Post in evidenza

MiL ha bisogno di voi lettori: DONAZIONI

A sx (nella versione per pc) e su palmare (voce " Donazione ") troverete la possibiltà di donare. Vi speghiamo il perchè.  Potrete...

venerdì 28 ottobre 2022

Crisi di legittimità per i vescovi di Francia

Vi proponiamo – in nostra traduzione – la lettera numero 894 pubblicata da Paix Liturgique il 26 ottobre 2022, in cui racconta, con cognizione e fondatezza, alcuni vicende emerse dal rapporto della Commissione indipendente sugli abusi sessuali nella Chiesa.
Si mette in evidenza il coinvolgimento dei vertici della Chiesa francese, che sta causando profonde e dolorose ferite, tra occultamenti e sanzioni canoniche.
«Ma con i piedi nel fango, i vescovi di Francia rimarranno pieni di zelo per cacciare questo cancro, questo male assoluto, che è… la liturgia tradizionale».

L.V.


Dopo essersi lasciati trascinare piuttosto miseramente dall’offensiva del rapporto CIASE (Commissione indipendente sugli abusi sessuali nella Chiesa: N.d.T.), in ginocchio sotto l’occhio delle telecamere davanti alla basilica di Lourdes, i vescovi di Francia sono scossi da questioni di moralità interne al loro stesso corpo episcopale, si tratta di vicende di per sé squallide, aggravate dal cosiddetto «trattamento mediatico», che combina l’esposizione di tutto nei dettagli sui media tradizionali e sui social network, con l’accusa di aver nascosto tutto ieri e di non aver raccontato tutto oggi.

Reclutati da un numero sempre più esiguo di personale «conforme», mal equipaggiati per il governo amministrativo a cui il loro ruolo è ormai in gran parte ridotto, per di più applicato a una società ecclesiastica in decadenza, e soggetti agli obblighi di una società delle comunicazioni su cui non hanno alcun controllo, appaiono sempre più impotenti. Per quanto riguarda l’uscita di scena e il reinvestimento del loro ruolo di predicatori della verità, di profeti della conversione e della penitenza per gli uomini di questo tempo, di catechisti, di pastori paterni, di risvegliatori di vocazioni sacerdotali e religiose, sembra che non si possa più chiedere a questi uomini impregnati dello spirito del Concilio.

Così il caso Santier, un vescovo con tendenze innaturali, «cadde su di loro». Reso pubblico dagli sforzi congiunti di Golias e Famille Chrétienne, è un tentativo maldestro e disastroso di tenere segreta una vicenda venuta alla luce tre anni fa, nel 2019. Di conseguenza, i fedeli si sentono ingannati e traditi.

Va detto che la vicenda è particolarmente pesante, soprattutto perché mons. Santier ha attraversato tre diocesi (Coutances, la sua diocesi di origine, Luçon, dove è diventato vescovo, e Créteil, dove è stato promosso). La vicenda che lo ha fatto cadere è stata «tirata fuori» dall’arcivescovo di Parigi, mons. Aupetit, metropolita di Créteil, a sua volta coinvolto due anni dopo per una bizzarra relazione con una donna (e soprattutto lasciato cadere, per non dire tradito, dal cardinale Ouellet e dal Papa).

Al posto di mons. Santier è stato nominato il vicepresidente della CEF (Conferenza episcopale francese: N.d.T.), mons. Blanchet, ex vescovo di Belfort, non privo di ambizioni, che ha giurato, con il cuore in mano quando è uscito il rapporto CIASE, che l’istituzione non ha mai coperto i responsabili degli abusi e che nessun vescovo è stato coinvolto per abusi sessuali.

I fatti

Michel Santier, già sacerdote della diocesi di Coutances, poi vescovo di Luçon e infine di Créteil, andato in pensione nel 2021, all’età di 72 anni, con tre anni di anticipo, a causa, disse all’epoca, degli effetti del Covid e dell’apnea notturna, e di «altre difficoltà», è stato sanzionato da Roma per «voyeurismo su due uomini adulti».

Nato il 20 maggio 1947, è stato ordinato sacerdote il 7 luglio 1973 nella chiesa di Saint-Nicolas a Granville e si è formato presso il seminario maggiore di Coutances – oggi chiuso e in parte abbandonato – e poi presso il seminario interdiocesano di Bayeux. Vicario e cappellano dell’Azione Cattolica Operaia di Coutances (1976-78), ha creato una nuova comunità, «Réjouis-Toi», nel 1977, ha insegnato Sacra Scrittura al seminario maggiore di Caen (1978-2001), che nel frattempo è stato chiuso, ha diretto l’Ecole de la Foi tra il 1989 e il 2001, ed è stato infine nominato vescovo di Luçon (2001-2007) e di Créteil dal 2007 fino al suo ritiro.

I fatti sono avvenuti all’inizio della sua carriera, quando mons. Santier era sacerdote a Coutances, nella diocesi di Avranches-Coutances, e direttore dell’Ecole de la Foi, un anno di formazione per i giovani dai 18 ai 30 anni che desiderano approfondire il loro cammino spirituale o sono tentati dal sacerdozio.

