Post in evidenza

MiL ha bisogno di voi lettori: DONAZIONI

A sx (nella versione per pc) e su palmare (voce " Donazione ") troverete la possibiltà di donare. Vi speghiamo il perchè.  Potrete...

giovedì 29 settembre 2022

La gerarchia non riesce a comprendere la conversione di Shia LaBeouf #traditioniscustodes

Ancora sulla conversione, anche attraverso la liturgia tridentina, del famoso attore Shia LaBeouf.
Sulla vicenda QUI e QUI MiL.
Persino vescovi complessivamente ben orientati non riescono a capire la potenza della Messa Tradizionale per convertire il popolo.
Grazie a Michelangelo per la segnalazione e la traduzione
Luigi

Da Redaccioninfovaticana | 24 settembre, 2022

(Emily Finley in Crisis Magazine) - L'ultima volta che ho controllato, l'intervista del Vescovo Barron con Shia LaBeouf aveva quasi 1,5 milioni di visualizzazioni su YouTube e migliaia di commenti. Sono rimasta scioccata nel vedere quante persone nei commenti hanno detto di essere profondamente ispirate da LaBeouf.
Uno di loro si è sentito abbastanza incoraggiato dalla sua testimonianza da "pregare il rosario per la prima volta dalle scuole elementari", e molti altri dicono che stanno tornando alla Messa dopo esserne stati assenti per molto tempo, alcuni addirittura menzionando di voler partecipare alla Messa in latino (e uno è protestante!). Speriamo che l'impatto di LaBeouf sia duraturo per una Chiesa in difficoltà.

Perché, allora, il vescovo Barron è stato un po' riluttante ad approfondire il cuore della conversione di LaBeouf? Mi riferisco, ovviamente, al ruolo svolto dalla Messa in latino. Non è un segreto che l'attuale Pontefice, per un motivo o per l'altro, abbia deciso di combattere i tradizionalisti e il rito tridentino per il bene dell'"unità" (lui e Biden sembrano essere sulla stessa lunghezza d'onda: la forza attraverso l'unità!), quindi possiamo capire perché Barron si sia agitato quando LaBeouf ha menzionato (ripetutamente) che è stata la Messa in latino a portarlo alla fede.

Ogni volta che LaBeouf era sul punto di rimuovere un altro strato della sua esperienza di conversione, Barron si ritirava. Immagino che la maggior parte degli spettatori, come me, sia stata catturata dall'onestà e dal candore di LaBeouf e si sia aggrappata alle sue parole. Le piroette retoriche di Barron sono state, quindi, una sorta di delusione e sembravano, a volte, impedire a LaBeouf di terminare i suoi pensieri. Era intenzionale?

In un certo senso, questa interazione tra Barron e LaBeouf rappresenta un microcosmo della Chiesa di oggi. Barron è certamente sul lato "conservatore" della gerarchia ecclesiastica, nel senso che non sta spingendo attivamente un'agenda politica woke. Tuttavia, è uno degli ecclesiastici dell'epoca dei "boomers", che sembra non conoscere le vere ragioni per cui le persone abbandonano la fede in massa e perché le generazioni più giovani non sono attratte dalla Chiesa.

Un paio di anni fa, in occasione dell'Assemblea Generale della Conferenza dei Vescovi Cattolici degli Stati Uniti, Barron ha esposto un piano in cinque fasi per attirare i giovani verso la Chiesa. Tuttavia, nessuna delle sue prescrizioni raccomanda quella che alla fine ha convertito LaBeouf. Ha menzionato la "via della giustizia", "l'impegno missionario" e un "uso nuovo e creativo dei media", ma questi sono stati solo punti di discussione per una sala piena di vescovi che assomigliano sempre di più a delle élite fuori dal mondo politico.

Il suggerimento di Barron ai vescovi di "rafforzare il contenuto intellettuale dei nostri corsi di religione" può essere in qualche modo utile: la maggior parte dei cattolici è quasi completamente ignorante di ciò che la fede insegna effettivamente (io ero uno di loro). Tuttavia, come sottolinea LaBeouf, Padre Pio "non toccava le persone attraverso la profondità", ma facendo appello all'immaginazione attraverso la sua stessa testimonianza di Cristo. Continua a toccare le persone in questo modo, come testimonia la conversione di LaBeouf. Piuttosto che un aumento della comprensione razionale della fede, è necessario un modo migliore di catturare l'immaginazione, recuperandola dalla potente presa del progressismo militante e del romanticismo sentimentale.

Barron è sulla strada giusta quando sottolinea il ruolo della bellezza in questo senso. La Cappella Sistina e Dante, per esempio, mostrano la fede piuttosto che spiegarla, dice. Che bellezza c'è nelle nostre chiese? Che bellezza c'è nei nostri spazi liturgici? È consapevole del potere della ricca tradizione estetica della Chiesa, ma, come nella sua discussione con LaBeouf, si astiene dal confrontarsi con le piene implicazioni della sua visione, che porterebbe a riconsiderare le scelte poco estetiche che sono state fatte nella Chiesa negli ultimi 60 anni.

