Post in evidenza

Ora puoi... aiutare MiL

Se volete aiutare e sostenere MiL, potete fare una donazione anche piccola.   Ricordiamo ai nostri lettori infatti che MiL si sostiene solo ...

domenica 27 novembre 2022

Trento, la Chiesa aperta agli atei, ma ai tradizionalisti no?

A Trento. 
Ma a chi chiede la Messa in latino le chiese rimarranno chiuse?
Luigi

9 commenti:

  1. Perchè la Chiesa del presente ad un ateo che si ravvede e crede in Dio chiude le porte ?

    RispondiElimina
  2. Da come si comportano, ai “tradizionalisti” viene proprio voglia di chiudere la porta in faccia.

    Prima insulti ed invettive, decenni e decenni, con sempre crescente arroganza ed autoreferenzialità, senza contare la chiara appartenenza politica, spesso inaccettabile…poi si lamentano se non vengono accolti.

    RispondiElimina
    Risposte
    1. La responsabilità morale (e penale) è sempre del singolo.
      Questa è una grande conquista dell'Occidente cristianizzato, non dimentichiamolo.
      Quindi al più sì dovrebbe chiudere la porta a certi tradizionalisti come a certi modernisti (che penso non crederai siano immuni dalle cose da te elencate).

      Elimina
  3. Se sono atei, la vera chiesa non interessa. A meno che il vescovo in questione non consideri chiesa quella spalancata al mondo, prona al pensiero globalista e dove ognuno crede e fa quel che crede.

    RispondiElimina
  4. La chiesa deve essere aperta a tutti, affinché chiunque, incontrando Dio, si penta dei suoi peccati e si ravveda...non per diventare un circolo LGBT o ateo...

    RispondiElimina
  5. ho cercato su internet e non sono riuscito a trovare tracce di simili dichiarazioni da parte dell'Arcivescovo di Trento, nemmeno sul sito diocesano
    posto che abbia veramente detto ciò, dal tabloid non si può capire il contesto di una simile frase, che può anche voler dire 'gli atei trovino nelle comunità cristiane un ambiente accogliente che li riavvicini a Dio'

    RispondiElimina
  6. quoto: "Da come si comportano, ai “tradizionalisti” viene proprio voglia di chiudere la porta in faccia"
    Si vede caro anonimo che lei ha dei forti pregiudizi nei confronti di chi trova conforto nella liturgia che accompagnato miliardi di cattolici nei secoli. Ci sarà qualche esaltato? Sicuramente come in tutte le comunità umane ma lei così presta il fianco all'ideologia che la chiesa postconciliare sta cercando di imporre e che non mette Cristo al centro della vita privata e PUBBLICA ma lo rilega solo ad un mero fatto sociale di natura privata per non "disturbare" il mondo, per un quieto vivere che è sinonimo di vigliaccheria. Sentiamo parlare sodomiti ed invertiti in TV ed esaltare il loro peccato ergendolo a diritto universale e la chiesa tace, ogni giorni si consumano omicidi di bambini nel ventre dei loro carnefici e la chiesa è timida e melliflua. Lo sapete perché il rito antico è odiato? Perché forma cristiani che non sono idonei alla nuova visione della chiesa, perché rappresentata una pietra d'inciampo troppo grande per essere semplicemente ignorata. E nella loro umana stupidità pensano che questa pietra possa essere rimossa ignorando che su di essa si sfracelleranno il cranio. Sia lodato Gesù Cristo!

    RispondiElimina
  7. ecco questi attacchi gratuiti ,basati su frasi decontestualizzate fanno proprio il gioco dei modernisti; purtroppo è vero che tra i tradì italiani c'è un atteggiamento inutilmente aggressivo, che finisce poi per essere controproducente. Consiglierei un approccio tipo New liturgical movement...quanto a Trento consiglierei di informarsi: vengono celebrate due Messe tridentine ogni domenica in una cappella sulla piazza della cattedrale e non come spesso avviene in zone decentrate o remote una volta al mese; quindi quando scegliete i vostri obbiettivi per le critiche ,prima riflettete

    RispondiElimina

AVVISO AI LETTORI: Visto il continuo infiltrarsi di lettori "ostili" che si divertono solo a scrivere "insulti" e a fare polemiche inutili, AVVISIAMO CHE ORA NON SARANNO PIU' PUBBLICATI COMMENTI INFANTILI o PEDANTI. Continueremo certamente a pubblicare le critiche ma solo quelle serie, costruttive e rispettose.
La Redazione