Post in evidenza

MiL ha bisogno di voi lettori: DONAZIONI

A sx (nella versione per pc) e su palmare (voce " Donazione ") troverete la possibiltà di donare. Vi speghiamo il perchè.  Potrete...

lunedì 26 settembre 2022

La Messa tradizionale nelle parole di una ex musulmana #traditioniscustodes

Una bella testimonianza di una ex musulmana, poi divenuta atea e infine approdata al cattolicesimo grazie alla Messa tradizionale, dove «la riverenza, il silenzio, la bellezza e la precisione si uniscono per riordinare l'universo verso il suo Creatore».
Stefano

Questa traduzione è stata realizzata grazie alle donazioni dei lettori di MiL

Un ex musulmana sulla Messa tradizionale: "Dal microcosmo della Messa l'intero mondo è riordinato"

di Peter Kwasniewski – Rorate Caeli, 9 febbraio 2022

Quando Adamo ed Eva decisero di dare un morso al frutto proibito, si misero al di sopra di Dio, causando il disordine dell'ordine creato. Il peccato di orgoglio, risultato di questa smodatezza, divenne il centro della lotta umana da allora in poi. Senza una corretta visione e comprensione di chi è Dio e di chi siamo noi e il nostro prossimo in relazione a Lui, il caos rimarrà non solo nella società ma anche nelle nostre stesse anime.

Nell'Antico Testamento, più e più volte il Signore dà istruzioni e cerca di guidare il suo popolo ribelle verso l'ordine che lo condurrà alla realizzazione. Uno degli aspetti più cruciali del corretto riallineamento è il modo in cui gli israeliti adoravano Dio. Il Signore dà istruzioni dettagliate sul Tempio, sui paramenti e su come doveva svolgersi il sacrificio che avrebbe espiato il peccato. I dettagli sono esaustivi e si sente la tentazione di saltare alle parti più emozionanti delle Scritture. Poiché la Nuova Alleanza nel sacrificio di Cristo è nascosta nell'Antico Testamento, dobbiamo prestare attenzione a ciò che il Signore ha comunicato ai suoi figli attraverso queste istruzioni. Per quanto questi dettagli possano sembrare noiosi e obsoleti alla nostra sensibilità moderna, la liturgia, in quanto attività di culto, è stata progettata da Dio per riordinare il mondo decaduto, aiutandoci così nella nostra peccaminosità. Il mio primo incontro con la Messa tradizionale in latino mi ha ricordato il giusto ordine della creazione, in cui tutti ci rivolgiamo all'unisono al Creatore dell'Universo.

Ancora oggi, ricordo la solennità con cui ci preparavamo a entrare in moschea o a recitare la salat, le cinque preghiere quotidiane dell'Islam. È necessario eseguire un'abluzione fisica che richiede il lavaggio di mani, piedi, viso e braccia mentre si pronunciano le preghiere specifiche. Da ragazza, dovevo coprire tutto il corpo con i vestiti, tranne il viso. Tutti si toglievano le scarpe quando entravano in moschea, perché la casa di Allah era sacra. Un aspetto positivo dei musulmani è che apprezzano la riverenza. Tuttavia, da bambino, ogni mia azione di riverenza era accompagnata da una paura servile e paralizzante che veniva inculcata in me, e in ogni musulmano, fin dalla più tenera età. Allah è una divinità capricciosa e imprevedibile che non è vincolata alle regole della coerenza e della bontà. La nostra ragione è inutile e il nostro amore non ha senso. Tutto ciò che gli dobbiamo è la nostra obbedienza assoluta, senza dubbi e senza incertezze, dove il rapporto tra padrone e schiavo è fondamentale.

Da questa visione di Dio, sono precipitata nel mondo cinico e sarcastico dell'ateismo. Il peccato di orgoglio che aveva avvelenato quasi tutti i cuori umani era vivo e forte nel mio. Deridevamo ogni religione e divinità indistintamente, ma con un'attenzione particolare all'insulto di Allah che avrebbe dovuto instillare nei nostri cuori una tale paura da farci tremare e fare tutto ciò che comandava. Anche i nostri cuori cinici erano consapevoli che un creatore senza amore non era degno di obbedienza. Non è una sorpresa che la mia testa sia rimasta perfettamente eretta sopra le spalle anche dopo la mia conversione, quando i miei amici protestanti chinavano il capo in preghiera. Il mio corpo si rifiutava di cedere.

