Post in evidenza

MiL ha bisogno di voi lettori: DONAZIONI

A sx (nella versione per pc) e su palmare (voce " Donazione ") troverete la possibiltà di donare. Vi speghiamo il perchè.  Potrete...

martedì 28 giugno 2022

Difesa della Messa tradizionale: 46ª manifestazione davanti alla Nunziatura Apostolica sabato 25 giugno a Parigi #traditioniscustodes

Riceviamo e pubblichiamo.
Luigi

DIFESA DELLA MESSA TRADIZIONALE
46° MANIFESTAZIONE DAVANTI ALLA NUNZIATURA
QUESTO SABATO 25 GIUGNO A PARIGI

Sempre determinati, sabato 25 giugno eravamo di nuovo davanti alla Nunziatura Apostolica, avenue du President-Wilson, da mezzogiorno alle 12:45.
Le notizie che ci arrivano dalle diocesi di Francia non sono buone: un vescovo vieta ai suoi sacerdoti diocesani di celebrare secondo il rito tridentino; un altro rifiuta la celebrazione dei matrimoni secondo la forma tradizionale; molti hanno deciso di non conferire più le cresime secondo l'usus antiquior.

Ma la protesta dei fedeli non si affievolisce. A Lione, i vescovi di Francia si sono riuniti sulla collina di Fourvière per votare i testi conclusivi del "Sinodo sulla sinodalità", e hanno visto la loro sala conferenze invasa da laici di Grenoble, venuti a esprimere il loro scontento per la destituzione da parte della diocesi dei due sacerdoti della FSSP che assicuravano le messe, i sacramenti, il catechismo e una cura pastorale completa, e che sono stati sostituiti da un unico sacerdote diocesano a tempo parziale (avevano già effettuato un'occupazione di protesta del campanile della loro chiesa di Sant'Andrea e un'occupazione della cattedrale). Alcune voci parlano addirittura di uno sciopero della fame che sarebbe organizzato nel cuore della capitale dei Galli da rappresentanti, provenienti da tutta la Francia, delle vittime delle persecuzioni episcopali. Si preannuncia dunque una rentrée davvero calda e mediatica ritorno!

Alcuni dei vescovi presenti si sono indignati per questo intervento dei laici. Eppure hanno inoltrato a Roma un "sommario nazionale", che sintetizza i contributi elaborati sin dall'autunno scorso da tutte le loro diocesi, senza sembrare minimamente offesi da richieste come questa: "Le persone consultate vogliono anche più spazio per le donne; è stata avanzata la proposta che queste ultime, ad esempio, "potrebbero essere ordinate sacerdoti", o diaconi. »

Continuano dunque i Rosari e le proteste:

- La nostra, ogni sabato, a mezzogiorno, davanti alla Nunziatura,

- A Notre-Dame du Travail, ogni domenica alle 18,

- A Saint Georges de La Villette, ogni mercoledì alle 17,

- A Saint François Xavier/ N.D. du Lys, ogni mercoledì sera,

- I lunedì, martedì e giovedì, dalle 13:00 alle 14:00, davanti agli uffici dell'arcidiocesi, rue du Cloître-Notre-Dame