Post in evidenza

Ora puoi... aiutare MiL

Se volete aiutare e sostenere MiL, potete fare una donazione anche piccola.   Ricordiamo ai nostri lettori infatti che MiL si sostiene solo ...

martedì 6 dicembre 2022

L'arcivescovo di Tokio sdogana l'ideologia LGBT

Un interessante articolo di The Remnant sulle magnifiche sorti e progressive in Giappone.

Questa traduzione è stata realizzata da MiL grazie alle donazioni dei lettori. 

Stefano


Sodomia? Nihil Obstat! L’arcivescovo di Tokyo fa da collettore per un libro Pro-LGBT, per un pastore Pro-LGBT

Jun’ya Kato – The Remnant, 28 novembre 2022


L’ideologia LGBT ha fatto progressi costanti in Giappone. Sfortunatamente, la gerarchia cattolica del Novus Ordo qui ha fatto ben poco per opporsi. Infatti, alcuni prelati cattolici del Novus Ordo in Giappone, tra cui l’attuale arcivescovo di Tokyo, hanno contribuito a esporre i fedeli all’ideologia LGBT, e l’hanno persino raccomandata. Per molti versi, la gerarchia cattolica del Novus Ordo in Giappone è persino peggiore dei media mainstream quando si tratta di promuovere l’ideologia LGBT.

Sono cattolico e sono stato profondamente rattristato e angosciato dai peccati che alcuni prelati del Novus Ordo hanno propinato qui ai fedeli cattolici. All’inizio di novembre di quest’anno, ho scritto una lettera all’arcivescovo Leo Boccardi, nunzio apostolico in Giappone, sull’infiltrazione e la promozione dell’ideologia LGBT nella Chiesa Cattolica del Giappone. All’inizio di quest’anno, ho scritto una lettera al vescovo Josep Maria Abella Batlle, C.M.F., a Fukuoka sullo stesso argomento. Ma poiché non ho ricevuto risposta dal vescovo Batlle (i vescovi in Giappone di solito non rispondono alle lettere dei laici), ho contattato privatamente un amico cattolico giapponese in merito alla questione. Il mio amico mi ha incoraggiato a scrivere a Sua Eccellenza l’Arcivescovo Boccardi, cosa che ho fatto con una lettera del 2 novembre 2022. So dal verbale di consegna che la mia lettera è arrivata alla Nunziatura Apostolica il 4 novembre.

Il testo della lettera è qui riportato integralmente. (Si prega di notare, tuttavia, che non ho incluso foto nella mia lettera. Le foto sono incluse qui per i lettori di Remnant in modo che la situazione in Giappone possa essere compresa correttamente.)

2 novembre 2022

Egregio Arcivescovo Leo Boccardi,

Sono un cattolico che vive a Saitama. Le scrivo oggi perché vorrei riferire sull’infiltrazione dell’ideologia LGBT nella Chiesa cattolica giapponese. Finora nessuno nella Chiesa, né clero né laicato, ha alzato una voce contro questo. Spero che la mia lettera contribuisca a correggere la situazione.

Ci sono tre gruppi che promuovono l’ideologia LGBT nella Chiesa in Giappone, vale a dire “LGBTQ Min’na no Misa”, Nijiiro no Tomoshibi[1], e l’HIV/AIDS Desk[2]. Quest’ultimo è un comitato all’interno della Conferenza Episcopale Cattolica del Giappone (CBCJ).

Il primo gruppo è stato fondato come LGBTCJ (LGBT Catholic Japan) nel 2015 dal dottor Shin’ya Ogasawara e dal signor Toru Miyano. Sono “alleati” e non nella categoria degli stessi LGBT. Questo gruppo giustifica l’omosessualità, il matrimonio tra persone dello stesso sesso e la chirurgia di “riassegnazione del sesso”. Il Dr. Ogasawara desiderava persino che papa Francesco accettasse queste cose[3]. Il clero LGBT-friendly come p. Keiji Kousa, che all'inizio era il consigliere del gruppo, p. Juan Masiá Clavel, S.J., e p. Nobukuni Suzuki, S.J., ha celebrato la Messa per LGBTCJ. P. Juan Masiá ha persino benedetto una “coppia” gay nel 2019[4]. Il sito LGBTCJ afferma che anche il vescovo emerito James Kazuo Koda è favorevole al gruppo[5].

