Post in evidenza

Elenco Messe tradizionali in Italia: URGE UN AGGIORNAMENTO

Cari lettori di MiL, molti di voi ci hanno scritto, giustamente, per lamentarsi del fatto che l'elenco delle Messe tradizionali del nost...

lunedì 7 novembre 2022

Mons. Chaput: «Joe Biden non è in comunione con la fede cattolica»

L'Arcivescovo Mons. Charles Chaput parla apertamente di apostasia di Biden, che Oltretevere stanno invece quasi per nominare "defensor fidei".
«Quando rompi liberamente la comunione con la Chiesa di Gesù Cristo e i suoi insegnamenti», ha detto monsignor Chaput al simposio di Arlington, «non puoi fingere di essere in comunione quando ti è conveniente». È una forma di «menzogna»: «Il signor Biden non è in comunione con la fede cattolica. E ogni sacerdote che ora fa la Comunione al presidente partecipa alla sua ipocrisia».
La miserikordia avrà il suo corso?
QUI Tosatti.
Luigi


Il Timone, 24-10-22
Il sedicente cattolico Joe Biden, presidente degli Stati Uniti, «non è in comunione con la fede cattolica» e «qualsiasi prete che ora dia la Comunione al presidente partecipa alla sua ipocrisia». Lo ha detto monsignor Charles Chaput, 78 anni, vescovo emerito di Philadelphia, intervenendo a un Simposio eucaristico nella diocesi di Arlington il 22 ottobre.

Lo riporta il Catholic news agency e il riferimento al presidente è arrivato mentre Chaput parlava del modo in cui i cattolici americani hanno vissuto la loro fede per inserirsi all’interno della società statunitense negli ultimi 200 anni. In questo «processo», ha detto il vescovo, «siamo stati digeriti e sbiancati dalla cultura, invece di farla lievitare in modo fertile con una testimonianza cattolica distintiva». In questo, ha proseguito Chaput, «l’apostasia di Biden sulla questione dell’aborto è solo l’esempio più ripugnante».

Come noto il presidente Biden è un sostenitore pubblico dell’aborto, nonostante questo sia chiaramente condannato dall’insegnamento della Chiesa cattolica, adducendo per questo motivi di separazione tra la sua coscienza personale, che sarebbe appunto contraria all’aborto, e la sua azione politica e pubblica, invece, a favore della pratica abortiva. La questione anima l’episcopato americano dal momento della elezione del secondo presidente “cattolico” degli Stati Uniti, tanto che è stata intavolata una lunga discussione circa appunto la cosiddetta «coerenza eucaristica», per ricordare a tutti che ricevere la comunione nella liturgia cattolica significa sposare pubblicamente la fede e gli insegnamenti morali della Chiesa e desiderare di vivere di conseguenza. E chi fa il politico e si dice cattolico, come Biden, non può sostenere e attuare leggi o provvedimenti che vanno contro l’insegnamento della Chiesa e poi presentarsi a fare la comunione, a meno che, anche pubblicamente, non torni sui suoi passi.

«Quando rompi liberamente la comunione con la Chiesa di Gesù Cristo e i suoi insegnamenti», ha detto monsignor Chaput al simposio di Arlington, «non puoi fingere di essere in comunione quando ti è conveniente». È una forma di «menzogna»: «Il signor Biden non è in comunione con la fede cattolica. E ogni sacerdote che ora fa la Comunione al presidente partecipa alla sua ipocrisia».

La questione della «coerenza eucaristica» è un tema che non riguarda ovviamente solo il “devoto” Biden, anche perché, come ha ricordato lo stesso Chaput, «anche molti che frequentano regolarmente la messa domenicale, non credono più nel vero sacrificio o nella reale presenza» di Gesù Cristo nel sacramento eucaristico.

«Abbiamo dimenticato chi siamo come popolo credente. Questa è sia una causa che un sintomo del tiepido spirito cattolico di oggi, nella cultura della nostra nazione e all’interno della stessa Chiesa».

2 commenti:

  1. che Biden essendo a favore dell'aborto dia pubblico scandalo non ci sono dubbi
    ma definirlo apostata a mio avviso è sia sbagliato che eccessivo, in quanto non ha rinnegato esternamente la fede cristiana
    personalmente sono favorevole a rifiutare la Comunione a chiunque si dichiari a favore dell'aborto, ma per essere coerenti bisogna rifiutarla anche a chi commette altri peccati che gridano vendetta al cospetto di Dio, come per esempio non pagare ai lavoratori stipendi dignitosi

    RispondiElimina
  2. I cosiddetti cattolici sono ormai in gran parte apostati della propria fede. Non credono a molti dogmi, non condividono la realtà cattolica, sono fedeli ognuno alla propria personale opinione religiosa, che non è certo cattolico.
    Figuriamoci se i politici, che per mestiere mettono insieme le cose più disparate, possono essere cattolici. Non muoverebbero neanche un solo passo, se lo fossero.

    RispondiElimina

AVVISO AI LETTORI: Visto il continuo infiltrarsi di lettori "ostili" che si divertono solo a scrivere "insulti" e a fare polemiche inutili, AVVISIAMO CHE ORA NON SARANNO PIU' PUBBLICATI COMMENTI INFANTILI o PEDANTI. Continueremo certamente a pubblicare le critiche ma solo quelle serie, costruttive e rispettose.
La Redazione