Anche i servizi di culto protestanti non erano d'aiuto. Sono eternamente grata ai missionari che hanno condiviso il Vangelo con me, hanno pregato per me e mi sono rimasti fedeli. Eppure, quando ci riunivamo la domenica mattina, il culto non sembrava diverso dall'ora di studio della Bibbia o dal momento in cui ci sedevamo intorno al fuoco per cantare canzoni. Sebbene apprezzassi il concetto che si può sempre raggiungere il Signore ovunque ci si trovi, il netto contrasto con l'adorazione che Dio desiderava nell'Antico Testamento era evidente. Per quanto mi sforzassi, dato il mio cuore orgoglioso e la mia natura cinica, questi momenti di adorazione non riuscivano a risvegliare le mie emozioni e a riorientare la mia posizione verso la Parola che ha creato il cosmo.

La mia esperienza della Messa mi ha avvicinato alla vera adorazione, come ho scritto nella mia storia di conversione, Dall'Islam a Cristo:

«La Messa era riverente e bella. Una delle cose a cui non riuscivo ad abituarmi nelle chiese evangeliche che frequentavo era lo stile di culto. Né nelle congregazioni non confessionali né in quelle carismatiche ho avuto la sensazione di stare in piedi alla presenza di Dio o di inginocchiarmi in adorazione davanti a Lui. Mi sembrava piuttosto di essere in compagnia del nostro amico Gesù. Se credevamo davvero di essere figli e figlie del Dio onnipotente, che ha creato il cosmo infinito e la più piccola cellula del nostro corpo, pensavo che avremmo dovuto inginocchiarci spesso o almeno una volta alla settimana la domenica. Mi piaceva che durante la preghiera eucaristica, ogni uomo e ogni donna si inginocchiassero in silenzio e riverenza. Era chiaro che si stava svolgendo qualcosa di significativo e di straordinario. Era un Signore che non avrei esitato a seguire, perché si era umiliato per essere mio amico, anche se aveva creato i cieli e la terra».

Quando anni dopo partecipai alla mia prima Messa tradizionale in latino in una vecchia chiesa inglese con banchi di noce scuro, la riverenza che avevo sperimentato durante la mia prima Messa raggiunse una nuova altezza e la ragione di quei noiosi dettagli [dell'Antico Testamento] sul culto divenne chiara. Questo era un Dio davanti al quale potevo inginocchiarmi; un Dio che teneva la nostra esistenza nelle sue mani, ma che aveva scelto di umiliarsi per diventare uno di noi e subire l'umiliazione e la morte per amore, per salvarci dalla nostra peccaminosità.

Quando il sacerdote e i fedeli si trovavano insieme di fronte al Signore, la Messa non era più orientata verso il sacerdote, ma verso Dio. Non importava chi fosse il sacerdote, purché dicesse il nero e facesse il rosso (allude alle formule, scritte in nero, e alle rubriche, scritte in rosso, ndt). La sua personalità era irrilevante. Le rubriche e le preghiere prescritte facevano in modo che il sacerdote non fosse il centro del culto, ma stesse in persona Christi con e per il popolo mentre veniva offerto il Santo Sacrificio della Messa, superando i limiti del tempo e dello spazio.

Sì, il sacerdote non era al centro dell'attenzione, ma nemmeno i laici lo erano. Con preghiere sussurrate, i fedeli stavano in piedi, si inginocchiavano e pronunciavano le loro preghiere. Il silenzio e la solennità hanno indirizzato la nostra attenzione verso la croce, allontanandoci da noi stessi e dagli altri, unendoci in un modo unico, mentre tutti noi rivolgevamo lo sguardo verso il cielo. Naturalmente, queste impressioni erano tutte precedenti allo studio della liturgia e del significato delle rubriche e delle preghiere. Anche per un nuovo arrivato, la Messa tradizionale presentava un tipo di culto che riorientava i nostri corpi, le nostre menti e le nostre anime verso l'ordine perfetto in cui il Signore riceveva l'adorazione che gli spettava in quanto Padre amorevole. Finalmente non solo potevo chinare il capo, ma potevo anche inginocchiarmi in adorazione e unire le mie preghiere a quelle dell'intera chiesa. Le luci della ribalta non cadevano sul sacerdote, sul servitore o sulla congregazione, ma su chi doveva essere: il Verbo di Dio crocifisso che ha amato il mondo fino alla morte.

Anche a distanza di anni, ogni volta che entro in chiesa per assistere all'usus antiquior, ho la sensazione di uscire dal tempo e di unirmi a innumerevoli santi che ci hanno preceduto in un mondo in cui tutto è temporaneo, e l'usa e getta fa svanire le preoccupazioni temporanee di questa vita. Posso lasciare tutti i miei fardelli e le mie preoccupazioni ai piedi dell'altare perché il sacerdote li porti al Signore e sapere che San Tommaso e Santa Teresa d'Avila hanno elevato le loro anime al Signore durante la stessa liturgia. Un invisibile filo d'oro attraversa il tempo e lo spazio e lega i fedeli dal cielo alla terra e al purgatorio mentre il sacerdote pronuncia le preghiere eucaristiche nella massima riverenza e silenzio. La riverenza, il silenzio, la bellezza e la precisione si uniscono per riordinare l'universo verso il suo Creatore, sia che la Messa venga celebrata in una cattedrale millenaria o nel gelo di un campo di battaglia. Sebbene si debba offrire il meglio al Signore per la liturgia, la bellezza della Messa trascende ciò che possiamo portare a tavola, perché la liturgia è opera di Dio.

