Post in evidenza

Elenco Messe tradizionali in Italia: URGE UN AGGIORNAMENTO

Cari lettori di MiL, molti di voi ci hanno scritto, giustamente, per lamentarsi del fatto che l'elenco delle Messe tradizionali del nost...

mercoledì 9 novembre 2022

NOSTRE INFORMAZIONI di mons. Eleuterio Favella: la nota sulla frase «Non vorrei un’altra chiesa protestante»

Per tramite del suo segretario diacono Ambrogio Fidato e per via diplomatica attraverso il Cancelliere Don Pietro Zecchini, abbiamo ricevuto la seguente informazione ex Aedibus da S.E.R. Mons. Eleuterio Favella, per grazia di Dio e della Sede Apostolica Arcivescovo di Synossi in partibus, Assistente al Sacro Soglio e Giudice Ordinario della Curia Romana e suo Distretto, nonché Abate Commendatario di Santa Cecilia in Urbe.
La comunicazione segue alla notizia di una risposta di Papa Francesco in occasione della conferenza stampa durante il viaggio di ritorno dal Bahrein di domenica 6 aprile, secondo il quale «la Germania ha una grande e bella Chiesa Evangelica; io non ne vorrei un’altra» (QUI, poi ripresa QUI).
Grati a Sua Eccellenza Reverendissima per il rinnovato privilegio della sua considerazione nel volerci segnalare alcuni documenti che altrimenti passerebbero inosservati o non verrebbero evidenziati come dovrebbero ed inginocchiati al bacio dell’anello, ci professiamo imperituramente suoi servitori umilissimi et figli devoti in Cristo, e imploriamo la sua augusta benedizione.

L.V.

NOSTRE INFORMAZIONI

A seguito delle ormai consuete polemiche seguenti la solita intervista d’alta quota, nel viaggio di ritorno dalla visita apostolica in Bahrein, la Prefettura della Casa Pontificia, con nota diramata questo pomeriggio dalla Sala Stampa della S. Sede, ha precisato che, rivolto al Cammino Sinodale tedesco per esortare quell’episcopato a rimanere in comunione con la Sede romana, il S. Padre, dopo la frase «Non serve un’altra chiesa protestante», non ha detto «Perché così sarebbero tre».


Nessun commento:

Posta un commento

AVVISO AI LETTORI: Visto il continuo infiltrarsi di lettori "ostili" che si divertono solo a scrivere "insulti" e a fare polemiche inutili, AVVISIAMO CHE ORA NON SARANNO PIU' PUBBLICATI COMMENTI INFANTILI o PEDANTI. Continueremo certamente a pubblicare le critiche ma solo quelle serie, costruttive e rispettose.
La Redazione