È stato allora che ha spinto due (almeno, perché l’arcivescovo di Rouen, mons. Dominique Lebrun, avendo annunciato il 20 ottobre che altre persone si erano appena «rese note» per «atti impensabili» commessi da Michel Santier quando erano giovani adulti e quando era sacerdote nella diocesi di Coutances) dei giovani che seguivano questo accompagnamento spirituale a spogliarsi durante le confessioni davanti al Santissimo Sacramento, mentre li guardava. Questo costituisce, dice Famille Chrétienne, una manipolazione sacrilega dei sacramenti. Questo rientra nella categoria dei delicta graviora, il cui giudizio è riservato alla Santa Sede, soprattutto nel caso di un vescovo, la cui punizione arriva fino alla riduzione allo stato laicale.

Con un caso nel caso, quello di altri fatti all’interno della comunità Réjouis Toi e dell’Ecole de la Foi. La comunità Réjouis Toi è stata creata da Michel Santier quando era un giovane sacerdote a Coutances nel 1977. Uno dei suoi sacerdoti, due volte condannato per abusi sessuali, era stato accolto da mons. Santier quando era vescovo di Créteil.

«Padre Richard Lucas era stato condannato due volte nella regione della Manche per aggressioni sessuali su minori: nel 2003 a una pena sospesa, nel 2013 a quattro mesi di carcere con modifica della pena. Nel frattempo, dopo essere stato messo in libertà vigilata con l’obbligo di sottoporsi a cure mediche, il sacerdote era stato riconfermato parroco nel 2007, nel 2010 e nel 2011», ricordava all’epoca l’Express; il suo ultimo incarico è stato quello di parroco di Barneville-Carteret, fino al 2012 – la diocesi si è infine rassegnata a nominare un nuovo parroco nel 2015. All’epoca, il vescovo di Coutances era mons. Lalanne, che è stato anche responsabile della lotta alla pedofilia presso la CEF, fino al 2016.

Il vescovo Aupetit denuncia la vicenda

Una delle due vittime di mons. Santier è diventata sacerdote nella diocesi di Tours. Si è confidato con il suo arcivescovo, mons. Aubertin (2005-2019), che lo ha disconosciuto, poi con mons. Aupetit, arcivescovo di Parigi, che gli ha creduto e ha deferito la questione a Roma.

Roma è stata informata nel dicembre 2019 e ha agito molto rapidamente. Nel giugno 2020, mons. Santier ha inviato le sue dimissioni al Papa, che le ha accettate solo sei mesi dopo. A seguito di ciò, mons. Blanchet, Vescovo di Belfort, fu nominato per prendere il suo posto a Créteil.

Golias riporta la questione nel suo trombinoscopio (pagina 297): «[Mons. Blanchet] non ha pensato a lungo di succedere a mons. Santier, che si è dimesso dalla diocesi di Créteil per motivi di salute. Ma Dominique Blanchet ha assunto un dossier molto più oscuro del previsto […] ufficialmente, mons. Santier se ne va perché soffre di apnea del sonno ed è stato indebolito dal Covid 19. Ma si scopre anche che l’ex vescovo di Créteil ha invitato due giovani a spogliarsi nudi davanti al Santissimo Sacramento negli anni Novanta. Uno di loro, diventato sacerdote nella diocesi di Tours, si confidò con il suo arcivescovo che lo ripudiò. Ma l’abate decise di parlare con il vescovo Michel Aupetit, che prese la questione molto seriamente. I fatti contestati si sono rivelati autentici. Il vescovo di Créteil è stato quindi invitato a lasciare il suo incarico prima di compiere 75 anni […] Dominique Blanchet è stato nominato dopo un predecessore molto opaco e una vicenda che si è svolta in segreto».

Poi, come sappiamo, l’arcivescovo di Parigi, Michel Aupetit, è finito in prima pagina su Le Point alla fine di novembre 2021, in particolare per le rivelazioni legate a una relazione amorosa. Il cardinale Ouellet gli suggerì di dimettersi, assicurandogli che il Papa avrebbe rifiutato le sue dimissioni, come aveva fatto per il card. Marx, che avrebbe ripristinato la sua posizione sia nella diocesi che nell’episcopato. Ma il Papa, al contrario, ha accettato le dimissioni molto rapidamente all’inizio di dicembre, uccidendo l’arcivescovo di Parigi con delle «confidenze» durante un viaggio in aereo. Nel corso del processo – e questo non ha precedenti - è stato abbattuto sulle colonne di France Info, il servizio pubblico di informazione, da Isabelle de Gaulmyn, caporedattore de La Croix.

La violenza di questo allontanamento da tutte le parti, dall’episcopato, da Roma, dalla diocesi, si spiega con la sua gestione della diocesi di Parigi, dove aveva l’ineguagliabile capacità di arrabbiarsi con tutti (due vicari generali che presentarono le loro dimissioni).

