Post in evidenza

MiL ha bisogno di voi lettori: DONAZIONI

A sx (nella versione per pc) e su palmare (voce " Donazione ") troverete la possibiltà di donare. Vi speghiamo il perchè.  Potrete...

sabato 7 maggio 2022

Il Sinodo sulla sinodalità rischia di diventare un progetto di un infruttuoso guardarsi fissamente l’ombelico

Un utile riflessione di un sacerdote americano.
Con un'interessante glossa in tema liturgico.
Luigi

Blog di Sabino Paciolla, Aprile 27 2022

Sul Sinodo sulla sinodalità, attualmente in corso, riporto una riflessione di Mons. Hans Feichtinger, pubblicata su The First Thing. Eccola nella mia traduzione.

Sempre più lentamente, il “Sinodo sulla sinodalità” sta iniziando. Un processo preparatorio di “ascolto e dialogo” nelle parrocchie e nelle diocesi di tutto il mondo cattolico è in corso dall’ottobre 2021; nella prossima tappa del sinodo, le relazioni di questo processo preparatorio saranno sintetizzate in incontri nazionali. Questi saranno seguiti da incontri sinodali continentali. Il sinodo culminerà in un’assemblea internazionale dei vescovi delegati nell’ottobre 2023. Questo progetto romano è certamente più promettente della “via sinodale” tedesca. Eppure anche i cardinali e altri vicini al papa stanno cominciando a rendersi conto che molti nella Chiesa, sia laici che clero, mancano di vero entusiasmo sinodale.
Il Sinodo sulla sinodalità vuole essere un esercizio globale di “ascolto” e di “camminare insieme”. Ma alcuni sembrano aspettarsi da questo sinodo più di quanto esso possa ragionevolmente offrire. Teologi seri hanno fatto notare fin dal Concilio Vaticano II che una Chiesa costantemente concentrata su se stessa non può pretendere di seguire la missione del suo fondatore. Purtroppo, il Sinodo sulla sinodalità rischia di diventare un progetto di un infruttuoso guardarsi fissamente l’ombelico. La riforma avverrà solo se la Chiesa ricorderà che esiste a causa di Cristo e “per evangelizzare”, come disse Paolo VI.

Affinché questo sinodo funzioni e porti frutto, i vescovi e i sacerdoti devono prima impegnarsi. A questo punto, vedo poco entusiasmo, nonostante la massiccia pubblicità del Vaticano. I vescovi, i sacerdoti e i cattolici in generale vogliono “camminare con” il papa e tra di loro, ma questo sinodo non ha acceso molti cuori o menti. Ciò è dovuto a diversi fattori.

In primo luogo, l’entusiasmo per il sinodo è ostacolato dalla comunicazione del Vaticano. Un fattore nella mancanza di impegno sinodale da parte del clero è il frequente castigo del Vaticano sul “clericalismo”. Questo clericalismo potrebbe anche non esistere; non sono convinto che il più grande problema della Chiesa oggi sia il spesso dichiarato antagonismo tra laici e clero. Piuttosto, sia per il clero che per i laici, l’incapacità di prestare attenzione alla Parola di Dio è il problema maggiore. Considerate come la Santa Sede spesso non sia chiara su cosa significhi effettivamente la parola “evangelizzazione”. Alcuni recenti documenti vaticani sono dottrinalmente opachi e teologicamente deboli, compresi i testi pubblicati dal Sinodo dei Vescovi. I vaghi riferimenti al Vaticano II abbondano e possono essere abbastanza fuorvianti.

In secondo luogo, la fiducia nel Sinodo sulla sinodalità è stata danneggiata dalle recenti dichiarazioni del cardinale Jean-Claude Hollerich, S.J., arcivescovo di Lussemburgo, che sarà il relatore generale del sinodo. Commentando il cammino sinodale in Germania, ha chiesto una “revisione fondamentale” dell’insegnamento della Chiesa sugli atti omosessuali. Quando qualcuno in una posizione chiave del sinodo fa tali commenti, scredita l’attuale processo di ascolto. Il commento dell’arcivescovo mostra come il processo tedesco stia già compromettendo il progetto romano.

Infine, qualsiasi discorso sulla sinodalità, il decentramento e l’unità rimane poco convincente quando il Vaticano continua ad esercitare un potere centralizzato dall’alto verso il basso – per esempio, quando si tratta di regolare il Rito Tridentino. I recenti documenti vaticani che frenano la Messa tradizionale in latino non sono scritti in uno spirito di sinodalità. Come questione pratica, questo problema non è urgente in un mondo in cui molti cattolici vanno avanti e indietro tra la forma ordinaria e quella straordinaria, o tra il rito romano e quello orientale. I documenti offrono una non-soluzione a un non-problema. A livello teologico, è preoccupante per molteplici ragioni quando la Santa Sede dichiara che la liturgia post-Vaticano II è “l’espressione unica della lex orandi del rito romano”, come fa nella Traditionis Custodes. In primo luogo, i testi e i riti liturgici, in quanto espressioni della sacra tradizione, devono essere trattati con grande rispetto, anche se ora sono raramente utilizzati. Secondo, la riforma dei riti e dei testi liturgici negli anni ’60 è stato un intervento massiccio, guidato dai teologi e promulgato dalla massima autorità della Chiesa. Ma questo intervento non significa che le forme precedenti della liturgia romana non abbiano rilevanza teologica o dottrinale. Come ha scritto Benedetto XVI, “Ciò che le generazioni precedenti ritenevano sacro, rimane sacro e grande anche per noi, e non può essere improvvisamente del tutto proibito o addirittura considerato dannoso”.

Inoltre, la dichiarazione di Papa Francesco che lo stato attuale della liturgia è “irreversibile” mette in discussione la stessa riforma liturgica post-Vaticano II. Perché se questo è il caso, come è stato mai legittimo il lavoro di riforma liturgica? Le riforme post-Vaticano II hanno comportato una critica storica e teologica dei riti più antichi – di conseguenza, la liturgia riformata non può essere dichiarata esente da un esame simile e rimane soggetta a sviluppi in direzioni che ci sono sconosciute in questo momento. Nessuno dovrebbe presumere di possedere la prescienza di dove Dio vuole che la sua Chiesa vada in futuro.

A questo punto, non ho perso la speranza che il Sinodo sulla sinodalità possa fare del bene. Ma a meno che non sia veramente aperto alla Parola di Dio, o imploderà, proprio come sta implodendo il cammino sinodale in Germania, o finirà con un lamento. Sì, il sinodo deve essere aperto ai “segni dei tempi”, ma più aperto alla “luce del Vangelo”. Senza questa luce, non possiamo distinguere i segni dei tempi né sapere cosa fare con essi. Dovremo essere aperti ad ascoltare messaggi difficili, alcuni dei quali abbiamo ignorato per decenni. E non dobbiamo più riporre aspettative irragionevoli sul magistero: I concili e il papato non sono progettati (cioè istituiti da Cristo) per organizzare cambiamenti di paradigma. Piuttosto, sono stati progettati per essere i primi “uditori” e “facitori della Parola”, perché tutto il resto è inganno (Giacomo 1,22). Solo un approccio umile, che lascia molto spazio allo Spirito Santo per lavorare, porterà un autentico rinnovamento e una riforma. Come scrisse Sant’Agostino: “Dove c’è carità, c’è pace, e dove c’è umiltà c’è carità”.

(Mons. Hans Feichtinger è il parroco della parrocchia di San Giorgio e della parrocchia di Sant’Alberto a Ottawa)

Nella foto il Cardinale Jean Claude Hollerich