Post in evidenza

Elenco Messe tradizionali in Italia: URGE UN AGGIORNAMENTO

Cari lettori di MiL, molti di voi ci hanno scritto, giustamente, per lamentarsi del fatto che l'elenco delle Messe tradizionali del nost...

martedì 11 ottobre 2022

Card. Muller: il Sinodo sulla sinodalità è un sistema di occupazione ostile della Chiesa cattolica

Durissimi interventi del card.  Gerhard Müller.
Luigi 

Blog di Sabino Paciolla, Ottobre 10 2022

“Questo è un modo per minare la fede cattolica”, ha detto il cardinale Gerhard Müller a proposito del Sinodo sulla sinodalità, in uno dei suoi commenti più taglienti sulla direzione della Chiesa sotto Papa Francesco.
Di seguito vi propongo un articolo scritto da Raymond Wolfe, pubblicato su Lifesitenews. Eccolo nella mia traduzione.

Il cardinale Gerhard Müller ha attaccato il Sinodo sulla sinodalità con alcuni dei suoi commenti più forti sulla direzione della Chiesa cattolica sotto Papa Francesco, descrivendo il processo sinodale come una “acquisizione ostile” della Chiesa che minaccia di “porre fine” al cattolicesimo.

In un’intervista esplosiva giovedì su EWTN’s The World Over, l’ex capo del più alto ufficio dottrinale del Vaticano ha condannato le idee eterodosse espresse dalla leadership del Sinodo e nelle relazioni sinodali e ha criticato l’attenzione dell’iniziativa per l'”auto-rivelazione” in contrapposizione alla fede cattolica.

“Questo è un sistema di auto-rivelazione ed è l’occupazione della Chiesa cattolica” e “l’acquisizione ostile della Chiesa di Gesù Cristo, che è una colonna della Verità Rivelata”, ha detto il cardinale Müller al conduttore di EWTN Raymond Arroyo. “Questo non ha nulla a che fare con Gesù Cristo, con il Dio Uno e Trino, e pensano che la dottrina sia solo come un programma di un partito politico che può cambiarla a seconda dei suoi elettori”.

Il Sinodo sulla sinodalità, lanciato da Papa Francesco nel 2021, è un processo pluriennale che prevede la raccolta di opinioni di laici cattolici – e anche di non cattolici – in ogni diocesi del mondo in vista del Sinodo dei vescovi che si terrà a Roma il prossimo ottobre. Papa Francesco ha descritto l’obiettivo del Sinodo come la creazione di “una Chiesa diversa” e gli alti funzionari sinodali hanno indicato che potrebbe portare a cambiamenti nella dottrina e nella leadership della Chiesa.

Il relatore generale del Sinodo, il cardinale Jean-Claude Hollerich, all’inizio di quest’anno ha suscitato indignazione e accuse di eresia per aver affermato che l’insegnamento cattolico sulla peccaminosità degli atti omosessuali non è “più corretto” e necessita di una “revisione”. Anche le relazioni sinodali nazionali di molti Paesi occidentali hanno evidenziato richieste di cambiamento dottrinale, anche sull’omosessualità e sull’ordinazione delle donne, e il sito web ufficiale del Vaticano per il Sinodo ha ripetutamente fatto infuriare i cattolici promuovendo relazioni omosessuali e gruppi di attivisti dissidenti.

Alla domanda se il Sinodo sulla sinodalità si stia configurando come “un tentativo di distruggere la Chiesa”, il cardinale Müller ha risposto con decisione: “Sì, se ci riusciranno, ma sarà la fine della Chiesa cattolica”.

Ha paragonato lo stato del processo sinodale all’eresia dell’arianesimo e alla “forma marxista di creare la verità”, insistendo sul fatto che i cattolici “devono resistere”.

“È come le vecchie eresie dell’arianesimo, quando Ario pensava secondo le sue idee cosa Dio può fare e cosa non può fare”, ha detto il cardinale. “L’intelletto umano vuole decidere cosa è vero e cosa è sbagliato”.

I responsabili del Sinodo stanno “sognando un’altra chiesa [che] non ha nulla a che fare con la fede cattolica” ed è “assolutamente contraria”, ha sbottato il cardinale Müller. “Vogliono abusare di questo processo per spostare la Chiesa cattolica e non solo in un’altra direzione, ma nella distruzione della Chiesa cattolica”.

“Nessuno può fare uno spostamento assoluto e sostituire la dottrina rivelata della Chiesa”, ha sottolineato, “ma loro hanno queste strane idee”, come quella che “la dottrina è solo una teoria di qualche teologo”.

