Pagine

martedì 24 maggio 2022

Grenoble soffre del pesante fardello del vescovo Guy André Marie de Kérimel. I fedeli della Chiesa collegiata Saint-André di Grenoble si mobilitano per non perdere i loro sacerdoti

Vi proponiamo – in nostra traduzione – la lettera numero 863 pubblicata da Paix Liturgique il 17 maggio 2022.
Dal 10 giugno 2006 mons. Guy André Marie de Kérimel, Comm. l’Emm., è stato Vescovo di Grenoble-Vienne, fino al 9 dicembre 2021, quando è stato nominato Arcivescovo metropolita di Tolosa.
Durante il suo mandato, la Chiesa collegiata di Sant’Andrea a Grenoble – insieme alla Cappella di Notre-Dame de l’Isle a Vienne – fu destinata alla celebrazione della Santa Messa nella forma straordinaria ed affidata nel 2008 all’Istituto di Cristo Re Sommo Sacerdote e poi nel 2017 alla Fraternità sacerdotale San Pietro, giungendo ad attrarre cinquecento fedeli (soprattutto giovani) e facendola diventare un importante punto di riferimento per la Messa tradizionale con circa sessanta Messe celebrate da due sacerdoti ogni mese.
Ora, in attesa della nomina del nuovo Vescovo, l’amministratore apostolico padre Loïc Lagadec – apparentemente incurante di (o forse stizzito da) questa fioritura spirituale in «una diocesi umiliata da un enorme scandalo [sessuale], finanziariamente disperata, colpita, come tante altre, da un’emorragia di fedeli e dalla scomparsa del numero dei suoi sacerdoti» – ha esortato gli attuali due sacerdoti della FSSP a lasciare la Diocesi entro il mese di agosto e ha disposto di affidare la «cura» delle anime dei suoi fedeli ad un unico «sacerdote diocesano part-time», il quale potrà celebrare un’unica Messa tradizionale alla settimana e solo a Grenoble.
A questa notizia, i giovani fedeli hanno iniziato una grande mobilitazione che sta avendo eco sui mass-media francesi ed il sostegno di fedeli anche esterni al coetus tradizionale.
Di seguito il racconto di ciò che sta avvenendo, con l’invito a sostenere con la preghiera la buona battaglia del coetus fidelium di Grenoble-Vienne.

L.V.


Maltrattati e perseguitati dal loro ex vescovo, mons. Guy André Marie de Kerimel, partito per Tolosa, ma anche, contro ogni aspettativa, dall’amministratore apostolico, padre Loïc Lagadec, i fedeli di Saint-André di Grenoble (FSSP) si stanno mobilitando per mantenere i loro sacerdoti, che padre Lagadec esorta a lasciare la diocesi il prossimo 1º settembre. Ha annunciato che nominerà un sacerdote diocesano part-time per celebrare un’unica Messa tridentina la domenica a Grenoble, dove i due sacerdoti della FSSP ne celebrano 60 al mese a Grenoble e a Notre-Dame de l’Isle a Vienne. Quasi 500 fedeli sono interessati. In una parola, vogliono far scomparire questo spazio di vita cristiana.

E ora, tra la domenica di Pasqua e il martedì mattina, sei giovani fedeli di Saint-André di Grenoble hanno occupato il campanile della loro chiesa, nel cuore della città, di fronte al palazzo del Parlamento del Delfinato, per quaranta ore – si noti il simbolismo – facendo conoscere la loro azione con fumogeni e megafoni. L’evento è stato coperto dalla stampa locale, in particolare dal Dauphiné Libéré, che ha dedicato loro due articoli, sul web e sulla stampa, e da France Bleu.



Nel comunicato stampa dell’AFSAN, l’Associazione dei fedeli di Saint-André a Grenoble e Notre-Dame de l’Isle a Vienne, questi fedeli spiegano: «Vogliono togliere due sacerdoti, sostituirli con uno e sempre a tempo parziale. Non permetteremo che questo accada. È ingiusto e totalmente privo di buon senso. Stiamo assistendo a una vera e propria persecuzione […] Stiamo seguendo il messaggio del Papa ai giovani: “fate casino […] un casino che ci dia un cuore libero, un casino che ci dia solidarietà, un casino che ci dia speranza. […] Vogliamo giovani con speranza e forza”».

