Post in evidenza

Ora puoi... aiutare MiL

Se volete aiutare e sostenere MiL, potete fare una donazione anche piccola.   Ricordiamo ai nostri lettori infatti che MiL si sostiene solo ...

mercoledì 7 dicembre 2022

Ordo Divini Officii per l'anno 2023

Uno strumento prezioso per la preghiera dell'ufficio divino nella forma tradizionale.
Stefano 

Questa traduzione è stata realizzata grazie alle donazioni dei lettori di MiL

Disponibile l’Ordo liturgico FIUV per il 2023

Foederatio Internationalis Una Voce – 12 novembre 2022

Da quando la PCED [Pontificia Commissione “Ecclesia Dei” n.d.t.] e il suo successore, nella forma della IV Sezione della Congregazione per la Dottrina della Fede, hanno perso la responsabilità per la Messa tradizionale, anche l’Ordo che pubblicava per il Messale del 1962 ha cessato di uscire.

Come servizio alla Chiesa, la Federazione Internazionale Una Voce (FIUV) ha assunto questo compito, con l’aiuto di Peter Day-Milne.

Siamo lieti di presentare, quindi, un Ordo per l’anno solare 2023: per l’esattezza, va dalla Prima Domenica di Avvento 2022 all’Ottava della Natività di Nostro Signore, il 1° gennaio 2024.

Ordo Divini Officii recitandi sacrique peragendi secundum antiquam Ritus Romani Formam, pro Anno Domini 2023.

Questo è l’Ordo del Calendario Universale, cioè senza le feste specifiche di particolari parrocchie, diocesi, nazioni o ordini religiosi. Queste devono essere tenute in considerazione quando lo si utilizza: ad esempio, la festa patronale di una chiesa parrocchiale è una festa di prima classe nella parrocchia, e lo stesso vale per il Patrono primario di una diocesi, quindi queste hanno la precedenza su molte altre feste in quella parrocchia o diocesi.

È in latino, secondo le convenzioni utilizzate dalle precedenti edizioni dell’Ordo pubblicate dalla PCED.

Copie stampate dell’Ordo FIUV possono essere acquistate presso il

Negozio online della Latin Mass Society;

può essere consultato gratuitamente anche online.






Nessun commento:

Posta un commento

AVVISO AI LETTORI: Visto il continuo infiltrarsi di lettori "ostili" che si divertono solo a scrivere "insulti" e a fare polemiche inutili, AVVISIAMO CHE ORA NON SARANNO PIU' PUBBLICATI COMMENTI INFANTILI o PEDANTI. Continueremo certamente a pubblicare le critiche ma solo quelle serie, costruttive e rispettose.
La Redazione