco.
"L’unica cosa su cui tutti concordano è che la situazione attuale è insostenibile. Il Collegio cardinalizio dovrà scegliere tra qualcuno che promette di essere ciò che pensavano fosse Francesco e qualcuno che è l’esatto contrario di ciò che è stato. Una scelta del genere non è impossibile, né troppo difficile, di per sé".
Luigi


I partigiani di ogni parte di Papa Francesco hanno le loro previsioni e i loro pronostici, che rientrano grosso modo in due grandi categorie. Di seguito vi propongo un articolo scritto da Christopher R. Altieri che riflette su come potrebbe muoversi Papa Francesco dopo la morte del Papa Emerito Benedetto XVI. L’articolo è stato pubblicato su Catholic World Report. Eccolo nella mia traduzione.

Morto ‘n papa se ne fa n’artro, dicono i romani – “Morto un papa se ne fa un altro” – e come tutte le massime e i proverbi e gli altri dettati di saggezza sociale, anche questa è sempre vera. Ma come fa a essere vera questa volta?
Papa Francesco è il primo uomo a succedere a un ex papa vivente in più di sei secoli. Quindi, la domanda è come cambierà il pontificato di Francesco, ora che il suo predecessore in carica ha fatto la fine di ogni vivente.

I partigiani di ogni parte di Papa Francesco hanno le loro previsioni e i loro pronostici, che rientrano grosso modo in due grandi categorie: Quelli che si aspettano che Francesco si muova senza freni e quelli che si aspettano che passi alla modalità endgame/consolidamento della successione. Ci sono molti desideri e molte paure. Tutti hanno torto, ma – con le scuse a Buffalo Springfield – questo non significa che nessuno abbia ragione.

Ecco il nuovo papa… uguale al vecchio?

La conferma della tesi aggressiva può essere corroborata dalla recente riorganizzazione del Vicariato di Roma da parte di Papa Francesco, che ha sostanzialmente ridotto il governo del suo territorio d’origine a un governo personale. Come la frattura che ha segnalato con il suo cardinale vicario per la città, questa misura di riforma era in arrivo da tempo e in linea con gli altri sforzi di riforma di Papa Francesco. Francesco ha trascorso quasi un decennio a governare la Chiesa, per lo più senza la curia.

Papa Francesco ha sempre preferito un approccio “pratico” al governo della Chiesa, ma non sempre gli è stato utile. Nel caso del vescovo Juan Barros in Cile e in quello di Gustavo Zanchetta in Argentina, la gestione personale di Papa Francesco non ha portato esattamente a un’apparenza di giustizia. In casi come quelli di Anthony Apuron di Guam o, più recentemente, di Marko I. Rupnik SJ, è difficile dire se gli individui e gli organi incaricati di indagare sugli affari e di giudicare gli uomini coinvolti stessero amministrando la giustizia, o se stessero facendo la volontà del loro principale.

Certo, di tanto in tanto ha piegato questo o quel dipartimento curiale ai suoi scopi: mi vengono in mente la creazione di un superdicastero per lo “sviluppo umano integrale” e la decisione di affidare l’incarico a un confratello fidato, così come l’uso del Culto Divino per un lavoro quasi estenuante nell’attuazione del suo massacro legislativo dell’eredità liturgica di Benedetto.

I governanti di successo tendono a delegare sempre di più, soprattutto quando iniziano a percepire che si stanno avvicinando alla fine. Papa Francesco sta facendo il contrario. Forse perché non vede la fine del suo regno. Potrebbe indicare la sua misura del successo della riforma.

Un governante che si percepisce in fallimento tenderà piuttosto alla microgestione che alla delega, ma questa tendenza al governo personale non è una novità per Papa Francesco, quindi non può essere un indice dei suoi sentimenti riguardo al modo in cui stanno andando le cose. Dato il peso della carica papale, tuttavia, è difficile capire come un coinvolgimento più attivo e diretto nel lavoro quotidiano del governo possa essere salutare anche per un uomo di dieci anni più giovane di Francesco. Di certo non è pratico, qualunque cosa si pensi dell’uomo.

Cosa succederà?

Si è parlato molto anche del fatto che Papa Francesco si stia muovendo per assicurare una sorta di continuità di visione nella successione papale.

Il fatto è che Papa Francesco è sempre più isolato in Vaticano, mentre il Collegio cardinalizio sparso per il mondo ha poca dimestichezza con se stesso. Detto in modo semplice e breve: Francesco non ha alleati in patria, mentre gli uomini che sceglieranno il suo successore quasi non lo conoscono e non si conoscono tra loro. L’imperturbabile, scrupolosamente imparziale e di consumata correttezza John L. Allen Jr. di Crux ha recentemente paragonato Papa Francesco allo sfortunato Dickie Greenleaf. Il compianto e sofferente cardinale George Pell – considerato non a torto un eroe della fede – avrebbe compiuto lo straordinario passo di scrivere al Collegio, in forma pseudonima, sul governo di Papa Francesco, e poco prima di morire ha scritto per The Spectator un’aspra critica alla leadership di Francesco.

Persino i cardinali ampiamente solidali con la visione di Francesco di uno slancio evangelico che rompe gli schemi per la Chiesa sono sconcertati dalle modalità e dagli ordini surrogati e ad personam che ha stabilito. Questo osservatore del Vaticano ha posto per la prima volta una domanda in merito cinque anni fa: Il progetto del Papa porterà a una vera riforma o trasformerà Roma in una Buenos Aires sul Tevere?
Ebbene, Buenos Aires sul Tevere è.

