Post in evidenza

MiL ha bisogno di voi lettori: DONAZIONI

A sx (nella versione per pc) e su palmare (voce " Donazione ") troverete la possibiltà di donare. Vi speghiamo il perchè.  Potrete...

giovedì 27 ottobre 2022

Trinidad Dufourq: "Spero che il pellegrinaggio di Nostra Signora della Cristianità si diffonda in tutta l'America" #sumpont2022

Grazie all'amico Michelangelo per la segnalazione e la traduzione.
L'intervistata è relatrice al Convegno di Roma di domani (QUI)
Luigi

Infocatolica, Javier Navascués, 24.10.22 

Trinidad Dufourq è una traduttrice francese dell'Università di Buenos Aires e ha studiato presso l'Université Sorbonne Nouvelle di Parigi. Insegna francese in diverse istituzioni di Buenos Aires, ma ha lavorato soprattutto come traduttrice di testi religiosi, teologici e filosofici. Ha collaborato alla traduzione del libro "Comunione nella mano" di Monsignor Juan Rodolfo Laise e ha tradotto innumerevoli testi liturgici per varie pubblicazioni. È anche traduttrice del sito web e del Courier de Paix Liturgique.

Cosa significa per lei partecipare al pellegrinaggio Ad Petri Sedem?

Innanzitutto, è una grande gioia andare in pellegrinaggio per la seconda volta a Roma, sulla tomba di San Pietro Apostolo, per ringraziare il motu proprio Summorum Pontificum di Benedetto XVI che ha restituito il diritto di cittadinanza alla Messa romana tradizionale. I solenni vespri pontificali presieduti dal Cardinale Matteo Maria Zuppi, Arcivescovo di Bologna e Presidente della Conferenza Episcopale Italiana, nella chiesa di Nostra Signora dei Martiri, meglio conosciuta come Pantheon, e la partecipazione alla Messa nella Basilica di San Pietro sono i due momenti salienti di questo pellegrinaggio. Partecipare a queste celebrazioni nel cuore della Chiesa, con così tante persone provenienti da cinque continenti e riunite per amore della liturgia romana tradizionale, è un'esperienza unica e commovente.


E lei è anche uno dei relatori di quest'anno dell'Istituto Patristico Augustinianum, insieme ad altri illustri relatori... sente la responsabilità di parlare davanti a un pubblico così selezionato?

Naturalmente, è un onore e una responsabilità parlare al VII Incontro Pax Liturgica che si terrà il venerdì, poco prima dell'inizio del pellegrinaggio, in cui interverranno rinomati esperti di teologia, filosofia e liturgia, o giornalisti di grande esperienza. La mia presentazione riguarderà qualcosa di più concreto e credo che il pubblico sarà interessato a sapere come da inizi molto umili si possa crescere.


Perché ha scelto il tema del pellegrinaggio di Nostra Signora del Cristianesimo nel mondo ispanico?

Ho trovato incoraggiante presentare questo pellegrinaggio, che è nato dall'iniziativa di una manciata di persone e che si è sviluppato in modo incredibile, sia in Argentina che in Spagna. Nella maggior parte dei Paesi, e non solo nel mondo ispanico, il movimento tradizionale è molto piccolo e forse questo può dare l'impressione che non valga la pena continuare. Invece, questo pellegrinaggio è la prova che con la fede e la fiducia nella grazia divina, quando qualcosa è buono, porta frutto, come il seme di senape che cresce in un grande albero.


Oltre all'originale pellegrinaggio francese di Chartres, il pellegrinaggio di Luján in Argentina si è consolidato e il pellegrinaggio di Covadonga in Spagna, sta per farlo. Spera che questo modello possa diffondersi in tutta l'America Latina?

Sì, credo che tutti i cattolici che amano la liturgia tradizionale aspirino a che questo pellegrinaggio, il cui asse è la celebrazione della Messa romana nell'usus antiquor, si diffonda in tutta l'America Latina. Infatti, i capitoli del Paraguay e del Brasile hanno partecipato al pellegrinaggio al santuario di Nostra Signora di Luján in Argentina. Speriamo che i nostri fratelli nella fede siano incoraggiati a organizzare lo stesso pellegrinaggio nei loro rispettivi Paesi. Sono certo che parteciperanno non solo coloro che già conoscono la liturgia tradizionale, ma anche molti altri per i quali sarà come scoprire una perla nascosta.


In che modo la partecipazione al pellegrinaggio a Luján l'ha arricchita personalmente?

