Post in evidenza

MiL ha bisogno di voi lettori: DONAZIONI

A sx (nella versione per pc) e su palmare (voce " Donazione ") troverete la possibiltà di donare. Vi speghiamo il perchè.  Potrete...

sabato 17 settembre 2022

L’omosessualista padre Martin attacca un vescovo fedele alla Chiesa

Notiamo la bulimia di dichiarazioni pro sodomia di padre Martin (QUI molti post di MiL), pupillo di Francesco.
Luigi

17-9-22, Informazione cattolica, di Angelica La Rosa

IL SACERDOTE GESUITA HA ATTACCATO IL VESCOVO DELLA DIOCESI DI SIOUX FALLS CHE HA DIFESO GLI INSEGNAMENTI DELLA CHIESA SULLA SESSUALITÀ E IL GENERE

Il sacerdote gesuita James Martin si è rivolto ai social media per denunciare un vescovo del South Dakota per aver pubblicato una serie di linee guida pastorali in difesa della fede contro l’agenda radicale LGBT.
Citando le linee guida pastorali del vescovo Donald DeGrood della diocesi di Sioux Falls, che vietano agli studenti cattolici di sostenere, celebrare ed esprimere “attrazione per lo stesso sesso” e il transgenderismo, mentre Martin ha affermato che “le persone dovrebbero essere in grado di ‘celebrare’ chi sono e, cosa più importante, come Dio li ha creati, comprese le persone LGBTQ”.

Il sacerdote gesuita, che più volte è stato ricevuto in Vaticano da papa Francesco, in passato non ha esitato ad accettare che, sebbene la Bibbia condanni l’omosessualità, non può essere usata come strumento per determinare cosa è moralmente accettabile e cosa no. Ha anche affermato, in contrasto alla dottrina della Chiesa Cattolica, che i cattolici LGBT non sono tenuti a praticare la castità.