Post in evidenza

Elenco Messe tradizionali in Italia: URGE UN AGGIORNAMENTO

Cari lettori di MiL, molti di voi ci hanno scritto, giustamente, per lamentarsi del fatto che l'elenco delle Messe tradizionali del nost...

lunedì 1 agosto 2022

Il Motu Proprio sull’Opus Dei. Una vendetta per la fedeltà a Giovanni Paolo II e Benedetto XVI?

Un'interessante opinione sulla vicenda del quasi smantellamento dell'Opus Dei (QUI MiL) da parte di Papa Francesco.
Luigi

24 Luglio 2022, Marco Tosatti

[...]
Papa Bergoglio, pontefice della Chiesa Cattolica apostolica Romana, ha praticamente commissariato l’OpusDei. Per punirla della sua vicinanza a san GiovanniPaolo II e Benedetto XVI.
Temiamo peraltro che sia solo l’inizio. Ma quale Lezione trarre da questa decisione del Santissimo Padre? Questa:
Il compromesso o il tentativo di compromesso, con Bergoglio non paga.
Anzi, evidenziando disponibilità al compromesso, si denota debolezza e si produce una serie di contraddizioni tra quello che fino a ieri si proclamava, secondo il carisma del fondatore e le correzioni di interpretazione che si è disposti a fare per timore bergoglian-gesuitico. Ed il santissimo Pontefice è pronto a utilizzare dette contraddizioni per giustificare le ragioni dello stesso commissariamento preliminare che lascia immaginare passi successivi. Si legga il Motu Proprio qui sotto.

Ben gli sta? No.

No per più ragioni.La prima è che l’ Opus Dei è una “cosa seria” una vera ricchezza della Chiesa universale.

La seconda che Bergoglio non ha pietà di nessuno che abbia una dottrina diversa dalla sua (non commento oltre). Neppure teme Organizzazioni potenti, come era considerata l’Opus Dei fino a ieri.

E’ vero che Bergoglio ha già commissariato i Francescani dell’Immacolata, l’Istituto del Verbo Incarnato e i Memores di CL e ha “gesuitizzato” i Legionari di Cristo.

Ma forse pochi sanno, o intuiscono, che questa decisione potrebbe esser una “vendetta” del nostro verso chi è sempre stato vicino e fedele a San Giovanni Paolo II e a Benedetto XVI.

Infatti nel 1981 Giovanni Paolo II aveva disposto il commissariamento della Compagnia guidata da P.Arrupe e nel 2007 lo stesso commissariamento era stato disposto da Benedetto XVI. E fu proprio l’allora Arcivescovo di Buenos Ayres, Jorge Bergoglio, ad opporsi e riuscire ad impedirlo.

Sembra ora evidente che già allora era stato deciso che si doveva preparare l’avvento di un papa gesuita. Ma si legga il Motu Proprio qui sotto.