Sarebbe difficile trovare un principe della Chiesa che non sia per lo meno a disagio con la risposta che abbiamo ora alla domanda. Francesco ha resistito alla prevedibilità. Incoraggia la perplessità e prospera sulla perplessità. Non si può dire cosa farà in seguito. Qualunque cosa accada o meno durante il pontificato di Francesco, una cosa è certa: Il suo regno finirà.

Chi sarà il prossimo?

Scommetto che si potrebbe costruire una replica esatta della Basilica di San Pietro a tempo di record con le ore di lavoro al ritmo vaticano dei giornalisti che impiegano per pronosticare il prossimo conclave papale, ma questo è perché i giornalisti che lavorano con il ritmo vaticano passano molto tempo in attesa che qualcosa accada e hanno bisogno di parlare di qualcos’altro nell’attesa. Il fatto nudo e crudo è che nessuno sa chi sarà il prossimo. Fare i pronostici sulla Grande Corsa è un passatempo.

Papa Francesco non può regnare per sempre. Non ha creato una burocrazia funzionante – certamente non una che possa sperare di sopravvivere a lui – e ha fatto molto per creare condizioni in cui gli uomini incaricati di scegliere il suo successore potrebbero avere più difficoltà di quanto sarebbe stato necessario.

Non ci sono solo visioni concorrenti per la Chiesa e visioni incompatibili su come raggiungere obiettivi incommensurabili. Le incognite della personalità, del curriculum, del talento, del gusto, dello stile e di una serie di altre qualità che influiscono sull’idoneità alla carica sono numerose. L’unica cosa su cui tutti concordano è che la situazione attuale è insostenibile.

Il Collegio cardinalizio dovrà scegliere tra qualcuno che promette di essere ciò che pensavano fosse Francesco e qualcuno che è l’esatto contrario di ciò che è stato. Una scelta del genere non è impossibile, né troppo difficile, di per sé.

A complicare la scelta, tuttavia, c’è il fatto che alcuni cardinali pensavano che Francesco sarebbe stato un estraneo facilmente manipolabile disposto a lasciar fare agli altri, mentre altri pensavano che fosse proprio il tipo giusto di energico visionario supporter di cui la Chiesa aveva bisogno per ritrovare il suo ritmo. Queste due valutazioni non erano inconciliabili, ma erano entrambe esattamente sbagliate e in ritardo.

Papa Francesco ha governato con le spade gemelle della paura e dell’incertezza.

“Un principe”, scriveva Niccolò Machiavelli, “deve incutere timore in modo tale che, se non conquista l’amore, eviti l’odio”.

Un principe ha bisogno di un certo tipo di paura tra i suoi sudditi per essere un governante efficace. Quale sia il tipo di timore migliore è ancora oggetto di dibattito tra i filosofi politici. Tuttavia, “[Un principe] può sopportare benissimo di essere temuto mentre non è odiato, il che avverrà sempre finché si asterrà dal possesso delle proprietà dei suoi cittadini e sudditi e delle loro donne”.

“Quando è necessario che proceda contro la vita di qualcuno”, continua il diplomatico e letterato fiorentino nel capitolo XVII del suo Principe, “deve farlo con una giustificazione adeguata e per una causa manifesta, ma soprattutto deve astenersi dal possesso dei beni altrui”. Se si considerano le varie ruberie di denaro nella curia, o la sua inclinazione a mettere in amministrazione controllata le congregazioni religiose, o ad accorpare i vescovati, Papa Francesco non ha avuto un momento facile in questo senso.

Il motivo: “Gli uomini dimenticano più rapidamente la morte del padre che la perdita del patrimonio”.

Si parla molto della “resistenza” a Papa Francesco e al suo programma, anche se ci si chiede cosa debba temere Francesco e da dove provenga. Si è anche parlato molto della capacità quasi straordinaria di Francesco di scrollarsi di dosso gli scandali. Il suo successore non potrà contare su un simile rivestimento di teflon, che in ogni caso prima o poi svanisce.

“Quando il suo popolo è benevolo verso di lui, le congiure sono di poco conto”, consiglia Machiavelli nel capitolo XIX, “ma quando il popolo è suo nemico e lo odia, deve temere tutto e tutti”. Niccolò continua: “Gli Stati ben ordinati e i principi saggi hanno pensato con ogni diligenza a non far cadere i nobili nella disperazione, e a mantenere il popolo soddisfatto e contento, perché questo è uno degli obiettivi più importanti che un principe possa avere”.

Dato il tenore generale delle cose sotto Francesco, tuttavia, è possibile che Machiavelli sia eccessivo. Forse una migliore misura letteraria del regno può essere trovata nel fantastico Machiavelli di Terry Pratchett, Lord Havelock Vetinari. “Ogni volta che un’anima benintenzionata inizia una nuova impresa, sempre, con una sorta di inquietante preveggenza, la colloca nel punto in cui farà il massimo danno al tessuto della realtà”.

Non aspettatevi che il prossimo conclave, quando arriverà, sia breve o bello.

Christopher R. Altieri

Christopher R. Altieri è giornalista, redattore e autore di tre libri, tra cui Reading the News Without Losing Your Faith (Catholic Truth Society, 2021). È redattore aggiunto di Catholic World Report.

Papa Francesco (AP Photo/Luca Zennaro, Pool)