Post in evidenza

MiL ha bisogno di voi lettori: DONAZIONI

A sx (nella versione per pc) e su palmare (voce " Donazione ") troverete la possibiltà di donare. Vi speghiamo il perchè.  Potrete...

domenica 29 maggio 2022

Modena. Don Luigi Lenzini beato, martire dell'odio politico comunista

Ieri è stato beatificato a Modena don Luigi Lenzini, ennesimo martire dell'odio comunista.
Ricondiamolo con il seminarista martire Rolando Rivi (QUI i molti post di MiL), di cui ricorre la memoria e la festa.
In fondo al post alcune foto della beatificazione di ieri.
Luigi

Avvenire, Marco Costanzini, Modena 28 maggio 2022
Viene proclamato beato il sacerdote ucciso dai comunisti sull'Appennino emiliano nel 1945. Il rito presieduto da Semeraro. [...]
Sacerdote e martire, della fede e della verità. Don Luigi Lenzini, ucciso in odium fidei il 21 luglio 1945 a Crocette di Pavullo, sull’Appennino modenese, oggi sarà proclamato beato nella Messa presieduta alle 16 dal cardinale Marcello Semeraro, prefetto della Congregazione delle cause dei santi e delegato pontificio, in piazza Grande a Modena.
In un giorno e in un luogo significativi: il 141° anniversario della nascita del beato – era venuto alla luce il 28 maggio 1881 a Fiumalbo – e la piazza accanto al Duomo dove don Lenzini fu ordinato sacerdote il 19 marzo 1904. E a 77 anni di distanza dal martirio, riconosciuto da papa Francesco il 27 ottobre 2020, dopo un lungo iter influenzato per molti anni «dall’orientamento politico dominante nella zona, coincidente con quello dei presunti colpevoli, che non facilitava una valutazione obiettiva e serena dei fatti», come spiegano la postulatrice Francesca Consolini e il marito Fausto Ruggeri, suo collaboratore.

Don Lenzini fu vittima del clima che si respirava al termine della seconda guerra mondiale, ucciso con la “colpa” di additare il Vangelo come unica regola di vita e per il suo ascendente sulla popolazione, in montagna più vicina alla Chiesa e dunque in contrasto con il progetto anticlericale e antireligioso perseguito dai comunisti.

[...]
A dare impulso alla costituzione del Comitato per la beatificazione, nel gennaio 2008, fu il riconoscimento del martirio del seminarista Rolando Rivi, ucciso da partigiani comunisti alle Piane di Monchio il 13 aprile 1945 e beatificato nel 2013.

L’inchiesta diocesana sul don Lenzini si è svolta a Modena dal 18 giugno 2011 al 24 novembre 2012: nel corso di 45 sessioni sono stati sentiti 42 testimoni. La Positio, di oltre 500 pagine, è stata sottoposta al giudizio di nove teologi che, il 27 febbraio 2020, hanno espresso unanime parere favorevole al riconoscimento del martirio. I cardinali e vescovi membri della Congregazione, il 20 ottobre 2020, hanno riconosciuto che il servo di Dio fu ucciso per la sua fedeltà a Cristo e alla Chiesa.

Parere confermato il 27 ottobre 2020 dal Papa con l’autorizzazione a pubblicare il decreto sul martirio di don Lenzini, descritto da Francesco come «presbitero diocesano, pastore secondo il cuore di Cristo, testimone della verità e della giustizia evangelica fino all’effusione del sangue» nella Lettera apostolica firmata lo scorso 27 aprile 2022 che verrà letta oggi durante il rito. La memoria liturgica sarà celebrata il 21 luglio, giorno della sua morte.

[...]
A Crocette, in questo ambiente acceso, don Lenzini viveva il suo ministero. «Sempre in mezzo al popolo – dice Verucchi –, tra parrocchia, case, visite agli ammalati, attenzione alla vita delle persone, osteria, partite a carte, un bicchiere di vino in compagnia. Sentiva profondamente le difficoltà del momento ed era preoccupato per le scelte dei suoi parrocchiani. Temeva le conseguenze della guerra, respirava gli odi; voleva aiutare i suoi fedeli a restare saldi nella fede, a non cedere a ideologie atee, materialiste, totalitarie, ed essere gelosi della libertà. Parlava chiaro e forte. A Messa diceva: “Mi hanno imposto di tacere, mi vogliono uccidere, ma il mio dovere lo debbo fare anche a costo della vita!”. Fu prete fino in fondo, testimone e martire. Esempio e dono per tutti».