I media cattolici non si sono espressi contro LGBTCJ. Piuttosto, i media cattolici in Giappone hanno assistito gli sforzi del gruppo. Ad esempio, Katorikku Shimbun (Il Settimanale Cattolico) ha scritto un articolo a favore di LGBTCJ. L’articolo è stato distribuito presso lo stand gestito da LGBTCJ durante l’evento Tokyo Rainbow Pride nel 2019. P. Kousa ha scritto un articolo a favore delle persone LGBT per la rivista cattolica “Fukuin Senkyo” (Evangelizzazione) nel 2021[6]. La newsletter dell’Arcidiocesi di Tokyo annunciava regolarmente il programma delle Messe LGBTCJ sul sito web[7].

Il secondo gruppo si chiama Nijiiro no Tomoshibi (La Luce dell’Arcobaleno). Precedentemente era gestito dalla signora Chihiro Nomiya, una lesbica cattolica, e altri. La signora Nomiya non è più una leader del gruppo, ma anche lei invitava i sacerdoti a celebrare la Messa per il gruppo, in modo simile a LGBTQ Min’na no Misa. È un sacrilegio che coloro che infrangono l’insegnamento della Chiesa sull’omosessualità ricevano comunque la Santa Comunione.

I due gruppi summenzionati sono già minacce per la Chiesa, ma l’organizzazione più scandalosa e influente dei tre è l’HIV/AIDS Desk. Secondo la homepage della CBCJ, il ruolo dell’HIV/AIDS Desk è “agire con l’obiettivo di eliminare i pregiudizi e le discriminazioni contro l’HIV/AIDS diffondendo una corretta conoscenza nelle scuole cattoliche e nei giovani”[8]. In effetti, c’è un altro ruolo non menzionato nella homepage: l’infiltrazione e la promozione dell’ideologia LGBT nella Chiesa Cattolica.

Coloro che hanno contribuito a realizzare l’altro ruolo del Desk HIV/AIDS sono: l’arcivescovo Tarcisio Isao Kikuchi di Tokyo, che fino allo scorso anno era a capo del comitato; il pastore Aika Taira della United Church of Christ in Japan; e la signora Kazuko Ito, laica e segretaria dell’Ufficio HIV/AIDS. Quest’anno l’arcivescovo Peter Michiaki Nakamura di Nagasaki è succeduto all’arcivescovo Kikuchi nella supervisione del comitato dell’HIV-AIDS Desk, ma la natura del comitato rimane invariata. Invita ancora attivisti LGBT ai suoi workshops[9]. L’arcivescovo Tarcisio Isao Kikuchi, una delle figure di spicco della Chiesa Cattolica giapponese e ora presidente della CBCJ, ha sostenuto l’HIV/AIDS Desk collaborando con persone a sostegno dell’ideologia LGBT. Tali partner di collaborazione includono il signor Toyomi Nakaya, un insegnante presso la Nanzan Catholic High School gestita dalla Società del Verbo Divino, dove nel 2015 si è tenuta una “Seijin Shiki” (cerimonia di passaggio all’età adulta) LGBT[10]. Il signor Nakaya è anche membro di un’organizzazione LGBT chiamata “PROUD LIFE”[11].

Ho scambiato personalmente e-mail con l’arcivescovo sul pastore Taira e LGBTCJ nel 2019. Sebbene Sua Eccellenza non fosse a favore del matrimonio tra persone dello stesso sesso in quel momento, aveva legami con il pastore Taira e il gruppo LGBT. Sua Eccellenza non ha verificato se il pastore Taira o il gruppo LGBT fossero contrari agli insegnamenti della Chiesa. Mi ha chiesto solo del pastore Taira e del punto di vista del gruppo sull’omosessualità.

A causa delle risposte di Sua Eccellenza, nel 2019 sono andato personalmente al Tokyo Rainbow Pride nel Parco Yoyogi, a Tokyo. C’erano due stand gestiti da gruppi LGBT cattolici: uno gestito da LGBTCJ e un altro gestito da Nijiiro no Tomoshibi. Ho incontrato i leader dei gruppi e ho parlato con loro. Ho scoperto che entrambi sostenevano l’azione omosessuale (sodomia) e non la consideravano un peccato.