In un ampio comunicato stampa che ripercorre la cronologia degli eventi, l’AFSAN precisa il contesto e le richieste dei fedeli:

«L’amministratore diocesano, padre Loïc Lagadec, ha avuto il coraggio di venire in collegiata il 2 aprile, cosa che mons. de Kerimel non aveva fatto. Purtroppo il messaggio è sempre lo stesso: applicherò questo decreto, obbedite. Ciò ha creato un enorme malcontento tra i fedeli di Saint-André e Notre-Dame de l’Isle a Vienne, rendendo questa situazione un casus belli. La tensione è molto forte e i fedeli sono pronti a resistere per molti anni, se necessario. Tuttavia, padre Lagadec, contrariamente a quanto afferma, ha il potere di stabilire una moratoria e di creare uno status quo.

Non abbiamo nulla contro di lui, ma gli chiediamo di avere il coraggio di uscire da questa impasse e da questo conflitto che non ha causato lui. Ci è sembrato che volesse trovare soluzioni diverse e quindi ci aspettiamo una risposta commisurata alla situazione esplosiva e basata su ciò che abbiamo proposto. Gli chiediamo quindi, con grande determinazione

Che si prende cura dei nostri bisogni lasciando le cose come stanno;

Che trovi una soluzione, qualunque essa sia, e mostri inventiva e audacia per mantenere la presenza di due sacerdoti al servizio delle due comunità e della diocesi;

Che non privi ulteriormente una diocesi il cui numero di sacerdoti diminuisce ogni anno;

Che applichi il Vaticano II che dà ai laici “la facoltà e talvolta anche il dovere di esprimere i loro sentimenti riguardo al bene della Chiesa” (LG 37)».


Abbiamo intervistato diversi fedeli che hanno occupato il campanile – o si sono uniti a loro. «L’atteggiamento dell’amministratore diocesano non è comprensibile così com’è», ha confidato un fedele. «Vogliamo che sia un pastore per noi, non uno spauracchio. Abbiamo una parrocchia che funziona bene, due sacerdoti che fanno un apostolato molto produttivo, messe ogni giorno, chiediamo di mantenere ciò che funziona. Ha proposto un sacerdote part-time, per altro sovraccarico di lavoro, solo la domenica, con l’obiettivo di costringerci gradualmente ad avere la messa solo in francese [Novus Ordo] Non siamo d’accordo e lo abbiamo fatto presente, l’atteggiamento di Mons. Kerimel e di Padre Lagadec nei nostri confronti non è cristiano. Ci perseguitano per la nostra Messa».

Un altro fedele è d’accordo: «Lotteremo per la nostra messa e per i nostri sacerdoti. È fuori discussione cancellare 500 fedeli e due chiese. D’altronde, la prassi della diocesi di Grenoble è crollata negli ultimi decenni, ed è difficile capire come intendano riprendersi se la diocesi si comporta come un persecutore nei confronti degli ultimi importanti gruppi di fedeli? È un atteggiamento che i francesi che non praticano più – più del 95% della popolazione dell’Isère – ma che non hanno perso il buon senso, non capiscono».

Il movimento dei fedeli di Saint-André è sostenuto da altri abitanti di Grenoble, che non vanno necessariamente alla Messa tradizionale. Marc va a messa vicino alla stazione, nella Basilique du Sacré-Cœur ristrutturata a caro prezzo dalla diocesi sotto l’episcopato di mons. Kerimel e affidata alla comunità dell’Emmanuel da cui proveniva l’ex vescovo, oppure a Saint-Joseph, una parrocchia giovanile il cui apostolato è marchiato Isèreanybody.

