Post in evidenza

Elenco Messe tradizionali in Italia: URGE UN AGGIORNAMENTO

Cari lettori di MiL, molti di voi ci hanno scritto, giustamente, per lamentarsi del fatto che l'elenco delle Messe tradizionali del nost...

lunedì 24 ottobre 2022

Orrori architettonici… e dove trovarli #111 a Bari (BA)

Chiesa di Santa Maria delle Vittoriedell’arch. Vito Sangirardi (1985).
Dopo aver guardato con raccapriccio i risultati degli investimenti economici anche di questa Diocesi, ribadiamo la domanda: se lo meritano l’otto per mille?

Lorenzo

Descrizione: Discostandosi dai tradizionali impianti a croce, la Chiesa di Santa Maria delle Vittorie presenta una pianta rettangolare. È realizzata in cemento faccia a vista ben visibile dall’esterno. Dall'aula liturgica che ospita circa settecento posti, è subito visibile la zona del presbiterio.
L’altare è illuminato da fenditure triangolari, ed è evidenziato da uno scarto di altezza tra la copertura e un volume trasversale più altro, inclinato a falda e compreso tra due travi più grandi rispetto a quelle del solaio. Vetri policromi e mosaici completano l’apparato ornamentale.

Fotografie degli esterni:





Fotografie degli interni:








5 commenti:

  1. però gli inginocchiatoi ci sono

    RispondiElimina
  2. L'esterno è pessimo, sembra un centro commerciale. L'interno si riscatta per l'uso intelligente dell'illuminazione, anche mediante vetrate colorate, e per le decorazioni che tutto sommato non rompono con la tradizione. Non molto belli gli arredi a parte il semplice ma suggestivo tabernacolo.

    RispondiElimina
  3. ASSOMIGLIA ALLA CHIESA DI SCIENTOLOGY. DAVVERO ORRENDA.

    RispondiElimina
  4. Fuori mi convince poco, interno splendido.

    RispondiElimina
  5. Fuori è semplicemente orribile ,dentro va meglio anche se i colori son troppo vivaci.

    RispondiElimina

AVVISO AI LETTORI: Visto il continuo infiltrarsi di lettori "ostili" che si divertono solo a scrivere "insulti" e a fare polemiche inutili, AVVISIAMO CHE ORA NON SARANNO PIU' PUBBLICATI COMMENTI INFANTILI o PEDANTI. Continueremo certamente a pubblicare le critiche ma solo quelle serie, costruttive e rispettose.
La Redazione