Post in evidenza

Elenco Messe tradizionali in Italia: URGE UN AGGIORNAMENTO

Cari lettori di MiL, molti di voi ci hanno scritto, giustamente, per lamentarsi del fatto che l'elenco delle Messe tradizionali del nost...

martedì 18 ottobre 2022

Mestre (VE): Aborto, e il padre?

Dagli amici del Movimento per la Vita di Venezia Mestre, volentieri ne diamo pubblicità e diffusione.

AZ


ABORTO… E IL PADRE?
Incontro pubblico sabato 22 ottobre 2022 ore 15.30 - 17.30
Auditorium S.M. delle Grazie, Via Poerio, 32 - Mestre Venezia


Dietro questo titolo, volutamente “graffiante” per suscitare la giusta curiosità, vorremmo cercare di approfondire la figura del padre, colui che oggi si trova sempre o quasi sul banco degli imputati per quanto di brutto o violento avviene nella società: inseguendo la cronaca quotidiana, se ne evidenziano spesso i limiti, l’assenza, l’immaturità, oppure si tenta di capire come dovrebbe adeguarsi ai cambiamenti sociali e familiari.
Il problema è che si parte sempre da un “pensiero debole”, che descrive le situazioni in termini sociologici, ma non sa più dire quale sia la natura dell’uomo maschio adulto e genitore, i suoi doni specifici, i suoi talenti, la sua missione nella famiglia e nella società. In poche parole, si annaspa nel buio…
Il dottor Marchesini, psicologo e psicoterapeuta nonché scrittore e conferenziere attivo a livello nazionale, intende invece fare proprio questo, avvalendosi di una base solida (il pensiero di Tommaso d’Aquino); ma niente paura, non si tratterà di una pedante lezione di tipo filosofico, bensì di un approccio verso la figura maschile molto concreto, che esalta il ruolo di guida e di protezione a cui è per natura chiamata. E già la locandina della nostra conferenza lo anticipa in modo esemplare, proponendo le figura di Enea e di San Giuseppe…
Ci rendiamo conto che oggi parlare in questi termini è decisamente contro- corrente, e che le caratteristiche naturali dell’uomo sono derubricate a “stereotipi di genere”; noi però non ci facciamo impressionare dagli artifici retorici della neo-lingua, e accettiamo la sfida del nostro relatore, che arricchirà la sua esposizione con riferimenti molto stimolanti nella letteratura e nelle arti visive. La conferenza sarà strutturata in modo tale da riservare dopo la relazione un ampio spazio alle domande, e consentire quel dibattito che spesso nelle conferenze viene a mancare per motivi di tempo. E nessuna domanda, salva la buona educazione, sarà censurata.
Per noi militanti per la vita questo incontro pubblico si inserisce in una attività di approfondimento culturale per la difesa e la promozione della famiglia naturale come luogo accogliente per la vita umana nascente; questa volta l’attenzione sarà puntata non sulla donna-madre, ma sull’uomo-padre, colui che oggi è escluso da ogni ruolo nelle tragiche “scelte” di vita o morte del nascituro. Non mancherà dunque l’occasione da parte nostra di ribadire la netta denuncia della legge 194, che resta una norma omicida e quindi radicalmente ingiusta da abrogare (domani o fra 50 anni, forse…) nonostante ogni convenienza e tattica politica.
In conclusione, invitiamo la cittadinanza a partecipare, in particolare i giovani che siano curiosi di ascoltare una voce sicuramente oggi “fuori del coro”.

Il presidente – Francesco Bortolato