Il primo giorno dell’evento Pride, sono andato allo stand LGBTCJ e ho parlato con il dottor Ogasawara. Sorprendentemente, mi ha informato che era già in paradiso, anche se ovviamente gli stavo parlando sulla terra. Secondo lui, è stato salvato dalla sua fede. Mi ha detto che l'insegnamento della Chiesa cattolica sull’omosessualità è obsoleto. È interessante notare che ha negato l’esistenza dei demoni e mi ha detto che enfatizzare il mondo dopo la morte equivale al Soshiki Bukkyō (buddismo funerario, sottintendendo che il buddismo è utile solo per i funerali).

Il secondo giorno dell’evento Yoyogi Rainbow Pride, ho parlato con la signora Chihiro Nomiya. Ho saputo che anche lei sosteneva il matrimonio tra persone dello stesso sesso e che aveva invitato un sacerdote, di cui non voleva rivelare il nome, a celebrare la Messa per il suo gruppo LGBT. Quando le ho detto che anche gli omosessuali hanno il dovere di mantenere la castità, si è irritata e ha detto: “Dovere! Capisco, farò del mio meglio per avere una fidanzata che combatta contro di te”. Quindi, le ho detto: “Andrai all’inferno se dici una cosa del genere”. Ha detto “Yatta!” (“Sì!”) e non ha preso sul serio le mie parole. Alla fine, mi ha detto: “Ci vediamo in paradiso” e voleva stringermi la mano, ma ho rifiutato la sua stretta di mano e ho detto: “Non possiamo incontrarci (in paradiso)”. Non potevo fingere di essere d’accordo con lei, perché non volevo che fraintendesse e pensasse che anch’io sostenevo il suo punto di vista sull’omosessualità.

Il pastore Aika Taira, il primo pastore apertamente gay della United Church of Christ in Japan, afferma che ci sono cento sessualità quando ci sono cento persone riunite insieme. Questa è una completa negazione della Bibbia: “E Dio creò l’uomo a sua immagine: a immagine di Dio lo creò: maschio e femmina li creò”. (Genesi 1: 27) Sembra che il pastore Taira abbia avuto un legame con la Chiesa Cattolica dal 2012 circa. Il 16 febbraio 2013, il pastore Taira ha tenuto una conferenza sulla sessualità presso la chiesa cattolica di Sagamihara nella diocesi di Yokohama. Il parroco della chiesa cattolica di Sagamihara a quel tempo era p. Masami Hamasaki. Prima che si tenesse la conferenza, un cattolico di Sapporo scrisse una lettera al vescovo Raphael Masahiro Umemura di Yokohama richiamando la sua attenzione sul problema, ma la sua lettera fu ignorata[12].

Più tardi, il pastore Taira divenne in qualche modo un membro dell’HIV/AIDS Desk attraverso gli uffici di una donna che era già membro del comitato. Ora contribuisce alla promozione dell’ideologia LGBT nella Chiesa Cattolica con la collaborazione del Japan Catholic Council for Justice and Peace. È deplorevole che non solo l’arcivescovo Kikuchi, ma anche il cardinale Thomas Aquinas Manyo Maeda di Osaka[13], il vescovo Bernard Taiji Katsuya di Sapporo[14], il vescovo Michael Goro Matsu’ura di Nagoya[15], e il vescovo Jose Maria Abella Batlle di Fukuoka[16] abbiano permesso al pastore Taira di tenere conferenze sulle questioni LGBT nelle loro diocesi.

Su questo tema, ho scritto una lettera al vescovo Jose Maria Abella Batlle di Fukuoka il 9 settembre 2022 e gliel’ho inviata per posta raccomandata. Ho confermato che la mia lettera è stata consegnata l’11 settembre, ma finora non ho avuto risposta da Sua Eccellenza.

Non solo questi vescovi che ho citato, ma anche altri sono stati negligenti. Anche il defunto arcivescovo Peter Takeo Okada, ad esempio, ha contribuito alla diffusione dell’ideologia LGBT trascurando il suo gregge. Nel 2017 ho scritto una lettera all’arcivescovo Okada su LGBTCJ ma non ho ricevuto risposta. Quindi, sono andato alla cattedrale di St. Mary [’s] a Tokyo e gli ho chiesto direttamente della questione. La sua risposta è stata molto irresponsabile e scoraggiante. Sua Eccellenza mi ha detto che non avrebbe interferito con la LGBTCJ, anche se sosteneva il matrimonio tra persone dello stesso sesso, perché non “perseguitava” il pensiero degli altri! Nel 2021, la Okinawa Catholic Junior & Senior High School nella diocesi di Naha ha tenuto una conferenza su LGBT[17] del signor Kiyohumi Takeuchi, gay e direttore di Rainbow Heart Okinawa[18]. Mi chiedo se il vescovo Wayne Francis Berndt continuerà a consentire alla scuola di accettare l’ideologia LGBT.

