Post in evidenza

MiL ha bisogno di voi lettori: DONAZIONI

A sx (nella versione per pc) e su palmare (voce " Donazione ") troverete la possibiltà di donare. Vi speghiamo il perchè.  Potrete...

lunedì 2 maggio 2022

Le madri dei sacerdoti “tradì” sono arrivate a Roma e incontreranno il Papa! #traditioniscustodes

Tra le risposte del popolo fedele allo “choc” di Traditionis Custodes, ce n’è una che esprime al meglio la fede viva di quanti trovano nella liturgia tradizionale l’alimento perfetto della loro vita spirituale. Ci riferiamo al pellegrinaggio promosso, sotto il nome de La voie romaine, da un indomito gruppo di madri di sacerdoti ordinati per il rito tridentino, di cui vi abbiamo dato notizia qui, e che, come leggiamo sul sito ufficiale dell’iniziativa, hanno deciso «di marciare da Parigi a Roma per deporre ai piedi del Santo Padre la supplica di tutti i fedeli che vivono la fede attraverso il rito tridentino e nella piena comunione della Chiesa. Forti di questo nostro amore per questa liturgia che ancora oggi porta tante anime a rivolgersi verso il Signore».

Il 30 aprile le coraggiose madri dei nostri sacerdoti sono giunte a Roma, ed hanno pubblicato sulla pagina facebook de La voie romaine alcune significative immagini del loro arrivo (ne proponiamo qui di seguito un paio).



Ma la notizia più importante era uscita una decina di giorni prima: mercoledì 4 maggio le Pellegrine saranno ammesse al baciamano papale al termine dell’udienza generale, e sperano, così, di poter consegnare direttamente proprio al Sommo Pontefice le suppliche stese dai fedeli in difesa della Messa tradizionale; suppliche che le Signore hanno portato con se lungo tutto il cammino.

Come ben si vede dalla mappa che pubblichiamo qui di seguito, questo cammino, nelle sue ultime fasi, ha attraversato il nostro paese per un lungo tratto.


Sono rare, purtroppo, le testimonianze fotografiche di questo attraversamento. Possiamo qui proporvene una proveniente da Piacenza, dove le Pellegrine sono passate il 20 aprile scorso.


Attendiamo ora in fervida preghiera l’importante appuntamento del prossimo 4 maggio.

ER