Post in evidenza

Elenco Messe tradizionali in Italia: URGE UN AGGIORNAMENTO

Cari lettori di MiL, molti di voi ci hanno scritto, giustamente, per lamentarsi del fatto che l'elenco delle Messe tradizionali del nost...

lunedì 3 ottobre 2022

Orrori architettonici… e dove trovarli #108 a Bergamo (BG)

Chiesa di Maria Immacolata dell'arch. Giuseppe Pizzigoni (anno 1965).

Lorenzo

Descrizione: La chiesa, costruita a servizio del nuovo quartiere periferico di Longuelo, è un edificio a pianta centrale la cui sagoma scaturisce dall'aggregazione di quattro volumi staticamente autonomi, ciascuno retto da cinque volte sottili in cemento armato, dallo spessore di soli 6 centimetri. Di queste, quattro hanno una doppia curvatura, mentre la quinta copre i nodi centrali e nel loro complesso disegnano una tensostruttura che richiama l'immagine della vela o, simbolicamente, della biblica tenda di Mosè. Ciascuna delle quattro sezioni è composta da ventuno aste, che lavorano sia a compressione sia a trazione, su cui poggiano i paraboloidi iperbolici delle vele per le quali era prevista, sui lati rivolti all'invaso interno, un'accesa tinteggiatura in colori come giallo, blu e bianco mai realizzata. L'edificio, molto apprezzato dalla critica, è considerato la summa delle riflessioni architettoniche di Pizzigoni (scomparso a pochi mesi dall'inaugurazione della chiesa), in particolare di quel suo modo di concepire il progetto come "un processo costituito da fasi e momenti eterogenei, relazionati dalla capacità di sintesi del progettista attraverso l'uso sapiente e passionale del disegno" (Belloni, 1998).


Fotografie degli esterni:









Fotografie degli interni:









1 commento:

  1. Qui c’è poco da commentare. Sperare solo che i fedeli emigrino altrove

    RispondiElimina

AVVISO AI LETTORI: Visto il continuo infiltrarsi di lettori "ostili" che si divertono solo a scrivere "insulti" e a fare polemiche inutili, AVVISIAMO CHE ORA NON SARANNO PIU' PUBBLICATI COMMENTI INFANTILI o PEDANTI. Continueremo certamente a pubblicare le critiche ma solo quelle serie, costruttive e rispettose.
La Redazione