Di conseguenza, il lavoro di questi gruppi e di queste persone ha dato un terribile frutto: il libro “LGBT to Kirisutokyō – Nijūnin no Sutori-” (LGBT & Cristianesimo – le storie di venti persone) pubblicato questo febbraio dal Board of Publications of the United Church of Christ in Japan, un editore protestante. Il pastore Taira è supervisore di questa iniziativa editoriale. L’arcivescovo Kikuchi ha scritto una colonna citando le parole di Papa Francesco in Amoris Lætitia: “Vorremmo prima di tutto riaffermare che ogni persona, indipendentemente dall’orientamento sessuale, dovrebbe essere rispettata nella sua dignità e trattata con considerazione, mentre ‘ogni segno di ingiusta discriminazione’ deve essere accuratamente evitato, in particolare ogni forma di aggressione e violenza”.

Una redattrice cattolica di nome Ms. Maki Ichikawa, che lavora presso l’editore protestante, ha promosso il libro. Secondo AMOR, un media cattolico online curato da alcuni membri di SIGNIS JAPAN, la signora Ichikawa ha ricevuto una raccomandazione del libro dall’arcivescovo Kikuchi[19], e ne ha fatto un annuncio che è stato poi distribuito tramite volantino a tutte le chiese dell’arcidiocesi di Tokyo, così come alla diocesi di Nagoya e all’arcidiocesi di Osaka[20]. [Il volantino che raccomandava il libro è stato trovato anche vicino all’ingresso dell'ufficio dell’arcidiocesi di Tokyo.] Permettetemi di citare il testo della raccomandazione, che recita quanto segue:

***

Questo libro non intende mettere in discussione o discutere il bene e il male delle LGBT (minoranze sessuali), ma piuttosto le esperienze di venti persone, la maggior parte delle quali sono LGBT. Attraverso voci reali, questo libro trasmette la diversità e le possibilità della sessualità e l’amore ricco e profondo di Dio.

I cattolici hanno sostenuto molto il libro e cinque delle “venti persone” nel sottotitolo sono laici cattolici.

1. “LGBT tra cristiani anziani: vivere come sono mentre invecchio”, di Megumi/Ai
2. “Crescere i figli e creare una famiglia con un partner dello stesso sesso: varie forme di famiglia”, di Haru Ono
3. “LGBT nella Chiesa Cattolica: alla ricerca di un luogo di preghiera in pace”, di Chihiro Nomiya
4. “Il sostegno ai rifugiati LGBTI in Africa: Gesù dalla parte dei perseguitati”, di Junko Shimada (pseudonimo)
5. “I pensieri di un uomo coinvolto nella poesia: vivere, pregare e scrivere”, di Kia Hotta

Inoltre, ci sono tre vignette relative ai cattolici, inclusa una fornita dall’arcivescovo Isao Kikuchi.

1. “Sottoporsi a un intervento chirurgico di riassegnazione del sesso a sessantotto anni e farsi battezzare!”
2. “Dovrebbero essere rispettati ed essere oggetto di attenzione per la loro dignità” dell’arcivescovo Isao Kikuchi
3. “Catholic HIV/AIDS Desk” [n.d.t. “Sportello cattolico HIV/AIDS”]

Il signor Taira Aika è un supervisore. È un membro del “Catholic HIV/AIDS Desk” e un pastore che svolge molte attività nella Chiesa Cattolica, incluso il servizio come docente nei seminari per i sacerdoti e presso la “Japan Catholic National Assembly for Justice and Peace”.

Non è necessario sapere molto su LGBT o Cristianesimo per leggere questo libro, quindi lo consiglio in particolare a coloro che si chiedono: “Cos'è LGBT? ne ho sentito parlare ma.......”

***

Al contrario, il libro che l’arcivescovo Kikuchi raccomanda sfida la Chiesa Cattolica perché giustifica pratiche non compatibili con gli insegnamenti della Chiesa Cattolica, come il matrimonio tra persone dello stesso sesso, la chirurgia di “riassegnazione del sesso” e il transgenderismo. In particolare, la signora Haru Ono, lesbica cattolica e leader di un gruppo chiamato Nijiiro Kazoku (Famiglia Arcobaleno), sostiene le varie forme di “famiglia” attraverso l’adozione, l’inseminazione artificiale e la maternità surrogata, insieme al matrimonio tra persone dello stesso sesso[21].

