Post in evidenza

MiL ha bisogno di voi lettori: DONAZIONI

A sx (nella versione per pc) e su palmare (voce " Donazione ") troverete la possibiltà di donare. Vi speghiamo il perchè.  Potrete...

martedì 12 aprile 2022

In memoriam di padre Reginald De Four: un apostolo della liturgia tradizionale nel nuovo mondo

Vi proponiamo – in nostra traduzione – la lettera numero 856 pubblicata da Paix Liturgique il 5 aprile 2022, con una toccante e profonda intervista rilasciata due anni fa da padre Reginald De Four, religioso della Congregazione dei Padri dello Spirito Santo, recentemente morto (15 novembre 2021 a San Diego).
Padre De Four, originario di Trinidad e Tobago, è meglio conosciuto oltreoceano, dalle comunità che hanno beneficiato del suo zelo apostolico negli Stati Uniti e nelle Indie Occidentali. La sua eccezionale testimonianza è quella di un sacerdote che ha vissuto dall’interno i cambiamenti radicali che la Chiesa cattolica ha subito negli ultimi sessant’anni e la constatazione che lo ha portato a diventare uno zelante missionario della liturgia tradizionale.

L.V.


Paix Liturgique - Padre De Four, lei è nato in una famiglia cristiana a Trinidad.

Padre Reginald De Four - Ho avuto questa grazia…

Paix Liturgique - Lei ha detto alla stampa di Trinidad che sua madre l’ha consacrata alla Vergine quando era bambino.

Padre Reginald De Four - Eravamo una famiglia numerosa con otto figli, il che dava ai miei genitori molte preoccupazioni, soprattutto perché avevamo dovuto affrontare più volte la malattia e persino la morte. Per esempio, il mio fratello maggiore è morto all’età di sei mesi per una grave dissenteria. Bisogna ricordare che a quel tempo non c’erano antibiotici e la mortalità infantile era molto alta. Così, quando avevo diciotto mesi – sono nato a Trinidad il giorno dell’Epifania 1934 – fui afflitto da una malattia simile a un livello molto grave, perché il medico aveva detto a mia madre che se il mio vomito non fosse cessato non sarei riuscito a sfuggire alla morte. Mia madre, che non voleva perdere un altro figlio, si rivolse alla Madonna chiedendo la mia guarigione, impegnandosi che in quel caso mi avrebbe consacrato a Lei.

Paix Liturgique - Ma lo sapevate?

Padre Reginald De Four - A quel tempo ero ancora un bambino e fu solo a quindici anni che mia madre mi rivelò questa «consacrazione» di cui ero stato oggetto.

Paix liturgique - Cosa comportava questa consacrazione?

Padre Reginald De Four - Credo che mia madre, che era molto pia, non mi abbia detto tutto! Ma abbiamo avuto una devozione mariana molto vivace. Così abbiamo recitato il rosario ogni giorno in famiglia e i miei genitori sono stati attenti a mettermi in una scuola cattolica che mi ha permesso di continuare ad approfondire la mia fede.


Paix Liturgique - Perché ha avuto una vocazione religiosa?

Padre Reginald De Four - Quando ero bambino non ci pensavo, ma so che i miei genitori avevano pregato per questa intenzione fin da quando ero bambino e che mia madre l’aveva probabilmente chiesta quando mi consacrò alla Santa Vergine. Ma il mio cammino personale verso il sacerdozio e la vita religiosa è diventato più chiaro dopo diversi anni di discernimento.

Paix Liturgique - Perché ti sei unito ai Padri dello Spirito Santo?

Padre Reginald De Four - Prima di tutto, per una semplice ragione: sono andato a scuola con loro al St Mary’s College a Port of Spain, Trinidad. Così li ho conosciuti e ho ammirato la loro fede e il loro apostolato. Così è stato naturalmente verso di loro che si è diretta la mia vocazione in erba.

Paix liturgique - Così hai fatto il tuo noviziato con i Padri dello Spirito Santo.

Padre Reginald De Four - Assolutamente! In Quebec, in una regione dal nome così «canadese», pensate a «Salmon Lake»! Ma poi ho continuato i miei studi in Canada e in Irlanda e poi, come spiritano, ho esercitato tutti gli apostolati che i miei superiori hanno voluto affidarmi.

