Post in evidenza

Elenco Messe tradizionali in Italia: URGE UN AGGIORNAMENTO

Cari lettori di MiL, molti di voi ci hanno scritto, giustamente, per lamentarsi del fatto che l'elenco delle Messe tradizionali del nost...

venerdì 24 giugno 2022

Il card. Müller: il veleno che paralizza la Chiesa? La “necessaria modernizzazione”.

Un altro interessante recente intervento del card. Müller: "Oggi, la frase magica del tentatore è “modernizzazione necessaria”; di conseguenza, chiunque si opponga a questa ideologia sarà combattuto come un nemico e sarà accusato di essere un tradizionalista".
Sul disastro episcopale vedere QUI una pessima intervista del card. Marx.
Luigi

17 Giugno 2022 Marco Tosatti

Carissimi StilumCuriali, siamo lieti di portare alla vostra attenzione, grazie a Kath.net che ringraziamo di cuore, il testo del discorso che il cardinale Gerhard Müller ha tenuto il 12 giugno a Oxford. Buona lettura.

“Un cattolicesimo senza dogmi, senza sacramenti e senza magistero infallibile è la Fata Morgana a cui aspirano anche alcuni leader della Chiesa”.

“Perché essere cristiani?”
“Con un ragionamento interiore, la verità della fede rivelata non può essere né dimostrata né smentita. La Chiesa sa che siamo perduti senza il Vangelo di Cristo”. Omelia di S.E. il cardinale Gerhard L. Müller a Oxford/Oriel College Oxford-Vaticano (kath.net/pl) kath.net documenta l’omelia del Prefetto emerito della Congregazione per la Dottrina della Fede, Gerhard Ludwig Müller, il 12 giugno 2022 a Oxford (Gran Bretagna) presso l’Oriel College e ringrazia S.E. per il gentile permesso di pubblicazione.

Cari fratelli e sorelle in “Gesù il Cristo, il Figlio di Dio” (Mc 1,1).

Come cattolici colleghiamo la nostra buona volontà verso tutti gli esseri umani con la meravigliosa esperienza che, alla luce di Dio, tutte le cose – passate, presenti e future – hanno uno scopo. Quando il sacrificio di Cristo per la salvezza del mondo diventa presente nella Messa, rendiamo “grazie sempre e per ogni cosa a Dio Padre nel nome del Signore nostro Gesù Cristo” (Ef 5,20). Ringraziamo Dio per aver creato il mondo e per averci dato tutto ciò di cui abbiamo bisogno. Lo ringraziamo perché per noi Cristo si è fatto uomo e perché ci ha inviato il suo Spirito Santo. Lo ringraziamo per la Chiesa, che è diventata nostra Madre nella fede: è il Corpo di Cristo, nel quale siamo stati incorporati attraverso il battesimo e la confessione della fede cattolica. Lo ringraziamo per le nostre famiglie, nelle quali ci ha permesso di crescere, e per i nostri amici, che sono i nostri fedeli compagni di vita. E se Dio ci ha chiamati al matrimonio, lo ringraziamo per il nostro marito o la nostra moglie, e per i figli che amiamo, perché sono un dono di Dio per i loro genitori.

Come cristiani, abbiamo una consapevolezza musicale della vita: nei nostri cuori risuona il canto di ringraziamento dei redenti. La sua melodia è l’amore e la sua armonia è la gioia in Dio. Non crediamo all’ottimismo superficiale del destino, che speriamo rimanga benevolo con noi. Nessuno sarà risparmiato dalle sofferenze di questo mondo e ognuno dovrà portare la sua croce. Invece, nel lavoro e nel tempo libero, nella felicità e nel dolore, nella vita e nella morte, il cristiano ripone tutta la sua speranza solo in Cristo, perché “sappiamo che tutto opera per il bene di coloro che amano Dio, che sono chiamati secondo il suo proposito” (Rm 8,28). Come l’acqua che sgorga da una fonte, diventando un ruscello vivo che può far fiorire il deserto, così la nostra gioia in Dio è il seme sul campo della nostra vita che porta frutto, il centuplo. L’adorazione di Dio nello spirito di Cristo è questo: “offrire i vostri corpi come sacrificio vivente, santo e gradito a Dio, il vostro culto spirituale” (Rm 12,1). Seguendo l’esempio di Cristo, che ha dato la sua vita sull’altare della croce, la nostra vita è un sacrificio a Dio. Ma lo stesso Cristo, attraverso la sua risurrezione, ci ha anche aperto la porta della vita eterna. Questa è la nostra fede.

