Post in evidenza

MiL ha bisogno di voi lettori: DONAZIONI

A sx (nella versione per pc) e su palmare (voce " Donazione ") troverete la possibiltà di donare. Vi speghiamo il perchè.  Potrete...

mercoledì 7 settembre 2022

Ponte San Giovanni (Diocesi di Perugia): per i fedeli a Messa la pandemia non è finita

Questa fotografia è stata scattata alcuni giorni fa all’ingresso della Chiesa parrocchiale di San Bartolomeo in Ponte San Giovanni, una frazione del Comune di Perugia.
Su di un tavolino, accanto ad un nebulizzatore, fa bella mostra un cartello che recita: «Si ricorda di:
- indossare correttamente la mascherina per tutta la durata della Messa, coprendo bene naso e bocca
- non inginocchiarsi - per mantenere la necessaria distanza di sicurezza
- occupare le panche a partire dai posti davanti».
Insomma, pare che in questa chiesa umbra non solo l’energenza pandemica non sia finita per i fedeli cattolici, ma le regole restrittive (definite dal primo protocollo tra il Governo e la Conferenza Episcopale Italiana) siano rimaste quelle del mese di maggio 2020, emanate immediatamente dopo la riapertura delle chiese e la fine della «serrata».
Cercando di approfondire la questione, ci siamo accorti che il sito ufficiale della Diocesi di Perugia - Città della Pieve interrompe la pubblicazione dei documenti in materia al d.p.c.m. del 30 ottobre 2020, oggi non più in vigore ma soprattutto obsoleto, ed ignora, in particolare, gli ultimi suggerimenti della Conferenza Episcopale Italiana del mese di marzo 2022: una strana dimenticanza, molto strana se si pensa che il card. Gualtiero Bassetti, fino al 27 maggio di quest’anno Arcivescovo metropolita della diocesi in questione, in qualità di presidente della CEI ha sottoscritto con il Governo tutti i protocolli ed approvato le raccomandazioni della Conferenza Episcopale.

L.V.

8 commenti:

  1. Il parroco avrà ritenuto opportuno agire in questo modo (sempre ammesso che la foto si riferisca davvero ad “alcuni giorni fa”.

    RispondiElimina
  2. Ma io non ne farei un così grande problema... si l'inginocchiarsi era evitabile ma per il resto non ne farei una tragedia. Avrei una curiosità: come mai non tutti i post hanno la possibilità di commento

    RispondiElimina
  3. ma siamo sicuri che la presenza del cartello indichi le regole che effettivamente vengono seguite? anche nella mia c'è un cartello simile all'ingresso, anche più grande ed evidente, ma ormai siamo quasi tornati alla situazione pre-pandemia

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Potrebbe essere una dimenticanza , è improbabile che ormai qualcuno faccia tante storie per la mascherina.Di questi tempi siamo come :nave senza nocchiero in gran tempesta.....Anzi spesso si ha l'impressione che buona parte dell'equipaggio cerchi deliberatamente di portare la nave a sfasciarsi contro gli scogli.Però il Signore è stato chiarissimo quando ci ha promesso che sarà con noi fino alla fine del mondo.....

      Elimina
    2. Senza nocchiero è soprattutto il cervello di tanti complottisti, disfattisti e compagnia cantante che si rovinano la vita da soli.

      Elimina
    3. Tutto va bene madama la marchesa....D'altronde con un cotanto nocchiero .....

      Elimina
  4. Nelle sacrestie sono rimasti gli ultimi e forse unici pasdaran del Covid e gli ultimi maniaci delle mascherine, che altrove ormai non porta più quasi nessuno. Frotte di mascherati si vedono solo in chiesa.

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Ma non è vero! Nelle parrocchie attorno a casa mia sono quasi tutti senza mascherina.

      Elimina

AVVISO AI LETTORI: Visto il continuo infiltrarsi di lettori "ostili" che si divertono solo a scrivere "insulti" e a fare polemiche inutili, AVVISIAMO CHE ORA NON SARANNO PIU' PUBBLICATI COMMENTI INFANTILI o PEDANTI. Continueremo certamente a pubblicare le critiche ma solo quelle serie, costruttive e rispettose.
La Redazione