Paix liturgique - Erano molto diversi…

Padre Reginald De Four - Infatti, per rispondere ai diversi bisogni. Così ho lavorato a lungo nei nostri collegi con missioni diverse come maestro di giochi o insegnante di matematica o di informatica, ma anche compiti di gestione come prefetto degli studi con altri apostolati come le cappellanie degli ospedali o come segretario della Conferenza Episcopale delle Antille.

Paix liturgique - Ma lei ha avuto anche ruoli più pastorali?

Padre Reginald De Four - Sì, perché ho sempre dedicato la mia vita sacerdotale alla direzione spirituale e alla vita parrocchiale e ho persino finito per diventare l’iniziatore e l’animatore di una cappella «latina» a Trinidad e Tobago.


Paix Liturgique - Come spiritano, conosceva Monsignor Lefebvre che era un membro importante?

Padre Reginald De Four - L’ho conosciuto a distanza perché eravamo in tanti e io ero solo un semplice membro di quella famiglia. Sono stato ordinato sacerdote nel 1964, il giorno di Maria Regina, senza dubbio un occhiolino della Provvidenza alla fede dei miei genitori.

Paix Liturgique - Vi ricordate il capitolo del 1968 che vide la cacciata dell’arcivescovo Lefebvre?

Padre Reginald De Four - Sì, certo… ricordo che l’arcivescovo Lefebvre fu costretto a dimettersi dai padri Lecuyez e Bondallaz. Ma per essere onesto in quel momento lo capii come un movimento naturale di giovani che volevano sostituire i vecchi; perché a quel tempo nessuno nei Padri dello Spirito Santo aveva idea di dove ci avrebbe portato l’aggiornamento della congregazione.

Paix Liturgique - Ma siete rimasti fedeli alla liturgia tradizionale della Chiesa latina?

Padre Reginald De Four - Naturalmente. Questa è stata la liturgia della mia gioventù, della mia ordinazione e dei miei primi anni di sacerdozio. Era fuori questione per me buttarlo via.

Paix liturgique - Perché?

Padre Reginald De Four - C’erano diverse ragioni, che si sono sviluppate più tardi nel corso della mia vita sacerdotale. Ma all’inizio devo dire che mi ha sconvolto il fatto che la messa della Chiesa, celebrata da più di mille anni, sia stata relegata e poi praticamente proibita e infine sostituita da cerimonie spesso scioccanti che non mi hanno mai convinto.

Paix liturgique - Pensavate che fosse un tesoro…

Padre Reginald De Four - Assolutamente, per il silenzio che lo circonda, per le sue cerimonie e rubriche che sottolineano così fortemente la presenza reale di Gesù Cristo sull’altare, lo considero un tesoro spirituale che i fedeli devono assolutamente conoscere, soprattutto i più giovani che non hanno avuto la fortuna di conoscerlo in gioventù.

Paix liturgique - Ma alcune critiche sono state fatte e continuano ad essere fatte alla liturgia tradizionale.

Padre Reginald De Four - Certo, ma queste critiche ci permettono di rispondere e di spiegare perché siamo legati ad esso e perché vogliamo continuare a celebrarlo, soprattutto mezzo secolo dopo il Concilio, di cui ora possiamo misurare i frutti e le mancanze…
Prendiamo l’esempio della lingua latina: ci viene detto che è una lingua morta che nessuno capisce oggi e che quindi deve essere abbandonata. Tuttavia, proprio perché il latino della Chiesa è una lingua morta, il suo uso è essenziale nella liturgia – come nella teologia – per permettere che il significato delle realtà spirituali e teologiche che trasmette si conservi fedelmente nel corso dei secoli, mentre l’uso delle lingue vernacolari «vive» pone grandi problemi proprio per il loro carattere «vivo e mutevole», il cui significato è in continua evoluzione nel tempo e nello spazio. Io, che vengo da Trinidad nelle Indie Occidentali, so che nella nostra isola non si parla lo stesso castigliano che in Spagna o in Cile, e anche che è una lingua diversa da quella che usavano i miei nonni o che trovo in testi non tanto antichi. A questo serve il latino nella liturgia: a trasmettere le verità teologiche e liturgiche di generazione in generazione, di secolo in secolo, ai quattro angoli del mondo senza cambiare il loro significato, perché sono espresse in una lingua che, non cambiando quasi mai, può rimanere molto fedele alla nostra fede. Lo abbiamo sperimentato a lungo nella nostra congregazione missionaria dei Padri dello Spirito Santo, che era presente in tutti i continenti.

