Post in evidenza

Elenco Messe tradizionali in Italia: URGE UN AGGIORNAMENTO

Cari lettori di MiL, molti di voi ci hanno scritto, giustamente, per lamentarsi del fatto che l'elenco delle Messe tradizionali del nost...

giovedì 28 luglio 2022

La strategia di comunicazione del Papa comunica che esiste, è presente e decide. Soprattutto comunica separazione

Un'interessante analisi.
Luigi

11 Luglio 2022, Korazym, Andrea Gagliarducci

Papa Francesco ha concesso tre interviste pubblicate la scorsa settimana. Una a Reuters, pubblicata a puntate [QUI]; una all’agenzia Telam [QUI] e una per il podcast di Guillermo Marcò, suo leggendario portavoce a Buenos Aires, che ha realizzato un podcast delle parole del Papa [QUI].
Al di là dei contenuti delle interviste, la strategia di Papa Francesco è piuttosto interessante. Più la salute di Papa Francesco peggiorava, più era presente nei media. Più si parlava della fine del pontificato, più il Papa ha voluto mostrare, anche con immagini e parole, di essere saldamente al comando della Chiesa.

Forse non possiamo fidarci pienamente delle parole di Papa Francesco se è vero – come è – che di ritorno dalla Georgia il 3 ottobre 2016 [QUI], ha detto che avrebbe scelto la data per andare a visitare i luoghi del centro L’Italia scossa da un terremoto. La domanda è stata sollevata dal fatto che una testata italiana aveva scoperto che il Papa sarebbe andato lì il 4 ottobre, quindi la risposta del Papa apparentemente ha respinto la possibilità per lui di andarci il 4. Poi, il 4 ottobre, è stato puntuale, come se non avesse mai detto il contrario (Il Papa ha anche fatto un elenco di possibili date alternative per una visita, dicendo che si era appena ricordato della data della prima domenica di Avvento. Ovviamente, la visita del 4 ottobre era già stata programmata e calendarizzato quando il Papa stava parlando).

Comunque, queste tre interviste si inseriscono in un progetto più complesso, che va compreso e decifrato per comprendere e interpretare il pontificato. Quali sono, allora, i temi alla base di questa strategia di comunicazione?

Il primo tema è quello della reazione. A Papa Francesco non piace parlare della sua successione, anche perché parlare di successione significa, di fatto, minare la forza decisionale del pontificato. Incontrando i gesuiti della Slovacchia nel settembre 2021, si è lamentato del fatto che i cardinali avevano “già fatto suo funerale” dopo l’operazione per diverticolite del 4 luglio 2021 [QUI].

Il Papa reagisce ogni volta che vede segni di persone che si comportano come alla fine di un regno. Quando il quotidiano francese Le Figaro ha pubblicato il 13 maggio 2022 l’articolo d’inchiesta Contesté, sourd aux critiques… «Fin de règne» solitaire pour le pape François [QUI] (Contestato, sordo alle critiche… Solitario “fine regno” per Papa Francesco), il Papa ha risposto alzandosi in piedi durante le canonizzazioni del 15 maggio, andando personalmente a salutare tutti.

Così, mentre circolano voci su un presunto tumore o su sue possibili dimissioni, Papa Francesco moltiplica le sue apparizioni pubbliche, rilascia interviste, coglie l’occasione per condividere la sua opinione su tutto, e inizia a segnare la sua eredità.

Il secondo tema riguarda il dibattito intorno al Papa. La riforma della Curia si è concretizzata, ma Papa Francesco vuole fare un altro passo: un confronto con i cardinali. Quale modo migliore di un Concistoro?

Per la prima volta dal 2015 i cardinali si incontreranno per confrontarsi e conoscersi. Il tema sarà proprio la riforma della Curia. Ma non sarà un incontro per proporre una riforma ma un incontro per certificare una riforma.

Papa Francesco ha fatto la chiamata per agosto, congelando così il dibattito [QUI]. Nel frattempo, usa la comunicazione pubblica per veicolare i messaggi che ritiene più importanti, fiducioso che nessuno potrà poi opporsi alle sue idee di riforma.

Il terzo tema riguarda la necessità che Papa Francesco sia popolare. Quando era a Buenos Aires, Papa Francesco era timido nei confronti dei media e molto raramente rilasciava interviste. Ma, come Papa, ci sono tre alla settimana, più le innumerevoli conversazioni e battute informali piene di significato.

Quando si tratta di esprimere la sua opinione, Francesco non si tira mai indietro. In queste incursioni personali sui media non ci sono filtri della Segreteria di Stato.

Un Papa pop, quindi. Ma non solo. È un Papa che controlla la comunicazione e vuole che tutto funzioni secondo i suoi piani. È un Papa che fa un uso astuto e populista dei mezzi di comunicazione.

Papa Francesco usa messaggi forti per i temi non divisivi e, a volte, messaggi poco chiari per i temi più divisivi. Vuole mostrarsi vicino alle categorie bibliche del povero, dell’orfano e della vedova.

Il quarto tema riguarda la comunicazione della Santa Sede. Papa Francesco non tende a unire ma a creare fratture. Queste interviste sono spesso iniziative personali del Papa e vengono fatte senza filtri e talvolta senza che il Dicastero per la Comunicazione ne sappia nulla in anticipo.

Nessuno, insomma, gestisce le comunicazioni del Papa. È il Papa che decide come e quando mostrarsi. Il compito del dicastero è seguire il magistero e sostenere il Santo Padre. Non può essere quella della progettazione comunicativa, perché il Papa prende le decisioni in questo senso.

In generale, tutto in Vaticano va a due velocità: quella del Papa e quella dei dicasteri che devono affrontare una questione particolare. Quindi, c’è un racconto di pensiero della Santa Sede e un racconto di pensiero del Papa. È una situazione che in qualche modo comunica separazione.

Dopotutto, tutti i Papi lo sono stati dei Re. Papa Francesco si comporta più come uno solo al comando, separato da qualsiasi organo di governo. Non vuole che si sappiano le sue condizioni di salute, e non vuole sentire che si sta preparando la successione, quindi è disposto a rischiare. Stava pure prendendo brevemente il doppio delle medicine per apparire in salute in pubblico.

Le interviste, del resto, avevano il compito di trasmettere il messaggio che il Papa esiste, è presente e non smette di prendere decisioni.

Questo articolo è stato pubblicato oggi, 11 luglio 2022 dall’autore sul suo blog Mondayvatican [QUI], dal titolo originale Does Pope Francis have a communication strategy? (Papa Francesco ha una strategia di comunicazione?).