Non è affatto così, ha sottolineato il prelato tedesco:

La dottrina degli Apostoli è un riflesso e una manifestazione della Rivelazione della Parola di Dio. Dobbiamo ascoltare la Parola di Dio, ma nell’autorità della Sacra Bibbia, della Tradizione apostolica e del Magistero, e tutti i concili hanno detto prima che non è possibile sostituire la Rivelazione data una volta e per sempre in Gesù Cristo con un’altra rivelazione.

Rispondendo a una recente immagine pubblicata dall’account Facebook del Sinodo, in cui comparivano un sacerdote donna e immagini di “orgoglio” LGBT, il cardinale Müller ha detto: “Penso che ci sia il desiderio di impadronirsi di un potere che non esiste. Vogliono essere più intelligenti di Dio stesso”.

Ha anche convenuto che il Sinodo sulla sinodalità è un tentativo di creare un Terzo Concilio Vaticano non ufficiale. “È davvero sorprendente che sia permesso sotto l’autorità e in questo contesto del Vaticano”, ha detto, “e che dia l’impressione che questo sia davvero possibile, che la Chiesa con il Papa o con questo segretario generale del Sinodo, siano autorizzati ad essere l’uditorio dello Spirito Santo. E lo Spirito Santo è solo una funzione per loro, è solo strumentalizzato”.

“Questo non ha nulla a che fare con lo Spirito Santo… che si rivela nella Santa Trinità”, ha continuato il cardinale Müller. “Questo è un modo per minare la fede cattolica e la Chiesa cattolica”.

Come è possibile che il cardinale Grech sia più intelligente di Gesù?

Il cardinale Müller ha riservato alcuni dei suoi commenti più duri al cardinale Mario Grech, il segretario generale del Sinodo dei vescovi, il cui ufficio è responsabile della sintesi delle relazioni sinodali presentate al Vaticano da tutto il mondo.

Grech, che è ampiamente visto come un possibile candidato papale, ha suggerito il mese scorso che il Sinodo potrebbe introdurre cambiamenti radicali nell’insegnamento cattolico sul matrimonio e la sessualità e ha detto che “questioni complicate” come dare la Comunione ai divorziati e risposati e “benedire” le relazioni omosessuali “non devono essere comprese semplicemente in termini di dottrina”.

“Cosa deve temere la Chiesa se a questi due gruppi di fedeli viene data la possibilità di esprimere il loro intimo senso delle realtà spirituali che sperimentano?”. ha detto Grech in una presentazione a più di 200 vescovi statunitensi e altri leader cattolici. “Potrebbe essere un’opportunità per la Chiesa di ascoltare lo Spirito Santo che parla anche attraverso di loro?”, ha chiesto.

Il cardinale Müller ha definito i commenti di Grech “assolutamente contrari alla dottrina cattolica” e li ha paragonati al protestantesimo e all’eresia del modernismo:

Qui c’è un’ermeneutica del vecchio protestantesimo culturale e del modernismo, secondo cui l’esperienza individuale ha lo stesso livello della Rivelazione oggettiva di Dio, e Dio è solo tutto ciò su cui puoi proiettare le tue idee, e fare un certo populismo nella Chiesa. E sicuramente tutti coloro che, al di fuori della Chiesa, vogliono distruggere la Chiesa cattolica e i suoi fondamenti, sono molto contenti di queste dichiarazioni. Ma è ovvio che questo è assolutamente contrario alla dottrina cattolica. Abbiamo la Rivelazione di Dio in Gesù Cristo, ed è definitivamente chiusa e conclusa in Gesù Cristo – è pienamente presente – e dobbiamo seguire Gesù e non soddisfare i nostri desideri soggettivi. È assolutamente chiaro che Gesù ha parlato dell’indivisibilità del matrimonio.

“Come è possibile che il cardinale Grech sia più intelligente di Gesù Cristo?”, ha chiesto il cardinale Müller, domandandosi da dove Grech tragga “la sua autorità per relativizzare la Parola di Dio”.

Ha anche rimproverato la recente affermazione di Grech secondo cui il Sinodo sulla sinodalità è in grado di “aprire scenari” nemmeno “immaginati” dal Concilio Vaticano II.

“Tutti sanno che chi ha studiato il primo semestre di teologia sa che la Chiesa e le autorità della Chiesa non possono cambiare la Rivelazione”, ha replicato il cardinale Müller.

Ha aggiunto che Grech, inoltre, non è nemmeno “un teologo riconosciuto” e “non ha alcuna rilevanza nella teologia accademica”.

“Come fa a presentare una nuova ermeneutica della fede cattolica, solo perché è un segretario di un Sinodo che non ha alcuna autorità sulla dottrina della Chiesa?”. Ha chiesto il cardinale Müller.

“Tutti questi sinodi dei vescovi e il processo sinodale non hanno alcuna autorità, in nessun modo autorità magisteriale”.