Paix Liturgique - Ma questo è anche quello che esiste in altre religioni.

Padre Reginald De Four - Si pensi infatti ai musulmani che pregano nella lingua del Corano, scritta nel VII secolo, che i musulmani di oggi non capiscono più, ma anche agli ebrei che continuano ad usare l’ebraico o l’aramaico antico nelle loro preghiere e liturgie, per non parlare degli indù che continuano ad usare il sanscrito.


Paix Liturgique - Ma rimane la questione della comprensione dei fedeli.

Padre Reginald De Four - Oggi, la maggior parte dei fedeli può seguire e capire grazie all’uso dei libretti. Ma non dimentichiamo che le liturgie fanno parte di un mistero insondabile che va oltre la sola ragione, grazie al silenzio.

Paix Liturgique - C’è anche il rimprovero che il prete volta le spalle ai fedeli!

Padre Reginald De Four - Come se questi fedeli stessero assistendo ad uno spettacolo e non fossero contenti di vedere il conduttore dello spettacolo voltargli le spalle. Ma è soprattutto perché il sacerdote non è un intrattenitore e la Messa non è uno spettacolo che implica che tutti i presenti: sacerdoti, servitori e fedeli, siano rivolti insieme verso il Signore!

Paix Liturgique - Anche voi insistete sul silenzio…

Padre Reginald De Four - Questo è un aspetto essenziale della liturgia e della preghiera. Basta assistere a queste rumorose liturgie di logorrea per convincersi che non siamo più nella vera liturgia orante alla presenza del Signore.

Paix Liturgique - Così siete rimasti fedeli alla liturgia tradizionale?

Padre Reginald De Four - Sì, come le ho detto, alla liturgia della mia ordinazione. Ricordo che è stato molto tempo fa, nel 1964! E ringrazio Mons. Lefebvre per aver resistito alla sua scomparsa: senza di lui questa liturgia sarebbe senza dubbio scomparsa, mentre la continuazione della sua lotta liturgica ha illuminato gli uomini di buona volontà e ha permesso, con la promulgazione del Summorum Pontificum nel 2007, una vera rinascita dell’Usus antiquior [nota di Paix liturgique: questa intervista è avvenuta prima della promulgazione del motu proprio Traditionis custodes].


Paix Liturgique - Qual è la sua esperienza come cappellano di comunità legate alla liturgia tradizionale?

Padre Reginald De Four - Ne ho avuti diversi, ma due sono cari al mio cuore. Il primo è stato a San Diego, California, nella cappella di Sant’Anna degli Oratoriani, un periodo emozionante in cui alcuni mi chiamavano «Rex» perché ero nato il giorno dell’Epifania. La seconda è che dopo sono tornato a Trinidad per offrire quel servizio spirituale che ancora non c’era.

Paix Liturgique - Così hai iniziato il risveglio liturgico a Trinidad?

Padre Reginald De Four - Il mio apostolato a Trinidad e Tobago è stato costruito intorno alla celebrazione della Santa Messa quotidiana sette giorni su sette. Da qui si è formata una comunità che, all’inizio, era composta solo da pochi fedeli. Ma con il passare del tempo, i fedeli avevano bisogno di confessarsi. Poi abbiamo iniziato le ore sante e le visite ai malati e poi i fedeli mi hanno chiesto di benedire le loro case.

Paix Liturgique - I tuoi fedeli erano numerosi?

Reginald De Four - All’inizio erano in pochi, ma gradualmente la comunità è cresciuta con persone di diversa provenienza: famiglie numerose, coppie sposate, single ed espatriati provenienti da tutto il mondo e da parti di Trinidad e Tobago, dagli Stati Uniti, dal Venezuela e dalla Francia, perché la Messa tradizionale risponde a un bisogno universale e transgenerazionale.

Paix Liturgique - Una vera parrocchia.

