Post in evidenza

MiL ha bisogno di voi lettori: DONAZIONI

A sx (nella versione per pc) e su palmare (voce " Donazione ") troverete la possibiltà di donare. Vi speghiamo il perchè.  Potrete...

mercoledì 21 settembre 2022

Continuano le profanazioni: in Belgio lo Yoga si fa in chiesa

E poi il S. Padre pubblica Traditionis Custodes per bastonare i fedeli tradizionali.
Lui che parla di abusi, cosa dovrebbe dire se guardasse la foto a fianco?
Spieghiamo a certi preti che l'8per mille se lo devono meritare.
Luigi

Informazione Cattolica, 9-9,22,  Angelica La Rosa

LEZIONI DI YOGA PRESSO LA CHIESA CATTOLICA DI SAN GIACOMO A COUDENBERG DI ANVERSA

Ogni mercoledì dei mesi di luglio e agosto scorsi, la chiesa Saint-Jacques-sur-Coudenberg (di San Giacomo a Coudenberg, Anversa, in Belgio), ha offerto lezioni di yoga ai suoi parrocchiani.
I banchi della navata centrale vicino all’altare sono stati rimossi appositamente per consentire ai partecipanti di avere a disposizione un ampio spazio per lo ‘yoga nello spazio sacro’.
È superfluo dire che queste lezioni di yoga hanno avuto il pieno sostegno del parroco Bruno Aerts e del vescovo locale Johan Bonny.

Ecco un’altra prova, purtroppo, dell’infiltrazione dell’induismo nella spiritualità e nell’ascesi cattolica.

Come ha già Pietro Licciardi (VEDI QUI), in questa disciplina non solo vi è la ripetizione meccanica di alcune parole – in realtà formule magiche – ma per praticarlo occorre accettare alcune norme etiche e disciplinari che sono fortemente influenzate da contenuti religiosi indù che sono l’opposto di quelli cristiani.

Fine dello yoga è la conquista dell’auto-dominio attraverso uno sforzo personale, il che porta a girare sempre intorno a se stessi ignorando la realtà del peccato e presupponendo possibile una forma di deificazione dell’uomo.

E infatti a chi raggiunge gli ultimi gradi di iniziazione sono promessi certi poteri come la levitazione, la conoscenza del passato e del futuro, il conoscere la mente altrui, oltre alla capacità di camminare sul fuoco senza bruciarsi, o sull’acqua senza affondare.

Insomma, si comincia a giocherellare in maniera innocente e ingenua con certe tecniche che promettono di superare lo stress e mantenere la forma fisica – o di pregare con maggiore intensità – e ci si ritrova poi a fondere gli esercizi fisici con quelli spirituali, mediante i mantra, magari abilmente camuffati con parole tratte dalle Sacre scritture. L’esito, scontato, è uno solo; provate voi a indovinare quale.