Post in evidenza

MiL ha bisogno di voi lettori: DONAZIONI

A sx (nella versione per pc) e su palmare (voce " Donazione ") troverete la possibiltà di donare. Vi speghiamo il perchè.  Potrete...

giovedì 8 settembre 2022

Un teologo favorevole alla contraccezione e un controverso biografo papale scrivono un documento chiave per il Sinodo sulla sinodalità

Una traduzione veramente impressionante di Sabino Paciolla.
Mala tempora currunt.
Luigi

 6- 9-2022
Austen Ivereigh e monsignor Philippe Bordeyne sono tra le figure discutibili incaricate di redigere il documento chiave per la prossima fase del Sinodo sulla sinodalità.
Di seguito, vi proponiamo nella nostra traduzione un articolo scritto da Michael Haynes, pubblicato su Lifesitenews.

Alcuni personaggi controversi che sostengono la contraccezione e si oppongono alla Messa tradizionale sono stati annunciati come gli “esperti” incaricati di redigere il documento chiave che guiderà la prossima fase del Sinodo sulla sinodalità.
Nel corso di una conferenza stampa tenutasi venerdì in Vaticano per discutere le prossime fasi del pluriennale Sinodo sulla sinodalità di Papa Francesco, è stato distribuito un documento che delinea gli aggiornamenti del processo. Tra le sue pagine c’erano i nomi degli “esperti” incaricati di redigere il documento per la fase continentale del Sinodo, che sarà il documento di lavoro o instrumentum laboris. Stilato in base alle sintesi presentate dalle diocesi di tutto il mondo, questo documento sarà pubblicato nell’ottobre di quest’anno e guiderà la discussione che si svolgerà nelle conferenze episcopali nei prossimi mesi.

Questo documento, e le discussioni che ne deriveranno, saranno poi la base del Sinodo dei vescovi dell’ottobre 2023 a Roma, quando i vescovi valuteranno una seconda versione dell‘instrumentum laboris.

Il processo sinodale ha già sollevato preoccupazioni tra i fedeli cattolici che temono che possa essere usato come un processo per permettere a insegnamenti e pratiche non cattoliche di essere ampiamente praticati e de facto accettati. Tali timori sono già stati evidenziati in alcuni rapporti sinodali locali e diocesani e nelle risorse sinodali del Vaticano.

L’elenco degli “esperti” incaricati di redigere il documento di lavoro non allevierà i timori già sollevati dai cattolici tradizionali, dal momento che tra gli esperti figurano Austen Ivereigh, il controverso biografo papale e promotore delle unioni civili tra persone dello stesso sesso, e P. Philippe Bordeyne, il responsabile pro-contraccezione dell’Istituto Giovanni Paolo II per il Matrimonio e la Famiglia. Alcuni degli altri “esperti” sono noti per la loro opposizione alla Messa tradizionale o per l’ardente promozione della visione di Papa Francesco sulla “sinodalità”.

Con i dubbi che circondano l’insegnamento cattolico sull’omosessualità e la contraccezione attualmente ampiamente diffusi tra i sostenitori del Sinodo, resta da vedere cosa proporranno gli “esperti” nell’instrumentum laboris.

Austen Ivereigh, il biografo del papa

Forse uno dei più notevoli è l’inserimento di Austen Ivereigh, che ha trovato il favore di Papa Francesco attraverso le sue biografie del Papa, la seconda intitolata: “Pastore ferito: Papa Francesco e la Sua lotta per convertire la Chiesa Cattolica“.

Ivereigh è stato un consulente di alto livello del cardinale di Westminster Cormac Murphy-O’Connor – un prelato che è stato un membro di spicco della famigerata mafia di San Gallo e che ha avuto un ruolo chiave nell’elezione di Papa Francesco. Ivereigh, che non è sposato, si è dimesso dal suo incarico con il cardinale nel 2006 dopo aver ammesso di aver avuto due relazioni: una nel 1989 che è sfociata in un aborto e un’altra più recente che ha portato la madre ad avere un aborto spontaneo.

Ha negato di aver manipolato o costretto la donna con cui ha avuto una relazione nel 1989 ad abortire, ma ha ammesso di aver pagato metà dei costi dell’aborto.

Commentando l’inserimento di Ivereigh tra gli “esperti”, il diacono Nick Donnelly, catechista del Regno Unito, ha dichiarato a LifeSiteNews che “è allarmante”.

“Ivereigh è un professionista cattolico che per tutta la sua carriera si è allineato con coloro che promuovono il dissenso “, ha detto Donnelly. “È stato l’addetto stampa del cardinale Murphy-O’Connor di Westminster, un membro di spicco della mafia di San Gallo che si è opposta clandestinamente ai pontificati di Giovanni Paolo II e Benedetto XVI”.

Donnelly ha sottolineato che Ivereigh, ” essendo uno dei fondatori del gruppo mediatico britannico Catholic Voices, ha sostenuto le unioni civili per le persone omosessuali, in contrasto con la direttiva della Congregazione per la Fede del 2003″.