Quando io e mio marito ci siamo concentrati sull'educazione dei nostri figli alla fede, ci siamo resi conto dell'importanza di una liturgia in cui la persona si eleva diventando parte di qualcosa di più grande, invece di essere trattata con condiscendenza perché è fatta per gli uomini. All'inizio, andare alla Messa tradizionale più vicina con quattro bambini al seguito sembrava eccessivo, ma i nostri figli hanno prosperato in una comunità in cui la liturgia forniva il giusto orientamento e la comunità forniva il supporto per rimanere fedeli in un mondo in continuo cambiamento.

Tutta la nostra famiglia si è trasformata. Il nostro figlio maggiore ha espresso il desiderio di diventare sacerdote, nonostante la sua giovane età, dopo aver visto quale privilegio immeritato sia servire il Signore all'altare. I più piccoli hanno imparato a conoscere la fede in un modo semplice che ha nutrito le loro piccole menti mentre memorizzavano le preghiere e condividevano quel filo invisibile con i loro coetanei. Mio marito ha sperimentato una conversione interiore più grande, che non credeva possibile, che lo ha reso un figlio, un marito e un padre migliore. Come madre, ho fatto pace con il dono della femminilità che Dio mi ha dato, un dono che viene calpestato in ogni occasione nel mondo secolare. Il riorientamento che parte dalla liturgia si è riversato in ogni aspetto della nostra vita e ha recuperato per il Signore anche le attività più banali. Anche se ora non possiamo partecipare regolarmente alla Messa tradizionale, la fede della nostra famiglia è correttamente ordinata verso il Signore grazie a quegli anni preziosi.

Guardando indietro, posso vedere come il Signore abbia guidato dolcemente la mia anima inflessibile verso di Lui, non con la forza e la paura, ma con l'amore e la grazia. In nessun luogo questo amore è più evidente e disponibile per noi che nel santo sacrificio della Messa, dove l'Amante si offre per l'amato. È lì che noi, orgogliosi e peccatori come siamo, possiamo sperimentare il vero amore. È lì che il cielo tocca la terra per avvicinarci al nostro Creatore. Dal microcosmo della Messa, il mondo intero viene riordinato in modo che possiamo nuovamente rivendicare la nostra eredità.

Nel corso dei secoli, con la guida dello Spirito Santo, la Messa di sempre si è sviluppata in modo da permetterci di trovare il nostro posto non solo nell'universo, ma anche nella storia della salvezza dove ognuno di noi è un filo di un arazzo. Durante la Messa tradizionale in latino, ognuno di noi non è altro che un filo. Eppure, ogni filo è una parte insostituibile di qualcosa che va oltre la comprensione. La Messa è il luogo in cui riusciamo a intravedere quell'arazzo e l'intenzione del Padre per i suoi figli, dove siamo perfettamente liberi, perfettamente soddisfatti e perfettamente felici.

*

La dottoressa Derya Little è nata e cresciuta nella Turchia musulmana. Ha rifiutato la sua fede islamica per diventare atea, ma poi ha incontrato Cristo da adolescente. È stato durante i suoi studi di dottorato in Inghilterra che è entrata nella Chiesa cattolica e ora vive nel Midwest americano con suo marito e i suoi figli. Little ha un master in storia e un dottorato in politica. I suoi libri includono la storia della sua conversione, From Islam to Christ (San Francisco: Ignatius Press, 2017), nonché A Beginner's Guide to the Traditional Latin Mass e At His Feet: Drawing Closer to Christ with the Women of the New Testament (Huntington, IN: Our Sunday Visitor, 2021).

Fonte: Rorate Caeli (articolo apparso sulla rivista Sedes Sapientiae)

Nessun commento:

Posta un commento

AVVISO AI LETTORI: Visto il continuo infiltrarsi di lettori "ostili" che si divertono solo a scrivere "insulti" e a fare polemiche inutili, AVVISIAMO CHE ORA NON SARANNO PIU' PUBBLICATI COMMENTI INFANTILI o PEDANTI. Continueremo certamente a pubblicare le critiche ma solo quelle serie, costruttive e rispettose.
La Redazione