Basta ricordare la "natività" esposta in Vaticano durante il Natale 2020. Le chiese costruite dopo il Concilio assomigliano molto alle loro controparti protestanti, scialbe e senza vita, e lo stesso si potrebbe dire di molte liturgie del Novus Ordo, quando non cercano di resuscitare la forma con bolle e benedizioni di chitarra. Tuttavia, questo desiderio di riportare in vita la Chiesa (in senso letterale e figurato) illustra quanto siano lontani dal contatto molti sacerdoti e prelati della generazione dei boomer.

Da parte sua, Barron suggerisce di rendere più belli i siti web delle chiese. Da un lato, Barron lo capisce, da qui il suo riferimento a Dante e Flannery O'Connor. In un momento di candore, Barron ammette a LaBeouf il fallimento della decisione post-sessantottina di consigliare ai sacerdoti di parlare delle loro 'esperienze' rispetto alla Bibbia. Ma, allo stesso tempo, Barron è in debito con la convinzione post-Vaticano II che la liturgia e le chiese debbano cercare di stare al passo con i tempi, di digitalizzarsi, di creare una bella app.

I giovani trovano davvero appagamento nel paesaggio infernale virtuale o si aspettano qualcosa di più? Uno dei momenti più toccanti dell'intervista di Barron è quando LaBeouf parla della sfida di eseguire il sacrificio della messa davanti alla telecamera. Il peso di tutto ciò, dice LaBeouf, a volte era eccessivo. Ha pregato con Fr. Alex, che ha portato in Italia e che è diventato un suo caro amico. Gli diceva che gli voleva bene e pregavano insieme per essere guidati attraverso la scena. È stata la Messa in latino, dice LaBeouf, a portarlo fuori dal "regno dell'intellettuale" e nel regno del "sentimento". Si è sentito come se gli fosse stato "permesso di entrare in qualcosa di molto speciale".

È proprio per questo che LaBeouf ha messo a mons. Barron a disagio. La conversione di LaBeouf suggerisce che tutti i piani in cinque fasi e le banalità comprensive sul fatto di "incontrare le persone dove sono" non sono sufficienti, che l'aggiornamento è fallito. Battere il tamburo della "modernizzazione" e del "rinnovamento" si manifesta come la Chiesa che cerca di essere qualcosa che non è; perché, in definitiva, non può conformarsi alla modernità se vuole mantenere il messaggio di Cristo. Gli uomini di Chiesa che cercano di insistere su questo punto finiscono per assomigliare a venditori di automobili, per parafrasare LaBeouf.

Sono le comunità cristiane più ortodosse e tradizionali che rifiutano di allontanarsi dal difficile messaggio del pentimento, unito al messaggio di gioia che accompagna una vita ben vissuta, che stanno crescendo in mezzo a questa crisi dei "non". "Quattro anni fa, la cappella in cui la mia famiglia ha iniziato a frequentare la Messa in latino era piena solo a metà la domenica. Oggi, anche il salone adiacente è quasi pieno. Ho sentito la stessa storia da altre persone che conosco nelle parrocchie di tutto il Paese. E i banchi di queste messe tradizionali sono pieni di giovani: coppie di fidanzati, giovani famiglie e famiglie numerose. I miei amici di rito bizantino riferiscono una tendenza simile nelle Divine Liturgie a cui partecipano.

Anche i media hanno preso nota. Non per niente la NPR, il Washington Post, il Southern Poverty Law Center e la Anti-Defamation League cercano di diffamare questi gruppi cristiani tradizionali. Se fossero davvero una minoranza marginale, potrebbero essere ignorati. Ma queste famiglie numerose e timorate di Dio - "gli estremisti" - rappresentano una grande minaccia per i progressisti globalisti.

Ci sono molti giovani che non cercano un'altra versione della cultura secolare per affermarsi. Non sono alla ricerca di siti web più sofisticati o di "organizzatori di comunità" alla Saul Alinsky (parole di Barron, incredibilmente). Sono alla ricerca di un significato. E almeno per Shia LaBeouf - che conosceva bene la depressione e la depravazione - la forma tradizionale della liturgia gli ha dato qualcosa di radicalmente opposto alle forme infelici della modernità. Ha aperto la sua anima a Dio. Dai un'occhiata ai commenti che accompagnano l'intervista e vedrai che non è l'unico per cui è possibile una tale conversione.

In questa congiuntura storica, il pensiero cattolico potrebbe trarre enormi benefici da uno sguardo serio al ruolo dell'immaginazione nella trasmissione della verità. In questo modo, la Chiesa si troverebbe quasi invariabilmente sulla strada della bellezza - la vera Bellezza, che, a quanto pare, si trova in gran parte nella tradizione precedente al 1960, nell'architettura e nell'arte della Chiesa, nella sua musica, negli odori e nella forma liturgica. Il ripristino di quegli elementi che colpiscono i sensi e nutrono il cuore e la mente farebbe appello all'anima delle persone affamate di bellezza e che cercano, come LaBeouf, di trovare pace in un ordine che non hanno creato.


Pubblicato da Emily Finley nella rivista Crisis Magazine