Personalmente, temo che ci saranno più problemi all’interno della Chiesa nel prossimo futuro. Secondo il libro, un uomo che è diventato una “donna” attraverso un intervento chirurgico di “riassegnazione del sesso” è accettato come donna nella Chiesa Cattolica attraverso il battesimo. Una volta che la Chiesa accetta che il sesso e il genere sono modificabili chirurgicamente, chi può dire che non ci sia alcuna possibilità che una donna transgender venga ordinata al sacerdozio o che un uomo transgender diventi una suora? Inoltre, il pastore Taira nel libro sostiene il transgenderismo senza l’intervento chirurgico di “riassegnazione del sesso”. Anche questo rende il problema ancora più serio.

Ho letto nel libro la descrizione che la signora Nomiya ha fornito del discorso che ho avuto con lei all’evento Tokyo Rainbow Pride nel 2019. La sua descrizione di quella conversazione è arrivata nel corso di uno scambio con il pastore Taira, che a quanto pare l’ha intervistata. Secondo LGBT & Cristianesimo, un uomo cattolico (lei sicuramente intende me) le ha detto all’evento Tokyo Rainbow Pride, “Vai all’inferno”, e in cambio lei ha detto “Ci vediamo in paradiso” e ha chiesto una stretta di mano. Questo potrebbe dare ai lettori l’impressione che le mie parole fossero un discorso di odio e che lei sia una persona umile e gentile. In effetti, voglio che la signora Nomiya vada in paradiso, motivo per cui le ho ricordato l’insegnamento cattolico. Vedo quanto sia ingiusta la signora Nomiya nel descrivere in modo errato, o forse semplicemente dimenticare, le mie parole per il libro.

È scoraggiante che AMOR, alcuni media cattolici come Katorikku Shimbun e le newsletters della diocesi di Nagoya[22] e della diocesi di Fukuoka[23] abbiano presentato favorevolmente LGBT & Cristianesimo. Per quanto ne so, nessun ecclesiastico o laico ha considerato il libro incompatibile con gli insegnamenti della Chiesa Cattolica. Personalmente sono deluso dal fatto che il cardinale Thomas Aquinas Manyo Maeda non abbia detto nulla sul libro, anche se il libro è stato promosso anche nell’arcidiocesi di Osaka.

Anche l’atteggiamento delle librerie cattoliche nei confronti di LGBT & Cristianesimo è molto deplorevole. Ho trovato LGBT & Cristianesimo presso Komyosha, una libreria gestita dall’Ordine francescano nella diocesi di Sapporo. Ho parlato con il commesso della libreria, spiegando come il libro fosse incompatibile con gli insegnamenti della Chiesa, ma lui non ha prestato molta attenzione. Ho visto il libro anche a Tokyo e a Fukuoka nelle librerie Paoline. Nella libreria Paoline di Tokyo ho trovato in vendita, oltre a LGBT & Cristianesimo, un altro libro pro-LGBT intitolato ALLY ni Naritai (Voglio diventare un alleato) della signora Ayumi Kojima, una laica cattolica.

In netto contrasto con l’infiltrazione e la promozione dell’ideologia LGBT all’interno della Chiesa, non posso fare a meno di ricordare l’esempio di San Francesco Saverio. Il santo era fedele agli insegnamenti della Chiesa, anche se a quel tempo la sodomia era comune in Giappone. Tuttavia, non si arrese e mise in guardia il popolo giapponese dal peccato della sodomia perché aveva a cuore la salvezza delle loro anime più di ogni altra cosa. Se il santo avesse detto: “Dio ti ama così come sei” e non avesse mai condannato la sodomia, non ci sarebbe stata nessuna Chiesa Cattolica in Giappone con tante anime coraggiose che hanno dedicato la loro vita alla loro fede. Ma ora, l’atteggiamento di cattolici e cristiani [protestanti n.d.t.] in Giappone, anche vescovi, arcivescovi e un cardinale, è completamente opposto; Queste persone ci portano alla dannazione eterna.

