Post in evidenza

MiL ha bisogno di voi lettori: DONAZIONI

A sx (nella versione per pc) e su palmare (voce " Donazione ") troverete la possibiltà di donare. Vi speghiamo il perchè.  Potrete...

venerdì 11 novembre 2022

Difesa della Messa tradizionale: 57ª manifestazione davanti alla Nunziatura Apostolica sabato 5 novembre a Parigi #traditioniscustodes

Riceviamo e pubblichiamo.
Luigi

DIFESA DELLA MESSA TRADIZIONALE
57° INCONTRO DELLE SENTINELLE DAVANTI ALLA NUNZIATURA
SABATO 5 NOVEMBRE A PARIGI

Questo sabato 5 novembre siamo stati come al solito davanti alla Nunziatura Apostolica, 14bis avenue du Président-Wilson, dalle 12 alle 12.30, per manifestare e pregare.
E continueremo a vigilare e a presentare le nostre richieste. Infatti, la nostra azione di protesta contro le varie soppressioni e restrizioni imposte alla liturgia tradizionale non è espressione di una particolare sensibilità, ma scaturisce dal senso stesso della fede cattolica. Se la lex orandi dell'epoca preconciliare non è più valida - il che starebbe a significare che la corrispondente lex credendi sarebbe essa stessa logicamente scaduta e superata - è necessario venga spiegata il perché di questa situazione: in che modo la fede cattolica espressa nella liturgia, e in particolare nel sacrificio della Messa, è stata cambiata a tal punto che la sua antica forma sia diventata nefasta?

Anche da un solo punto di vista pastorale, l'offensiva lanciata da Traditionis Custodes l'anno scorso si presenta come assurda e fuori luogo, e soprattutto oggi, quando la Chiesa brucia, quando tutto va male dappertutto, e si decide di attaccare una delle cose che ancora funziona e mostra fecondità missionaria e vocazionale?! Il futuro a lungo termine che desideriamo è il ripristino dell'ordine nella Chiesa e quindi anche nella liturgia. Ma il futuro prossimo per cui stiamo combattendo è l'ottenimento di una libertà necessaria, indispensabile. Tutto ciò che è vivo nella Chiesa deve poter continuare a vivere.

È possibile un cambiamento di rotta in Francia? Noi pensiamo di sì. In caso contrario, si moltiplicheranno le azioni come quelle dei fedeli di Saint-Germain-en-Laye, ai quali Mons. Crépy, vescovo di Versailles, rifiuta di concedere una messa, e che ogni domenica la ascoltano alle 11 davanti alla porta chiusa della cappella vuota dell'ospedale, al 20 di Rue Armagis.

Questo sabato abbiamo ribadito ancora una volta il nostro sostegno ai fedeli parigini privati della Messa a Saint Georges de La Villette, Saint François Xavier, N.D. du Travail, Sainte-Clotilde, così come a tutti i fedeli tradizionali della diocesi di Parigi che sono maltrattati o minacciati di esserlo.