«Non vado alla Messa tridentina, ma capisco il loro movimento. Non è assolutamente giusto che il nostro ex vescovo non riesca ad ascoltare un’intera parrocchia, tanto che hanno smesso di dare alla colletta e c’è stato un impasse. Non è nemmeno logico che l’amministratore diocesano, che dovrebbe facilitare la successione, la complichi, con il pretesto della fedeltà alle direttive del precedente vescovo, anche se ciò significa rendere insostenibile la sede di Grenoble per il prossimo vescovo.

Alcuni si chiedono se le rinnovate tensioni con i fedeli di Saint-André non arrivino al momento giusto per fargli dimenticare altre questioni scottanti e le promesse fatte alle vittime dei casi di abuso, che non può mantenere.

Perché non c’è solo la vicenda dei fedeli di Saint-André. La vendita di diverse chiese da parte della diocesi e la mancata ricostruzione di una chiesa distrutta da un incendio doloso rivendicato dall’estrema sinistra stanno causando tensioni a Grenoble, così come la prevista vendita del terreno e la sua urbanizzazione.

E soprattutto la vicenda del «Picasso delle chiese», l’abate Louis Ribes, scoppiata non appena Mons. Kerimel se ne andò. L’Abbé Ribes, che faceva posare i bambini nudi per le sue opere, trascorse gli ultimi 26 anni della sua vita nel seminario di Vienne-Estressin, dove furono identificate diverse vittime, e alla sua morte, nel 1994, i suoi archivi più compromettenti furono distrutti. Il 27 gennaio l’Abbé Lagadec ha condotto un incontro a Vienne per discutere dell’argomento, alla presenza di alcune vittime che hanno formato un collettivo a Forez – il luogo dove sono state identificate le 49 vittime ancora in vita.

«Sono qui questa sera in nome della Chiesa, per ascoltare, per cercare la verità e perché credo nei benefici della parola e della fraternità. Sono il rappresentante della Chiesa, ma non sono venuto a difendere l’istituzione. Mi sono impegnato a fare tutto il possibile nei prossimi giorni per trovare risposte alle loro domande», ha dichiarato Loïc Lagadec dopo l’incontro. Non c’è nulla negli archivi; ma la differenza è che le persone hanno parlato, e qui le vittime hanno dato indizi su (per esempio) chi viveva nel seminario, e quindi questo dà indicazioni su cosa è diventato di queste foto e disegni.

Secondo le vittime, da queste dichiarazioni «padre Lagadec si è finto morto» È completamente perso, sopraffatto, impaurito. Non risponde alle nostre richieste e si nasconde dietro l’istituzione. Ma non ci arrenderemo così, per tutti noi è la lotta della vita. Sono già state contate più di 70 vittime viventi, tra cui una dozzina in Isère.

Ecco quindi una diocesi umiliata da un enorme scandalo, finanziariamente disperata, colpita, come tante altre, da un’emorragia di fedeli e dalla scomparsa del numero dei suoi sacerdoti, che tuttavia fa di tutto per affossare un apostolato molto vivace che coinvolge 500 fedeli e grazie al quale beneficia del contributo di due giovani sacerdoti di una società di vita apostolica. Preferisce morire piuttosto che lasciare il posto al cattolicesimo tradizionale.

2 commenti:

  1. Pian piano anche i più moderati e "normalisti" approdano al porto della soluzione celebrazioni domestiche nel radioso stile vandeiano per arginare le angherie clericali e le persecuzioni assurde e preternaturali contro i fedeli e i chierici che sono spiritualmente legati alle antiche forme della preghiera antica a questo punto merita solo la risposta delle celebrazioni domestiche. Poi Provvederà Iddio Onnipotente. Vergogna ai sacerdoti persecutori francesi!

    RispondiElimina
  2. Protestassero meno e pregassero di più!
    Ma veramente fanno dipendere il loro rapporto con Dio dal rito in cui è offerta la Messa?

    RispondiElimina

L'inserimento senza moderazione dei commenti è limitato ai soli post usciti nella medesima giornata di inserimento e nel giorno precedente. Per i post più vecchi, i commenti saranno sottoposti a moderazione.
Qualora fosse attiva la moderazione, possono passare anche alcuni giorni prima del controllo da parte della Redazione.