Da quando Papa Francesco è entrato in carica, ha attaccato apertamente i fedeli cattolici che si oppongono al neomodernismo del pontificato. A gennaio, Ivereigh ha scritto un articolo per giustificare il trattamento spietato di Papa Francesco nei confronti dei cattolici tradizionali, che ha definito così malvagiamente corrotti da non meritare la condiscendenza del dialogo di Bergoglio.

“Il coinvolgimento di Ivereigh nel processo sinodale conferma i sospetti che questa consultazione sia una farsa con un risultato predeterminato per cambiare illegittimamente la dottrina e la disciplina della Chiesa”, ha aggiunto Donnelly.


Prelato favorevole alla contraccezione

A Ivereigh si aggiunge Monsignor Philippe Bordeyne, preside del Pontificio Istituto Teologico Giovanni Paolo II per le Scienze del Matrimonio e della Famiglia. LifeSite ha fornito una copertura dettagliata di mons. Bordeyne, notando l’anno scorso come egli sia un sostenitore di Amoris Laetitia, un critico di Humanae Vitae e un difensore di un approccio più accogliente nei confronti dei partner omosessuali.

Come ha scritto Jeanne Smits di LifeSite:

agli occhi di Bordeyne, la contraccezione non solo può essere considerata “lecita” da un punto di vista morale, ma anche una “medicina”, una “tecnologia” che può essere “umanizzata” perché le coppie cattoliche dovrebbero amarsi il doppio quando la usano. Si tratta di una contraddizione dell’insegnamento della Chiesa e di un’inversione di valori di dimensioni monumentali.

Commentando il passaggio di Bordeyne all’Istituto Giovanni Paolo II, il filosofo e scrittore francese Thibaud Collin lo ha definito una “vera e propria rivoluzione” che preannuncia l’imminente rigetto dell’Humanae Vitae.

“La nomina a direttore di una figura come Philippe Bordeyne conferma che l’Istituto Giovanni Paolo II, in piena emorragia di studenti, dovrebbe per onestà intellettuale cambiare nome”, ha scritto. “Potrebbe chiamarsi, ad esempio, Istituto ‘Amoris Laetitia’”.

Teologo consulente della CDF, grande sostenitore della “sinodalità

Un altro degli “esperti” è Monsignor Piero Coda, segretario della Pontificia Commissione Teologica Internazionale che consiglia la Congregazione per la Dottrina della Fede. Coda ha una lunga storia di promozione della sinodalità in Vaticano, descrivendo l’evento attuale come “il più importante evento ecclesiale dopo il Concilio Vaticano II”.

Ha sottolineato che il Vaticano II ha portato un cambiamento chiave nella Chiesa, prima del quale “prevaleva soprattutto una visione piramidale e gerarchica”, che “spesso impediva di valorizzare tutte le energie dello Spirito presenti nel popolo di Dio”.

Parlando a L’Osservatore Romano lo scorso anno, ha parlato di un “grande impulso al rinnovamento dei contenuti e del linguaggio teologico” proveniente da Francesco, lodando “un’energia creativa dirompente” che ora “si sta liberando” nella Chiesa.

Esponenti del Vaticano e oppositori della Tradizione

Coda è affiancato da un altro personaggio noto in Vaticano, Padre David McCallum, S.J., che ricopre il ruolo di direttore esecutivo del “Program for Discerning Leadership” – un programma che “fornisce formazione alla leadership per gli alti funzionari vaticani e i maggiori superiori degli ordini religiosi a Roma”.

L’Arcivescovo Timothy Costelloe, presidente della Conferenza Episcopale Australiana e Arcivescovo di Perth, è un altro nome nella schiera degli “esperti”. Lo scorso autunno, Costelloe ha scioccato i cattolici australiani quando ha presieduto un rituale pagano indigeno all’inizio della Messa di apertura del V Consiglio plenario australiano. La cerimonia – che ricorda la recente cerimonia di “imbrattamento” a cui Papa Francesco ha partecipato in Canada – utilizzava il fumo “per ripulire gli spiriti cattivi dall’area”, con Costelloe che prendeva parte alla “pulizia” rituale.

Negli ultimi anni, Costello ha messo in atto una serie di politiche che limitano la fiorente comunità locale della Messa latina nell’arcidiocesi, colpendo gravemente la comunità – che si era formata dal 2008 – privandola di una sede, apparentemente contro le direttive del suo predecessore.

Un altro membro di rilievo del team di redazione del documento è Rafael Luciani, un teologo latinoamericano che sostiene pubblicamente l’ideologia dell’attuale pontificato. Intervistato dal dissidente National Catholic Reporter lo scorso anno, Luciani ha elogiato la “sinodalità” come recupero di “un modello più dinamico e inclusivo di essere e agire ecclesialmente”, sostenendo che “abbiamo bisogno… di un modello più fresco di essere Chiesa, immaginando e costruendo nuove strutture che riflettano un modello più sinodale e che coinvolgano maggiormente i laici nei processi decisionali”.

Michael Haynes