Oggi, però, molti cristiani sono ansiosi e preoccupati: Guardando alla crisi delle società tradizionalmente cristiane in Occidente e agli scandali nella Chiesa, il cristianesimo è ancora adatto al nostro tempo? Sta tremando la roccia su cui Gesù ha costruito la sua Chiesa?

La crisi della Chiesa è causata dall’uomo ed è sorta perché ci siamo adattati in modo accogliente allo spirito di una vita senza Dio. Non c’è un fallimento della grazia di Dio, ma solo una mancanza della nostra risposta adeguata. È per questo che nei nostri cuori ci sono tante cose non redente e desiderose di gratificazioni sostitutive!

Ma chi crede non ha bisogno di ideologia. Colui che spera, non cerca droghe contro il nichilismo del suo cuore.

Colui che ama non insegue la concupiscenza di questo mondo, che passa con il mondo. Chi ama Dio e il prossimo, trova la felicità nel sacrificio del dono di sé. Saremo felici e liberi quando, nello spirito dell’amore, abbracceremo la forma di vita a cui Dio ha chiamato ciascuno di noi personalmente: nel sacramento del matrimonio, nel sacerdozio celibatario o nella vita religiosa secondo i tre consigli evangelici di povertà, obbedienza e castità per il regno dei cieli.

Vorrei evocare una famosa omelia natalizia di San Leone Magno. Nel mezzo della migrazione dei popoli e della dissoluzione dell’ordine, mentre l’impero romano si disintegra, il santo Papa Leone parla alla fede personale di ogni cattolico. Con le sue parole, vorrei rivolgermi a tutti i cattolici di oggi che sono rimasti turbati dall’attuale crisi della Chiesa: “Cristiano, riconosci la tua dignità e, diventando socio della natura divina, rifiuta di tornare all’antica bassezza con una condotta degenerata. Ricorda il Capo e il Corpo di cui sei membro. Ricordate che siete stati salvati dal potere delle tenebre e portati alla luce e al regno di Dio. Con il mistero del Battesimo siete stati fatti tempio dello Spirito Santo: non mettete in fuga un così grande ospite con atti meschini” (Sermone 21,3).

Non possiamo sfuggire al veleno mortale del serpente se stringiamo amicizia con lui, ma solo se ci teniamo prudentemente a distanza e abbiamo l’antidoto a portata di mano. Il veleno che paralizza la Chiesa è l’opinione che ci si debba adattare allo Zeitgeist, allo spirito del tempo, che si debbano relativizzare i comandamenti di Dio e reinterpretare la dottrina della fede. “La Chiesa del Dio vivente” è “colonna e fondamento della verità” (1Tim 3,15), ma oggi alcuni vorrebbero ricostruirla come una comoda religione civile. Una società post-cristiana e gli opinionisti anticristiani dei media tradizionali approvano questa auto-secolarizzazione. Ma questo non significa affatto che accettino la fede in Gesù Cristo, senza contare che alcune autorità ecclesiastiche sono confuse al riguardo. Le persone che si aggirano in Vaticano, cercando di strumentalizzare il Papa per i loro programmi sul cambiamento climatico e sul controllo della popolazione, non si avvicinano alla Chiesa, ma solo coloro che insieme a San Pietro guardano a Gesù e confessano: “Tu sei il Cristo, il Figlio del Dio vivente” (Mt 16,16).

L’antidoto contro la secolarizzazione della Chiesa è la “verità del Vangelo” (Gal 2,14) e il vivere “per fede nel Figlio di Dio che mi ha amato e ha dato se stesso per me” (Gal 2,20).

Oggi, la frase magica del tentatore è “modernizzazione necessaria”; di conseguenza, chiunque si opponga a questa ideologia sarà combattuto come un nemico e sarà accusato di essere un tradizionalista. Vi fornisco un esempio di questa logica perversa: La protezione della vita umana dal concepimento alla morte naturale viene screditata come una posizione politica “conservatrice”, “di destra” – mentre allo stesso tempo l’uccisione di bambini innocenti non nati viene dichiarata un “diritto umano”, e quindi considerata “progressista”. In politica e nei media, tutto ruota intorno al potere sulle menti umane e sul denaro nelle tasche della gente. A questo scopo, le persone vengono condizionate utilizzando slogan elettorali come “conservatore” o “moderno”. Ma la fede in Dio riguarda il contrasto tra vero e falso, e l’etica la distinzione tra bene e male.

