Post in evidenza

Ora puoi... aiutare MiL

Se volete aiutare e sostenere MiL, potete fare una donazione anche piccola.   Ricordiamo ai nostri lettori infatti che MiL si sostiene solo ...

mercoledì 25 gennaio 2023

DAL MONITORE DELLE DIOCESI SUBURBICARIE DI STAMANE (ed. straordinaria del pomeriggio) di Mons. Eleuterio Favella: ancora sull’Assemblea per eleggere il successore di Papa Benedetto XVI

Da tutto il pomeriggio stanno giungendo nuovissime notizie dall’Assemblea convocata per eleggere il successore di Papa Benedetto XVI (QUI) e, grazie all’aggiornamento di Mons. Eleuterio Favella, attentissimo osservatore della vita nelle Diocesi Suburbicarie, possiamo rendervene immediatamente conto.

L.V.

Dal Monitore delle Diocesi Suburbicarie di stamane (ed. straordinaria del pomeriggio):

«In preparazione del “conclave” che si celebrerà presso l’Hotel Roma Marriot Park, lunedì 30 c.m. alle ore 9:30, ancora apprendiamo da alcune indiscrezioni delle ultime ore che sono emerse altresì le candidature dei seguenti prelati:
S.E.R. il card. Lamberto Tedeschi, arciv. em. di Bologna
rev.mo don Paolo Baroni, del clero romano, segretario di S. Em.za il card. Raimondo Burci, prefetto di ambo le Segnature
rev.ma sr Luigina de Funes, fc, attualmente superiora della Suore di S. Vincenzo presso l'ospedale di Carcassonne (Francia).
Pare accreditata presso i laici e chierici votanti la de Funes, in cui sono riposte le speranze per una “chiesa” al femminile.»




2 commenti:

  1. Purtroppo, la situazione grottesca testimonia il livello a cui ci ha condotto "tu sai chi"....

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Dici il livello di quelli che insultano il Papa 24/7 e poi propongono ossessivamente i peti cerebrali del “monsignore”? Ti devo dar ragione, questa è proprio una situazione grottesca.

      Elimina

AVVISO AI LETTORI: Visto il continuo infiltrarsi di lettori "ostili" che si divertono solo a scrivere "insulti" e a fare polemiche inutili, AVVISIAMO CHE ORA NON SARANNO PIU' PUBBLICATI COMMENTI INFANTILI o PEDANTI. Continueremo certamente a pubblicare le critiche ma solo quelle serie, costruttive e rispettose.
La Redazione