Purtroppo, il Vaticano e Papa Francesco non hanno intrapreso alcuna azione contro le stesse tendenze alla tolleranza del peccato che si riscontrano in Germania[24] e in Belgio[25]. I vescovi di quei paesi cercano di cambiare l’insegnamento sull’omosessualità in modo che i vescovi possano benedire le “coppie” omosessuali. A peggiorare le cose, il cardinale Jean-Claude Hollerich, che una volta insegnava alla Sophia University di Tokyo gestita dai gesuiti, ha negato la valutazione della Chiesa delle relazioni omosessuali come peccaminose questo febbraio[26]. Se non si interviene, devo ammettere che si avvererà la profezia di Nostra Signora de La Salette: “Roma perderà la fede e diventerà la sede dell’Anticristo”.

Permetta, infine, di citare le parole di San Paolo nel Nuovo Testamento come monito applicabile a tutti, non solo ai cattolici, ma anche a coloro che affermano di essere seguaci di Cristo come il pastore Taira.

“Ma anche se noi, o un angelo dal cielo, vi predicasse un vangelo diverso da quello che vi abbiamo predicato, sia anatema. Come abbiamo detto prima, così ora lo ripeto: Se qualcuno vi annunzia un vangelo, diverso da quello che avete ricevuto, sia anatema”. (Galati 1:8-9)

Prego Sua Eccellenza e Papa Francesco di prendere molto sul serio questo problema e di aiutarci mostrando a tutti noi la strada giusta.

Suo veramente in Cristo,

Jun’ya Kato

Il nunzio apostolico ha risposto il 12 novembre 2022 tramite l’e-mail del suo segretario. Tuttavia, la sua risposta è stata tutt’altro che soddisfacente. Sebbene Sua Eccellenza abbia promesso che avrebbe continuato a studiare il problema, ha scritto anche:

Il nostro atteggiamento deve essere sempre ispirato alla tolleranza e al rispetto verso tutte le persone, evitando condanne e violenze di ogni tipo, ma, allo stesso tempo, deve essere chiara per ogni cristiano la conoscenza della dottrina della Chiesa che deve essere il modello di vita per ogni famiglia che trova nella Parola di Dio l’ispirazione, gli ideali e i valori della propria esistenza.

Tuttavia, vorrei chiedere a Sua Eccellenza: qual è la necessità di tolleranza e rispetto verso coloro che promuovono l’ideologia LGBT nella Chiesa? La tolleranza zero è l'unica risposta. Sono in gioco le anime. Se i prelati cattolici mostrano “tolleranza” verso il peccato, allora essi stessi periranno insieme a coloro che hanno falsamente indottrinato.

Non dico alla leggera che i prelati cattolici in Giappone hanno falsamente indottrinato – stanno falsamente indottrinando – molti, compresi i fedeli cattolici, sui peccati delle persone LGBT. Per diversi anni, come ho accennato nella mia lettera sopra, ho inviato lettere ed e-mail e ho comunicato di persona con l’arcivescovo Tarcisio Isao Kikuchi, capo dell’arcidiocesi di Tokyo e anche segretario generale della Federation of Asian Bishops’ Conferences (a partire da luglio 2021). Prima dell’ascesa dell’arcivescovo Kikuchi alla sede di Tokyo, ho anche comunicato, tramite lettera e di persona, con il suo predecessore, l’arcivescovo Peter Takeo Okada (ora deceduto). Ho avvertito entrambi gli arcivescovi - e molti altri prelati di alto rango nella Chiesa in Giappone - delle varie attività di indottrinamento LGBT in corso qui, spesso all’interno della stessa Chiesa giapponese. Ma gli oltraggi sono continuati e peggiorati.

Le mie e-mail all’arcivescovo Tarcisio Isao Kikuchi, S.V.D., a quanto pare non hanno ricevuto molta attenzione. Mi chiedo se le persone in Giappone, inclusi i cattolici giapponesi, pensino che noi fedeli cattolici qui siamo solo una piccola minoranza, e che quindi possiamo essere trascurati e ignorati. In ogni caso, l’ideologia LGBT continua a corrompere la società giapponese, ora con la raccomandazione dello stesso arcivescovo di Tokyo.

Il problema sembra derivare dallo stesso sistema Novus Ordo. Ad esempio, c’è una Messa in latino annuale nella Cattedrale di St Mary organizzata dalla Catholic Action Fellowship Association, che in realtà fa parte del regime del Novus Ordo. Solo coloro che si sono registrati hanno potuto partecipare alla Messa e il numero dei partecipanti è stato limitato a duecento persone per la prevenzione dell’infezione da COVID-19.