Per alcuni, la Chiesa cattolica è in ritardo di 200 anni rispetto al mondo di oggi. C’è del vero in questa discutibile accusa, formulata anche da alcuni leader della Chiesa? Un’accusa che gli atei opinionisti ripetono con gioia nella loro Schadenfreude (gongolamento)! I cattolici progressisti, da parte loro, si atteggiano a studenti modello dell’Illuminismo, promettendo che si metteranno rapidamente al passo con le lezioni della critica atea alla religione.

La “necessaria modernizzazione” significa che la Chiesa deve rifiutare la rivelazione storica di Dio in Gesù Cristo? La Chiesa può essere fedele alle sue fondamenta e al suo fondatore se muta in una religione dell’umanità? I presunti agnostici pacifici di oggi permettono generosamente alla gente semplice di mantenere la propria religione, ma sono desiderosi di usare il potenziale di significato che la Chiesa possiede per i propri scopi: Non ritengono vera la fede rivelata, ma vorrebbero usarla come materiale da costruzione per la nuova religione dell’unità mondiale. Per essere ammessa in questa meta-religione internazionale, l’unico prezzo che la Chiesa dovrebbe pagare è la rinuncia alla sua pretesa di verità. Niente di grave, a quanto pare, visto che il relativismo dominante nel nostro mondo rifiuta comunque l’idea di poter conoscere la verità e si presenta come garante della pace tra tutte le religioni e le visioni del mondo. E infatti: un cattolicesimo senza dogmi, senza sacramenti e senza magistero infallibile è la Fata Morgana a cui aspirano anche alcuni leader della Chiesa.

Ma poiché nella “pienezza del tempo Dio mandò il suo Figlio, nato da donna” (Gal 4,4), che i pastori di Betlemme trovarono come “il bambino adagiato nella mangiatoia” (Lc 2,16), ogni tempo è immediato per Dio.

Gesù non può essere superato dal mutare dei tempi, perché l’eternità di Dio comprende tutte le epoche della storia e la biografia di ogni persona. Nell’essere umano concreto Gesù di Nazareth, la verità universale di Dio è concretamente presente qui e ora – nel tempo e nello spazio storico. Gesù Cristo non è la rappresentazione di una verità sovratemporale: è “la via, la verità e la vita” in persona (Gv 14,56). Dio “vuole che tutti siano salvati e giungano alla conoscenza della verità. Perché c’è un solo Dio. C’è anche un solo mediatore tra Dio e il genere umano, Cristo Gesù, egli stesso uomo” (1Tim 2,4s).

La Chiesa cammina con i tempi nei loro cambiamenti sociali. E la teologia, in dialogo con le moderne visioni del mondo scientifico e tecnologico, formula come fede e ragione siano compatibili. La fede è una conoscenza della verità di Dio e una luce che ci permette di comprendere noi stessi e il mondo nella sua origine e finalità più profonda. Questa conoscenza, tuttavia, la dobbiamo al Verbo di Dio che “si fece carne e venne ad abitare in mezzo a noi” (Giovanni 1,14).

Con il ragionamento interiore, la verità della fede rivelata non può essere né provata né smentita. La Chiesa sa che siamo perduti senza il Vangelo di Cristo. Nel suo grembo Maria ha concepito Dio stesso, che è nato da lei: Gesù Cristo, l’unico Salvatore del mondo intero. Solo lui può salvare il mondo e, francamente, anch’io non vorrei essere salvato da nessun altro se non da lui, vero Dio e vero uomo. Signore misericordioso, la Madre delle Misericordie interceda in ogni momento della nostra vita terrena, perché attraverso di lei “siamo stati trovati degni di ricevere l’autore della vita, il Signore nostro Gesù Cristo, tuo Figlio, che vive e regna con te nell’unità dello Spirito Santo, un solo Dio, per tutti i secoli dei secoli”. Amen.