Post in evidenza

Ora puoi... aiutare MiL

Se volete aiutare e sostenere MiL, potete fare una donazione anche piccola.   Ricordiamo ai nostri lettori infatti che MiL si sostiene solo ...

sabato 10 dicembre 2022

Sinodo, il coming out dei preti sodomiti italiani

Speriamo pochi, ma sono molto rumorosi e pieni di appoggi nel mainstream ecclesiastico e vaticano.
E nessuno interviene, anzi nella preparazione del prossimo Sinodo stanno uscendo le peggiori proposte.
Luigi

Il Sismografo, 1-12-22
(Marco Grieco, Domani) In Italia i preti gay non vogliono più nascondersi e lo dicono in un documento. Il testo, che s’intitola Con tutto il cuore ed è stato presentato a settembre nel corso per operatori pastorali a Bologna, sta circolando tra i banchi del sinodo italiano, il processo di riforma della chiesa cattolica innescato da papa Francesco fino al 2023. Mentre il senatore FdI, Lucio Malan, rispolvera il Levitico per condannare l’omosessualità, l’ideale risposta alla politica che strumentalizza la religione viene proprio da cinquanta sacerdoti che criticano la loro chiesa, dove «il silenzio appare come l’unica via di sopravvivenza». Dopo la presa di posizione del capo dei vescovi tedeschi su questioni come la benedizione alle coppie omosessuali, in Italia sono i sacerdoti a chiedere che si cambi: «Del nostro orientamento omosessuale non possiamo parlare apertamente con i nostri familiari, gli amici e le amiche; tanto meno con altri preti o laici impegnati. La Chiesa non è un contesto dove trovare immediatamente accoglienza, soprattutto per noi». Parole forti, che pongono sotto i raggi X un ambiente dove l’omofobia interiorizzata delle gerarchie ferisce la psiche dei preti: «Si vive una dolorosa lacerazione tra come ci si scopre, creati da Dio, e cosa gli altri si aspettano invece da noi».
[...]

9 commenti:

  1. Ma perché non si interviene?

    RispondiElimina
  2. "Sodomiti" che parola antiquata. La commissione teologica internazionale e il pontificio istituto biblico nell'ultimo documento "cos'è l'uomo" hanno chiarito da tempo che usare il termine "sodomita" in riferimento agli atti omosessuali non è corretto. Nel racconto di sodoma si parla chiaramente di non accoglienza dello straniero e di "abusi", non certo di rapporti sessuali tra adulti consensienti o di rapporti d'amore. Aggiornatevi figli miei, la controrifoma è finita da un pezzo.

    RispondiElimina
    Risposte
    1. va bene, allora chiamiamoli Gomorroici, con possibile scambio tra la G e la L.

      Elimina
    2. Peccato che sia il termine tecnico usato dalla S. Scrittura e da san Paolo. O non vanno bene neppure loro. Bisogna usare " diversamente normali" alla Checco Zalone?

      Elimina
    3. 'arsenokoitai' nel contesto si riferisce chiaramente ad atti sessuali tra persone dello stesso sesso, ma non è traducibile come 'sodomiti'. Letteralmente dovrebbe essere 'maschio che giace'

      Elimina
  3. Lei è pregato di leggere tutti i capitoli che riguardano la vicenda di Lot , prego

    RispondiElimina
  4. Sodoma fu distrutta per non accoglienza dello straniero e per "abusi " dicono papà ed il Pontificio istituto biblico. Un famoso prelato, ebbe a dire che non era stata distrutta.Il prossimo dirà che i suoi abitanti furono elogiati da Dio.Fra scriveranno una Bibbia politicamente corretta...

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Non è che, forse, c’è chi ne sa di più di un commentatore anonimo sul web?
      Forse eh.

      Elimina
    2. Non è che, forse, rosichi per questo blog? Forse, eh.

      Elimina

AVVISO AI LETTORI: Visto il continuo infiltrarsi di lettori "ostili" che si divertono solo a scrivere "insulti" e a fare polemiche inutili, AVVISIAMO CHE ORA NON SARANNO PIU' PUBBLICATI COMMENTI INFANTILI o PEDANTI. Continueremo certamente a pubblicare le critiche ma solo quelle serie, costruttive e rispettose.
La Redazione