Sembra che mons. Ulrich, il nuovo arcivescovo di Parigi, preferisca risolvere tranquillamente alcuni casi di omosessualità – non penalmente riprovevoli, a differenza dei casi di pedofilia…

Mons. Blanchet, uno dei vice-presidenti della CEF, si è indebolito

Nell’aprile 2021, Ouest-France ha riferito del ritiro di mons. Santier presso il monastero carmelitano di Saint-Pair sur Mer – ritiro che nel frattempo è stato costretto a lasciare per un’altra comunità, a Saint-Sauveur sur Vicomte.

Mons. le Boulc’h, vescovo di Coutances, ha comunicato con sobrietà: «Nel 2021, Roma ha preso misure disciplinari contro mons. Michel Santier per atti commessi contro due giovani adulti negli anni ’90 presso l’Ecole de la Foi di Coutances e che sono stati rivelati nel 2019. In seguito a queste misure disciplinari, chiesi a Mons. Santier di lasciare Saint-Pair-sur-Mer per unirsi a una comunità di suore. Il vescovo Santier conduce una vita di ritiro e di preghiera e svolge un ministero limitato.

Sono consapevole che questa notizia, apparsa sulla stampa, è motivo di grande shock per molti di noi, poiché il vescovo Santier è una figura così importante nella nostra diocesi. Esprimo il mio più profondo cordoglio per le vittime e per tutti coloro che sono stati feriti da queste rivelazioni. Invito i cattolici della diocesi a portare queste intenzioni nelle loro preghiere».

Tuttavia, mons. le Boulc’h, a differenza dei suoi fedeli, non fu colto di sorpresa. «La diocesi ha confermato queste rivelazioni in un comunicato stampa pubblicato venerdì 14 ottobre, in cui il vescovo Laurent Le Boulc’h ha espresso la sua “profonda compassione per le vittime e per tutti coloro che sono feriti da queste rivelazioni”. Fatti che la diocesi conosce da un anno», riporta France Bleu.

«La sanzione romana è caduta nell’ottobre 2021 ed è stata immediatamente comunicata alla diocesi. Mons. Le Boulc’h ha immediatamente preso la decisione di mettere da parte mons. Santier e di installarlo in una comunità di suore a Saint-Sauveur-le-Vicomte», spiega Bénédicte Palluat de Besset, responsabile della comunicazione della diocesi. L’ex sacerdote ha un «ministero ristretto, limitato alla comunità. Non ha un ministero pubblico», ha detto.

Perché la diocesi non ne ha mai parlato pubblicamente? Non avremo una risposta. «La questione fondamentale è che sono state prese decisioni per garantire che eventi simili non accadano ad altre vittime. Furono prese tutte le misure necessarie per garantire che il vescovo Santier fosse messo da parte, e questo è effettivamente il caso oggi. Non c’è impunità», ha dichiarato l’ufficio comunicazione della diocesi.

L’attuale vescovo di Créteil, inviato nell’emergenza per sostituire il dimissionario mons. Santier, mons. Blanchet, è vicepresidente della CEF dall’ottobre 2019 – mentre era vescovo di Belfort (90) e faceva parte del triumvirato che doveva occuparsi del rapporto CIASE, nell’ottobre 2021.

Mons. Blanchet ha comunicato sul sito della sua diocesi, senza soffermarsi sulla natura dei fatti: «Nell’ottobre 2021 sono stati presi provvedimenti disciplinari per Michel Santier. Per la loro attuazione ha dovuto lasciare il suo luogo di ritiro e risiedere in una comunità religiosa, con un ministero limitato alla vita di quella comunità».

Considerando «la possibilità che mons. Santier possa aver commesso tali abusi durante il suo episcopato a Créteil», mons. Blanchet ha invitato «le vittime che lo desiderano a presentarsi all’unità di ascolto diocesana».

Ma prima di questo desiderio di trasparenza, c’è stato un evidente tentativo di occultamento: nonostante la sanzione canonica a suo carico, mons. Santier è stato autorizzato dal suo successore, mons. Blanchet, a venire a concelebrare – con cognizione di causa – la Messa crismale a Créteil, il 14 aprile 2022, Giovedì Santo.

***

E poi, dopo l’affare Santier, ricompare per l’occasione l’affare Sankalé, già noto al mondo clericale, ma non ai fedeli. Una vicenda più naturale, anche se infinitamente triste e scandalosa: vescovo di Nizza, questo prelato dalla mentalità classica era entrato in «crisi» e si era allontanato con una signora per riconvertirsi alla professione civile.

Senza dubbio presto potrebbero essere scoperte altre ferite episcopali. Fino alla nausea…

Ma con i piedi nel fango, i vescovi di Francia rimarranno pieni di zelo per cacciare questo cancro, questo male assoluto, che è… la liturgia tradizionale.

Nessun commento:

Posta un commento

AVVISO AI LETTORI: Visto il continuo infiltrarsi di lettori "ostili" che si divertono solo a scrivere "insulti" e a fare polemiche inutili, AVVISIAMO CHE ORA NON SARANNO PIU' PUBBLICATI COMMENTI INFANTILI o PEDANTI. Continueremo certamente a pubblicare le critiche ma solo quelle serie, costruttive e rispettose.
La Redazione