Padre Reginald De Four - Esattamente! Con una messa bassa celebrata nei giorni feriali, una messa cantata due volte al mese e una messa solenne nei giorni di festa. Senza dimenticare le ore sante, le confessioni ogni venerdì, lo sviluppo della devozione del primo venerdì e del primo sabato del mese, ma anche le visite ai malati e le benedizioni delle case, dei luoghi di lavoro, così come i sacramenti, i battesimi, i ritiri, le direzioni spirituali, i giorni di raccoglimento e i rosari.

Paix Liturgique - Avete notato che i fedeli cattolici hanno bisogno della liturgia tridentina e pensate davvero che questa liturgia abbia un futuro?

Padre Reginald De Four - Sì, ho certamente assistito a questo bisogno crescente nel corso degli anni a Pittsburgh, San Diego e altrove. Soprattutto dai fedeli che hanno scoperto o riscoperto la liturgia tradizionale. Questo è stato il caso di Trinidad e Tobago, dove la gente ha desiderato avere la liturgia tradizionale ogni giorno per molti anni. Un esempio è il gruppo stabile di fedeli che si è formato molto rapidamente nella frequenza delle messe feriali e domenicali dopo il mio ritorno tre anni fa. La liturgia tridentina ha un futuro e deve rimanere. Deve la sua rinascita a coloro la cui vita ha toccato e grazie in gran parte al motu proprio Summorum Pontificum di Papa Emerito Benedetto XVI e a tutti i vescovi, clero, religiosi e laici che hanno seguito il suo esempio in questo senso. Inoltre, questo futuro per la liturgia tradizionale è confermato dai cattolici sui social media, app, blog e siti web che producono un sano contenuto tradizionale che è autentico e cattolico.

Paix Liturgique - Un’ultima domanda: che consiglio darebbe a un giovane che si sente attratto dal sacerdozio o dalla vita religiosa?

Padre Reginald De Four - Gli darei sette consigli:
1) Trovare e scegliere un direttore spirituale.
2) Coltivare una profonda devozione alla Madonna.
3) Trascorrere almeno un’ora ogni giorno davanti al Santissimo Sacramento.
4) Formare una forte e continua vita di preghiera personale e una vita di preghiera liturgica pubblica. Personale: rosario quotidiano, digiuno e astinenza, lettura spirituale, meditazione, altre preghiere private di devozione personale, devozione ai santi e agli angeli e uso dei sacramentali, pratica delle opere di misericordia spirituali e corporali, ecc. Pubblico: partecipazione frequente alla Santa Messa, preghiera del Rosario o dell’Ufficio Divino in comune con gli altri, Ora Santa, confessioni frequenti, Via Crucis, processioni, ritiri ecc.
5) Mantenere uno stile di vita sano mangiando bene e avendo un regime giornaliero di esercizio, faccende e ricreazione. Coltiva anche relazioni sane con amici, conoscenti e familiari.
6) Continuare a studiare, leggere e ascoltare. Imparare e reimparare e disimparare se necessario.
7) Avere un programma, una routine giornaliera, settimanale e mensile che includa quanto sopra.

1 commento:

  1. Una piccola precisazione. Ho servito e/o cantato per P. DeFour per molti anni qui a San Diego. St. Anne non e` mai stata una cappella degli Oratoriani. Noi Oratoriani a San Diego siamo fratelli secolari dell'Oratorio di Londra in attesa che finalmente in buon Dio ci mandi un paio di sacerdoti e seminaristi (ed un vescovo di buona volonta`) che intendano formare un Oratorio. Siamo molto grati e ricordiamo con affetto P. DeFour, che e` stato molto generoso con noi. Riguardo St.Anne, il vescovo Brom la designo` per la celebrazione della Messa antica la cui sede era stata per molti anni la cappella del cimitero Holy Cross, dove P. DeFour udiva le confessioni. P. DeFour celebro` per un paio di mesi a St. Anne fino a quando fu affidata all FSSP, che ancora la mantiene.
    Vecchie immagini (alcuni collegamenti non funzionano piu`) di P. DeFour con noi sono sul nostro blog:

    https://sandiegooratorians.blogspot.com/search?q=defour

    RispondiElimina

L'inserimento senza moderazione dei commenti è limitato ai soli post usciti nella medesima giornata di inserimento e nel giorno precedente. Per i post più vecchi, i commenti saranno sottoposti a moderazione.
Qualora fosse attiva la moderazione, possono passare anche alcuni giorni prima del controllo da parte della Redazione.