Tuttavia, nessuno alla Messa in latino pseudo-tradizionale ha prestato attenzione alla conferenza pro-LGBT del pastore Taira, anche se si è tenuta quasi nello stesso momento e nello stesso luogo. Penso che coloro che organizzano la Messa pseudo-tradizionale non diranno nulla contro di essa, o non avranno più posto per la Messa in cattedrale. L’arcivescovo Kikuchi farà in modo che vengano cancellati coloro che criticano l’ideologia LGBT, ma si rifiuta, ripetutamente, di parlare in difesa dell’insegnamento cattolico contro gli ideologi LGBT.

Mi rivolgo, pertanto, di nuovo ora ai lettori di Remnant, come ho fatto nel 2020, nella speranza che prendano molto sul serio la situazione in Giappone e aiutino a combattere contro l’opera del diavolo nella Chiesa di Dio in Giappone.
______________
[1] https://hongsenotomoshibi.webnode.jp/
[2] http://cath-aids-desk.jp/
[3] https://lgbtcj.blogspot.com/2016/08/lgbt.html
[4] https://infovaticana.com/2019/05/06/jesuita-espanol-participa-en-el-desfile-del-orgullo-gay-de-japon/
[5] http://lgbtcj.org/posts/news19.html
[6] https://www.oriens.or.jp/fs/fs_back/fs_back_2021.html
[7] https://tokyo.catholic.jp/info/news/34732/#toc10
[8] https://www.cbcj.catholic.jp/japan/comt/hivaids/
[9] http://cath-aids-desk.jp/2022/08/31/890/
[10] https://web.archive.org/web/20150303114101/
[11] https://proudlife.org/about/director
[12] http://www.maroon.dti.ne.jp/gokyo/diary2013/d-2013-02-06b.html
[13] http://www.osaka.catholic.jp/no_side/jptaikai2021/program.pdf
[14] https://www.csd.or.jp/old-csd/gyoji/2019siencenterworkshop.pdf
[15] https://www.jcarm.com/wordpress/wp-content/uploads/2018/09/18%E5%A4%A7%E4%BC%9A%E3%83%8F%E3%82%9A%E3%83%B3%E3%83%95%E3%83%AC%E3%83%83%E3%83%88.pdf
[16] https://fukuoka.catholic.jp/wordprss2/wp-content/uploads/2020/12/%E3%82%AB%E3%83%88%E3%83%AA%E3%83%83%E3%82%AF2021jan_Web.pdf
[17] https://ryukyushimpo.jp/news/entry-1317425.html
[18] https://rainbowheartokinawa.com/
[19] http://webmagazin-amor.jp/2022/05/09/lgbt%E3%82%92%E3%81%A8%E3%81%8A%E3%81%97%E3%81%A6%E3%80%8C%E7%A5%9E%E3%81%AE%E6%84%9B%E3%80%8D%E3%82%92%E7%9F%A5%E3%82%8B/
[20] https://bp-uccj.jp/files/lgbt.pdf
[21] https://gendai.media/list/author/Onoharu
[22] http://nagoya.catholic.jp/wp-content/uploads/2022/07/%E6%95%99%E5%8C%BA%E3%83%8B%E3%83%A5%E3%83%BC%E3%82%B9No426.pdf
[23] https://fukuoka.catholic.jp/wordprss2/wp-content/uploads/2022/06/%E3%82%AB%E3%83%88%E3%83%AA%E3%83%83%E3%82%AF202207_Web.pdf
[24] https://www.ncregister.com/cna/german-synodal-way-meeting-ends-with-call-for-same-sex-blessings-change-to-catechism-on-homosexuality
[25] https://www.thetablet.co.uk/news/15899/belgium-s-flemish-bishops-approve-blessings-for-same-sex-couples
[26] https://www.ncronline.org/news/quick-reads/top-eu-cardinal-calls-change-church-teaching-gay-relationships



Nessun commento:

Posta un commento

AVVISO AI LETTORI: Visto il continuo infiltrarsi di lettori "ostili" che si divertono solo a scrivere "insulti" e a fare polemiche inutili, AVVISIAMO CHE ORA NON SARANNO PIU' PUBBLICATI COMMENTI INFANTILI o PEDANTI. Continueremo certamente a pubblicare le critiche ma solo quelle serie, costruttive e rispettose.
La Redazione