Post in evidenza

Elenco Messe tradizionali in Italia: URGE UN AGGIORNAMENTO

Cari lettori di MiL, molti di voi ci hanno scritto, giustamente, per lamentarsi del fatto che l'elenco delle Messe tradizionali del nost...

sabato 24 settembre 2022

Bergamo, sabato 1 ottobre: conferenza «La battaglia di Lepanto: la più grande giornata che videro i secoli»

Riceviamo e condividiamo la segnalazione di questa interessante conferenza – nel 450º anniversario della battaglia di Lepanto – con il sig. Julio Augusto Loredo de Izcue, il dott. Alberto Leoni ed il prof. Massimo de Leonardis, organizzata dal Comitato Summorum Pontificum di Bergamo in collaborazione con l’associazione Tradizione, Famiglia, Proprietà - TFP, l’associazione «… nel nome dei Tasso…» e l’associazione Domus Orobica.

L.V.

Sabato 1 ottobre 2022, ore 15:30

Villa dei Tasso «La Celadina»
(Bergamo - piazza Alpi Orobiche, 4)

7 OTTOBRE 1571 - 2021, QUATTROCENTOCINQUANT’ANNI DOPO

LA BATTAGLIA DI LEPANTO: LA PIÙ GRANDE GIORNATA CHE VIDERO I SECOLI

Programma:

- introduzione dell’avv. Lorenzo Vitali, presidente del Comitato Summorum Pontificum di Bergamo;
- sig. Julio Augusto Loredo de Izcue, presidente dell’associazione Tradizione, Famiglia, Proprietà - TFP: Don Giovanni d’Austria, la Lega Santa e lo spirito di Crociata;
- dott. Alberto Leoni, storico e scrittore: Le navi, i condottieri, la battaglia, le conseguenze;
- prof. Massimo de Leonardis, ordinario (a r.) di Storia delle relazioni internazionali - Università Cattolica del Sacro Cuore: Lepanto, gloria militare del Papato.

Al termine della conferenza, con arrivo nella Chiesa della B.V. del Rosario, sarà recitato processionalmente il Santo Rosario in suffragio dei defunti della battaglia

4 commenti:

  1. diciamo che è stata una grande battaglia che ha indebolito gli ottomani, ma la guerra contro di loro non è certo cessata, come non sono cessate le incursioni dei barbareschi o gli assalti dei turchi e dei loro alleati contro l'est Europa

    RispondiElimina
  2. Diciamo che per i Turchi fu una catastrofe dalla quale non si ripresero completamente mai più.Anche per Venezia fu il canto del cigno,dopo Lepanto iniziò per la Serenissima un lento ed inesorabile declino.I due contendenti quel giorno finirono sulle gambe,impossibilitati a proseguire la guerra. Fu per i cristiani una vittoria straordinaria ,miracolosa della quale purtroppo non fu possibile approfittare a pieno.

    RispondiElimina
  3. Questa battaglia costituì per Venezia una grande vittoria morale, celebrata in mille modi, ma non impedì alla potenza navale veneziana di imboccare la via del declino.

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Cipro, Candia, la Morea... tutte caddero, una dopo l'altra.

      Elimina

AVVISO AI LETTORI: Visto il continuo infiltrarsi di lettori "ostili" che si divertono solo a scrivere "insulti" e a fare polemiche inutili, AVVISIAMO CHE ORA NON SARANNO PIU' PUBBLICATI COMMENTI INFANTILI o PEDANTI. Continueremo certamente a pubblicare le critiche ma solo quelle serie, costruttive e rispettose.
La Redazione