È stato molto edificante per me vedere tanti giovani, tante famiglie con bambini piccoli, camminare per tre giorni, lasciando da parte le preoccupazioni quotidiane, tutte le preoccupazioni umane, come dice il Canto dei Cherubini della Divina Liturgia bizantina, per concentrare tutto sulla preghiera, la penitenza e la carità. Il fervore e la pietà, nonostante la stanchezza, con cui ho partecipato alla Santa Messa, le lunghe code per la confessione, sono stati un vero incentivo a cercare di migliorare la mia vita di fede, incentrata sulla liturgia. E, naturalmente, un motivo di grande speranza. Sono passati 13 anni da questo pellegrinaggio in Argentina, e ho visto giovani adolescenti che hanno già formato una famiglia e trasmettono alla loro prole lo stesso amore per la liturgia tradizionale che li ha portati, all'epoca, a partecipare a questo pellegrinaggio. E conosco persino alcuni giovani per i quali il pellegrinaggio è stato uno dei fattori che li ha portati a prepararsi al sacerdozio, per cui per me, al di là della speranza soprannaturale che dovrebbe animare tutti noi, vedere questi frutti concreti mi dà grande gioia e incoraggiamento.


Qual è il segreto del successo di questi pellegrinaggi?

Credo che ci siano diversi fattori che lo spiegano e che sono già stati affrontati da altri che vi hanno partecipato. Ma vorrei sottolineare il fatto che i partecipanti sono per la maggior parte giovani, il che è logico data la grande sfida fisica che comporta. I giovani sono naturalmente attratti da ciò che è grandioso, eroico. Nella sfera religiosa, spesso non trovano celebrazioni liturgiche che rispondano a queste aspirazioni. D'altra parte, la liturgia tradizionale, con la sua sacralità, il suo senso del mistero, l'orientamento del celebrante verso Dio, il canto gregoriano, offre un modo per avvicinarsi al mistero tremendo e affascinante che cattura le loro anime assetate di soprannaturale.
Il linguaggio simbolico, che è essenziale per la liturgia, dà loro accesso a Dio che si rivela a noi nell'unico modo possibile in questa vita terrena, attraverso i veli, come in uno specchio. Si tratta di quella che possiamo definire la visio cognitionis, complementare alla visio comprehensionis, trasmessa attraverso l'insegnamento teologico. Come disse Pio XI quando istituì la festa di Cristo Re, culmine del pellegrinaggio Ad Petri Sedem a Roma, solo un numero ristretto di persone legge i documenti, mentre la liturgia rinnova e rende presente il mistero del Paradiso in terra in ogni celebrazione per tutti i fedeli e parla ai nostri cuori e alle nostre menti in modo misterioso ma efficace.
Come ha scritto Papa Benedetto ai vescovi nella lettera che accompagna il motu proprio Summorum Pontificum: "è diventato chiaro che anche i giovani stanno scoprendo questa forma liturgica, ne sono attratti e trovano in essa un modo, particolarmente adatto a loro, di incontrare il Mistero della Santissima Eucaristia".


Una delle caratteristiche dei vari pellegrinaggi di Nostra Signora della Cristianità è l'amore per la Chiesa e l'evitare le polemiche e gli atteggiamenti disobbedienti. Perché è importante non allontanarsi da questo spirito di obbedienza filiale?

Nostro Signore ha fondato la Sua Chiesa con una gerarchia, alla quale ha affidato il triplice compito di insegnare, governare e santificare. Noi, come fedeli della Chiesa, non possiamo che essere in comunione con questa gerarchia e quindi, nonostante il fraintendimento di cui è spesso oggetto la liturgia tradizionale, cerchiamo sempre di rimanere in uno spirito di obbedienza filiale, come lei sottolinea, fedeli alla roccia stabilita da Cristo, e per questo motivo veniamo nella Città Eterna, insieme ai santi apostoli Pietro e Paolo, per rinnovare la nostra fedeltà al depositum fidei che ci hanno lasciato in eredità e che desideriamo preservare, appunto, attraverso il nostro amore per la tradizione apostolica che trova qui la sua fonte. In questa 12esima edizione del pellegrinaggio, il Cardinale Zuppi ha dimostrato con la sua partecipazione ai Vespri che saranno celebrati nel Pantheon, la comunione con la liturgia ricevuta dai nostri padri, come ha ricordato Benedetto XVI "ciò che era sacro per le generazioni precedenti, rimane sacro e grande anche per noi, e non può essere improvvisamente vietato o addirittura dannoso".

Di Javier Navascués