Post in evidenza

MiL ha bisogno di voi lettori: DONAZIONI

A sx (nella versione per pc) e su palmare (voce " Donazione ") troverete la possibiltà di donare. Vi speghiamo il perchè.  Potrete...

domenica 12 giugno 2022

Gruppo "cattolico" omosessualista elogia Papa Francesco per la nomina a cardinale di Robert W. McElroy

Chi si somiglia, salva reverentia, si piglia.
QUI e QUI Tosatti, QUI la Bussola sulla nomina del futuro cardinale pro sodomiti.
Luigi

Di Sabino Paciolla, Giugno 3 2022

Il leader di un gruppo cattolico dissidente di difesa delle persone LGBT ha elogiato la scelta di Papa Francesco di nominare cardinale il vescovo di San Diego Robert W. McElroy, definendolo “il tipo di prelato di cui la nostra Chiesa ha bisogno”. Mons. McElroy è già noto su questo blog.

Da un articolo pubblicato su Breitbart che vi propongo nella mia traduzione.

Francis DeBernardo, direttore esecutivo di New Ways Ministry, ha dichiarato in un comunicato lunedì che la nomina di McElroy a cardinale “contribuirà a rimodellare l’episcopato della Chiesa cattolica negli Stati Uniti, che è stato in modo schiacciante e veemente anti-LGBTQ”.
Il New Ways Ministry “accoglie con favore la nomina a cardinale del vescovo di San Diego Robert McElroy”, ha detto DeBernardo, in quanto “tenderà una mano, non un pugno, alla comunità LGBTQ”.

Con questa nomina, “Papa Francesco si sta assicurando che il suo impegno nei confronti delle persone LGBTQ continui anche dopo la fine del suo pontificato”, si legge nella dichiarazione. “Come elettore dei futuri papi, McElroy può avere un ruolo nel garantire che il prossimo papato continui nello spirito accogliente di Papa Francesco”.

DeBernardo ha poi elencato i molti modi in cui il vescovo McElroy si è dimostrato un fedele alleato della comunità LGBTQ.

McElroy “è stato il primo vescovo (e uno dei pochi) a porgere le condoglianze alla comunità LGBTQ dopo il massacro del Pulse nightclub di Orlando nel 2016”, ha osservato DeBernardo, secondo cui la tragedia è stata “una chiamata per noi cattolici a combattere sempre più vigorosamente il pregiudizio anti-gay che esiste nella nostra comunità cattolica e nel nostro Paese”.

Quando il vescovo di San Diego ha tenuto un sinodo diocesano sulla vita familiare nel 2016, “le questioni LGBTQ sono state ampiamente discusse e sono state proposte misure pro-LGBTQ”, ha aggiunto la dichiarazione.

McElroy ha chiesto “una maggiore affermazione e accoglienza per la comunità LGBTQ”, ha detto DeBernardo, e ha sostenuto Papa Francesco nel chiedere scusa a gay, lesbiche, bisessuali e transgender.

Il vescovo McElroy è stato uno strenuo difensore del gesuita padre James Martin e, quando il sacerdote è stato criticato nel 2017, McElroy “non solo lo ha difeso, ma ha anche criticato con forza il movimento cattolico di destra che abitualmente denigra le persone in modo crudele”, ha detto DeBernardo.

L’attacco a padre Martin “deve essere un campanello d’allarme per la comunità cattolica, che deve guardarsi dentro e ripulirsi dal bigottismo contro la comunità L.G.B.T.”, ha detto McElroy all’epoca. “Se non lo facciamo, creeremo un abisso tra la Chiesa e gli uomini e le donne LGBT e le loro famiglie”.

McElroy è stato anche “uno dei primi vescovi a firmare la dichiarazione di incoraggiamento ai giovani LGBTQ della Fondazione Tyler Clementi, che dichiarava “Dio è dalla vostra parte””, ha osservato DeBernardo.

Senza esagerare, il New Ways Ministry ha una storia “conflittuale” con i vescovi degli Stati Uniti.

Nel 2010, il cardinale Francis George, allora presidente della Conferenza episcopale degli Stati Uniti (USCCB), rilasciò una dichiarazione in cui osservava che “fin dalla fondazione dell’organizzazione, nel 1977, sono stati sollevati seri dubbi sull’adesione del gruppo all’insegnamento della Chiesa sull’omosessualità”.

Inoltre, nel 1984 la Congregazione vaticana per la dottrina della fede (CDF) ha vietato permanentemente ai due cofondatori di New Ways Ministry, suor Jeannine Gramick, SS. Jeannine Gramick, SSND, e p. Robert Nugent da qualsiasi lavoro pastorale che coinvolgesse persone omosessuali a causa di errori e ambiguità nel loro approccio pastorale, ha osservato il cardinale George.

“Nessuno dovrebbe essere fuorviato dall’affermazione che New Ways Ministry fornisce un’interpretazione autentica dell’insegnamento cattolico e un’autentica pratica pastorale cattolica”, ha scritto il cardinale George. “La loro pretesa di essere cattolici non fa altro che confondere i fedeli riguardo all’autentico insegnamento e al ministero della Chiesa nei confronti delle persone con un’inclinazione omosessuale”.

Come altri gruppi che affermano di essere cattolici ma negano aspetti centrali dell’insegnamento della Chiesa, “New Ways Ministry non ha alcuna approvazione o riconoscimento da parte della Chiesa cattolica e non può parlare a nome dei fedeli cattolici negli Stati Uniti”, ha dichiarato il cardinale.